Germania, effetti collaterali gravi da vaccino anti Covid: il Ministero della Salute pubblica dati errati

Secondo il Paul Ehrlich Institute, il rischio di effetti collaterali della vaccinazione è superiore a quanto dichiarato dal Ministero della Salute. Le autorità di Karl Lauterbach si sono ora corrette.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Philippe Debionne
berliner-zeitung.de

Il Ministero Federale della Salute ha suscitato scalpore con un tweet. Il post su Twitter diceva: “Una persona su 5000 è affetta da un grave effetto collaterale dopo una vaccinazione COVID-19”. Il numero non è corretto. Il rapporto sulla sicurezza del Paul Ehrlich Institute (PEI) afferma: “Il tasso di segnalazione per tutti i vaccini insieme era di 1,7 segnalazioni per 1000 dosi di vaccino, per le reazioni gravi 0,2 segnalazioni per 1000 dosi di vaccino”. Le informazioni PEI si riferiscono quindi alle singole dosi di vaccino, non alle persone vaccinate.

Ciò significa che il rischio di gravi effetti collaterali non è 1 su 5000, ma significativamente più alto. A seconda del vaccino, fino a 1 persona su 2500 vaccinate con due dosi, fino a 1 persona su 1667 con due dosi e booster e fino a 1 persona su 1250 con quattro dosi. Il Ministero Federale della Salute ha corretto la falsa segnalazione dopo che diversi utenti di Twitter lo avevano segnalato.

Effetti collaterali: casi isolati, rari, molto rari o occasionali?
I numeri significherebbero che gli effetti collaterali gravi non dovrebbero essere descritti come “casi singoli”, “molto rari” o “praticamente privi di effetti collaterali”. Questo è esattamente ciò che il ministro federale della Salute Karl Lauterbach (SPD) ha recentemente fatto in numerose occasioni. In un recente video del suo ministero, afferma: “In casi molto rari, possono verificarsi tali effetti collaterali anche dopo la vaccinazione Covid-19″.

Il dizionario medico per le attività regolatorie (MedDRA) definisce se le reazioni avverse sono classificabili come comuni, non comuni, rare, molto rare o isolate. Secondo gli esperti, MedDRA consente una classificazione uniforme degli eventi avversi e degli effetti collaterali dei farmaci negli studi clinici.

Karl Lauterbach: Le dichiarazioni sui danni da vaccino suscitano scalpore (1).

I risultati sono anche valutati qualitativamente in categorie come aumentato, diminuito, raro, frequente, normale, anormale, rilevabile, non rilevabile, positivo e negativo. Tutte le valutazioni sono definite in modo uniforme. La codifica utilizzando la terminologia MedDRA è obbligatoria nell’Unione Europea e negli Stati Uniti quando si segnalano eventi avversi.

Ecco come viene classificata la frequenza degli effetti collaterali:

  • Molto comune: più di 1 caso su 10 persone trattate.
  • Comune: tra 1 e 10 su 100 persone trattate.
  • Non comune: tra 1 e 10 casi ogni 1000 persone trattate.
  • Raro: un caso su da 1000 a 10.000 persone trattate.
  • Molto raro: meno di 1 caso su 10.000 persone trattate.
  • Casi individuali: la frequenza non può essere stimata sulla base dei dati disponibili.

L’Associazione dei produttori di farmaci basati sulla ricerca fornisce anche informazioni e dettagli sulla frequenza degli effetti collaterali sul suo sito web.

Twitter ha classificato il contenuto del post come “fuorviante”.
Nel frattempo, la sintesi in inglese del tweet del Ministero della Salute tedesco sui gravi #nebenwirkungen (effetti collaterali, n.d.t.) è stata classificata come fuorviante. Il contenuto del post del Ministero Federale della Salute è stato da allora classificato come “ingannevole” da Twitter. Secondo la politica di Twitter, “Tra le altre cose, non è possibile condividere contenuti che potrebbero fuorviare le persone su: natura del virus COVID-19, l’efficacia e/o la sicurezza di misure preventive, trattamenti o altre precauzioni per ridurre o curare la malattia.

Medici del panel: 2.487.526 pazienti con effetti collaterali della vaccinazione
I media pubblici hanno anche recentemente affrontato la questione della frequenza degli effetti collaterali. Ad esempio, ZDF (Zweites Deutsches Fernsehen, Seconda Televisione Tedesca n.d.t.) afferma sotto il titolo “Quello che sappiamo attualmente sugli effetti collaterali delle vaccinazioni” che l’Associazione nazionale dei medici legali dell’assicurazione sanitaria ha un numero ancora maggiore di possibili effetti collaterali rispetto al PEI.

Questo perché fa registrare più effetti collaterali: al Paul Ehrlich Institute vengono segnalati solo i casi sospetti di danni alla salute che vanno oltre la normale entità di una reazione vaccinale. I medici del panel, d’altra parte, contano sia le solite reazioni vaccinali che non devono essere segnalate sia i reclami che devono essere segnalati: a fine giugno hanno riscontrato 2.487.526 pazienti con effetti collaterali della vaccinazione.

 

Di Philippe Debionne
berliner-zeitung.de

Note:
(1) https://www.berliner-zeitung.de/news/karl-lauterbach-aussagen-zu-impfschaeden-sorgen-fuer-aufsehen-li.238592

Articolo originale – traduzione Redazione CDC: https://www.berliner-zeitung.de/news/schwere-nebenwirkungen-gesundheitsministerium-veroeffentlicht-falsche-zahlen-paul-ehrlich-institut-corona-impfung-biontech-karl-lauterbach-li.248896

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix