Home / ComeDonChisciotte / GLI AEREI DELL'11 SETTEMBRE SUPERARONO I LORO LIMITI SOFTWARE

GLI AEREI DELL'11 SETTEMBRE SUPERARONO I LORO LIMITI SOFTWARE

DI JIM HEIKKILA
View Zone

Due degli aerei l’11-9 superarono i loro limiti software.

I Boeing 757 e 767 sono equipaggiati con la capacità di volare in maniera completamente autonoma, essi sono gli unici due velivoli di linea [il termine usato è ‘commuter’ cioè ‘pendolari’, più precisamente adibiti a regolari e continui voli di linea con andata e ritorno consecutive n.d.t.] della Boeing capaci di volo completamente autonomo. Possono essere programmati per decollare, volare sino a destinazione e atterrare, tutto senza un pilota ai comandi.
Sono degli aerei intelligenti, e hanno dei limiti pre-imposti dal software in modo che errori del pilota non possano causare danni ai passeggeri. Sebbene siano fisicamente capaci di manovre ad alto g [cioè con forti accelerazioni, g=9.8 m/s^2 è l’accelerazione di gravità n.d.t.], il software nei loro sistemi di controllo di volo fa in modo che non vengano effettuate manovre ad alto g tramite i controlli dell’abitacolo. Essi sono limitati a circa 1.5 g, ripeto, un g e mezzo. Ciò in modo che un errore del pilota non finisca per spezzare il collo alla nonna.

Non importa ciò che vuole il pilota, non può annullare questa caratteristica.

L’aereo che ha colpito il Pentagono si è avvicinato o ha raggiunto i suoi autentici limiti fisici, personale militare ha calcolato che l’aereo del Pentagono si è spinto tra i 5 e i 7 g nella sua virata finale.

La stessa cosa è vera per il secondo aereo che ha colpito il WTC.

C’è solo un modo perché una cosa simile possa accadere.

Così come per la completa capacità di volo autonomo, i 767 e i 757 sono gli UNICI AEREI DI LINEA PRODOTTI DALLA BOEING CHE POSSONO ESSERE GUIDATI TRAMITE UN CONTROLLO REMOTO. E’ una caratteristica standard per tutti loro, tutti i 757 e i 767 possono fare ciò. Lo scopo è che se c’è un problema ai piloti, il Norad può guidare in remoto gli aeroplani sino ad una destinazione sicura. Solo in questa modalità di volo questi aerei possono eccedere i loro limiti software e volare sino ai loro autentici limiti fisici, perché se viene usata questa modalità di volo si presume che esista già una situazione di emergenza.

(cercate su Google “Raytheon Global Hawk system”)

I terroristi infatti non guidarono quegli aeroplani, è totalmente e completamente impossibile che quegli aeroplani siano stati pilotati in una tale maniera dall’abitacolo. Essi sono aerei di linea, non F-16 e il loro software lo sa.

Un’ altra prova decisiva: le registrazioni delle voci sono state ritrovate vuote.

Le scatole nere che sono state ritrovate avevano all’interno nastri che non erano danneggiati, me erano vuoti. C’è un solo modo per cui ciò possa accadere su di un 757 o su di un 767. Quando gli aerei sono comandati tramite il controllo remoto, i microfoni che sono collegati al registratore vocale della cabina sono re-indirizzati verso le persone che operano il controllo remoto, così che le registrazioni di ciò che avviene nella cabina vengano fatte in un posto presumibilmente più sicuro. Ma a causa di un inconveniente del sistema, su di un 757/767, il registratore vocale continua a girare piuttosto che spegnersi quando il microfono è re-indirizzato. I registratori vocali usano ciò che è chiamato un nastro a scorrimento continuo che automaticamente ogni mezz’ora ripassa sopra le testine di registrazione e cancellazione, così che dopo mezz’ora che gira con i microfoni re-indirizzati il nastro sarà vuoto. Proprio come erano i nastri ritrovati. Ancora un’altra prova che nessun pilota ha guidato quegli aerei nell’ultima mezz’ora.

Otto dei dirottatori che dovevano essere su quegli aerei si sono lamentati affermando che invece essi sono ancora vivi. Scommetto che non avete mai sentito del fatto che il nostro ministro degli esteri è volato in Marocco e ha presentato delle scuse ufficiali all’accusato, lo sapevate? No, i terroristi non hanno guidato quegli aeroplani, le storie dei coltelli di plastica e dei taglierini erano infatti troppo ridicole per essere credute. Ognuno degli altri accusati sarà stato ormai cercato e ucciso.

