Home / ComeDonChisciotte / KHALED SHEIKH MOHAMMED. SMONTATO

KHALED SHEIKH MOHAMMED. SMONTATO

DI KURT NIMMO
Another Day in the Empire

La giornalista di Raw Story Larisa Alexandrovna ha fatto notare un problema piuttosto lampante della “confessione” di KSM : egli afferma di aver preso di mira la Plaza Bank nello stato di Washington –eppure la banca non fu fondata se non molto dopo la presunta cattura di KSM e il suo internamento a Guantanamo. “Penso che possiamo dire in modo abbastanza certo che, o chiunque sia prigioniero col nome di KSM è stato catturato recentemente, oppure che la sua confessione è una intera frode”, conclude la Alexandrovna.

O, più probabilmente, non esiste alcun KSM –certamente non come è stato presentato–così come non esiste più un Osama o un al-Zarqawi, e più probabilmente la storia da superuomo dell’attività terroristica di KSM è di fatto un costrutto senza senso, ed è stata fabbricata solo perché venga consumata dal pubblico. KSM è la versione islamica di Freddy Krueger, il figlio bastardo dell’intelligence del Pentagono, dell’Ufficio per la Propaganda Speciale e gli Incubi Macchiavellici.KSM è semplicemente qualcosa di troppo bello per i neoconservatori islamofobi, e questo è il motivo per cui egli incarna le qualità dei cattivi da cartone animato, rivelando così l’essenziale semplicità della filosofia Straussiana dei neoconservatori [la filosofia di Leo Strauss, pensatore di riferimento per i neocon. Per un riassunto del suo pensiero in relazione ai crimini dei neocon vedere i seguenti articoli pubblicati da Comedonchisciotte: Il Padrino dell’ 11 Settembre, e La Filosofia dell’Inganno. n.d.t. ] con la sua prospettiva manichea del bene contro il male, della luce contro le tenebre, e il suo sfruttamento di un dualismo morale assoluto. Dal momento che gli Straussiani si ritengono, come Platone, alla guida della polis, della cittadinanza che considerano al livello di bambini, è probabilmente un requisito naturale delle favole che imbastiscono, sotto forma di “nobili bugie”, l’essere fondamentalmente puerili e facilmente smontabili. Inoltre, in quanto “re filosofi”, i neoconservatori credono fermamente che il pubblico americano, le ignoranti masse, non necessitino di una maggiore sofisticazione.

Per coloro che non sono disposti a credere così facilmente, sebbene catturati dalla più ampia storia, alla fratelli Grimm, di un Osama e delle sue creature soprannaturali, i media aziendali ci regalano Rosie O’Donnell [famosa conduttrice televisiva n.d.t.]. “Nella puntata di giovedì [di The View], la O’Donnell ha detto che l’unica ragione per cui il terrorista di al Qaeda Khalid Sheikh Mohammed ha confessato ognuna delle sue azioni, è perché egli è prigioniero della CIA a Guantanamo e torturato per quanto è possibile,” scrive Jim Brogan per il Post Chronicle.

In altre parole, per Rosie e l’establishment dell’intrattenimento, la versione peluche del dipartimento aziendale delle notizie fabbricate, l’esistenza di KSM e delle sue fantastiche gesta non sono in dubbio, e la questione qui, per i viscidi e mollicci “liberals”, è piuttosto l’immoralità della tortura. Naturalmente ciò porta lontano ed è un diversivo dalla questione fondamentale: il comportamento stesso di KSM è allucinato e dunque irrazionale, dal momento che ascrive ad un unico uomo un insieme soprannaturale di capacità e di successi.

Ma allora, naturalmente, la maggior parte di noi, condizionati dalla televisione e da Hollywood, sono caduti nella legge fondamentale del regno dell’intrattenimento: coloro che entrano qui devono sospendere la credulità.

Kurt Nimmo
Fonte: http://kurtnimmo.com/
Link: http://kurtnimmo.com/?p=803
16.03.2007

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Vedi anche: SCEICCO KHALID MOHAMMED: L’ULTIMO CAPRO ESPIATORIO “CONFESSA”

IL FORREST GUMP DEL TERRORISMO HA VUOTATO IL SACCO

IL DOGMA DELL’ESISTENZA DI KHALED

Pubblicato da Das schloss