IL POTERE MONDIALE TORNA IN AMERICA

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD
Telegraph.co.uk

La fenice americana sta lentamente rialzando la testa. Entro più o meno cinque anni, gli Stati Uniti saranno autosufficienti per carburanti ed energia. La produzione eliminerà la forbice con la Cina in un gruppo di settori chiave. Il confronto potrebbe persino essere in attivo.

Le considerazioni secondo cui la Grande Repubblica debba inevitabilmente precipitare in un declino economico e strategico – come nelle chiacchiere degli anni ’80, quando il
Giappone era in voga – sembrano essere davvero fuori gioco.

I lettori del Telegraph già

sanno della “rivoluzione dello shale gas” che ha trasformato

l’America nel primo produttore mondiale di gas naturale, davanti alla

Russia.

Meno noto è il fatto che la tecnologia

della fratturazione idraulica – il rompere le rocce con getti di acqua

– farà fare un salto in avanti anche alla fornitura di petrolio di

scisto, principalmente dai giacimenti di Bakken in Nord Dakota, Eagle

Ford in Texas e dalle altre riserve nel Mid-West.

Lo scorso anno gli Stati Uniti

sono stati i maggiori contributori alla crescita della fornitura di

petrolio, con 395.000 barili al giorno“, ha detto Francisco

Blanch di Bank of America, paragonando i giacimenti del Dakota

a un nuovo Mare del Nord.

La produzione totale statunitense “è

sul punto di espandersi in modo notevole” quando nuove fonti

arrivano in produzione, raggiungendo possibilmente i 5,5 milioni di

barili al giorno alla metà del decennio. È un aumento di dieci volte

dal 2009.

Gli Stati Uniti già soddisfano

il 72 per cento della propria domanda di petrolio, e sono saliti da

circa il 50 per cento di un decennio fa.

Le implicazioni di questo

passaggio sono grandissime per la geopolitica, la sicurezza energetica,

le alleanze militari storiche e l’attività

economica. Mentre le richieste dal Medio Oriente continuano a calare,

l’Europa sta diventando sempre più

dipendente e diventerà probabilmente più

esposta a comportamenti speculativi degli attori oligopolistici“,

ha detto il signor Blanch.

Nel frattempo, l’altalena Cina-Stati

Uniti sta per oscillare in senso opposto. La delocalizzazione è il

passato, la “rilocalizzazione” è la nuova tendenza.

Made in America, di nuovo“,

un articolo di questo mese del Boston Consulting Group – informa

che l’inflazione degli stipendi cinesi, che è salita del 16 per cento

all’anno per un decennio, ha ridotto gran parte del divario dei costi.

La Cina non è più l’”ubicazione obbligata” per gli stabilimenti

economici che riforniscono gli Stati Uniti.

Il punto di svolta sarà nei computer,

apparecchi elettrici, macchinari, parti di auto e moto, plastica e gomma,

metalli lavorati e persino arredamento.

Un notevole ammontare del

lavoro che è fuggito in Cina nell’ultimo decennio potrebbe tornare

presto”, ha detto Harold Sirkin di BCG.

La differenza negli “stipendi

aggiustati alla produttività” si ridurrà dal 22 per cento

dei livelli USA nel 2005 al 43 per cento (il 61 per cento nel sud degli

USA) nel 2015. Aggiungendo i costi di spedizione, i problemi di affidabilità,

la pirateria tecnologica, e i vantaggi ritorneranno negli Stati Uniti.

La lista della “rimpatriate”

sta crescendo. Farouk Systems sta riportando l’assemblaggio degli

asciugacapelli in Texas per i problemi di contraffazione; ET Water Systems

ha riallocato i prodotti per l’irrigazione in California; Master Lock

sta tornando a Milwaukee e NCR sta riportando le realizzazioni di ATM

in Georgia. NatLabs sta tornando a casa in Florida.

Boston Consulting si aspetta che 800.000

lavori produttivi possano tornare negli USA per la metà del decennio,

con un effetto moltiplicatore che ne creerà 3,2 milioni in totale.

Ciò potrebbe addolcire un po’ la lunga frenata dell’economia.

