Home / ComeDonChisciotte / IL MASSACRO DELLA NATO A MAJER, IN LIBIA

IL MASSACRO DELLA NATO A MAJER, IN LIBIA

DI FRANKLIN LAMB
Counter Punch

Gli abitanti affermano che i
bombardamenti della NATO hanno ucciso 85 persone, tra cui 33 bambini,
32 donne e 20 uomini

Situata a circa trenta chilometri a
est dell’antica città romana di Leptis Magna, dieci chilometri a sud di Zliten, lontano dalla costa libica e dall’altro lato del Mediterraneo
rispetto a Roma, Majer era una pittoresca cittadina conosciuta per la
gran qualità dei suoi datteri e la produzione del tarbuni (succo di dattero), secondo i suoi abitanti il migliore di tutta la Libia.

Famiglie del luogo e testimoni oculari, oltre alle autorità libiche, hanno affermato che gli attacchi aerei del NATO hanno provocato la morte di 85 persone: 33 bambini, 32 donne e 20 uomini. I giornalisti e le persone giunte sul posto hanno potuto vedere trenta cadaveri nell’obitorio locale, tra questi una madre e i suoi due figli. Funzionari e residenti ci hanno spiegato che approssimativamente altri 50 corpi sono stati spostati altrove per il funerale in famiglia e che la maggioranza dei feriti è stata trasferita negli ospedali di TripoliA Majer, dove la NATO ha deciso di

bombardare tre nuclei abitati attigui, i visitatori hanno esaminato

un totale di cinque case bombardate. Non si sono trovate armi nelle

fattorie, solo materassi, vestiti e libri sparsi dappertutto. Una giovane

di 15 anni gravemente ferita, Salwa Ageil Al Jaoud, aveva scritto il

suo nome in un block notes trovato tra le macerie. Visitandola

successivamente in ospedale, ha assicurato, come riportato anche dagli

altri testimoni, che non c’erano militari nelle case bombardate.

La NATO ha utilizzato la stessa tattica usata da Israele nei due massacri

di Qana in Libano. Dopo le prime tre bombe, lanciate alle 23:00 ora

locale (alle 21:00 GMT di lunedì 8 agosto), molti residenti della zona

sono accorsi sul luogo dei bombardamenti per tentare di salvare i propri

conoscenti. In quel momento, la NATO ha attaccato con ancora più violenza

e ha assassinato 85 libici.

I corpi gravemente bruciati e mutilati

di due ragazzi, Adil Moayed Gafes e Aynan Gafes, sono stati estratti

dalle macerie dai membri sconvolti della sua famiglia. Un uomo, completamente

angosciato, ripeteva, “Non c’è altro Dio che Allah” e “I martiri

sono amati da Dio”, quando altri si sono uniti a lui. In piedi

su un ammasso di detriti, un portavoce del governo libico, Ibrahim Moussa,

ha dichiarato: “È un crimine che sfida l’immaginazione.

In questo posto tutto è civile!” Concordando con i funzionari

libici intervistati ieri sera all’Hotel Rixos di Tripoli, la NATO

ha attaccato Majer “per tentare di aiutare dal sud i combattenti

ribelli a entrare nella città che si trova nelle mani del governo.

La NATO incrementa la sua partecipazione, le operazioni militari e il

controllo a favore di una delle parti in quella che era una guerra civile.

Ha la speranza di ottenere migliaia di milioni di dollari in contratti

per la ricostruzione e per lo sfruttamento delle risorse petrolifere

da parte del suo corpo scelto, di stanza nella Libia orientale.”

In quella che sembrava una pagina presa

a prestito dell’ufficio stampa dell’esercito israeliano, la portavoce

aggiunta della NATO, Carmen Romero, e il colonnello Roland Lavoie, portavoce

militare dell’operazione “Protettore Unificato”, hanno affermato

in una conferenza stampa unificata tenuta tra Bruxelles e Napoli che “ili villaggio bombardato aveva un assembramento militare e che la NATO al momento non ha alcun riscontro di vittime civili, visto che la NATO stesse adotta sempre misure straordinarie per garantire la sicurezza dei cittadini.”

