Guerra batteriologica

DI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org

Direttamente dal backstage di “The road”, stiamo vivendo una psicosi collettiva inedita, mentre sulla base della “mappa del contagio” relativa alla diffusione del nuovo coronavirus emerso in Cina, al momento  l’Italia sembra essere il terzo Paese al mondo per numero di contagiati, con i suoi circa 500 positivi. Saremmo al quarto posto se ai casi del Giappone si aggiungessero quelli della nave da crociera Diamond Princess attraccata al porto di Yokohama, considerata un focolaio a sé stante. In Italia il numero di persone con Covid-19, l’infezione scatenata dal patogeno, risulta inoltre essere sensibilmente superiore a quello registrato negli altri Paesi europei, almeno per ora.

Per quale ragione si è verificata questa situazione nel nostro Paese? E perché l’epidemia è scoppiata in Italia, e non in UK, o Germania, visto che quei Paesi hanno molti più scambi commerciali con la Cina? Forse perché negli altri Paesi europei sono stati fatti meno controlli, ma soprattutto si è cercato di contenere il panico? Non dimentichiamo nemmeno la scelta del governo (gialloverde) italiano di negoziare un memorandum di intesa con Pechino per fare dell’Italia un tassello della “Belt and Road Initiative” (+5G), che dovrebbe aprire il mercato europeo alle merci cinesi, e che ha scatenato le critiche di Washington. Forse che l’epidemia è più politica che virale?

Appare inoltre evidente che gli Stati Uniti sono pronti a rischiare qualsiasi cosa pur di mantenere la propria leadership globale. Trump ha già accusato più volte Huawei di aver violato le sanzioni contro l’Iran, per aver fornito apparecchiature di rete che rappresentano rischi per la sicurezza dei suoi clienti, lanciando una vera e propria guerra al colosso cinese.

Del resto l’azienda ha preso il comando della tecnologia wireless di quinta generazione (5-G) superando gli stessi Usa, che sembrano aver già rinunciato a superare l’azienda tramite un’onesta competizione sul mercato,  intraprendendo invece la strada delle sanzioni unilaterali per il commercio con l’Iran, molestando in modo aggressivo i suoi clienti e minacciandoli con rigide sanzioni se osassero integrare i prodotti dell’azienda cinese nei propri sistemi.

Ma la Cina sembra non avere alcuna intenzione di diventare il lacchè di Washington, determinata invece a difendere la propria sovranità, a implementare il proprio modello economico e cogliere l’opportunità di diventare la più grande e prospera potenza economica del mondo, grazie ad un’azienda che è molto più avanti di chiunque altra nello sviluppo del 5G, tanto che qualsiasi nazione che voglia potenziare la propria tecnologia non ha altra scelta che fare affari con Huawei.

Le aspirazioni della Cina superano persino la sua gigantesca strategia di sviluppo globale, la “Belt and Road Initiative” è il più grande progetto infrastrutturale e di investimento della storia, copre oltre 70 paesi coinvolti, tra cui il 65% della popolazione mondiale e il 40% del PIL globale.

Sottolineando questi sviluppi, alla recente Conferenza sulla Sicurezza di Monaco, del 13 febbraio scorso, il segretario alla Difesa Mark Esper ha tenuto il discorso più deflagrante. La sua dichiarazione indicava chiaramente che gli Stati Uniti hanno abbandonato il precedente approccio di “negoziati pacifici con un prezioso alleato”, adottando una nuova strategia più coercitiva e brutale.

Basterebbe leggersi il discorso di Esper, per capire che la nuova guerra fredda tra Cina e Usa è già iniziata:

“Oggi vorrei parlarvi della priorità numero uno del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti: attuare la strategia di difesa nazionale. L’NDS afferma che siamo in un’era di grande competizione, con i nostri principali sfidanti in Cina, poi in Russia, e che dobbiamo abbandonare i conflitti a bassa intensità e prepararci di nuovo a una guerra ad alta intensità.  Allo stesso tempo, riconosce che le nostre priorità di secondo livello sono stati canaglia come la Corea del Nord e l’Iran. …

Essendo in Europa, so che ci sono state molte discussioni sulle sfide della Russia, quindi questa mattina voglio concentrarmi sulla preoccupazione principale del Pentagono: la Repubblica popolare cinese.  Il prossimo anno segnerà il 20° anniversario di una decisione che ha radicalmente modificato il corso degli affari internazionali: l’ammissione della Cina all’Organizzazione mondiale del commercio. …

L’idea prevalente era che, se avessimo permesso alla RPC di entrare nel WTO e in altre istituzioni multilaterali, la Cina avrebbe continuato il suo percorso di riforma economica e alla fine sarebbe diventata un partner commerciale orientato al mercato. … Le voci più scettiche sostenevano che, se gli fosse stata concessa l’adesione, la Cina avrebbe usato i benefici del libero scambio e di un ordine internazionale aperto per far crescere la sua economia e accedere alla tecnologia necessaria per costruire un forte stato militare in grado di espandere il potere del loro governo autoritario . …

