Home / ComeDonChisciotte / I VARI MODI DI PISCIARE

I VARI MODI DI PISCIARE

DI ARTHUR SILBER
Power of Narrative

Ecco come William Blum descrive la

distruzione dell’Iraq ad opera degli Stati Uniti (citato da Chris Floyd in un post recente)

“La maggior parte

della gente non capisce l’importanza di quello che abbiamo fatto qui”,

ha detto il Sergente Maggiore Ron Kelley mentre assieme a altri militari

si preparava a lasciare l’Iraq a metà

dicembre: “Abbiamo fatto qualcosa di grande per questa nazione.

Abbiamo liberato un popolo, abbiamo restituito loro il paese.”“È piuttosto eccitante”, è il commento di un altro giovane soldato americano: “Finiremo nei libri di storia, a quanto pare.” (Washington Post, 18 dicembre 2011)

Ah, i libri di storia, sì, una bella collana di volumi rilegati in cuoio dal titolo “Le più grandi catastrofi inflitte da un Paese all’altro”. Nell’ultimo volume sarà possibile trovare tutta la documentazione con tanto di foto di come la moderna, raffinata, avanzata nazione irachena fu ridotto a uno stato semi-fallito; di come gli americani, per un motivo o l’altro (tutti pretestuosi) a partire dal 1991 bombardarono il Paese per dodici anni; invasero, occuparono, rovesciarono il governo, torturarono senza farsi scrupoli, uccisero di proposito… di come gli abitanti di quella terra martoriata persero tutto – le loro case, le scuole, l’elettricità, l’acqua potabile, i loro
quartieri, le moschee, persero l’ambiente, il lavoro, le ricchezze archeologiche, persero la carriera, le competenze, le aziende pubbliche, la sanità fisica e quella mentale, la sanità pubblica, lo stato sociale, i diritti delle donne, la tolleranza religiosa, la sicurezza, la tranquillità, i figli, i genitori, il passato, il presente, il futuro, la vita… Più di metà della popolazione morta, ferita, traumatizzata, in prigione, evacuata o in esilio… L’aria, il suolo, l’acqua, il sangue e i geni contaminati dall’uranio impoverito…le più incredibili deformazioni alla nascita… ordigni inesplosi disseminati ovunque in attesa di essere raccolti da bambini … un fiume di sangue che scorre a fianco del Tigri e dell’Eufrate … attraverso un Paese fatto a pezzi per sempre …

I fatti descritti da Blum non sono

altro che questo, appunto: fatti. Non questioni da discutere. Ci sono

una quantità di articoli e di fonti che lo dimostrano. Nonostante questo

Barack Obama – osserva Blum – vuole fare passare ancora una volta

la distruzione di un intero paese come “uno straordinario risultato,

che ha richiesto nove anni per essere realizzato”.

Questo completo stravolgimento della

verità è il frutto di secoli di bugie ininterrotte. Il giorno

mutato in notte, la vita in morte – e tutto ciò è, anzi deve

essere il bene”. Queste sono le perverse distorsioni della

mitopoiesi americana, come la descrivevo già nel luglio 2010 in “The Blood-Drenched Darkness

of American Exceptionalism“:

L’invasione e l’occupazione americana non è stata altro che una serie ininterrotta di crimini di guerra. Ciò è fuori discussione. Siccome è fuori discussione, non se ne parla.

E non solo non se ne parla, che già di per sé è un crimine. Il mito dell’eccezionalità americana ci racconta che gli Stati Uniti sono unici e unicamente buoni. Non basta ignorare le conseguenze negative delle nostre azioni: dobbiamo trasformarle tutte nel bene assoluto. Il processo
è stato seguito alla lettera in ciascuno degli interventi bellici intrapresi dagli Stati Uniti (a partire
dalle Filippine, passando per la prima Guerra Mondiale, la Seconda e i molti interventi successivi, fino all’Iraq
e l’Afghanistan oggi) e lo stesso identico processo ha funzionato per
anni con la guerra in Iraq.

[…]

Tale è il potere della mistificazione su larga scala: una tragedia
sanguinosa di proporzioni storiche diventa “un risultato straordinario” e una guerra criminale di aggressione è tramutata dalle alchimie della mitopoiesi culturale in un “successo”. E’ questo il morbo insediato nel cuore marcio del mito: qualsiasi cosa facciano gli Stati Uniti, porterà
al bene e al bene soltanto.

E tutto ciò – tutto – è una miserabile e imperdonabile menzogna.

Con il gennaio 2012 iniziamo un altro

anno pieno di dolore, terrore, sangue e morte. Il mostro che ci porterà

questi terribili regali sarà ancora una volta il governo degli Stati

Uniti. La catena di sofferenze si estende attraverso Pakistan, Afghanistan,

Somalia, Yemen e Libia. L’Iran potrebbe diventare un altro beneficiario

della magnifica generosità degli Stati Uniti. Ma l’ambizione della

nostra classe dirigente va ben oltre questa lista. Come ho sottolineato

in “The

Face of the Killer Who Is Your President,”

citando Nick Turse:

La presenza globale – in circa il 60% delle nazioni del mondo, molto più di quanto non venisse in passato riconosciuto
– fornisce nuove inequivocabili prove delle attività clandestine di un gruppo di potere, che sta emergendo all’interno del Pentagono e finanzia una guerra segreta da un capo all’altro del pianeta.

[…]

In 120 paesi del mondo le truppe dello Special Operations Command portano avanti la loro guerra segreta fatta di assassinii prestigiosi, omicidi di bassa lega, operazioni di cattura e rapimento, raid notturni nelle abitazioni, operazioni coordinate assieme a forze straniere, e missioni “di prova” con partner locali. Il tutto fa parte di un conflitto dai tratti oscuri e sconosciuto alla grande maggioranza degli americani.

Un altro elemento va aggiunto alla lista degli orrori:

Obama e la sua amministrazione rivendicano il “diritto” di uccidere chiunque al mondo dovunque si trovi, per qualunque ragione ritengano opportuna, o anche
senza nessuna ragione. Non si pongono un limite massimo quanto al numero: possono assassinare tante persone quante ne desiderano. E sostengono che niente al mondo può impedir loro di esercitare questo
“diritto”.

Sono le regole del gioco. È chiaro? Stabilito questo, c’è poco da discutere. Possono ucciderti, e possono uccidere chiunque altro. In nome di tutto quello che avete di sacro, cosa volete che rimanga da discutere dopo che un “diritto” del genere è stato sancito?

Ci rifiutiamo di riconoscere la natura

e l’estensione dell’orrore che ci circonda. È comprensibile,

in un certo modo. La lotta per la sopravvivenza necessita a volte un

certo grado di selettività. (Stavo per scrivere “negazione” al

posto di “selettività”. Ma la negazione non è mai giustificabile;

soprattutto in questioni di vita e di morte). E tuttavia se vogliamo

resistere al male, dobbiamo essere in grado di guardare in faccia il

nemico che con distacco quasi cinico.

Forse questo passaggio aiuterà a

chiarire la questione:

Le autorità vi hanno detto – più volte, estesamente, sempre enfatizzando la propria assoluta convinzione al proposito – che la vita degli americani non vale un cazzo. La vostra vita, la vita di tutti coloro che amate e conoscete, dei vostri vicini di casa e concittadini, di tutti gli americani non vale assolutamente nulla.

[…]

Non c’è potere più alto che quello di vita e di morte. È il potere assoluto. È il potere rivendicato da tutti i mostri assassini della storia. Lo sapete. Vi rifiutate di capire che cosa ciò significhi.

Come vuole dimostrare il monologo sopra

citato, il governo degli Stati Uniti non riconosce alcuna differenza

tra le vite degli americani e quelle di qualunque altro popolo della

terra: tutti gli esseri umani ovunque siano devono essere brutalizzati,

terrorizzati e assassinati come pare al governo degli Stati Uniti.

Il comportamento del governo negli

ultimi cento anni – e ancora oggi – ne è la conferma. L’orrore

ci accoglie al mattino appena svegli e le grida delle vittime ci fanno

da ninna nanna la sera. L’orrore è l’aria che respiriamo, l’atmosfera

culturale che ci circonda. È il toc toc alla porta.

Nel gergo del momento, o meglio in

una versione semplificata del gergo, potremmo dire con esattezza e precisione:

La classe dirigente degli Stati Uniti piscia sul mondo intero proprio come piscia in testa a qualunque essere umano non goda di privilegi e potere.

Ecco le fondamenta del nostro vivere

odierno. Ecco la verità che quasi nessuno vorrà mai dire.

Siccome rifiutiamo di riconoscere la

realtà dell’orrore, trasferiamo nevroticamente il nostro sdegno

su questioni che, al confronto, appaiono triviali. Certo è disgustoso

che dei Marines abbiano pisciato

sui cadaveri di Talebani morti.