È prevedibile che, a mano a mano che

il massacro di Majer diventerà sempre più conosciuto, la NATO si veda

costretta a spiegare la morte di così tanti libici, e probabilmente

nelle prossime 48 ore annuncerà l’avvio di “un’indagine interna”

sui fatti di Majer per affermare, avendo già deciso in anticipo come

fanno regolarmente gli israeliani, che l’attacco era diretto solo

contro “obiettivi militari legittimi”.

Tutti i rifugiati palestinesi musulmani

e cristiani nel Libano, e tutti i cittadini libanesi i cui familiari

o le persone care furono assassinati nei due massacri perpetrati da

Israele a Qana in Libano, oggi ricordano la perdita insanabile delle

sorelle e dei fratelli che sono stati uccisi a Majer.

Il massacro perpetrato in Majer è

stato prodotto, di nuovo, con armi statunitensi, regalate dai contribuenti

statunitensi senza una conoscenza o un consenso, e contro i valori umanitari

statunitensi condivisi da tutte le persone di buona volontà.

Come a Qana, nell’inventario delle

armi statunitensi che sono state consegnate alla NATO e che sono disponibili

per essere utilizzate, a volte in modo indiscriminato, in Libia

dal 29 marzo del 2011, col fine di “proteggere” i civili comprende,

ma non si limita, quello che segue:

Bombardieri invisibili B-2 del gruppo

di bombardieri 509 della base aerea di Whiteman; caccia F-15E delle

squadriglie di combattimento 492 e 494 della RAF di stanza a Lakenheath,

nel Regno Unito; caccia F-16CJ specializzati nella “soppressione

di difese” della squadriglia 480 della base aerea di Spangdahlem,

in Germania; veicoli per il trasporto EC-130 per le operazioni

psicologiche del reparto per le Operazioni Speciali 193 della Guardia

Nazionale aerea della Pennsylvania; veicoli da trasporto KC-135 dei

reparti 100 e 92 per il rifornimento di combustibile in volo, provenienti

da Mildenhall, nel Regno Unito e da Fairchild AFB, nello stato di Washington,

USA; veicoli da trasporto C-130J recentemente distaccati nella 37esima

squadriglia per i ponti aerei di Rammstein, in Germania; apparati di

attacco a terra A-10 ed AC -130.

Gli attacchi del NATO sulla Libia sono

iniziati col bombardamento delle sue difese aeree con 110 missili tattici

statunitensi Tomahawk. Si lanciarono anche attacchi aerei statunitensi

utilizzando gli apparecchi invisibili B-2 Spirit che hanno condotto

45 attacchi congiunti contro magazzini di munizioni delle base aeree

libiche. Altri missili Tomahawk sono stati lanciati da navi britannici

presenti nella zona.

Le navi della Marina degli Stati Uniti

che vengono utilizzate dalla NATO per proteggere i civili “libici”

sono le seguenti: cacciatorpediniere USS Stout (DDG55) e USS Barry

(DDG52), della classe Arleigh Burke provvisti di missili diretti; i

sottomarini USS Providence (SSN719), USS Scranton (SSN756) e USS Florida

(SSGN728); le navi anfibie USS Kearsarge (LHD3) e l’USS Ponce (LPD15);

la nave di comando USS Mount Whitney, LCC / JCC20; le navi di appoggio

Lewis and Clark, Robert E. Peary e Kanawha. Le navi Kearsarge e Ponce

trasportano aerei da combattimento AV-8B Harrier, elicotteri CH-53 Super

Stallion e aerei MV -22 Osprey con elica basculante.

