HIJAB: LA POLITICA E LA STORIA DIETRO IL VELO

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI EZZAT ASHRAF
Veterans Today

Siamo d’accordo che, prima dell’11 settembre, l’occidente difficilmente scocciava con l’Islam o i musulmani. Ma questo è cambiato drasticamente dopo gli attacchi terroristici su New York.

Alla gente è stato detto che i responsabili dell’operazione aerea dell’11 settembre 2001 furono tutti fondamentalisti islamici con letali sentimenti anti-occidente. La storia non avrebbe potuto scegliere un momento più inopportuno per introdurre l’Islam nel mondo di quello dell’ 11 settembre, che ha in un qualche modo stigmatizzato l’Islam come religione di odio e intolleranza.

La gente in America e in Europa è diventata più sensibile verso i musulmani e le loro pratiche religiose. Per la prima volta nella storia, circa il 25% della popolazione mondiale veniva giudicata in base alla presunta malefatta dei 19 dirottatori. Dopo l’11 settembre nuove parole arabe hanno cominciato a trovare la loro strada nel vocabolario europeo e americano, evidenziando quanto l’Occidente sia venuto a conoscenza dell’Islam.La gente cominciò ad avere familiarità con parole come Corano, Sharia, Jihad e, naturalmente, HIJAB che di tutti gli insegnamenti e le manifestazioni islamiche era quello verso cui la gente, in Europa e in America, era più incline a farne un problema.

Nessuno è stato obbligato a leggere o seguire il Corano né la Sharia, i quali non hanno rappresentato un grosso problema per molte persone, ma non è stata la stessa con l’HIJAB. Donne che indossavano l’Hijab erano ovunque; le incontravi per le strade, nei centri commerciali e nelle scuole. Donne vestite in quello che sembrava più un abito ecclesiastico e che coprivano i capelli con un velo che nascondeva talvolta i loro volti e corpi tutti insieme – il Niqab – sembravano rappresentare una distrazione visiva e possono essere uno shock ottico – se volete – per i moderni cittadini occidentali.

Quando questo fenomeno ha iniziato ad apparire negli ultimi due decenni, le persone e specialmente le donne in Occidente, hanno fatto una domanda: “Perché ogni donna desidererebbe nascondere i suoi capelli e la sua faccia in quel modo?”

Perché ogni donna vorrebbe abbandonare l’abito moderno di oggi e rovistare invece in un guardaroba quasi medievale?

Hijab: perchè le donne lo indossano

Gli studiosi musulmani sostengono che è obbligatorio che tutte le donne musulmane indossino l’ Hijab in base ai versi Corano. Ma prima dobbiamo tenere presente che il Corano – libro sacro dei musulmani – è stata rivelato a pezzetti per un periodo di circa 23 anni. Secondo il racconto, il Profeta Maometto ha ricevuto la prima rivelazione nel 610CE e successive rivelazioni hanno continuato a essere inviate, sottoforma di piccoli messaggi, ogni volta che le circostanze della neonata società musulmana nella penisola araba richiedevano la guida divina. Questo modo di intendere l’aspetto storico del libro è un prerequisito indispensabile per comprendere il vero significato che si cela dietro ogni versetto nel Corano.

Hijab nelle Scritture e nella storia

Gli studiosi concordano sul fatto che i versi che seguono sono i due principali riferimenti credibili per il requisito dell’ Hijab nel Corano.

E dire alle donne credenti di abbassare lo sguardo e custodire la loro modestia; che non dovrebbero mostrare la loro bellezza e i loro ornamenti eccetto ciò che (deve ordinariamente) appartiene alla stessa; che esse dovrebbero portare il loro khimar sopra il petto e non mostrare la loro bellezza salvo a […] (Corano 24:31)

Coloro che perseguitano i credenti e le credenti ingiustamente, attirano (su se stessi) una calunnia e un peccato grave. O Profeta! Imponi alle tue mogli, alle tue figlie e alle mogli dei veri credenti di drappeggiare le loro vesti sopra le loro persone (quando si è all’esterno) come è più conveniente, in modo che esse possono essere distinte e non essere molestate. […] (Corano 33:58-59)

Ciò che la maggior parte degli studiosi fa è interpretare quei versetti alla lettera e trascurare le cause degli eventi dietro di essi; arrivano quindi alla conclusione che la donna musulmana deve coprirsi con l’Hijab. I religiosi musulmani e gli studiosi di solito perdono di vista il punto cruciale, ossia che il Corano – come la Bibbia – è soprattutto un libro di storia. Eliminate il sacro e vi troverete di fronte ad un libro di avvenimenti storici degni del nostro discernimento e della nostra analisi.

Gli studiosi musulmani semplicemente perdono di vista il fatto che a volte le cause degli eventi sono ancora più interessanti degli eventi stessi. La storia ci dice che, indietro nel tempo, quando Maometto invitò gli arabi a credere nel suo messaggio divino, i musulmani erano una piccola minoranza ridicolizzata e perseguitata dall’ elite della penisola araba che considerava i musulmani un branco di schiavi eretici – a quel tempo la schiavitù era in piena espansione.

Maometto continuava a pensare a modi per differenziare e distinguere i suoi seguaci dai non credenti. A quel tempo le donne erano solite indossare uno scialle, il Khimaar, sul loro capo, ma lo indossavano legato dietro, così il collo e la parte superiore del torace erano visibili.

Quindi venne fuori il versetto sul khimar – che dice invece alle donne musulmane di lasciare che esso copra il collo e il petto, – per differenziare le donne musulmane dalla maggioranza allora non musulmana, qualcosa che fosse comprensibile e giustificata per una minoranza – che aveva bisogno di differenziazione – in conflitto con il resto della società.

La causa storica dietro i secondi versetti è completamente diversa e piuttosto divertente. La società araba, allora, era composta di padroni e schiavi e tutti vivevano in case che non avevano servizi igienici all’interno, così andare in bagno significava letteralmente andare fuori di casa. Gli schiavi erano spesso oggetto di vessazioni nel loro cammino verso un bagno a cielo aperto – e poiché, a quel tempo, la maggioranza dei musulmani era praticamente schiava, Maometto astutamente pensò che sarebbe stato più sicuro per le donne musulmane vestirsi con lunghi abiti drappeggiati, come facevano i padroni liberi d’Arabia, in modo che nessuno avrebbe fatto loro del male. Così, da questo derivarono i versetti che dicono che le donne musulmane devono drappeggiarsi le vesti intorno alle loro persone quando sono all’ aperto per quello scopo specifico.

E’ evidente ormai che i versetti succitati sono stati estrapolati dal loro contesto storico. Solo in questo contesto storico potremmo arrivare a capire che indossare veli e abiti lunghi non è obbligatorio per le donne musulmane dei nostri tempi moderni, a dispetto di ciò che i più ristretti studiosi musulmani ritengono.

Studiosi e uomini di fede col loro pensare dogmatico sono riusciti a terrorizzare la donna musulmana e farle accettare che i suoi capelli – awrah – sono qualcosa di simile alle sue parti intime che bisogna nascondere e coprire.

Le donne musulmane non hanno più bisogno di tale differenziazione. Fu loro richiesta allora, quando l’ Islam ebbe inizio, ma ora tutto ciò che sono tenute a fare è di osservare il pudore nel loro modo di vestire e di comportarsi.

La politica dietro l’Hijab

Venti o 30 anni fa, poche donne indossavano l’ Hijab nel mondo arabo. Non era una pratica comune, soprattutto tra le ragazze e le donne giovani. Ora la maggioranza delle donne indossa l’ Hijab, e se accidentalmente incontri qualcuna per strada che non lo indossa, allora sta sicuro che è una cristiana o una delle poche donne musulmane rimaste con idee liberali e pensiero critico.

E’ abbastanza sconcertante se ci si pensa. Perché una società che è stata modernizzata per oltre un secolo – come quella egiziana o siriana – ora abbandona i suoi valori di modernità e aderisce nuovamente ai valori dogmatici del passato?

Alcuni sostengono che l’Hijab è il vestito tradizionale dei musulmani, ma non è vero. Ogni paese del mondo arabo ha un suo proprio e unico abbigliamento folcloristico tradizionale. Inoltre, nessuno si irrita quando vede gente che indossa il loro abito tradizionale, come quello giapponese, indiano, arabo o cose simili – ma anche loro sono molto ben accetti quando vestono come la donna moderna e l’uomo moderno di oggi.

Ci sono fattori socio-politici in gioco dietro l’estremismo e il fenomeno Hijab nel mondo arabo – soprattutto l’ incompetenza del sistema educativo che si basava principalmente sull’ indottrinamento e sul pensiero dogmatico; il fallimento totale di una successione di regimi politici corrotti incapaci di migliorare le condizioni di vita del popolo e l’emergere di uno stato ebraico razzista nel mondo arabo musulmano, attraverso l’inganno e la coercizione, i quali hanno aiutato la fioritura del fondamentalismo nell’ Islam.

Tutti questi fattori hanno permesso che un movimento islamico fiorisse e si diffondesse in tutto il mondo arabo, con un messaggio chiaro e profondo che preannuncia la fine del liberalismo e l’arrivo al potere degli islamici nel mondo arabo.

Un difficile futuro attende i miopi che pensano che l’ Hijab o il Niqab o persino il Burqa siano ciò che occorre per obbedire gli ordini di Dio. L’Hijab non è solo un coprire i capelli, ma piuttosto è mettere un velo sulle nostre menti. L’ Hijab è soprattutto un segno socio-politico che ci dice che la teocrazia nei paesi arabi e musulmani è proprio dietro l’angolo.

Il dottor Ashraf Ezzat, è un medico che scrive articoli sulla storia egiziana antica, sulla storia dell’antico Vicino Oriente, sulla religione comparata e sulla politica, in particolare sul conflitto arabo-israeliano. Può essere contattato all’indirizzo: amenhotep.55 @ gmail.com. Leggi altri articoli di Ashraf, o visita il sito web Ashraf.

Titolo originale: “Hijab: The Politics And History Behind The Veil

Fonte: http://www.veteranstoday.com
Link
27.10.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di C. DI LORENZO

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
12 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
12
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x