Home / ComeDonChisciotte / IL CROLLO DELLA BORSA DEL 2011?

IL CROLLO DELLA BORSA DEL 2011?

FONTE: The Economic Collapse

Quanto deve perdere la borsa perché

si possa ufficialmente parlare di “crollo”? Il Dow Jones ha perso oltre 2000 punti in quattordici sedute. Possiamo quindi parlare

di “Crollo della Borsa del 2011”? Ieri, l’annuncio che la Federal

Reserve avrebbe

mantenuto i tassi vicini allo zero

almeno fino a metà 2013 aveva spinto il Dow su di 400 punti, già persi

oggi (-519 punti). Dunque la Federal Reserve è riuscita a stabilizzare

i mercati per un solo giorno.
I timori per la crisi del debito sovrano

in Europa e la declinante economia statunitense continuano a dominare

la scena. Ogni giorno la situazione è sempre più simile a quella del

2008. Cosa accadrà quindi, se “il Crollo della Borsa del 2011”

spingesse l’economia degli Stati Uniti ne “la Recessione del 2012”?

Come nel 2008, le azioni del settore

bancario sono le maggiormente colpite. Anche oggi Bank of America e

Citigroup hanno perso oltre il 10%, Morgan Stanley più del 9%, JPMorgan

più del 5%. Da inizio anno Bank of America ha perso quasi

il 50%. L’intero settore finanziario

di S&P ha perso più del 23%.

Quando inizieremo a sentire appelli

per nuovi salvataggi? Dopo tutto, le banche “too big to fail” sono ancora più grandi che nel 2008.

Il panico spinge l’oro ai massimi,

oggi sopra i 1800 dollari l’oncia. Difficile prevedere quanto possa

salire il prezzo se il panico dovesse protrarsi per un periodo esteso.

Negli Stati Uniti l’attenzione è

stata sulla perdita del rating AAA del

governo USA, ma la crisi del

debito sovrano in Europa è oggi probabilmente la maggiore causa di

instabilità dei mercati finanziari globali.

La Banca Centrale Europea ha avviato

l’acquisto del debito italiano e spagnolo, e c’è stata voce di un possibile

declassamento del debito francese. In questo momento l’Europa è un

caso disperato e, a meno di azioni molto decise, le cose sono destinate

progressivamente a peggiorare.

Anche gli USA stanno contribuendo molto

alla crisi. Il governo federale avrà probabilmente un deficit

di bilancio di oltre mille miliardi di dollari per il terzo anno di

fila. Il debito pubblico nazionale è un incubo, ma i nostri politici continuano

a procrastinare tagli al bilancio.

L’accordo sul tetto del debito appena raggiunto non prevede tagli al budget

prima delle prossime elezioni. A meno di azioni eclatanti da parte del

“Super Congresso”, gli unici tagli al bilancio che vedremo prima

delle presidenziali del 2012 saranno i 25 miliardi “risparmiati”

da incrementi di spesa che verranno cancellati.

I modesti tagli previsti da inizio

2013 probabilmente non verranno implementati. Quando viene il momento

di tagliare sensibilmente il budget, i nostri politici vogliono

sempre posticiparne l’esecuzione.

In ogni caso il debito rimane. I politici

possono tentare di “scalciare il barattolo più in là” ancora una

volta, ma alla fine la resa dei conti arriva.

Se USA ed Europa non avessero accumulato

un tale debito, non avremmo tutti i problemi che ci ritroviamo oggi.

La crisi del debito è appena iniziata. Non esiste una pozione

magica in grado di far sparire il debito.

La maggior parte degli americani non

ha idea di quanto travaglio finanziario sia in arrivo; abbiamo vissuto

ben al di sopra dei nostri mezzi per decenni, e ora inizieremo a pagarlo.

Ora che il debito a lungo termine degli

Stati Uniti è stato declassato, molti altri strumenti finanziari

ne risentiranno. Secondo un recente

articolo su Bloomberg,

S&P è stata molto impegnata a tagliare la valutazione di parecchie

obbligazioni municipali.