Gli aerei-cisterna KC-130J provengono

dalla base aerea di Sigonella in Italia; gli EA-18G Growler, aeroplani

per l’attacco elettronico del VAQ-132, con base a Whidbey Island,

nello stato di Washington, sono giunti dalla base aerea di Aviano, in

Italia. Questi aeroplani sono stati spostati dall’Iraq a richiesta della

NATO “per aiutare a proteggere i civili dalla Libia”, insieme

ai quadrimotori P-3 Orion per la lotta antisommergibile e gli aerei

EP-3 Aries per l’attacco elettronico.

Oltre alle armi già menzionate,

più di cinquanta tipi di bombe e di missili statunitensi sono

stati immagazzinati per essere utilizzati dalla NATO “per proteggere

i civili in Libia”, il cui uso fino ad oggi è illegale secondo

le leggi statunitensi e internazionali, visto che hanno prodotto morti,

mutilazioni o lesioni a 7.800 civili libici tra il 29 marzo e il 9 agosto

del 2011.

Lo studio dei luoghi bombardati dalla

NATO, le ispezioni sul terreno, i numeri di catalogo degli ordini che

non sono esplosi, l’esame dei frammenti delle bombe e dei missili riscontrati

nelle zone abitate dell’ovest della Libia e la consultazione con le

fonti militari libiche hanno confermato quanto affermato da due ufficiali

del Comitato delle Forze armate del Senato degli Stati Uniti, entrambi

avvocati, secondo cui la NATO, come già fecero gli alleati israeliani

a Qana in Libano, l’8 di agosto del 2011 ha perpetrato crimini di

guerra e crimini contro l’umanità.

In concreto, la NATO è accusata

di aver commesso tutta una serie di crimini contro la nazione libica,

in base al risultato delle riunioni che si sono tenute con un numero

sempre maggiore di visitatori internazionali e di avvocati difensori

dei diritti umani, che sono giunti dall’Europa, dall’Asia e dall’America

del Sud e del Nord.

Il diritto internazionale applicabile

comprende, tra gli altri, l’articolo 3 dello Statuto della Corte Penale

Internazionale dell’Aia che stabilisce chiaramente che uno dei criteri

per l’accusa dei crimini di guerra è proprio l’attacco o il bombardamento,

condotte in qualsiasi modo, contro città, villaggi, edifici o case

indifese. L’uso continuato da parte della NATO di obiettivi civili con

fini militari, una situazione che la NATO crudelmente e gratuitamente

chiama “danni collaterali”, si adatta perfettamente all’articolo

citato e sarebbe una pietra angolare per un accusa contro questa organizzazione

per crimini di guerra. La violazione della Convenzione di Ginevra IV,

Articolo 3 (a): “Fino a questo momento i seguenti atti sono e rimarranno

vietati in qualsiasi caso rispetto alle summenzionate persone: la violenza

alla vita e alle persone, in particolare omicidi di qualsiasi specie.”

Ci sono simili denunce presentate contro

funzionari israeliane da avvocati statunitensi del Centro di Diritti

Costituzionali di New York, in Ali Saadallah BELHAS et al., querelanti,

contro Moshe YA`ALON, accusato (466 F. Supp. 2d 127 (2006). Un caso

che fece presente alla comunità legale internazionale e al pubblico

la necessità di non considerare l’immunità sovrana dalle corti internazionali

e di consentire processi sia nelle corti nazionali che internazionali

Il massacro della NATO a Majer esige

dal diritto internazionale un processo che non ottenga di meno.

******************************************

Fonte: NATO’S

Massacre at Majer, Libya

12.08.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • backtime

    Fin dal primo momento ho sostenuto che il vile attacco alla Libia, creato sia dai corsari francesi che dai bucanieri inglesi col sostegno dei pirati americani fosse una grande carognata, ma è quando la NATO che si è intromessa per legittimizzare una guerra che non avrebbe mai dovuto cominciare, con la scusante sempre valida di “proteggere i civili” che ho capito che la vita dei Libanesi “ora” aveva un nemico, non certo prima e per colpa del Colonnello.

    Non posso più accettare che vi siano carrozzoni speculativi come la Nato, nati per tradire le attese della gente, che a richiesta del primo cazzabbubbolo si gettano a capofitto in guerra per consumare armi e acquistarne altre, anche perché altro motivo di mantenimento del carrozzone Nato non ne vedo.

    Dov’è la NATO per la Palestina, la Siria e tante altre Nazioni dimenticate? com’è possibile che la stessa aggressione in un luogo abbia poi differenti fini e rimostranze se fatta in un altro? non basta forse questo per liberarci di finti politici che si prostituiscono per israele e america.

    Spero che il 2012 sia il fatidico anno in cui uomini semplici possano prendere il sopravvento su quelli malvagi, anche perché non se ne può più di tanta cattiveria gratuita, di omicidi di gente innocente e di paradisi ridotti all’osso, resi tali solo per soddisfare soggetti mentalmente deformati che a differenza di uomini cresciuti, giocano ai soldatini dentro stanze di vetro, mentre in altrettante stanze, squarciate dai loro missili intelligenti gente timorosa di Dio muore.

  • AlbertoConti

    > Mi sembra che le prove che costui mente sapendo di mentire ci sono eccome. Non si può incominciare a incriminarlo? Tra tutti i paesi aderenti alla NATO non si trova un uomo degno di questo nome, in grado di farlo? E il segretario generale NATO può non sapere? E che c’entra tutto ciò col garantire la “no fly zone” a protezione dei civili libici? Siamo seri, facciamo tutti schifo!

  • AlbertoConti

    Riposto per refuso (forse problemi di formattazione):
    == Martedì 9 agosto il colonnello Roland Lavoie, portavoce militare della Nato, ha affermato che l’attacco ha colpito un “obiettivo legittimo”, ovvero una serie di strutture agricole requisite dalle forze di Gheddafi, e che non vi erano “prove di perdite civili”. == Mi sembra che le prove che costui mente sapendo di mentire ci sono eccome. Non si può incominciare a incriminarlo? Tra tutti i paesi aderenti alla NATO non si trova un uomo degno di questo nome, in grado di farlo? E il segretario generale NATO può non sapere? E che c’entra tutto ciò col garantire la “no fly zone” a protezione dei civili libici? Siamo seri, facciamo tutti schifo!

  • cardisem

    Ma siamo proprio sicuri che se Germania, Italia e Giappone, nel 1945, anziché perdere la guerra, l’avessero vinta, il mondo sarebbe stato peggiore di quello che oggi vediamo con i nostri occhi? Cosa di più? Quale limite resta ancora da superare?

  • Tonguessy

    Ma sei sicuro che finire in un campo di concentramento a lavorare come schiavo per la IG Farben ti sarebbe dispiaciuto?

  • lupomartino

    E’ una porcata che pagheremo cara , prima o poi!!!

  • bstrnt

    Quando dei cittadini (intendo quelli europei) non hanno la dignità e la moralità di liberarsi dei quisling imposti come governanti dai poteri forti e marci d’oltre oceano, meritano di essere sottomessi e usati da quella setta di psicopatici serial killer noti col nome di NATO, imbattibili nell’assassinare gli indifesi e insuperabili nell’avvelenare i cieli con mefitiche scie di bario, alluminio, silicati di vario genere, torio e altre indicibili porcherie.

    Se 50 anni fa questa setta veniva sdoganata come assicurazione contro chissà quali abominevoli bramosie dei paesi dell’est, adesso come pensano di sdoganarla?

    Dalla caduta dell’URSS la Nato non si è più peritata di nascondere la sua vera faccia (di psicopatici serial killer) anche nei suoi viscidi e impresentabili gauleiter (Anders Fogh Rasmussen ne è un esempio).