Ma è più disgustoso il fatto che i Talebani siano morti, in una guerra

criminale di aggressione finanziata per favorire l’egemonia globale

degli Stati Uniti. Provate a mettere in ordine i seguenti elementi in

base al disgusto che meritano secondo voi:

* La distruzione sistematica di una

serie di nazioni e dei loro popoli nell’arco di diversi decenni.

* L’assassinio di oltre un milione di persone

innocenti in una guerra

criminale.

* Gli assassinii ancora in atto di

persone che non minacciano (né potrebbero minacciare) la pace degli

Stati Uniti, in Afghanistan, Pakistan, Yemen, Somalia, eccetera eccetera

eccetera, in 120 paesi del mondo.

* La pretesa del governo americano

di avere il “diritto” di uccidere chiunque al mondo

per qualunque motivo gli sembri opportuno, un “diritto”, vi ricordo,

che il governo ha messo in pratica.

* Pisciare su tre cadaveri.

Non si parla dei primi quattro punti,

ma i custodi della cultura occidentale esprimono tutto il loro disgusto

per il quinto. Una simile omissione non può essere innocente. Lo scopo

è permettere a coloro che si dichiarano disgustati, di convincere se

stessi (e noi) di essere “retti”, “buoni” e “decenti”. Non

lo sono. Se lo fossero, parlerebbero degli altri quattro punti, e ne

parlerebbero in ogni momento. Invece non ne parlano se non per

giustificarli.

La vera oscenità è la seguente

dichiarazione rilasciata da un“responsabile della comunicazione”

del corpo dei Marines: “Le azioni descritte non sono in linea

con i nostri valori fondanti né indicative del carattere del Corpo

dei Marines”. Sotto la pressione dell’interminabile bugia dell’eccezionalità

americana, la gioia diventa sofferenza, la vita diventa morte, ed è

necessario che tale perversione sia vista come qualcosa di buono.

Il responsabile della comunicazione si esibisce in un’ulteriore contorsione:

le azioni descritte” sono la perfetta applicazione

dei loro “valori fondanti”. Il corpo dei Marines è uno strumento-chiave

utilizzato dal governo nelle sue guerre di aggressione criminale ai

danni di esseri umani innocenti. Non possono compiere niente che

non sia oscenità. La loro presenza in Afghanistan è già

di per sé un’oscenità. Che abbiano pisciato sui cadaveri è un

dettaglio che va inserito nel contesto politico della presenza americana

in quel paese.

Un’altra verità, particolarmente spiacevole,

andrebbe evidenziata. Sebbene diversi commentatori abbiano espresso

disgusto per questo episodio, quello che realmente li preoccupa non

è che sia capitato, ma che sia diventato noto. Sono preoccupati

delle conseguenze che potrebbe avere. Ieri ho sentito in una radio locale

di Los Angeles un ospite (questo

idiota del cazzo) che ha

espresso con insolita chiarezza il seguente punto di vista. Ho preso

appunti mentre parlava e posso citare con una certa precisione. “Sono

infastidito dalle conseguenze di questo episodio per il Paese e per

il corpo dei Marines. Non me ne importa nulla che abbiano urinato su

dei cadaveri di Talebani. Non ho compassione per quei tizi morti, forse

questo fa di me una persona terribile, forse

è così [certo che è così] … ma la cosa veramente spiacevole

è che questa storia sia venuta a galla.

Lo stesso ospite ha letto la lettera

del padre di un soldato attualmente in forze all’esercito. Questo signore

esultava, facendo scempio verbale dei morti e dicendo che era “il

minimo” che meritassero. L’ospite chiese se anche il figlio fosse

d’accordo, aspettandosi forse una risposta sulla scia di quella del

responsabile della comunicazione, ossia che tali comportamenti non fossero

“in linea” con i “valori fondanti del corpo dei Marine”.

Il genitore fece seguire immediatamente un’altra mail, di cui

l’ospite diede lettura. Il genitore aveva appena chiesto al figlio cosa

ne pensasse e questi – che, ripeto, è tutt’oggi in servizio – aveva

scritto in risposta: “Bene! È

esattamente quello che si meritano. I miei camerati avrebbero

– bip – su quei cadaveri!” Suppongo che il figlio avesse scritto

“cagato”, ma il conduttore ha preferito non pronunciare la parola

in onda. Ecco come siamo buoni e dignitosi!

