Home / ComeDonChisciotte / I CONTI DELLA LAVANDAIA E L'ALITALIA

I CONTI DELLA LAVANDAIA E L'ALITALIA

QUANDO LA CURA E’ PEGGIORE DEL MALE, BISOGNA RIPENSARE ALLA CURA

DI PIETRO CAMBI
Crisis

Innanzitutto: Noi, noi tutti italiani, siamo i proprietari di Alitalia, ricordiamocelo.

Qualcuno, da noi delegato, dopo aver sfasciato tutto per benino, in ordinata alternanza con qualcun altro, ora la vuole svendere

In questi giorni vi hanno spiegato per benino quanto è messa male questa povera compagnia, quanto è stato amministrata in modo disgraziato, quanto i suoi dipendenti, pur avendo non poco contribuito allo sconquasso con le loro richieste sindacali sempre sistematicamente correlate con le feste e le vacanze, siano inguaiati etc etc.

Ma veniamo ai fatti.

Stiamo, tanto per cambiare a numeri semplici, comprensibili. Insomma ai classici conticini della lavandaia (da oggi di Via dell’Oche e non più di Borgunto). 

La compagnia ha circa 1.26 miliardi di debiti e 300 milioni di disponibilità (dati di fine gennaio 2008).

Era a quota 1,08 miliardi circa un anno fa (con circa 630 milioni di euro ancora disponibili per l’ordinaria amministrazione).

Quindi, senza stare a sfrucugliare troppo, in un anno scarso sono stati bruciati quasi 500 milioni di euro.

Si capisce che non vi sia la fila per acquisire un otre bucato come questo.

Ma l’offerta di Air France, è un dato di fatto, è addirittura imbarazzante: 138 milioni di euro e poi circa 700-800 milioni di euro da ottenere con un aumento di capitale e poi altrettanti garantiti dallo Stato (cioè sarà lo Stato italiano, ovvero noi, che risponderà in caso di problemi nella restituzione) e per finire alcune migliaia di esuberi (tra i quali alcune centinaia di piloti, che costano, sono costati (a noi “azionisti” di Alitalia) milioni di euro per la formazione e che finiranno sul mercato).

Ma quanto vale l’Alitalia?

Un centosessantesimo della Airfrance?

Quante sono le proprietà della compagnia, quanto valgono?

Vorrei trascurare, per il momento, il pur enorme valore di Malpensa e relativi enormi immobili e terreni (realizzati con i NOSTRI SOLDI ricordiamocelo). 

Vorrei tralasciare le rotte aeree e gli altri diritti di traffico (roba da esperti).

Rimaniamo al patrimonio base.

L’Alitalia ha, anzi direi aveva, 185 aerei

Dico aveva perchè, nel marasma di questi ultimi giorni, non sono stati buoni a pagare la quota di riscatto alla fine del leasing per tre aerei.

Tre boeing 767 , pagati interamente, CON I NOSTRI SOLDI, e regalati alle compagnie di leasing. Persi. Regalati, ripeto, in quanto pagati fino all’ultima rata.

Ma quanto costa un Boeing 767 usato …ma tenuto bene? (L’Alitalia fa tutta la manutenzione che deve quando deve e come deve, anzi spende anche troppo).

Se ve lo eravate mai chiesto ecco qui: almeno 44 milioni di euro per un 767 quasi decrepito di 15 anni di età.

Gli aerei, ben piu’ giovani, dell Alitalia valevano almeno qualcosa di piu’.

Mettiamo un 1% in più, tanto per dire.

Farebbero 48 milioni ad aereo.

Ovvero 144 milioni di euro, buttati via cosi, per distrazione, incapacità di trovare un filo di cash. 

Ovvero qualcosa di più di quanto mette sul piatto Airfrance.

E gli altri 182 aerei?

Valgono nulla?

Anche i nuovissimi 10 B 777  (non hanno due anni) del costo unitario di oltre 240 milioni di euro? 

Per quanto mi riguarda mi par semplice.