La nostra informazione è controllata.

Le chiamate con i telefoni cellulari dagli aerei non possono essere state fatte. Sono uno specialista di guerra elettronica addestrato dalla National Security Agency, e ho la qualifica per affermare ciò. Il mio titolo ufficiale: MOS33Q10, Electronic Warfare Intercept Strategic Signal Processing/Storage Systems Specialist, [Specialista in guerra elettronica, intercettazione, elaborazione segnali strategici e sistemi di archiviazione dati n.d.t.], è una MOS [Military Occupational Speciality, specializzazione in ambito militare n.d.t.] altamente qualificata che richiede una conoscenza avanzata di molti metodi di comunicazione e di circuiti sin nei minimi dettagli. Sono ufficialmente qualificato a porre un forte dubbio che normali chiamate con telefoni cellulari possano mai essere state fatte dall’aereo.

E’ impossibile che ciò sia accaduto, specialmente in un’ area rurale, per un gran numero di ragioni.

[Illustrazione di passeggeri del volo United 93 che chiamano le famiglie con il cellulare (da un sito di tributo alle vittime)]

Quando fate una chiamata con un telefono cellulare, la prima cosa che succede è che il vostro telefono ha bisogna di contattare un trasmettitore. Il vostro telefono ha una potenza massima di trasmissione di cinque watt, tre watt è attualmente la norma. Se un aereo viaggia a cinquecento miglia all’ora il vostro telefono non sarà capace, prima di superare il range di 5 watt, di 1)contattare una torre, 2)dire alla torre dove siete e qual’è il vostro provider, 3)dire alla torre in che modo volete comunicare e 4)stabilire che è in un’area di roaming. Questa procedura, chiamata “electronic handshake” [stretta di mano elettronica n.d.t.] richiede circa 45 secondi per essere completata da un telefono cellulare a partire dall’accensione iniziale in un’area di roaming perchè né il cellulare né il trasmettitore della cella sanno dove si trova il telefono e che modalità usa quando viene acceso. A 500 miglia all’ora, prima che possa avvenire l’ handshaking l’aereo percorre tre volte la distanza alla portata del trasmettitore da cinque watt del cellulare. Sebbene sia a volte possibile connettersi durante il decollo o l’atterraggio, nella situazione che è stata affermata le chiamate non erano possibili. Le telefonate dall’aereo sono false, senza se o ma.

Spero di essere stato chiaro, se avete delle domande risponderò se possibile. Se non rispondo cercate voi stessi, cercate nel sito della Boeing, cercate il sito della DARPA [“Defense Advanced Research Projects Agency”, Agenzia per i Progetti di Ricerca Avanzata per la Difesa n.d.t.], cercate dove non avete cercato prima. Alcune delle informazioni sono classificate e fatte trapelare da alcuni, e vengono anche cancellate dalla rete. Ho tutti i documenti originali sul mio computer per salvaguardarmi da ciò.

Per piacere non ignorate queste cose, perchè, dato che solo il Norad ha i codici di volo per quegli aerei, l’11-9 lo abbiamo fatto da soli. Hitler ebbe il Reichstag, noi abbiamo l’ 11-9. Se l’11-9 non si dimostra sufficiente per convincere i cittadini Americani a mettere da parte i loro diritti per la sicurezza, la gente che ha fatto l’11-9 ha certamente accesso a materiale nucleare. L’ 11-9 deve essere mostrato per ciò che è prima che quel materiale venga usato.

Jim Heikkila
Fonte: http://www.viewzone.com/
Link: http://www.viewzone.com/911revisited.html

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALCENERO (Marcoc)

Nota del traduttore:

Come specificato dall’autore parte delle informazioni tecniche (presumibilmente quelle riguardanti la predisposizione standard al volo con controllo remoto) sarebbero ricavate da materiale classificato, comunque sul sito http://www.viewzone.com/911revisited.html sono pubblicati sia commenti critici sia possibili elementi di conferma ottenuti dalla documentazione originale della Boeing

Pubblicato da Das schloss

  • marko

    – (cercate su Google "Raytheon Global Hawk system") FATTO, Non sta scritto da nessuna parte che gli 757 e 767 siano controllabili dall’esterno. Si tratta del solito UAV grande come un aeromodello che porta una macchina fotografica. Metà del suo carico è costituita da una antenna parabolica necessaria a trasmettere qualcosa come 500 Mbit/s per il controllo dell’aereo. E si tratta praticamente di un aeromodello. Figurarsi un bimotore transoceanico.
    – Sono contento di sapere che le scatole nere sono state trovate, altri cospirazionisti sostengono il contrario
    – Sono conteno di sapere che i cellulari in aereo non funzionano, non servono più gli avvisi di spegnerli prima del decollo.
    – Sono contento di sapere che effettivamente 767/757 si siano schiantati su pentagono e torri, alcuni cospirazionisti sostenevano che fossero aerei diversi e/o missili cruise. 

  • marzian

    Hai ragione: è sempre più difficile seguire le tesi alternative sull’11 settembre. Secondo me bisognerebbe concentrarsi su due problemi fondamentali:

    – Da un punto di vista storico-economico-geopolitico, risulta che:
    CIA + ISI + Mossad = Al Qaeda (e su questo non esistono dubbi)

    – WTC (esplosivi o no?)

  • marko

    Sono contento che mi segui: io non nego un complotto, o un
    laissez-faire da parte di chi sarebbe dovuto intervenire, come
    innegabili sono i vantaggi che la Junta dei Bushiti ha tratto
    dall’11/9, e come è la storia complessiva degli USA, costellata di
    false-flag, da Pearl Harbour al Tonchino.

    Il problema è che non possiamo andare a contrastare le lacune della
    tesi ufficiale con tesi ancor più lacunose. Si devono porre delle
    domande, e cercare le risposte.

    Per quanto riguarda gli esplosivi ne WTC, in fin dei conti non è un
    problema centrale per dimostrare una complicità da parte
    dell’amministrazione Bush, e anzi, essendo una tesi difficilissima da
    dimostrare, è di fatto un bastone fra le ruote di chi cerca la verità.
    Basta molto meno per dimostrare un complotto: basterebbe sapere chi ha
    lasciato passare i dirottatori ai check-in, ad esempio. Erano sul suolo
    statutintense da tempo, facevano corsi di volo, avevano contatti con
    Bin Laden (e se non li avevano, è ancora più semplice provare il
    complotto, no?), possibile che nessuno all’FBI, NSA, CIA si sia
    allarmato? Qua, su questi dettagli, ci vorrebbe un vero giornalista
    investigativo, una Gola Profonda…

  • NerOscuro

    Cercate su Google "Raytheon Global Hawk system")
    FATTO, Non sta scritto da nessuna parte che gli 757 e 767 siano
    controllabili dall’esterno. Si tratta del solito UAV grande come un
    aeromodello che porta una macchina fotografica.

    Pensi che sia una cosa di cui vantarsi l’essere capaci di controllare così un aereo di quel tipo?

    Sono contento di sapere che le scatole nere sono state trovate, altri cospirazionisti sostengono il contrario

    Ma qui si dice che sono vuote? Sei d’accordo?

    Sono conteno di sapere che i cellulari in aereo non funzionano, non servono più gli avvisi di spegnerli prima del decollo
    Sì, dicono anche di non usare lettori di CD perché le frequenze prodotte possono disturbare localmente i dipositivi elettronici. L’interdizione sull’uso del cellulare non si riferisce di certo alla fattibilità di una chiamata da svariati km di altezza e molte centinaia di km/h di velocità, ma alla sicurezza del volo (preciso che non intendo sostenere che un aereo va più veloce di un campo ellettromagnetico, ma che i punti sostenuti nell’articolo sono ragionevoli).

    Sono contento di sapere che effettivamente
    767/757 si siano schiantati su pentagono e torri, alcuni
    cospirazionisti sostenevano che fossero aerei diversi e/o missili
    cruise.
    Beh, se cerchi di dimostrare che l’unica versione plausibile è la tua perché le altre, quelle dei cospirazionisti (gente squalificata in sé?), si elidono tra di loro e sono incoerenti tra di loro, sei proprio a cavallo. Bella trovata retorica.
    Per quanto ho letto io, ma posso sempre essere ignorante di qualcosa, solo sul Pentagono si sarebbe schiantato un missile e personolamente ne sono convinto da una serie impressionante di fatti, non tesi.

  • alcenero
    – i cellulari in un aereo in quota non prendono, questo è indiscutibile: vengono fatti spegnere perchè il tentativo di hand-shaking, cioè il messaggio che mandano per cercare le celle, può disturbare la comunicazione e la strumentazione dell’aereo. Soprattutto durante decollo e atterraggio dove c’è addirittura il rischio che prendano e qualcuno si metta a parlare ( è successo).

    – Per quel che riguarda gli aerei sulle torri le teorie che non fossero degli aerei sono talmente minoritarie che nessuno le prende in considerazione. Per quel che riguarda il pentagono è vero il contrario: i danni iniziali alla facciata del pentagono sono pressochè incompatibili con qualunque cosa di più grosso di un Cessna

  • matrixx35

    Salve.
    Vorrei solo far presente una cosa,che non ho notato su nessun sito riguardo l’11 settembre: proviamo a rovesciare la discussione..e secondo me ne esce un’altra cosa molto interessante.Mi spiego.Facciamo FINTA che il rapporto ufficiale sia veritiero (Rovesciando cioe’ la base di tutte queste discussioni), ammettiamolo dai..cosa ci costa..?Ma e’ altresi verosimile che esso  stesso implica una questione che, non riesco a spiegare.SE e’ vero che un aereo, come scritto sul rapporto ufficiale, ha colpito il pentagono, e’ riuscito a penetrare per 100 metri attraverso 5 livelli  sfondando una struttura solida di cemento armato..come mai i due aerei dello stesso tipo non HANNO attraversato le due torri da parte a parte?hanno tirato il freno all’ultimo momento?
    Quindi e’ ovvio che delle due cose una e’ una bugia..e siccome almeno riguardo all’impatto con le due torri abbiamo visto tutti che’ effetivamente furono degli aerei..beh..la conclusione e’ ovvia no?Oppure la struttura "vuota" delle torri frena piu’ di 2 metri di cemento armato moltiplicato per 10?(2 metri di muro x 2= 1 livello..x 5 livelli= 10)
    Certo che se un aereo riesce a sfondare un muro di 20 metri di cemento armato, non mi spiego come mai quando precipitano i pezzi si trovano sparsi su aree di centinaia di metri….

  • marko

    Forse ti sfugge che io non ho e non sostengo nessuna versione.

    Sto solo sottolineando come questo articolo sia incoerente in alcuni
    punti con altre tesi cospirazioniste. Almeno tutti i cospirazionisti si
    mettessero d’accordo, ma ognuno che apre bocca contraddice quanto
    appena detto da uno prima. Come ho detto nella risposta a Marzian, se
    la tesi ufficiale sull’11/9 è lacunosa, non si può però combatterla con
    un coacervo di altre tesi ancor più lacunose. Va a finire che si fa il
    gioco di chi non vuoloe che la verità venga a galla. Se sono su questo
    sito, è perché cerco di prendere tutto con spirito critico. Tutto.

  • bstrnt

    Inizialmente fu riportato che gli aerei (quelli delle torri gemelle) dopo aver cambiato rotta spensero i trasponder (iniziando praticamente un volo cieco, ovvero non assistito dai controllori di volo).
    I trasponder furono accesi pochi minuti prima degli impatti!
    Per quale motivo?
    Forse per ricevere dal satellite le coordinate di impatto?
    La precisione degli impatti. sta a indicare che molto difficilmente sia GPS che GLONASS (analogo russo del GPS) per uso civile possa aver fornito quella precisione nelle coordinate di impatto; diversa storia invece per GPS e GLONASS militari.
    Probabilmente la riaccensione del trasponder era necessaria per ricevere dai satelliti militari le esatte coordinate di impatto, peccato che i codici di sicurezza per ricevere informazioni da satelliti militari li conosca solo Paperino!
    Quindi il responsabile dell’11 settembre non può che essere Paperino.

  • alcenero
    E’ giusto e ammirevole prendere tutto con spirito critico, il problema della tua replica però è un altro: che tu individui una categoria ("i cospirazionisti") che non esiste.
    Ci sono moltissime persone che, data la lacunosità del resoconto ufficiale, cercano spiegazioni alternative. Alcune possono essere giuste, altre sbagliate, altre ancora folli. Non è che "i cospirazionisti" sono d’accordo tra loro o sono un gruppo di ricerca che deve presentare risultati coerenti pena la mancanza di credibilità. Ognuno prova ad indagare la vicenda, alcuni saranno d’accordo tra loro e altri no, alcuni indagheranno con intelligenza e spirito critico altri magari in malafede (proprio come la commissione ufficiale sull’11-9…) o perchè mossi da preconcetti.
    Il fatto che degli articoli siano in disaccordo tra di loro non ha alcun significato, sono articoli di autori diversi con idee diverse. A ognuno resta il giudizio su quanta parte di verità abbia ciascun articolo ed è del tutto legittimo dunque prenderli tutti con spirito critico, ma un articolo alla volta!

  • viviana

    Sono d’accordo con te e, se permettete … prima di "parlare" di "cospirazionisti" dovreste pensare che prima di tutto è una
    Cospirazione quello che l’admin. Bush ci ha presentato e, siamo sempre
    a quel punto. Sarà una Cospirazione di “prima mano”… ma sempre
    cospirazione è … vorrei tanto sapere cosa ci sta scritto nei documenti
    con i quali i governi occidentali sono stati convinti a partecipare
    alla prima guerra, quella in Afganistan, dove venne invocato certo
    articolo.. vincolante per gli alleati NATO..

    Ben Laden, l’enquête impossible ?

    C’est
    une étrange publication judiciaire, parue dans Le Figaro, mardi 31
    octobre, puis dans Le Monde, le lendemain. Sous l’intitulé "publicité",
    elle est titrée : "Présentation d’excuses au cheik Khalid Bin Mahfouz
    et au cheik Abdulrahman Bin Mahfouz" et signée de Jean-Charles Brisard
    et Guillaume Dasquié.

  • Manunkind

    SCUSATE UN ATTIMO

    in ogni ricerca, se si parte dalle conclusioni e l’unica cosa che si vuole è arrivare proprio a quelle, precise, che piacciono a noi, non si farà che confusione senza arrivare da nessuna parte_

    è come un fisico che voglia per forza arrivare alle proprie conclusioni, al limite interpreterà i risultati sperimentali solo "verso" quei propri risultati, e nei limiti che gli permette la prestidigitazione barerà pure sui calcoli
    "come dice quella ragaza in 3ª fila?? è già successo varie volte nella storia della Scienza?? – OPS – ma no?? non mi dite?? – davveroooo??"

    sul 9-11 è quasi impossibile trovare un sito di ricerca serio che non parta da nessuna conclusione a priori – premetto che io ancora non "credo" a nulla al riguardo – ma certo non si possono evitare, neanche impegnandosi e bendandosi e facendo come le 3 scimmiette, certi dubbi mastodontici sollevati proprio dalle versioni "ufficiali"_
    Anche lo stesso "Paolo Attivissimo" tanto ammirato in certi ambienti – che offre senza dubbio molte riflessioni importanti – poi si tuffa da solo nella fogna ideologica mostrando, per esempio, le foto di edifici crollati "naturalmente" in perfetta verticale – peccato che il più alto di quelle foto sia di 5 piani!! – o citando l’esperto di demolizioni olandese che stima in 1 anno di lavoro il tempo per preparare una regolare "demolizione" delle Torri: grazie al pipino!! ha scoperto l’Umbria!! ma chi lo può mai sapere, nel caso sia stata una demolizione, che tipo di preparazione abbia avuto?? dopo tutto non avrebbe mica dovuto essere una "demolizione regolare" – anzi non gli doveva nemmeno assomigliare troppo – magari hanno minato solo 3 piani ogni 15, mettendo le cariche maggiori in basso, solo per fare un esempio banale_

    a conclusione di tutto questo – vorrei far presente all’amico di sopra che anche la sua obiezione "se i cellulari negli aerei non prendono, perché li fanno spengere" appare come pura titillazione anale ideologica_

    infatti li fanno spengere perché in fase di decolloe atterraggio, quando l’aereo è vicino al suolo, funzionano – e possono disturbare i segnali degli strumenti che proprio in quelle 2 fasi sono più indispensabili che mai_ Al limite i cellulari non funzionano acerte quote, ma anche se non hanno linea restando accesi la continuano a cercare e la loro ricerca può comunque disturbare le comunicazioni_ Sembra che uno non sappia nemmeno come funziona un cellulare_

    Continuando a ragionare su questi schemi e su queste basi, non si va prprio da nessuna parte_

