Il “Lockdown” ha trasformato l’America in uno straccio in miseria

MIKE WHITNEY – 24 MAGGIO 2020

Fonte: The UNZ Review

“… e quando tra due anni, guardandoci indietro, dalle rovine della nostra economia e dalle rovine della nostra libertà, vorremmo vedere una sorta di giustizia, che le persone che hanno preso questa decisione paghino una penale per quello che hanno fatto”. Peter Hitchens

L’attività economica in tutto il paese è crollata, il PIL si sta riducendo al ritmo più veloce mai registrato e i dati economici sono peggiori di qualsiasi altro momento della storia. Ogni settore dell’economia è in contrazione e ogni indicatore economico punta verso il basso. Secondo l’economista Nouriel Roubini, il paese si sta dirigendo verso un decennio di “depressione e debiti”, e questo è probabilmente un eufemismo.

Cosa ha spinto i nostri leader a seguire la strada della Cina? Sono stati soggiogati dal dottor Fauci e dalla Gestapo del Vaccino o hanno semplicemente reagito all’improvviso aumento dei casi di Covid che sono saliti alle stelle durante la notte? Qualunque sia la ragione, il paese è ora diretto verso una breve ma grave recessione a forma di “U” o verso un crollo straziante e prolungato come quello degli anni Trenta. Le piccole e medie imprese si stanno riducendo a migliaia, gli Stati stanno affogando nell’inchiostro rosso e il numero dei disoccupati è il più alto dei 244 anni di storia del Paese. La chiusura ha di fatto cancellato l’economia e lasciato il paese in rovina. Ecco alcuni retroscena da un articolo di Yahoo Finance:

La perdita permanente di posti di lavoro sarà probabilmente una caratteristica dell’eventuale ripresa degli Stati Uniti, secondo una ricerca dell’Università di Chicago, che stima che il 42% dei lavoratori recentemente disoccupati non tornerà al lavoro in mezzo al “profondo” shock derivante dal blocco del coronavirus.

La pandemia ha avuto un impatto brutale sulla più grande economia del mondo, con almeno 36 milioni di persone buttate fuori dal mercato del lavoro negli ultimi due mesi……. Le serrate hanno scavato una voragine in un’economia che consiste per il 70% di spesa al consumo, annullando al tempo stesso tutti i posti di lavoro creati dalla fine della grande recessione…..

Ci vorrà probabilmente un certo numero di anni prima che il mercato del lavoro si riprenda dal tracollo indotto dalla pandemia“….i ricercatori hanno estrapolato le loro conclusioni secondo cui oltre 100.000 ristoranti dovrebbero essere chiusi definitivamente a breve termine…”.

Alcuni datori di lavoro trasferiranno le risorse ad altri ruoli, mentre molti lavoratori licenziati potrebbero dover trovare nuove posizioni o carriere”.

(“‘Major reallocation shock’ dal coronavirus vedrà evaporare il 42% dei posti di lavoro persi: Studio” Yahoo Finance)

Il popolo americano non ha ancora compreso l’entità della devastazione causata dalla chiusura ma, presto, sarà l’unico argomento di conversazione. La maggior parte della gente ha lasciato il lavoro pensando che sarebbe tornata al proprio posto nel giro di poche settimane. Non avrebbero mai immaginato che un errore politico avrebbe messo l’economia in una spirale di morte che avrebbe messo fine ai loro mezzi di sussistenza, soffocato le loro prospettive per il futuro e ridotto l’economia in condizioni di disperazione e di miseria. Non hanno mai pensato che un tale incubo fosse possibile, soprattutto perché stavano solo seguendo gli ordini dei loro governatori e dell’affabile dottor Fauci. Si fidavano di queste persone. Hanno messo le proprie vite nelle loro mani e sono stati ingannati, ingannati, facendo credere loro che questi “esperti” sapevano quello che stavano facendo quando, invece, se lo stavano inventando al volo. Ora tutti noi pagheremo per gli errori di cui solo loro sono responsabili. Questo è da ABC7news:

“I medici del John Muir Medical Center di Walnut Creek dicono di aver visto più morti per suicidio durante questo periodo di quarantena che per il virus COVID-19…. Il responsabile di traumatologia del dipartimento ritiene che la salute mentale stia soffrendo così tanto, che è tempo di porre fine all’ordine di chiusura.

