I geni non sono il destino

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

È così. I geni non sono il destino perché le informazioni che contengono (ad esempio la possibilità di indurre una patologia oppure di determinare una specifica caratteristica morfologica o funzionale) si traducono concretamente nell’organismo solo all’interno di un complesso sistema di regolazione a sua volta influenzato dall’ambiente nel senso più ampio del termine.

Questo vuol dire, ad esempio, che un bambino può anche avere nei suoi cromosomi il gene o i geni che determinano la celiachia, ma non è detto che poi sviluppi questa malattia nel corso della sua vita. Molte cose potranno fare la differenza: se è alimentato con latte artificiale o è allattato al seno, se ha uno svezzamento precoce o si nutre per lungo tempo con il latte della mamma, se viene curato frequentemente con antibiotici e antinfiammatori oppure attraverso la fitoterapia, l’omeopatia e altre sostanze naturali, se consuma regolarmente cibi manipolati industrialmente o invece alimenti biologici seguendo il ritmo della natura.

In realtà sono tantissimi altri i fattori che influenzano il nostro stato di salute: la quantità di tempo passata all’aperto o al chiuso, l’esposizione alla luce solare o artificiale, il movimento o la sedentarietà, la qualità dell’aria, dell’acqua, dei cibi, le sostanze con le quali veniamo in contatto, ma anche le emozioni, i pensieri e i sentimenti danno un contributo fondamentale al nostro benessere o malessere.

Ho fatto l’esempio della celiachia, ma il discorso è valido in generale perché, al di là dei geni, sono le risposte agli stimoli ambientali che determinano realmente la nostra biologia e influenzano il comportamento delle cellule.

Quanta importanza acquisisce, allora, il nostro comportamento?
Quanta importanza acquisisce il nostro modo di sentire, pensare, parlare e agire?
Tantissima! Ed è fondamentale capire questo per porsi nel modo corretto nei confronti della salute.

Non della salute in astratto, ma della propria salute. Il che equivale ad una assunzione di responsabilità: smettere di pensare che tanto ci sarà sempre un intervento esterno (persona o farmaco) capace di risolverci i problemi e, invece, riscoprire l’importanza di un sano e corretto stile di vita proprio per prevenire disturbi e malattie e cercare, quanto più possibile, di mantenere il proprio organismo in equilibrio.

Certo può apparire faticoso, se non si è abituati a prendersi cura in prima persona di se stessi.
Per stare bene, infatti, bisogna impegnarsi, non accontentarsi delle prime risposte o delle vie più comode e facili, ma avere la volontà di informarsi, interrogarsi e cambiare ciò che non è funzionale alla nostra salute. 
Occorrono motivazione, costanza, disciplina e, a volte, anche il coraggio di andare controcorrente.

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
5
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x