Questo genere di disposizione non è

raro tra gli americani in generale, e in particolare tra gli americani

arruolati nell’esercito. Per forza: sono decenni che gli Stati Uniti

non inviano i loro militari all’estero in una vera guerra difensiva.

Li inviano in guerre di aggressione, o a preparare guerre di aggressione.

Non è un segreto da specialisti. È un fatto noto a chiunque abbia

una conoscenza minima della storia recente e degli eventi in corso.

Ed è un fatto arci-noto a chi è spedito combattere a migliaia di chilometri

di distanza, all’altro capo del pianeta. Chiunque sia in possesso delle

più elementari capacità mentali si chiederà: “Cosa cavolo ci

faccio qui? Come può questa gente costituire una minaccia per gli Stati

Uniti?” A questo punto, penso che non rimangano giustificazioni

per chi si arruola nell’esercito statunitense. Troverete le mie argomentazioni

in diversi saggi; potete cominciare da qui e qui e seguire i link. In passato non avevo un

giudizio così definitivo in merito alla questione. Ma chi si arruola

oggi nell’esercito degli Stati Uniti, si offre volontario per diventare

parte di una vasta, sconfinata operazione criminale.

Punto.

Un’ultima questione. Ho detto che la

vera preoccupazione della maggior parte dei commentatori “sdegnati”

per l’episodio non è che esso si sia verificato, ma che è stato reso

noto. Intendo, naturalmente, noto al pubblico americano. Non è possibile

che un episodio di questo tipo sia una rarità, o un’iniziativa di poche

“mele marce”. Come vale per le orribili violenze di Abu Ghraib,

episodi come questo devono capitare con una certa frequenza. Non si

può fare parte di una vasta, sconfinata operazione criminale,

– non è possibile viaggiare da un capo all’altro del mondo e uccidere

(o essere pronti a uccidere) uomini innocenti incapaci di nuocere altrimenti

e rimanere delle “brave persone”. Lo ripeto: non

è possibile. Siccome orrori come questo devono capitare con immancabile

regolarità, per forza di cose le persone che vivono nei paesi brutalizzati

dagli Stati Uniti ne saranno a conoscenza. Gli orrori di Abu Ghraib

non erano una novità per gli iracheni. Episodi come quelli a cui noi

americani prestiamo adesso tanta attenzione non possono essere una novità

per gli afghani.

Ma gli americani vivono nel bozzolo

di miti corroborati da tutti i mezzi di comunicazione e dalla maggioranza

degli americani “ordinari”. Video come quest’ultimo sono una minaccia

per quei miti e mettono in discussione la nostra amata convinzione di

essere “buoni” come nessun altro lo è. Pisciare su corpi morti

è un’immagine inconciliabile con la nostra disperata auto-adulazione,

con la nostra incontestata e incontestabile convinzione di essere intrinsecamente

superiori a qualsiasi altro popolo e autorizzati a fare i nostri “bisogni”

in ogni angolo del globo. Per questo, l’episodio deve essere spiegato,

minimizzato, giustificato. Se è condannato, lo è come una deviazione,

come un evento straordinario che “non

è in linea con i nostri valori fondanti”.

Non riconosceremo né affronteremo

mai la realtà che gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra al mondo

intero – come altro si deve intendere il fatto che abbiamo fronti aperti

in 120 paesi? – e che la classe dirigente rivendica il diritto di

disporre della vita di qualunque essere umano. E dunque ribadisco:

Il governo degli Stati Uniti piscia in testa a te e a qualsiasi altro essere umano al mondo che non sia provvisto di privilegi e di potere

Dovete cercare di proteggere voi stessi

come meglio potete.

**********************************************

Fonte: The Varieties of Pissing

12.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DAVIDE ILLARIETTI

Pubblicato da supervice

  • osva

    Diavolo.
    Sono rimasto senza fiato.
    E mi sono commosso.
    Eppure sapevo già tutto. Ma non mi fermo mai a pensare.
    “Ci rifiutiamo di riconoscere la natura e l’estensione dell’orrore che ci circonda.”

  • alberto_his

    Ottimo articolo, incisivo e coinvolgente.

  • Tao

    LA CULTURA SUPERIORE

    DI MASSIMO FINI
    ilfattoquotidiano.it

    La cultura superiore. Piscia sui cadaveri dei nemici uccisi, piscia sui prigionieri, dopo averli denudati, derisi, fotografati, portati in giro in carriola per renderli più ridicoli, piscia sui loro simboli religiosi. Pisciano i soldati della cultura superiore, quasi spurgo simbolico del marciume del mondo cui appartengono, ma non sanno più combattere. Per questo il più potente, moderno, sofisticato, tecnologico, robotico esercito che abbia mai calcato la scena, dopo dieci anni di occupazione sta perdendo la partita in Afghanistan ed è costretto a pietire dal nemico una qualsiasi ‘exit strategy’ che mascheri la vergognosa sconfitta. Che oltre, e prima, che militare è morale.

    I Talebani sono feroci e crudeli in battaglia, certo, ma non pisciano sui nemici uccisi, non pisciano sui prigionieri ma li trattano, finché conservano questo status, con rispetto e, se sono stranieri, come ospiti. Possono uccidere, e uccidono, ma non torturano. Hanno conservato il senso di sé e della propria e altrui dignità, valori prepolitici, prereligiosi, di cui la cultura superiore si è completamente svuotata. Hanno provato a corromperli in tutti i modi, i Talebani, ma non ci sono riusciti. Sulla testa del Mullah Omar, il loro capo indiscusso, pende una taglia di 25 milioni di dollari, ma in dieci anni non si è trovato un solo afghano disposto a tradirlo per una cifra che è enorme in sé e quasi inconcepibile da quelle parti. Nella cultura superiore uomini ricchi e potenti si vendono per un soggiorno in albergo, per un affitto, per un viaggio in aereo, per una nota spese mentre le donne, libere donne non oppresse dalla necessità, si fan comprare per 1.000 euro o poco più.

    La Cia è arrivata al ridicolo di offrire agli anziani capi tribali afghani, che han molte mogli, il Viagra. A questi livelli si è abbassata la cultura superiore. Gli occidentali son sempre pronti ad accusare i propri nemici di perpetrare stupri (nel caso dei Talebani cosa ridicola, esclusa proprio dalla loro sessuofobia) ma non fanno che proiettare, come si dice in psicoanalisi, la propria ombra. Se i Talebani sono sessuofobi, gli occidentali sono sessuomani, ma non per un eccesso di virilità, bensì per il suo contrario, per impotenza, per estenuazione e son costretti a volare a Phuket per trarre, violando bambine, dal loro membro floscio, oltre che piscio, una goccia di sperma.

    Gli occidentali, affogati nella grascia del benessere, non sono più abituati al combattimento in senso proprio. Il sudore e la ferocia del corpo a corpo gli fa orrore, la vista del sangue, se non è televisivo, li manda in deliquio. Appena possono i loro soldati evitano il combattimento. Usano quasi esclusivamente i caccia e i bombardieri contro un nemico che non ha aerei né contraerea ed è quindi inerme. E se in qualche caso vengono coinvolti in uno scontro ravvicinato, e subiscono le pesanti perdite che quotidianamente, con tranquilla coscienza, infliggono agli altri, lo sentono come un affronto, una slealtà, una vigliaccata, qualcosa di cui sdegnarsi, un atto illegittimo e immorale. Per la cultura superiore è morale invece che aerei-robot colpiscano e uccidano teleguidati a diecimila chilometri di distanza da piloti che non corrono alcun rischio, nemmeno quello di infangarsi le scarpe. Dall’altra parte ci sono, all’opposto, uomini, armati quasi solo del proprio corpo, del proprio coraggio, della feroce determinazione a difendere i propri valori, giusti o sbagliati che siano, e che, per questo, si implicano totalmente. Il presidente degli Stati Uniti Barak Obama ha detto: “Se potessi farei combattere solo i robot per risparmiare le vite dei nostri soldati”. Ma è il combattente che non combatte a perdere ogni legittimità, ogni dignità e onore. Questa è la cultura superiore. Io ci piscio sopra.

    Massimo Fini
    Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it
    14.01.2012

  • alberto_his

    Fatti più in là Massimo, che ci piscio anch’io…

  • yakoviev

    W l’Atomica Nord Coreana e (speriamo) Iraniana

  • VeniWeedyVici

    Razza che definire bastarda e’ poco. Tranquilli, moriranno tutti di obesita’ e abuso di psicofarmaci (sempre se non si ammazzano tra loro). Ho amici di TUTTE le razze e i paesi, non ho amici yankee, ci sara’ un cazzo di motivo?!

  • MIRDAD

    Gli americani prima o poi raccoglieranno quello che hanno seminato ed io francamente non vorrei essere nei loro panni….