Non abbiamo mai visto numeri come questi, in un periodo di tempo così breve”, ha detto Hansen. “Voglio dire, abbiamo visto un anno di tentativi di suicidio nelle ultime quattro settimane”.

Kacey Hansen ha lavorato come infermiera di traumatologia al John Muir Medical Center di Walnut Creek per quasi 33 anni. È preoccupata non solo perché si vedono più tentativi di suicidio, ma anche che non sono in grado di salvare tanti pazienti come al solito.

Quello che ho visto di recente, non l’ho mai visto prima”, ha detto Hansen. “Non ho mai visto così tante lesioni intenzionali“. L’equipe di traumatologia sta parlando perché vuole che la comunità sia consapevole, che le persone si aiutino e si sostengano a vicenda e che coloro che soffrono sappiano di poter ricevere aiuto”. (“Suicidi in aumento durante il lockdown, dicono i medici della Bay Area”, ABC News 7)

Qui c’è dell’altro da un articolo del Washington Examiner:

“Uno studio pubblicato all’inizio di maggio ha suggerito che il coronavirus potrebbe portare ad almeno 75.000 decessi causati direttamente dall’ansia da virus, dalla perdita di posti di lavoro e dalla dipendenza da alcol e droghe. Un altro studio condotto da Just Facts nello stesso periodo ha esaminato un’ampia gamma di dati scientifici che dimostrano che lo stress è uno dei pericoli più mortali per la salute nel mondo e ha stimato che l’isolamento per coronavirus distruggerà 7 volte più anni di vita umana di quanti ne possa salvare…..

All’inizio di questa settimana, più di 600 medici hanno firmato i loro nomi su una lettera al Presidente Trump, riferendosi ai continui blocchi come ad un “incidente di massa” e sollecitandolo a fare ciò che può per assicurarsi che finiscano…. Alla fine di marzo, in una sola contea del Tennessee sono morte più persone per suicidio di quante ne siano morte in tutto lo stato direttamente a causa del virus” (“I medici californiani dicono di aver visto più morti per suicidio che per coronavirus dopo l’isolamento”, Washington Examiner)

Quindi l’isolamento è un “incidente di massa”?

Certo che lo è. Come altro lo chiamereste? Le persone sono rinchiuse nelle loro case a tempo indeterminato, mentre i media predatori fanno di tutto per terrorizzarle con una storia dell’orrore dopo l’altra. Qualcuno ha considerato questo triste scenario prima dell’imposizione dell’isolamento? Qualcuno ha pensato che, forse, le persone fragili – che sono tagliate fuori dal mondo, dai loro amici e dalle loro famiglie – potessero diventare così depresse da togliersi la vita? Naturalmente nulla di tutto questo ha importanza per i media che misurano il loro successo in termini di valutazioni, non il numero di persone che hanno ucciso con la loro implacabile paura. Per questo, non si assumono alcuna responsabilità. Qui c’è dell’altro:

“I ricercatori avvertono che le persone socialmente isolate hanno più del 40% di probabilità di subire un attacco di cuore, un ictus o altri eventi cardiovascolari importanti. Inoltre, le persone socialmente isolate hanno quasi il 50% di probabilità in più di morire per qualsiasi causa….Lo studio è stato condotto dalla Dr. Janine Gronewold e dal Professor Dirk M. Hermann dell’Ospedale Universitario di Essen, Germania. Hanno analizzato i dati su 4.316 persone (età media: 59 anni) che erano state reclutate per una ricerca condotta tra il 2000 e il 2003….

Sappiamo da tempo che sentirsi soli o essere privati del contatto con gli amici e la famiglia può avere un impatto sulla salute fisica“, spiega il Dr. Gronewold in una dichiarazione. “Quello che questo studio ci dice è che avere forti relazioni sociali è di grande importanza per la salute del cuore e simile al ruolo dei classici fattori protettivi come una sana pressione sanguigna, livelli di colesterolo accettabili e un peso normale”…

“Non capiamo ancora perché le persone che sono socialmente isolate abbiano risultati di salute così scadenti, ma questa è ovviamente una scoperta preoccupante, soprattutto in questi tempi di prolungata distanza sociale”, aggiunge il Dr. Gronewold. (“L’isolamento sociale aumenta il rischio di infarto, ictus, e; la morte per tutte le cause”, ricerca dello studio)

Ripeto: “Non capiamo perché le persone che sono socialmente isolate hanno risultati una salute così deteriorata?