CHIUNQUE DI NOI può comprare l’Alitalia: gli basta vendere un po’ di aerei appena comprata la compagnia, chiedere un finanziamento, GARANTITO DALLO STATO (se io non pago pagate voialtri popolo bue)e vedere di ramazzare qualche altro milione  via aumento di capitale. I piloti possono essere messi fuori anche, semplicemente, passandoli “in leasing” ad altre compagnie (la loro formazione, come detto, costa milioni di euro e richiede anche decenni, per i piloti di Jumbo et similia)

A spannometro, anche solo vendendo a prezzi di mercato gli aerei più decrepiti della flotta e mettendo via via in congedo i piloti e il personale per raggiunti limiti di età, anche senza migliorare i disastrati conti della società, si potrebbero coprire i buchi per i prossimi venti anni.

Forse finirà prima il petrolio

Più o meno quello che ho accennato è quello che farebbe il liquidatore in caso di fallimento: venderebbe per fare liquidità e ripianare i conti. A me pare una soluzione migliore e di gran lunga di quanto è stato finora messo sul piatto. Provocherebbe sconquassi minori, non comporterebbe licenziamenti immediati, non metterebbe, per l’ennesima volta, la mano in tasca a noi proprietari. 

Potrebbe anche succedere, chissà, magari, che il personale si metta una mano in tasca, 12.000 euro a testa basterebbero, E SI COMPRI LA PROPRIA COMPAGNIA DIVENTANDO IL DATORE DI LAVORO DI SE STESSO.

Scommettiamo che i conti comincerebbero a tornare di nuovo?

Qualcuno che lo dicesse, oltre a noialtri grulli? 

 

Pietro Cambi
Fonte: http://crisis.blogosfere.it/
Link: http://crisis.blogosfere.it/2008/03/i-conti-della-lavandaia-e-lalitalia-w-il-liquidatore.html
1.04.08

Pubblicato da Davide

4 Commenti

  1. Le hanno mai detto che Alitalia è quotata in borsa che il prezzo gira fra gli 0,30 e 0,50 centesimi per azione dopo che 6 anni fa aveva toccato gli 80 euro per azione? Secondo lei come fa Alitalia a perdere due milioni di euro al giorno?
    E’ più che evidente che il reale valore di Alitalia sarebbe ben diverso, ma a patto di correggere la struttura del conto economico che oggi perde 700 milioni l’anno.
    Lo Stato non è stato in grado di farlo, i sindacati hanno massacrato ugualmente questa azienda…chi allora può farlo? Meglio Air France che Banca Intesa…almeno dubito che i francesi sarebbero disposti a pagare milioni di euro un Cimoli qualunque, a fronte di un conto economico così disastroso.

  2. E’ il passato che ritorna.
    1) si prende qualche mastodonte dello Stato
    2) si strapagano i dipendenti, consulenti, dirigenti
    3) si giustificano i costi con la scusa del “pubblico servizio”
    4) si lascia il servizio in balia dei sindacati (amici)
    5) si fa diventare l’azienda antipatica ai cittadini (scioperi, costi, ritardi etc.)
    6) ci si lamenta che l’azienda è in perdita
    7) si privatizza, cedendola per 2 lire a qualcuno di simpatico (la Francia)
    Il caso SME non è servito. (Tra l’altro è stato arbitrato dagli stessi personaggi)
    http://www.fattisentire.net/modules.php?name=News&file=article&sid=1727
    Manca solo l’ottavo punto in cui l’azienda una volta “risanata” viene (almeno in parte) ricomprata dallo Stato a 10 volte tanto. Chi vivrà vedrà.

  3. quoto
    ———–
    Se ve lo eravate mai chiesto ecco qui: almeno 44 milioni di euro per un 767 quasi decrepito di 15 anni di età.

    Gli aerei, ben piu’ giovani, dell Alitalia valevano almeno qualcosa di piu’.

    Mettiamo un 1% in più, tanto per dire.

    Farebbero 48 milioni ad aereo.
    —————–
    l’1% di 44 milioni fa 400 mila euro.
    da 44 milioni a 48 milioni c’è il 10% di aumento.

  4. cari amici, volevo solo ricordare che il saccheggio di alitalia non è il primo. infatti sono gia’ state saccheggiate altre proprieta’ del popolo italiano: ferrovie, poste, telefoni, autostrade, enel…mi sono sempre chiesto: in base a quale diritto questi beni che, ripeto, appartenevano al tutti noi, sono stati venduti?? e poi parlano di democrazia…