Hanno ucciso la politica

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Nel marasma seguito alla farsa dell’ultima elezione presidenziale, stanno prendendo forma tentativi fuori tempo massimo di ristrutturare il sistema partitico per tenere gattopardescamente in vita un sistema completamente delegittimato. Così, come ciclicamente accade da trent’anni a questa parte, il cosiddetto “dibattito politico” ruota intorno alla legge elettorale, con grandi pressioni affinché si arrivi ad una soluzione “alla tedesca” con soglia di sbarramento più o meno alta. Al di là delle chiacchiere, il progetto si afferma perché funzionale all’agenda: con una legge siffatta, verrebbero organicamente emarginate tutte le forze critiche e “radicali”, mentre quelle che siedono nella palude al centro dell’emiciclo si troverebbero giocoforza coinvolte in ogni possibile maggioranza governativa. In questo quadro, anche il PD di Enrico Letta, da sempre fautore di leggi elettorali maggioritarie, perlopiù di matrice anglosassone, sembra sposare il proporzionalismo, ben sapendo che gli garantirà di mantenere la funzione di partito-regime, di più affidabile esecutore fallimentare al soldo dei padroni del vapore, di accademia di servi a buon mercato. Per alimentare l’effetto déjà vu, nell’aria più prossima al PD si sviluppa il milionesimo tentativo di dare vita ad un Grande Centro, con Renzi, Berlusconi e le immarcescibili frattaglie postdemocristiane alla Casini e Mastella; si tratta di un’operazione analoga a quella che condusse alla creazione in vitro di Scelta Civica, il “partito” che accompagnò l’infelice candidatura di Mario Monti alle politiche del 2013, ed è estremamente probabile che vada incontro alla stessa sorte, ma può ben sopravvivere lo spazio di un mattino per garantire la poltrona a qualche traffichino. Quello dei partiti è un accrocchio di cricche lontane anni luce da qualunque ideale, filosofia, impegno per il bene comune. Uccidendo i partiti, che una volta, con tutti i loro limiti, avevano un senso e rappresentavano pezzi di società, hanno ucciso la politica: ricostruirla su altre basi sarà uno sforzo titanico.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x