Habeas Corpus

Musica scritta ed interpretata da Francesco Benozzo

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Un Requiem moderno, una liturgia ecclesiastica sci-fi, una litania antica ed immortale. L’autore in questa interpretazione sicuramente meno goliardica e classica di “Green Pass“, manifesta in musica con grande espressivita’, la terribile sensazione che gli esseri pensanti e liberi provano oggi. Questa musica e’ testimonianza e testamento di una societa’ che celebra il suo stesso massacro, l’autore ha voluto esprimere in piu’ fasi la nostra situazione ed anche la ricetta per la nostra stessa liberazione. Si percepiscono sia l’angoscia di un artista vero, profondo e preoccupato, che l’incitazione alla liberazione di questa nostra umanita’ partendo dall’individuo.

Il sintetizzatore metallico usato nel brano e’ tagliente e graffiante. In certi momenti culminanti, con le modulazioni utilizzate, il suono si trasforma in un vero e proprio ago rovente, che entra nella pelle come il burro. Il testo e’ chiaro e semplice, e’ una descrizione di cio’ che oggi ci circonda, come il maledetto “ago nella pelle” che ci perseguita tutti per “lavorare” prima, per “smettere di pensare” poi, e successivamente per “subire” ed “obbedire“. La parte dopo, rappresenta con poche parole il caos ingegnerizzato dai nostri comandanti in capo: “Non obbligatorio … ma obbligatorio” includendo anche l’ambiguita’ e violenza di manovre come il green pass o l’assenza di un vero consenso informato. Le parole “Habeas Corpus” aprono l’incitazione a rispondere. Il resto e’ una preghiera rivolta all’uomo, che lo esorta ad applicare l’unico archetipo che rappresenta in una sola parola la pura liberta’: il dissenso, che deve essere “volontario“, “necessario” ed “individuale“. Nella storia, dire “si” ha creato gli imperi e le dittature, dire “no” ha creato uomini liberi. Grazie Francesco per ricordarcelo, oggi ne abbiamo bisogno.

Ai gentili lettori, auguro buon ascolto.

Giulio Bona, 10/08/2021

 

 

Habeas Corpus

Testo

 

Un ago nella pelle per camminare

Un ago nella pelle per respirare

Per lavorare

E smettere di pensare

 

Un ago nella pelle per derogare

Un ago nella pelle per accettare

Per subire

Per obbedire

 

Non obbligatorio ma obbligatorio

Non obbligatorio ma obbligatorio

Non obbligatorio ma obbligatorio

 

Stato di eccezione

Anticostituzione

Totalitario drone

 

Volontario non senso

Informato consenso

Inconsapevole assenso

Assoggettamento

 

Habeas Corpus

Habeas Corpus

Habeas Corpus

 

Volontario dissenso

Necessario dissenso

Individuale dissenso

 

Volontario dissenso

Necessario dissenso

Individuale dissenso

 

Volontario dissenso

Necessario dissenso

Individuale dissenso

 

di Francesco Benozzo

Francesco Benozzo, Professore di Filologia all’Università di Bologna. Dirige alcuni centri di ricerca (uno dei quali patrocinato UNESCO) e tre riviste scientifiche internazionali. Ha all’attivo oltre 700 pubblicazioni scientifiche e 11 album come musicista (arpa celtica). Autore di poemi tradotti nelle principali lingue, è stabilmente candidato al Premio Nobel per la letteratura dal 2015.

 

Pubblicato per ComeDonChisciotte.org da Giulio Bona

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix