Home / ComeDonChisciotte / IL PRESIDENTE IRANIANO VUOLE CANCELLARE ISRAELE DALLA MAPPA E NEGA L’OLOCAUSTO?

IL PRESIDENTE IRANIANO VUOLE CANCELLARE ISRAELE DALLA MAPPA E NEGA L’OLOCAUSTO?

(PARTE I)

DI ANNELIESE FIKENTSCHER E ANDREAS NEUMANN

Un’ analisi della retorica dei mass-media lungo la loro strada verso la guerra all’ Iran – un commento sulle presunte dichiarazioni del Presidente dell’ Iran Ahmadinejad .

“Kein Krieg!” — — – “Ma ora che sono sull’ Iran, sulla minaccia all’ Iran, certo – (applauso) – la minaccia che viene dall’ Iran è, naturalmente, l’ obiettivo che loro affermano di distruggere il nostro forte alleato Israele. Questa è una minaccia, una seria minaccia. E’ una minaccia alla pace mondiale; è una minaccia, in sostanza, ad una forte alleanza. L’ ho detto chiaramente, lo dirò chiaramente di nuovo, che useremo la nostra potenza militare per proteggere il nostro alleato, Israele, e – (applauso.)” George W. Bush, Presidente USA, 20-03-2006 a Cleveland (Ohio) in un discorso improvvisato (fonte: www.whitehouse.gov ) Ma perché Bush parla dell’ obiettivo dell’ Iran di distruggere Israele?
Il Presidente dell’ Iran vuole che Israele sia cancellato dalle carte geografiche?

Radere al suolo Israele, colpire a ripetizione, distruggere, annientare, liquidare, eliminare Israele, cancellarlo dalla mappa – questo è ciò che il Presidente dell’ Iran ha chiesto – almeno questo è ciò che abbiamo letto o sentito alla fine dell’ Ottobre 2005. Spargere la notizia è stato molto efficace. Hanno detto che quella era una dichiarazione di guerra. Ovviamente i media e il governo erano tutt’uno nella loro indignazione. Che si sparge per il mondo.

Ma diamo un’ occhiata più da vicino a ciò che ha detto il Presidente dell’ Iran Mahmoud Ahmadinejad. E’ un merito del ‘New York Times’ avere messo a nostra disposizione il discorso completo. Questo è un estratto di quanto pubblicato il 30-10-2005:

“Dicono che non è possibile avere un mondo senza gli Stati Uniti e il Sionismo. Ma sapete che questo è un obiettivo e uno slogan possibile. Facciamo un passo indietro. [[[ Avevamo in questo paese un regime ostile che non era democratico, era armato sino ai denti, con il SAVAK, il suo apparato di sicurezza SAVAK [l’ apparato di intelligence del governo dello Shah Iraniano] controllava tutti. C’era un ambiente di terrore. ]]] Quando il nostro amato Imam [l’ Ayatollah Ruhollah Khomeini, padre della rivoluzione Iraniana] disse che il regime andava rimosso, molti di quelli che affermavano di essere politicamente ben informati dicevano che non era possibile.
Tutti i governi corrotti appoggiavano il regime quando l’ Imam Khomeini diede vita al suo movimento. [[[ Tutti i paesi occidentali e orientali appoggiavano il regime pure dopo il massacro del 7 Settembre [1978] ]]] e dicevano che la rimozione del regime non era possibile. Ma la nostra gente ha resistito e ora sono 27 anni che sopravviviamo senza un regime dipendente dagli Stati Uniti.
La tirannia dell’ Est e dell’ Ovest sul mondo sarebbe dovuta finire, ma la gente debole che riesce a vedere solo ciò che ha di fronte non poteva credere ciò. Chi avrebbe creduto che un giorno saremmo potuti essere testimoni del crollo dell’ Impero Orientale? Ma potemmo vedere la sua caduta durante la nostra vita. Ed è crollato in un modo che dobbiamo cercare informazioni nelle biblioteche, perché non è rimasta traccia di esso. L’ Imam [Khomeini] ha detto che Saddam doveva andarsene e disse che sarebbe diventato più debole di quanto chiunque potesse immaginare.
Ora vedete che l’ uomo che dieci anni fa parlava con un’ arroganza tale che si sarebbe pensato fosse immortale, viene processato nel suo stesso paese in manette e catene [[[ da coloro che pensava lo sostenessero e con il cui appoggio commise i suoi crimini]]]. Il nostro amato Imam ha detto che il regime occupante andava cancellato dalla mappa e questa fu un’ affermazione molto saggia.
Non possiamo fare compromessi sulla questione della Palestina. E’ possibile creare un nuovo fronte nel cuore di un vecchio fronte? Questa sarebbe una sconfitta e chiunque accetti la legittimità di questo regime [Israele] ha, di fatto, firmato la sconfitta del mondo Islamico.
Il nostro amato Imam nella sua lotta ha mirato al cuore dell’ oppressore mondiale, cioè al regime occupante. Non ho alcun dubbio che la nuova ondata che è iniziata in Palestina, e di cui abbiamo testimonianza anche nel mondo Islamico, eliminerà questa disgraziata macchia dal mondo Islamico.
(Fonte: www.nytimes.com , basato su una pubblicazione della ‘Iranian Students News Agency’ (ISNA) — note del New York Times in parentesi quadre – i passaggi tra triple parentesi quadre saranno lasciati in bianco nella versione MEMRI stampata sotto )