    Leonardo Migliarini

  • simone

    Riguardo all’attentato dell’11 settembre Oltre a Paperino qualcu’altro conosceva i codici per usare la frequenza militare questo è certo, ma chi?
    Chi ha fornito il supporto migliore ai paesi arabi durante la guerra contro israele? Chi cerca di rifarsi dopo il crollo del suo impero? Chi fornisce di armi la Siria e L’iran? Chi è che ha armadi pieni di piani d’attacco, scrupolosamente elaborati x anni? Chi dispone di servizi segreti solidi per aver gestito la preparazione dell’attentato senza che qualcuno ci mettesse il naso? Si diceva prima del GPS americano e del GLONASS russo ecco appunto la Russia che si è fatta umiliare dalla Cia in Afghanistan e non l’hà mai digerita, che ha fatto una figuraccia davanti al mondo intero per che non ha voluto ripescare da sola il sottomarino Kursk. Questi sono fatti che non bastano certo a incriminare la Russia e il democratico Putin ( che apparteneva al KGB ), ma vi ricordate l’aereo Tupolev 154 che da Tel Aviv riportava in Russia alcuni immigrati ebrei russi per far visita alle loro famiglie precipitato in mare  al largo di Adler citta costiera russa?? Nell’aereo non c’erano solo immigrati ma anche un direttore dell’agenzia ebraica e alcuni colleghi che, appunto volevano verificare un paio di cosette in Russia riguardo l’attentato dell’11 settembre.,L’aereo  è stato fatto esplodere in aria da un missile terra-aria per l’esattezza SA-5 partito dall’ucraina. Dopo  2 giorni dalla terribile scoperta più nessun giornale ne parla e Putin dice che è stato un semplice incidente e si scusa con Sharon che sa benissimo chi c’era nell’aereo e cosa andavano a verificare in Russia. Ma al leader israeliano non rimane che accettare le scuse e starsene buono, di certo Israele non può scendere in guerra contro la Russia. Quello che è certo è che l’attentato non può essere stato partorito e portato a termine da AlQaida, che nel corso della sua spaventosa storia si è limitata a distruggere Hotel ambasciate  ristoranti sinagoghe con semplici carri bomba.

  • simone

    Riguardo all’attentato dell’11 settembre Oltre a Paperino qualcu’altro conosceva i codici per usare la frequenza militare questo è certo, ma chi?
    Chi ha fornito il supporto migliore ai paesi arabi durante la guerra contro israele? Chi cerca di rifarsi dopo il crollo del suo impero? Chi fornisce di armi la Siria e L’iran? Chi è che ha armadi pieni di piani d’attacco, scrupolosamente elaborati x anni? Chi dispone di servizi segreti solidi per aver gestito la preparazione dell’attentato senza che qualcuno ci mettesse il naso? Si diceva prima del GPS americano e del GLONASS russo ecco appunto la Russia che si è fatta umiliare dalla Cia in Afghanistan e non l’hà mai digerita, che ha fatto una figuraccia davanti al mondo intero per che non ha voluto ripescare da sola il sottomarino Kursk. Questi sono fatti che non bastano certo a incriminare la Russia e il democratico Putin ( che apparteneva al KGB ), ma vi ricordate l’aereo Tupolev 154 che da Tel Aviv riportava in Russia alcuni immigrati ebrei russi per far visita alle loro famiglie precipitato in mare  al largo di Adler citta costiera russa?? Nell’aereo non c’erano solo immigrati ma anche un direttore dell’agenzia ebraica e alcuni colleghi che, appunto volevano verificare un paio di cosette in Russia riguardo l’attentato dell’11 settembre.,L’aereo  è stato fatto esplodere in aria da un missile terra-aria per l’esattezza SA-5 partito dall’ucraina. Dopo  2 giorni dalla terribile scoperta più nessun giornale ne parla e Putin dice che è stato un semplice incidente e si scusa con Sharon che sa benissimo chi c’era nell’aereo e cosa andavano a verificare in Russia. Ma al leader israeliano non rimane che accettare le scuse e starsene buono, di certo Israele non può scendere in guerra contro la Russia. Quello che è certo è che l’attentato non può essere stato partorito e portato a termine da AlQaida, che nel corso della sua spaventosa storia si è limitata a distruggere Hotel ambasciate  ristoranti sinagoghe con semplici carri bomba.