Di fatto, sotto il dominio del presidente Xi, il Partito Comunista Cinese sta andando ancora più veloce e nella direzione sbagliata: più repressione interna, più pratiche economiche predatorie, una posizione militare più aggressiva. …

Il Partito Comunista e i suoi organi associati, compreso l’Esercito popolare di liberazione, operano sempre più nei teatri al di fuori dei suoi confini, compresa l’Europa, e cercano vantaggi con ogni mezzo e ad ogni costo.  …

Guardate le quasi 18 tonnellate di forniture mediche che gli Stati Uniti hanno recentemente fornito alla RPC per aiutare a combattere il coronavirus. E la scorsa settimana, abbiamo annunciato oltre $ 100 milioni in assistenza alla Cina e ad altri paesi colpiti da quel virus.

Il mondo è troppo interconnesso per non lavorare insieme al fine di risolvere alcuni dei nostri problemi più difficili. Tuttavia, per essere un membro responsabile della comunità internazionale, la Cina deve essere trasparente e rispettare la sovranità, la libertà e i diritti di tutte le nazioni. Sfortunatamente, il loro comportamento attuale lascia grandi preoccupazioni.  …

Il crescente potere economico, militare e diplomatico della RPC si manifesta spesso in modi minacciosi, coercitivi e contrari all’ordine internazionale basato sulle regole. Nel corso del tempo li abbiamo visti impadronirsi e militarizzare isole nel Mar Cinese Meridionale,  modernizzare rapidamente le loro forze armate, mentre cercavamo di utilizzare le tecnologie emergenti per alterare il panorama di potere e rimodellare il mondo a loro favore … e spesso a spese di altri.

Continuo a sottolineare ai miei amici in Europa – e solo la scorsa settimana al Ministero della Difesa della NATO a Bruxelles – che le preoccupazioni dell’America per l’espansione commerciale e militare di Pechino dovrebbero essere anche le loro preoccupazioni.

Questo settembre segnerà la 75a commemorazione della fine della seconda guerra mondiale e la nascita dell’ordine internazionale basato su regole che ha sostenuto la sicurezza e la prosperità in tutto il mondo. Gli Stati Uniti, i nostri alleati della NATO e partner nell’Indo-Pacifico hanno sacrificato sangue e tesori nel corso dei decenni per proteggerlo e preservarlo.  Tuttavia, la RPC cerca di minare e sovvertire questo sistema, lo stesso che ha permesso loro di farli crescere e diventare ciò che sono oggi.

Mentre parliamo, la Cina comunista sta esercitando pressioni finanziarie e politiche, pubblicamente e privatamente, su molte nazioni indo-pacifiche ed europee – grandi e piccole – mentre persegue nuove relazioni strategiche in tutto il mondo. In effetti, più piccolo è il paese, più pesante è la mano di Pechino.  Attraverso la sua “Belt and Road Initiative”, ad esempio, la RPC sta sfruttando i suoi investimenti all’estero per costringere altre nazioni a prendere decisioni di sicurezza non ottimali.

Ciò ha implicazioni di vasta portata per gli Stati Uniti e i nostri alleati in aree critiche come la sicurezza dei dati, l’interoperabilità e la prontezza militare. Mentre dubitiamo spesso della trasparenza e della franchezza di Pechino, quando si tratta dei loro obiettivi di sicurezza, dovremmo prendere a parola il governo cinese.

  • Entro il 2035, la RPC intende completare la sua modernizzazione militare,
  • Entro il 2049, cerca di dominare l’Asia come potenza militare globale preminente.

Inoltre, la comunità globale dovrebbe essere profondamente preoccupata per l’uso da parte del Partito dell’Intelligenza Artificiale e di altre tecnologie all’avanguardia per sorvegliare e reprimere le minoranze musulmane, i giornalisti e i manifestanti democratici. A peggiorare le cose, il governo sta ora esportando questi strumenti in tutto il mondo in modo da rafforzare altri regimi autoritari.

La rapida ascesa della Cina ha suscitato molto dibattito sul primato degli Stati Uniti e dell’Occidente nel 21° secolo. … La crescita della Cina nel corso degli anni è stata notevole, ma per molti versi è stata alimentata dal furto, dalla coercizione e dallo sfruttamento delle economie del libero mercato, delle società private, dei college e delle università. Le istituzioni e le corporazioni americane ed europee affrontano il peso di queste attività maligne e abbiamo visto una moltitudine di esempi in cui le nostre economie e società hanno sofferto di conseguenza.

Ma il cattivo comportamento di Pechino li porterà solo molto lontano. Il mondo è sempre più consapevole delle sue motivazioni e risponde a sua volta.  Purtroppo, piuttosto che cambiare rotta, la leadership del Partito continua il suo furto di tecnologia dilagante, mentre decide di porre fine alla sua dipendenza dall’innovazione straniera, sviluppare autonomamente i propri sistemi e quindi dominare settori e mercati critici.

Huawei e 5G sono i “poster child” di oggi per questa attività nefasta. La storia ha dimostrato più volte, tuttavia, che l’autoritarismo genera corruzione, promuove la conformità, sminuisce il pensiero libero e reprime la libertà. In netto contrasto con questo ci sono i nostri valori, il senso di equità e la cultura delle opportunità, che incoraggiano la sensibilità e scatenano il meglio dell’intelletto, dello spirito e dell’innovazione umana.

Questo è il motivo per cui è fondamentale che, insieme, affrontiamo direttamente e in modo inequivocabile le azioni e le intenzioni di Pechino, in modo da non essere mai intimiditi, ingannati o spinti in cattive scelte di sicurezza, economiche o politiche. E forse, solo forse, possiamo portarli sulla strada giusta.

Ancora una volta non cerchiamo conflitti con la Cina. Non è quello che vogliamo. Affatto. Piuttosto, cerchiamo una concorrenza leale e aperta in campo economico. E in generale, chiediamo semplicemente a Pechino quello che chiediamo a ogni nazione: giocare secondo le regole, rispettare le norme internazionali e rispettare i diritti e la sovranità degli altri.

… A differenza della Cina e di altri, utilizzeremo queste capacità avanzate per aiutare a mantenere la pace, promuovere la prosperità, garantire la sicurezza e proteggere la sovranità di tutti i paesi amanti della libertà.

Ad esempio, mentre Pechino usa l’Intelligenza Artificiale per rafforzare la sua presa sul suo popolo, il Dipartimento della Difesa ha stabilito principi ben ponderati per l’uso legale ed etico dell’IA.

Mentre la RPC sviluppa e dispiega missili a lungo raggio per intimidire e minacciare i suoi vicini, stiamo investendo in capacità di difesa missilistica sia convenzionali che avanzate per proteggere la patria, i nostri interessi e i nostri alleati.

E mentre la Cina comunista sta armando il dominio dello spazio attraverso lo sviluppo di armi ad energia diretta e satelliti assassini, il Pentagono sta inaugurando il suo primo nuovo servizio militare in 70 anni – la Forza spaziale degli Stati Uniti – per garantire la libertà d’uso, il commercio e navigazione all’interno, verso e attraverso lo spazio, per tutti.

In poche parole, il contrasto tra le azioni malevoli della Cina e la leadership degli Stati Uniti non potrebbe essere più evidente. …

Siamo incoraggiati dal fatto che i nostri alleati e partner stanno iniziando a intraprendere azioni simili, in quanto valutano a fondo le minacce e le sfide a lungo termine poste dalla Cina. … In breve: siamo intelligenti; impariamo dal passato; e prendiamo il 5G giusto, di conseguenza non ci pentiremo delle nostre decisioni in seguito.”

Dunque la guerra fredda tra i due colossi mondiali Usa e Cina è iniziata, e in mezzo si posiziona un’Italia  massacrata da 20 anni di euro,  membro di un’Europa divisa e orfana del Regno Unito.

La globalizzazione è global disorder, contraddistinto da un opposto e crescente “Washington dissensus”. Il vecchio mondo era rappresentato dal dualismo Occidente contro Oriente, liberalismo contro comunismo, mentre il mondo globale è stato sottoposto a tensioni sempre più crescenti.  Ma gli Stati Uniti ospitano ancora i server di quasi tutta la rete, controllano fisicamente i cavi sottomarini che loro stessi hanno costruito, sorvegliano la gran parte delle rotte marittime, sono maestri nell’esercizio di spionaggio e ciberguerra.

Proprio il Nuovo Coronavirus è partito dal laboratorio di ricerca di agenti patogeni della città di Wuhan, la stessa città in cui è stato avviato il 5G attraverso l’installazione di 30.000 nuove antenne wireless di quinta generazione (3.000 nuove Stazioni Radio Base e ben 27.000 nuove mini-antenne a microonde millimetriche), cioè la più massiccia concentrazione al mondo di dispositivi per un futuro cyber connesso e fornito di Intelligenza Artificiale.

La guerra commerciale dunque non basta più agli Usa per mantenere la leadership globale, occorre una nuova guerra batteriologica, almeno per il momento… non solo per il primato ideologico, ma soprattutto per il primato economico politico. E il Covid-19 è arrivato al momento giusto.

Se non ci fosse stato bisognava pure inventarselo…

Nei vasti laboratori del Ministero della Pace e nelle stazioni sperimentali, team di esperti sono instancabilmente al lavoro alla ricerca di gas nuovi e letali; o per veleni solubili che possono essere prodotti in quantità tali da distruggere la vegetazione di interi continenti; o per le razze di germi di malattia immunizzate contro tutti i possibili anticorpi.” ~ George Orwell – 1984

 

Rosanna Spadini

27.02.2020

 

Pubblicato da Rosanna

"Suave, mari magno turbantibus aequora ventis, e terra magnum alterius spectare laborem; non quia vexari quemquamst iucunda voluptas, sed quibus ipse malis careas quia cernere suave est." Tito Lucrezio Caro, De Rerum Natura, Libro II
Precedente Fabbrica di plastica
Prossimo La colonizzazione sionista della Palestina