Sì, è così. È perché sono disperatamente soli e tagliati fuori dal normale contatto umano. Questo, a sua volta, influisce sulla loro salute generale e sul loro benessere. Naturalmente, se dipendesse dal malevolo dottor Fauci, non ci stringeremmo più la mano. Fauci vorrebbe abrogare 5 mila anni di normale interazione sociale e rifare il mondo secondo le sue macabre specifiche. Purtroppo, ora stiamo assistendo al ritorno di quella visione del mondo delirante sotto forma di crescenti problemi di salute mentale, depressione, ansia e suicidio. Dovremmo fare un confronto tra i suicidi e le morti di Covid per vedere se la strategia di Fauci funziona o no, o dovremmo semplicemente ignorare gli orribili costi umani di questo contorto esperimento di isolamento? Un giorno il popolo americano chiederà un resoconto delle ultime 10 settimane, ma non siamo ancora a quel punto. Ecco altre notizie da Bloomberg News:

I proprietari di negozi al dettaglio stanno inviando migliaia di avvisi di inadempienza agli inquilini, una situazione che potrebbe portare i rivenditori già in ritardo al fallimento o al collasso totale …… Grandi magazzini, ristoranti, negozi di abbigliamento e catene di specialità hanno ricevuto gli avvisi da proprietari di immobili non pagati da tre mesi che, a detta di persone che conoscono la materia e le pratiche del tribunale, perdono la pazienza.

… “Gli avvisi di mora dai proprietari stanno fioccando“, ha dichiarato Andy Graiser, co-presidente di A&G Real Estate Partners, la cui azienda lavora con i rivenditori e altri affittuari commerciali. “Sta creando una vera e propria paura nel mercato“, ha detto Graiser. (“Gli avvisi di mora si stanno accumulando per i negoziantii che non sono in grado di pagare l’affitto”, Bloomberg)

Altre cattive notizie. Le chiusure hanno scatenato uno tsunami di inadempienze e fallimenti. Senza alcuna fonte di reddito, i commercianti non possono pagare l’affitto e i proprietari non possono rimborsare i loro debiti. L’economia è un incastro di tessere del domino, che cadono in sequenza una volta che la prima è stata spostata. Al popolo americano è stata venduta l’idea che l’economia può essere accesa e spenta come un interruttore della luce. Ora possono vedere che la teoria non ha alcuna base nella realtà. Mentre i fallimenti si accumulano, le perdite di posti di lavoro continueranno ad aumentare, spingendo il paese in una recessione ancora più profonda. Le direttive di Fauci hanno trasformato il Paese in un deserto economico, questo è certo. Guardate questo estratto di un articolo di un articolo di Naomi Klein:

“….. l’ex CEO di Google Eric Schmidt ha scritto un editoriale per il Wall Street Journal che ha dato un nuovo tono e ha chiarito che la Silicon Valley aveva tutte le intenzioni di sfruttare la crisi per una trasformazione permanente…..

Schmidt ha chiesto “partnership senza precedenti tra governo e industria….

Al centro di questa visione c’è la perfetta integrazione del governo con una manciata di giganti della Silicon Valley – con scuole pubbliche, ospedali, studi medici, polizia e militari che esternalizzano (ad un costo elevato) molte delle loro funzioni principali a società tecnologiche private…..

Se le aziende tecnologiche vincono la loro feroce campagna di lobby per l’apprendimento a distanza, la teleassistenza sanitaria, il 5G, e i veicoli senza conducente – il loro Screen New Deal (il nuovo patto dello schermo, n.d.t.) – semplicemente non ci sarà più denaro per le urgenti priorità pubbliche, lasciando perdere il Green New Deal di cui il nostro pianeta ha urgente bisogno….

Per loro, e per molti altri nella Silicon Valley, la pandemia è un’occasione d’oro per ricevere non solo la gratitudine, ma anche la deferenza e il potere che sentono ingiustamente negati“. (Screen New Deal, Naomi Klein, The Intercept)

Riuscite a vedere cosa sta succedendo?

Il fatto che decine di migliaia di persone stiano morendo e l’economia della nazione è stata ridotta in macerie, non importa ai giganti della tecnologia. Per loro la crisi è un'”opportunità d’oro”, un’occasione unica nella vita, per poter continuare a sussumere ulteriormente il governo, per ottenere più fondi governativi per i loro progetti futuristici, per affermare una maggiore influenza sulla politica pubblica, e per avvolgere più strettamente i loro tentacoli attorno alle leve del potere statale.

I giganti della tecnologia stanno usando la pandemia come veicolo per imporre la loro visione al paese e per promuovere la loro malefica agenda da stato di polizia. Proprio come l’America delle grandi aziende sta usando la crisi per ristrutturare il mercato del lavoro, e Wall Street sta usando la crisi per ottenere lauti salvataggi multimiliardari, e Fauci e Co. stanno usando la crisi per spingere per i vaccini universali, così anche i giganti della tecnologia stanno usando la crisi per prendere più potere, più soldi e più integrazione con lo stato fino a quando il governo degli Stati Uniti non sarà nient’altro che un’insignificante sussidiaria della sempre più estesa piovra di Google. Questo è l’obiettivo finale, privatizzare lo stato in modo che le corporazioni governino il mondo.

È una missione (quasi) compiuta!

Come risponderanno le persone a questi sviluppi? Quale sarà la reazione quando i normali lavoratori si renderanno conto che la loro vita è fondamentalmente cambiata in peggio, che il loro tenore di vita continuerà a diminuire, che il lavoro a tempo pieno e la sicurezza del posto di lavoro hanno fatto la fine del Dodo, che la classe media si ridurrà alle dimensioni di una ghianda, e che la rete di sicurezza sociale è stata sostituita da tasse più alte, meno servizi pubblici, un dollaro più debole e anni di austerità distruttiva e demoralizzante? Dobbiamo aspettarci disordini sociali, rivolte e violenze di strada nel prossimo futuro o dobbiamo presumere che questi scoppi d’ira siano inevitabili ora che la libertà personale è stata strangolata mentre l’economia è stata vaporizzata?

Nessun paese che distrugge volontariamente la propria economia dovrebbe aspettarsi qualcosa di diverso. Nessun popolo che abbandona la propria libertà per la falsa sicurezza della protezione dello Stato dovrebbe aspettarsi qualcosa di diverso. Peter Hitchens lo riassume perfettamente in un articolo del Daily Mail:

“Odio questa parola, (“lockdown”) perché non mi sembra appropriato descrivere le persone libere in un paese libero. Ma noi non siamo più tali persone, né un tale paese. Siamo diventati prigionieri imbavagliati, senza bocca, senza voce, umiliati, reggimentali, che si dimenano ai comandi degli altri, che si fermano quando ci viene detto di fermarci, che si muovono quando ci viene detto di muoverci, che vengono sgridati dalle guardie in ufficio contro le quali non abbiamo alcun appello. Stiamo imparando, in questo periodo di induzione, a fare ciò che ci viene detto e a diventare cittadini obbedienti e servili di un nuovo Stato autoritario. Stiamo imparando a disimparare le vecchie regole della libertà“. (“Peter Hitchens: il sogno del nuovo Stato autoritario”, Daily Mail)

Ben detto. Bravo, Peter Hitchens!

 

Link: https://www.unz.com/mwhitney/the-lockdown-has-turned-america-into-a-despotic-cash-strapped-basket-case/

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Pubblicato da CptHook

Libertà va cercando, ch'è sì cara come sa chi per lei vita rifiuta. Chi è disposto a barattare un po' della propria liberta in cambio della sicurezza non merita né libertà né sicurezza (dedicato a tutte le "foche di balcone").
Precedente Il tessitore di tappeti persiani, tramite il Venezuela, ha colpito nel cortile di casa degli Stati Uniti
Prossimo TSO a Don Gianluca – Il prete sovranista che sfidò il papa globalista