Sta diventando chiaro. Le affermazioni del Presidente Iraniano sono state riflesse dai media in maniera manipolata. Il Presidente dell’ Iran indica la rimozione dei regimi che sono al potere in Israele e negli USA, come un possibile scopo per il futuro. Questo è corretto.
Ma non chiede mai l’ eliminazione o la distruzione di Israele. Rivela che i cambiamenti sono potenziali. Il Regime dello Shah appoggiato dagli USA nel suo stesso paese è stato sconfitto. A est il governo dell’ Unione Sovietica è crollato. Il dominio di Saddam Hussein è arrivato al termine. Riferendosi a ciò dà voce al desiderio che cambiamenti siano possibili in Israele rispetto alla Palestina. Porta come prova il riferimento dell’ Ayatollah Khomeini al Regime dello Shah che in tale contesto disse che il regime (cioè il Regime dello Shah) doveva essere rimosso.

Certamente, Ahmadinejad traspone questa citazione su un cambio di regime al caso della Palestina occupata. Questo deve essere legittimo. In ogni senso desiderare diverse condizioni politiche in un paese è affare di ogni giorno in tutto il mondo. Ma cambiare la richiesta della rimozione di un ‘regime’ nella richiesta della rimozione di uno stato è un grave inganno e una pericolosa demagogia.

Questo è un capitolo della guerra contro l’ Iran che è già iniziata, nelle parole di Georg Meggle professore di filosofia all’ Università di Leipzig , con la fase cioè probabilmente più importante, la fase della propaganda.

Vogliamo marginalmente citare che è stato l’ex Vice Ministro USA della Difesa e attuale Presidente della Banca Mondiale, Paul D. Wolfowitz, che nel Settembre 2001 parlò in pubblico e senza alcun genere di soggezione di porre fine a stati. Ed è stato il padre di George W. Bush che iniziò la discussione su una guerra nucleare che può essere vinta se solo è assicurata la sopravvivenza di una elite.

Prendiamo un altro esempio: il giornale tedesco on-line tagesschau.de scrive le seguenti cose sul Presidente dell’ Iran il 27-10-2005: “Non c’è dubbio: la nuova ondata di attacchi in Palestina cancellerà la macchia dal volto del mondo Islamico.” Invece di usare la parola originale ‘ondata’ scrivono ‘ondata di attacchi’ . Questa sostituzione del testo originale è ciò che chiamiamo disinformazione. Per esempio sarebbe corretto dire: “Il nuovo movimento in Palestina cancellerà la macchia di disgrazia dal mondo Islamico.” Inoltre questa affermazione si riferisce al regime di occupazione citato nella frase precedente.

