I tamburi di guerra USA continuano a battere, coperti dal lockdown

Philip Giraldi

Unz.com

Gli Stati Uniti hanno appena dichiarato guerra al coronavirus, con il presidente Donald Trump che si autoproclama “presidente in tempo di guerra”. Se si ritiene che il virus debba essere affrontato con la massima aggressività chiudendo efficacemente il paese o che le misure già in atto siano già una reazione eccessiva, non sembra avere importanza, poiché gli sviluppi dei prossimi mesi dimostreranno probabilmente ciò che si sarebbe potuto/sarebbe dovuto fare. Ma nel frattempo proliferano le opinioni estreme, con Rush Limbaugh che scopre una cospirazione di democratici e comunisti per distruggere il capitalismo con “il pretesto di salvare vite umane“, mentre un  più sobrio ma ideologicamente guidato dal libertario Ron Paul ha scelto di scrivere un articolo intitolato “Coronavirus Hoax” che ha messo personalmente alla gogna come “capo spaventapasseri” l’esperto del governo, ampiamente rispettato, sull’origine e la diffusione della malattia, il dottor Anthony Fauci.

Stalin ha detto che la morte di una persona è una tragedia, mentre la morte di un milione di persone è una statistica. Sia per Limbaugh che per Paul un’epidemia che potrebbe uccidere decine o addirittura centinaia di migliaia di americani produce una statistica, di minore importanza rispetto al mantenimento di una Wall Street completamente corrotta e alla “libertà” dell’individuo di andare a fare shopping. Infatti, se il capitalismo americano “avvoltoio” guidato dall’avidità deve essere preservato nella sua forma attuale per proteggere e dare potere ai ricchi, la maggior parte degli americani potrebbe accogliere con favore un cambiamento radicale che includa una vera e propria rete di sicurezza per le infrastrutture sanitarie, attesa da tempo.

Nel frattempo, preoccupazioni più razionali e legittime vengono sollevate da coloro che sono preoccupati per il tipo di democrazia ed economia americana che emergerà dall’altra parte. Esortano l’opinione pubblica ad essere particolarmente attenta alla continuazione delle pratiche di emergenza sia a livello federale che statale, permettendo ai rispettivi governi di agire in modo autocratico con poca trasparenza o responsabilità.

Un passo particolare che è stato implementato è l’uso del tracciamento dei telefoni cellulari, senza il permesso dei proprietari dei dispositivi, per monitorare se le misure di separazione e di isolamento sono osservate da individui che sono in giro, determinando se stanno obbedendo o meno alle regole in vigore per penalizzare la congregazione in pubblico. Sembra che il governo e anche almeno una società privata, presumibilmente israeliana, abbiano ora la capacità di tracciare centinaia di migliaia, se non milioni, di telefoni contemporaneamente. Questo abuso “d’emergenza” del diritto alla privacy equivale a una perquisizione illegale e dovrebbe essere contestato nella sua costituzionalità, ma il vero pericolo è che gli strumenti usati per monitorare l’ubicazione dei telefoni possano essere usati anche dopo la crisi rivendicata per monitorare le attività perfettamente legali dei cittadini. Ci dovrebbe essere anche la preoccupazione che, una volta sviluppata la tecnologia per rintracciare i telefoni, si potrebbe integrare questa funzionalità nella consolidata capacità della National Security Agency di intercettare e registrare le conversazioni private.

Di sicuro un mondo diverso emergerà nel post-coronavirus, ma si potrebbe osservare con disappunto che alcune cose non sembrano mai cambiare anche nel bel mezzo di una crisi sanitaria globale. Si potrebbe infatti sospettare che gli Stati Uniti, lungi dal mettere ordine in casa propria, abbiano usato il virus come copertura per intensificare le loro attività aggressive in Asia e in America Latina. Lungo la strada, hanno anche deliberatamente sfruttato la malattia per punire quei Paesi con i quali ha un rapporto conflittuale.

Coloro che promuovono le politiche di “massima pressione” per il cambiamento di regime preferito dall’amministrazione Trump sono i capi civili della Casa Bianca, ovvero il segretario di Stato Mike Pompeo e il consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien. I generali, tra cui il Segretario della Difesa Mike Esper e i Capi di Stato Maggiore, considerano l’esercito già eccessivamente esteso e finora hanno resistito ad alcuni dei suggerimenti più folli, ma ciò non significa che le proposte scioviniste siano scomparse. Sono ancora sul tavolo delle trattative, soprattutto da parte di Pompeo, e poiché il presidente è facilmente convincibile a intraprendere un’azione militare, dovrebbero essere considerate ancora valide.

Le due linee d’azione proposte che sono emerse di recente e che devono essere considerate al limite della follia, riguardano entrambe l’Iran. Una di esse è notevole in quanto crea due nuovi nemici attivi contemporaneamente. Consiste in un ordine del Pentagono ai comandanti regionali di fare i preparativi per attaccare e distruggere la milizia sciita irachena Kataib Hezbollah che la coppia O’Brien/Pompeo  ritiene essere legati all’Iran e responsabili dei recenti attacchi alle basi statunitensi in Iraq.

Il tenente generale Robert P. White, il comandante in capo degli Stati Uniti in Iraq, ha risposto immediatamente all’ordine, obiettando che una tale mossa avrebbe rischiato la guerra con l’Iran, mentre aumentava anche la pressione sul governo di Baghdad per espellere le forze americane dal Paese. White ha anche osservato di non avere forze sufficienti in Iraq e che qualsiasi attacco a una milizia irachena che tecnicamente fa parte dell’esercito iracheno produrrebbe una guerra aperta all’interno dei confini di un paese che tecnicamente è un alleato. Se altre milizie, tra cui il numeroso e ben armato esercito Badr, si unissero agli attacchi alle basi statunitensi, non ci sarebbe modo di difenderle.

L’ordine è un compromesso dovuto a forti disaccordi all’interno dell’amministrazione Trump su come punire l’Iran e le sue milizie irachene delegate. Pompeo e O’Brien vedono il coronavirus, che ha colpito duramente l’Iran, come un’opportunità per distruggere le milizie mentre l’Iran non è in grado di reagire. Secondo il New York Times, Esper ha approvato la pianificazione solo per creare opzioni per trattare con l’Iraq e l’Iran sulla base della possibilità che gli attacchi contro le forze statunitensi aumentino. Finora, Donald Trump ha avvertito che l’Iran o una milizia per procura sta pianificando un “attacco a sorpresa” alle basi americane in Iraq e ha dichiarato che l’Iran stesso “pagherebbe un prezzo molto alto” se venisse eseguito. Tuttavia, il presidente ha solo acconsentito a lasciare che la pianificazione continui, anche se ha anche minacciato di “risalire la catena alimentare”, implicando che è pronto ad attaccare direttamente l’Iran in caso di escalation contro le truppe americane.

Pompeo e O’Brien, insieme a Richard Grenell, recentemente nominato direttore dei servizi segreti nazionali, hanno anche promosso un’azione più seria, ovvero attaccare l’Iran senza preavviso e senza alcun pretesto, mentre si trova in uno stato di debolezza a causa della crisi sanitaria. Pompeo, O’Brien e Grenell hanno sostenuto che un attacco diretto contro l’Iran, eventualmente anche per colpire le sue navi militari, indebolirebbe talmente il regime per la sua incapacità di difendere il Paese che i suoi leader sarebbero costretti ad aprire negoziati, cioè ad arrendersi a Washington.

Washington ha sia aumentato le sanzioni e negato i farmaci sia all’Iran, sia al Venezuela, per esercitare ulteriori pressioni sui loro governi mentre affrontano la pandemia di coronavirus. L’amministrazione Trump è stata in grado di bloccare i prestiti d’emergenza del Fondo Monetario Internazionale per 5 miliardi di dollari ad entrambi i Paesi, inviando al contempo navi da guerra nei Caraibi e nel Golfo Persico per sostenere il messaggio con la forza, se necessario. L’argomento utilizzato per punire il Venezuela è che non è chiaro chi rappresenti il governo legittimo del Paese, che si tratti di Nicola Maduro, il presidente, che Pompeo ha definito un “trafficante di droga”, o di Juan Guaido, l’aspirante alla carica di capo dello Stato promosso dal Dipartimento di Stato.

Gran parte delle manovre di Washington sono passate inosservate, data la copertura fornita dalla crisi del coronavirus. Venezuela a parte, la maggior parte della pianificazione si è concentrata sull’Iran, l’avversario più odiato della Casa Bianca di Trump e anche, forse non a caso, il perenne nemico numero uno di Israele. In un’altra mossa, il 27 marzo, l’Agenzia di cooperazione per la sicurezza della difesa del Dipartimento di Stato americano ha annunciato l’approvazione di un accordo da 2,4 miliardi di dollari con Israele per l’acquisto di otto petroliere KC-46A Pegasus.

Con questo accordo per la prima volta gli Stati Uniti vendono a Israele aerei cisterna costruiti appositamente. Il KC-46A Pegasus può trasportare 106 tonnellate di carburante per rifornire i jet da combattimento e ha un raggio d’azione di oltre 6.000 miglia. Permetterà all’aviazione israeliana di avere una capacità di rifornimento sufficiente per attaccare direttamente l’Iran, il suo principale obiettivo regionale. Israele ha spesso dichiarato la sua volontà di attaccare i siti nucleari iraniani e potrebbe anche sfruttare l’opportunità offerta dal coronavirus e dalle sue conseguenze per farlo.

Così, in un momento in cui l’opinione pubblica americana chiede a gran voce l’assicurazione che si sta facendo tutto il possibile per affrontare il coronavirus, alcuni funzionari della Casa Bianca stanno pianificando nuove guerre. Se si cercasse la prova di quanto sia disfunzionale l’amministrazione Trump, non sarebbe necessario cercare oltre.

Fonte: https://www.unz.com/pgiraldi/targeting-iran-while-america-locks-down/

Traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di Riccardo Donat-Cattin