Standard & Poor’s

ha abbassato i rating AAA di migliaia di obbligazioni municipali, inclusi

gli strumenti coperti da mutui ipotecari e da prestiti, in seguito al

declassamento del debito USA del 5 agosto.

Così funzionano i mercati: una

volta che le tessere del domino iniziano a cadere, gli effetti dell’onda

possono durare molto a lungo.

Se il crollo dei mercati peggiora ancora,

la Federal Reserve interverrà ancora più decisamente? Hanno già promesso

di tenere i tassi quasi a zero per i prossimi due anni. Che altro può

fare la Fed? Molti pensano ci siano buone possibilità per un altra

tornata di “quantitative easing” [QE, alleggerimento quantitativo,

eufemismo per indicare l’emissione di nuova massa monetaria elettronica

da parte della FED, che “compra” nuove obbligazioni governative,

mantenendo così bassi i tassi che il governo deve pagare, e incrementando

il budget di spesa del governo, nonché l’inflazione, ndt].

Non è che un ulteriore QE possa

aiutare molto. Anziché beneficiare l’economia, l’ultimo round

di QE ha solo fatto schizzare i prezzi delle materie prime al cielo.

In ogni caso è improbabile che la FED stia ferma mentre i mercati

agonizzano.

Ma non sono solo i mercati ad essere

ora in difficoltà. Notizie negative arrivano da ogni settore economico.

La probabilità di un’altra grande recessione sta crescendo di

giorno in giorno e, sfortunatamente, la nostra economia è così debole

che una nuova recessione farebbe ancora più danni di quanti non ne

fece l’ultima.

Mark Zandi, capo economista di Moody’s

Analytics, ha dichiarato che un’altra recessione “non sarebbe percepita come

una nuova recessione, bensì come una vera e propria depressione.

Ma gli americani non vogliono ulteriori

guai finanziari; ne hanno abbastanza, secondo gli ultimi sondaggi. Secondo

un recente sondaggio Reuters/Ipsos, il

73% della popolazione

crede che il paese sia “sulla strada sbagliata”.

Speriamo che il crollo dei mercati

non inneschi una nuova grande recessione globale. Non abbiamo certo

bisogno che le cose peggiorino ancora.

In ogni caso, ora o più avanti,

molti problemi economici sono in arrivo. USA ed Europa hanno preso pessime

decisioni per decenni, e non riusciremo a sfuggire alle conseguenze

di tali decisioni.

Il sistema finanziario globale è

una enorme montagna di speculazione a leva, rischio e debito.

Il collasso è inevitabile. Quando costruisci un castello di carte sulla

sabbia, non sorprenderti se crolla a terra.

La prossima ondata del crollo economico

è in arrivo, le persone sagge saranno pronte.

*********************************************

Fonte: The

Stock Market Crash Of 2011?

11.08.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALESSANDRO PAGANINI

Pubblicato da supervice

  • Jack-Ben

    scusate ma qualcuno ha ancora il dubbio che la baracca restera’ a galla… ormai qui siamo alla 3 guerra totale…. guardate il video di Alex Jones su youtube per avere maggiori info… ormai la pera e’ matura e siamo oltre il caffe o meglio in camera di rianimazione.

  • goslow

    quale è l’indirizzo?

  • Jack-Ben

    http://www.youtube.com/watch?v=0sMmZ9iHEkM

    Butta uno sguardo qui spero dia l’ideda di quello che e’ in programma

  • alvise

    Tutti i paesi europei in default, non a rischio, perchè il rischio non cè, c’è la CERTEZZA, non siamo rimbercilliti dai giornali e tv, devono avere il coraggio di non pagare il debito, ma TUTTI, non solo l’italia o il portogallo ecc, TUTTI, allora voglio vedere se tutti lo facessimo, che cosa può fare la germania o tutti i paesi creditori. I governi da soli non lo faranno mai, noi TUTTI dobbiamo dargli la spintarella, io sono pronto.