Per precauzione esamineremo una differente traduzione del discorso – una versione preparata dal Middle East Media Research Institute (MEMRI), situato a Washington:

“Essi [chiedono]: ‘E’ per noi possibile vedere un mondo senza l’ America e il Sionismo?’ Ma dovete ben sapere che questo slogan e questo obiettivo sono raggiungibili, e certamente possono essere ottenuti. [[[…]]] “ ‘Quando l’ amato Imam [Khomeini] disse che il regime [dello Shah] doveva andarsene, e che chiediamo un mondo senza governi succubi, molta gente che affermava di avere conoscenza della politica o di altro [chiese], ‘E’ possibile [che il regime dello Shah sia rovesciato]?’
Quel giorno, quando l’ Imam [Khomeini] diede inizia al suo movimento, tutti i poteri appoggiavano il regime corrotto [dello Shah] [[[…]]] e dicevano che non era possibile. Però la nostra nazione rimase ferma e ad oggi sono 27 anni che viviamo senza un governo che dipenda dall’ America. L’ Imam [Khomeini] disse: ‘Il governo dell’ Est [U.R.S.S.] e dell’ Ovest [U.S.A.] deve finire.’
Ma la gente debole che vede solo il piccolo mondo attorno a sé non ci credeva. Nessuno credeva che un giorno saremmo stati testimoni del crollo dell’ Imperialismo dell’ Est [cioè dell’ U.R.S.S.], e diceva che era un regime di acciaio. Ma nella nostra breve vita abbiamo visto come questo regime è crollato in un modo tale che lo dobbiamo cercare nelle biblioteche e non troviamo una letteratura su di esso.
L’ Imam [Khomeini] disse che Saddam [Hussein] doveva andarsene, e che sarebbe stato umiliato in un modo mai visto. E cosa vedete oggi? Un uomo che, 10 anni fa, parlava con così tanto orgoglio come se fosse destinato a vivere in eterno e che oggi è incatenato per i piedi e che viene processato nel suo stesso paese [[[…]]] l’ Imam [Khomeini] disse: ‘ Questo regime che sta occupando Qods [Gerusalemme] deve essere eliminato dalle pagine della storia.’ Questa frase è molto saggia.
La questione della Palestina non è una questione su cui possiamo fare compromessi. E’ possibile che un fronte [Islamico] permetta ad un altro fronte [cioè ad un paese] di sorgere nel suo [stesso] cuore? Questo vuol dire sconfitta, e chi accetta l’esistenza di questo regime [cioè di Israele] in effetti firma la sconfitta del mondo Islamico. Nella sua battaglia contro il Mondo dell’ Arroganza, il nostro amato Imam [Khomeini] stabilì il regime che occupa Qods [Gerusalemme] come l’obiettivo della sua battaglia.
Non dubito che la nuova ondata che è iniziata nella nostra cara Palestina e che oggi vediamo anche nel mondo Islamico è un’ ondata di moralità che si è diffusa in tutto il mondo Islamico. Molto presto la macchia della disgrazia [cioè Israele] scomparirà dal centro del mondo Islamico – e ciò è raggiungibile.”
(Fonte: memri.org, basato sulla pubblicazione dell’ ‘Iranian Students News Agency’ (ISNA) – note del MEMRI in parentesi quadre – i passaggi mancanti rispetto al ‘New York Times’ sono in triple parentesi quadre)

Il termine ‘mappa’ a cui lungamente fanno riferimento i media non appare nemmeno. Mentre il ‘New York Times’ ha scritto: “Il nostro amato Imam ha detto che il regime di occupazione andava cancellato dalla mappa” la versione del MEMRI è “L’ Imam [Khomeini] disse: Questo regime che sta occupando Qods [Gerusalemme] deve essere eliminato dalle pagine della storia.”

Il MEMRI ha aggiunto la seguente prefissata formulazione alla sua traduzione come una sorta di titolo: “Molto Presto, Questa Macchia di Disgrazia [cioè Israele] Verrà Cancellata dal Centro del Mondo Islamico – e Ciò è Raggiungibile”.
Pertanto estraggono questo dal contesto e usando la nota ‘cioè Israele’ distorcono allo scopo il significato. L’ accorciamento temporale ‘molto presto’ non appare nemmeno nella traduzione del NY-Times. Inoltre è impressionante che il MEMRI abbia cancellato nella sua traduzione tutti i passaggi che caratterizzano il Regime dello Shah appoggiato dagli USA come un regime di terrore e che allo stesso tempo mostrano il vero carattere della politica USA.

Una traduzione indipendente dell’ originale (come la versione pubblicata dall’ ISNA) mostra come Ahmadinejad non usi il termine ‘mappa’. Egli cita l’ affermazione dell’ Ayatollah Khomeini che il regime di occupazione deve svanire da questo mondo – tradotto letteralmente : dal teatro delle epoche.
Sarebbe a dire: non c’è spazio per un regime di occupazione in questo mondo e, rispettivamente, in questa epoca. La formulazione ‘cancellare dalla mappa’ usata dal ‘New York Times’ è una interpretazione molto libera e aggravante che è equivalente a ‘radere qualcosa al suolo’ o ‘ annientare qualcosa’. Le successive traduzioni, prima in inglese (‘cancellare dalla mappa’), poi dall’ inglese al tedesco – e tutto in maniera letterale (‘von der Landkarte löschen’) – ci allontanano sempre più dall’ originale. La cosa perfida riguardante questa traduzione è che l’espressione ‘mappa’ può essere usata in un solo modo (intenzionale): uno stato può essere rimosso da una mappa ma non un regime, cosa di cui stava realmente parlando Ahmadinejad.

Ancora, seguendo la traduzione indipendente: “Non ho dubbi che il nuovo movimento che ha luogo nella nostra amata Palestina è un movimento spirituale che attraversa l’intero mondo Islamico e che presto rimuoverà dal mondo Islamico questa macchia di disgrazia.”

Bisogna chiedersi come sia possibile che ‘movimento spirituale’, cioè ‘ondata di moralità’ (come tradotto dal MEMRI) e ‘ondata di attacchi’ possano essere equiparati e tradotti (come per esempio in quanto pubblicato dal tagesschau.de

Anneliese Fikentscher e Andreas Neumann
Fonte: http://www.informationclearinghouse.info/
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article12790.htm
19.04.06

Tradotto dal tedesco all’ inglese da Erik Appleby per www.informationclearinghouse.info

Traduzione dall’inglese a cura di ALCENERO (Marcoc) per www.comedonchisciotte.org

VEDI ANCHE: IL PRESIDENTE IRANIANO VUOLE CANCELLARE ISRAELE DALLA MAPPA E NEGA L’OLOCAUSTO ? PARTE SECONDA

Pubblicato da Das schloss

3 Commenti

  1. è un peccato non conoscere le lingue straniere. a scuola ci insegnavano che è meglio tradurre da sè i libri in quanto le traduzioni sono purgate.
    da appassionato di fantascienza ricordo le orribili traduzioni dei racconti e romanzi che urania proponeva. a cominciare dai titoli .
    tornando all’articolo è impressionante,anche se già si sapeva, come vengono distorte le informazioni e le notizie. se non fosse una cosa seria ci sarebbe da ridere.

  2. Proviamo ad inviare copie di questo articolo ai giornalisti che si nutrono solo delle informazioni delle agenzie e e del MEMRI…qualcuno, anche se a fatica usera’ il proprio cervello, qualcun altro che gia’ sa ma mente capira’ che le bugie hanno le gambe corte.

  3. Su traduzioni distorte si basano anche le chiese ed il loro prepotere da secoli, ergo…