I ROTHSCHILD VOGLIONO LE BANCHE IRANIANE

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI PETE PAPAHERAKLES
American Free Press

È possibile che il conseguimento del

controllo sulla Banca Centrale della Repubblica Islamica d’Iran sia

uno dei motivi principali per cui l’Iran si trova ad essere oggetto

di attenzioni minacciose da parte delle forze occidentali e israeliane?

Dal momento che si percepisce una sempre maggiore tensione che suggerirebbe

l’imminenza di una inconcepibile guerra con l’Iran, è opportuno esplorare

il sistema bancario iraniano e confrontarlo con quelli statunitense,

britannico e israeliano.

Alcuni ricercatori fanno notare che l’Iran è uno dei soli tre paesi rimasti al mondo la cui banca centrale non sia sotto il controllo dei Rothschild. Prima dell’11 settembre esistevano, a quanto pare, sette paesi con tale caratteristica: Afghanistan, Iraq, Sudan, Libia, Cuba, Corea del Nord e Iran. A partire dal 2003, tuttavia, Afghanistan e Iraq sono stati inghiottiti dalla piovra Rothschild; dal 2011 la stessa sorte è toccata a Sudan e Libia. In Libia una banca dei Rothschild è stata istituita a Bengasi mentre ancora imperversava la guerra.

L’Islam vieta l’addebito di interessi,

il che costituisce un problema rilevante, nella prospettiva del sistema

bancario dei Rothschild. Fino a pochi secoli fa, la pratica di disporre

interessi sul credito era vietata anche nel mondo cristiano, e talora

punita con la pena capitale. Era paragonata allo sfruttamento e alla

schiavitù.

Da quando i Rothschild hanno rilevato

la Banca d’Inghilterra attorno al 1815, il loro controllo ha cominciato

ad espandersi sulle banche di tutto il mondo. Il loro metodo è quello

di far accettare un prestito ingente a un politico corrotto di un dato

paese: si tratta naturalmente di un prestito che quel paese non è in

grado di ripagare, e che lo conduce all’indebitamento con la potenza

bancaria dei Rothschild. L’esponente della classe dirigente che si rifiuta

di accettare il prestito è spesso spodestato o ucciso. Se non ci si

riesce, si può arrivare all’invasione, con successiva installazione

di una banca usuraia dei Rothschild.

I Rothschild esercitano un’influenza

considerevole sulle principali agenzie di stampa mondiali. La narrativa

riprodotta in serie da queste ultime induce le masse a credere a racconti

horror che parlano di criminali malvagi. I Rothschild controllano

la Banca d’Inghilterra, la Federal Reserve, la Banca Centrale

Europea, il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Mondiale e la Banca

dei Regolamenti Internazionali. Posseggono anche la maggior parte dell’oro

del mondo, così come il London

Gold Exchange che fissa quotidianamente il prezzo dell’oro. Si dice

che la famiglia possegga più della metà della ricchezza del pianeta,

stimata dalla Credit Suisse in 231 trilioni di dollari, e che sia controllata

da Evelyn Rothschild, attuale capo famiglia.

Ricercatori obiettivi sostengono che

il motivo per cui l’Iran viene demonizzato non è legato a una

presunta minaccia nucleare, così come non erano minacce i talebani,

l’Iraq di Saddam Hussein, la Libia di Gheddafi.

Qual è, dunque, il vero motivo? I

trilioni in gioco nel giro d’affari del petrolio o quelli dei profitti

di guerra? Si tratta di portare a compimento la bancarotta degli Stati

Uniti o di cominciare la Terza Guerra Mondiale? Si tratta di distruggere

i nemici di Israele o di distruggere la Banca Centrale Iraniana, in

modo che non si possa sfuggire al controllo finanziario dei Rothschild?

Il motivo vero potrebbe essere ognuno

di quelli citati, o, peggio, potrebbero essere tutti insieme.

**********************************************

Fonte: ROTHSCHILDS WANT IRAN’S BANKS

10.02.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ADL

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
14 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
14
0
È il momento di condividere le tue opinionix