Come ha riferito la scorsa settimana

la direttrice della Fed di Philadelphia Sandra Pianalto, la produzione

statunitense è “molto competitiva” all’attuale tasso

di cambio del dollaro. Che sia voluto o meno, i tassi a zero della Fed

e il blitz della stampa di 2,3 trilioni di dollari hanno portato un

duro colpo alla Cina.

Le iniziative della Fed costringono

Pechino a una scelta tra due possibilità spiacevoli: rivalutare lo

yuan, o affidarsi a un aggancio mercantilista al dollaro e importare

una politica monetaria statunitense fin troppo morbida per un’economia

arroventata ai suoi massimi. Entrambe le scelte erodono il vantaggio

salariale della Cina. Il Partito Comunista ha scelto l’inflazione.

Gli effetti dei tassi di cambio sono

sottili. Ci mettono molto tempo a manifestarsi quando le vecchie fabbriche

chiudono una dopo l’altra e gli investimenti freschi se ne vanno altrove.

Ancora si possono vedere i danni in Europa di un Euro troppo forte nei

dati degli investimenti diretti all’estero (FDI).

I flussi verso l’Unione Europea sono

collassati del 63 per cento dal 2007 al 2010 (dati UNCTAD) e sono calati

del 77 per cento in Italia. I flussi verso gli USA sono aumentati del

5 per cento.

Volkswagen sta investendo 4 miliardi

di dollari in America, pilotati dal suo stabilimento della Passat di

Chattanooga. La Samsung coreana ha avviato un investimento da 20 miliardi

di dollari. Nel frattempo, Intel, GM, Caterpillar e altre aziende statunitensi

stanno optando per rimanere a casa piuttosto che investire all’estero.

L’Europa deve solo dare la colpa

a sé stessa per la “voragine” odierna della sua base industriale.

Ha agognato la sua moneta di riserva, senza comprendere quanto potesse

essere “esorbitante” il fardello da sostenere.

La Cina e la potenze in ascesa hanno

spostato una larga fetta della propria massa di 10 trilioni di dollari

verso le obbligazioni dell’UEM per ridurre la loro esposizione sul

dollaro. Il risultato è un euro troppo forte per metà dell’UEM.

La Banca Centrale Europea ha da allora

reso le cose peggiori (per Italia, Spagna, Portogallo e Francia) tenendo

i tassi al di sopra di quelli degli Stati Uniti, del Regno Unito e del

Giappone. È stata una scelta politica deliberata. Quest’estate ha

provocato una contrazione dei depositi M1 in Italia del 7 per cento

su base annuale. Se ne vedranno le conseguenze.

Il peso dello scambio dei dollari sta

franando da un decennio ed è calato del 37 per cento dal 2001. Una

replica alla lontana del calo post-Plaza alla fine degli anni ’80,

che fu seguito – con ritardo – da una riduzione del 3 per cento

del PIL con un deficit di conto corrente. Nel 1991 gli Stati Uniti avevano

un attivo.

Charles Dumas e Diana Choyleva di

Lombard Street Research hanno ipotizzato nel loro nuovo libro “The

American Phoenix” che ciò potrebbe accadere di nuovo.

Il vantaggio per gli Stati Uniti sarà

relativo. Ciò non implica una forte ripresa degli USA. La recessione

globale morderà ancora di più mentre gran parte del mondo occidentale

irrigidisce le politiche fiscali e lentamente ripiana il debito, e quanto

la Cina fa sgonfiare la sua bolla creditizia.

L’America ha ancora un certo numero

di briscole in mano, e non solo nelle sedici tra le venti migliori università

del pianeta.

È quasi l’unica potenza economica

con un tasso di fertilità superiore a 2,0 – da qui la possibilità

di sforare il debito – in netto contrasto con il decadimento demografico

che si aspettano Giappone, Cina, Corea, Germania, Italia e Russia.

La soap opera dell’UEM ha

evidenziato quanto sia importante che l’America sia una nazione vera,

forgiata da una lingua comune e dai riflessi ancestrali della memoria

lungo due secoli, con le istituzioni che fondamentalmente funzionano

e una vera banca centrale capace di stoppare il sistema.

Il XXI secolo potrebbe essere ancora

americano, come l’ultimo.

**********************************************

Fonte: World power swings back to America

23.10.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
9 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
9
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x