Geopolitica: La Gran Bretagna vuole una NATO globale

Il discorso integrale di Liz Truss, Segretario di Stato per gli affari esteri e del Commonwealth

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Signor Sindaco, Eccellenze, Signore e Signori, secondo alcuni, questa era destinata ad essere l’era dell’autoritarismo. Tre anni fa Vladimir Putin disse che il liberalismo occidentale era morto. L’anno scorso il presidente Xi sosteneva che l’occidente è in declino.

Nell’aprile del 2022 le cose sembrano molto diverse. Gli ultimi mesi hanno mostrato la profonda resilienza dello spirito umano e delle società libere.

Di fronte alla spaventosa barbarie e ai crimini di guerra, che speravamo fossero stati consegnati alla storia, il mondo libero si è unito dietro l’Ucraina nella sua coraggiosa lotta per la libertà e l’autodeterminazione.

Coloro che pensano di poter vincere attraverso l’oppressione, la coercizione o l’invasione sono stati smentiti da questa nuova posizione sulla sicurezza globale – una che non solo cerca di dissuadere, ma assicura anche che gli aggressori falliscano.

Non possiamo essere compiacenti – il destino dell’Ucraina è in bilico. Ma cerchiamo di essere chiari – se Putin ha successo, ci sarà un’ulteriore miseria in tutta Europa e terribili conseguenze in tutto il mondo. Non ci sentiremo mai più al sicuro.

Quindi dobbiamo essere preparati per il lungo periodo. Dobbiamo raddoppiare il nostro sostegno all’Ucraina. E dobbiamo anche dare seguito all’unità dimostrata durante la crisi. Dobbiamo riavviare, rifondere e rimodellare il nostro approccio.

La mia visione è un mondo dove le nazioni libere sono assertive e in ascesa. Dove la libertà e la democrazia sono rafforzate attraverso una rete di partnership economiche e di sicurezza. Dove gli aggressori sono contenuti e costretti a prendere una strada migliore.

Questo è il premio a lungo termine: una nuova era di pace, sicurezza e prosperità.

Siamo onesti. L’architettura che è stata progettata per garantire la pace e la prosperità ha fallito l’Ucraina. Le strutture economiche e di sicurezza che sono state sviluppate dopo la seconda guerra mondiale e la guerra fredda sono state piegate così tanto, hanno permesso piuttosto che contenere le aggressioni.

La Russia è in grado di bloccare qualsiasi azione efficace al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Putin vede il suo veto come una luce verde alla barbarie. Si è allontanato dall’Atto di fondazione NATO-Russia e dal Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa. Ha violato molteplici misure sul controllo delle armi. Il G20 non può funzionare come un organismo economico efficace se la Russia rimane al tavolo.

L’Unione Sovietica usava regolarmente il suo veto all’ONU, ma, per tutti i mali che hanno inflitto, anche loro si sono comportati con una certa razionalità sulla scena mondiale. Erano capaci di attenersi agli accordi quando vedevano rischi per la stabilità strategica, come hanno fatto con il trattato sui missili anti-balistici. Si disinnescavano quando venivano affrontati e chiamati fuori, come con la crisi dei missili di Cuba 60 anni fa. E tenevano d’occhio la loro reputazione globale.

Nessuno di questi fattori si applica a Putin. Abbiamo a che fare con un disperato operatore canaglia senza alcun interesse per le norme internazionali.

Questo avviene in un momento in cui l’economia mondiale non è mai stata così aperta alla Russia.

Durante la Guerra Fredda gli alleati occidentali si alimentavano a vicenda, e noi limitavamo i flussi di commercio, investimenti e tecnologia verso l’URSS. Negli anni ’90 questi vincoli sono stati rimossi, ma ciò non ha portato ai guadagni attesi in termini di apertura economica e democrazia. Abbiamo dato il progresso per scontato invece di applicare le carote e i bastoni necessari.

E leader come Putin hanno rifiutato l’opportunità di cambiare perché temevano di perdere il controllo. Invece hanno preso i soldi dal petrolio e dal gas e li hanno usati per consolidare il potere e guadagnare influenza all’estero. Il ‘Wandel durch handel’ – il presupposto che l’integrazione economica guida il cambiamento politico – non ha funzionato.

Ora abbiamo bisogno di un nuovo approccio, uno che unisca la sicurezza personale e la sicurezza economica, uno che costruisce alleanze globali più forti e dove le nazioni libere sono più assertive e sicure di sé, uno che riconosce che la geopolitica è tornata.

La Gran Bretagna si è sempre opposta ai bulli. Siamo sempre stati amanti del rischio. Quindi siamo pronti ad essere audaci, usando la nostra forza nella sicurezza e nella diplomazia, il nostro peso economico e la nostra volontà e agilità per fare strada.

Ci stiamo già facendo avanti in Ucraina. La guerra in Ucraina è la nostra guerra – è la guerra di tutti perché la vittoria dell’Ucraina è un imperativo strategico per tutti noi. Armi pesanti, carri armati, aerei – scavando a fondo nei nostri inventari, aumentando la produzione. Dobbiamo fare tutto questo.

Le nostre sanzioni hanno già visto la Russia affrontare il suo primo default del debito estero da un secolo. Dobbiamo andare oltre. Putin non deve avere nessun posto dove finanziare questa spaventosa guerra. Questo significa tagliare le importazioni di petrolio e gas una volta per tutte.

Allo stesso tempo, dobbiamo fornire sostegno al popolo ucraino. Questo significa aiutare i rifugiati, significa consegnare cibo, medicine e altri beni essenziali, e significa mantenere l’economia a galla.

Significa anche chiedere al regime di Putin di rendere conto degli spaventosi crimini che sono stati commessi.

E, quando le armi finalmente tacciono in Ucraina, significa assicurarsi che Kiev abbia le risorse necessarie per mantenere la sicurezza, scoraggiare ulteriori attacchi e ricostruire. Ecco perché stiamo lavorando alla nostra commissione congiunta con la Polonia per assicurare che l’Ucraina sia equipaggiata con armi standard della NATO. Ed è per questo che siamo determinati a lavorare con gli Stati Uniti, con l’UE e altri alleati su un nuovo piano Marshall per il paese.

L’Ucraina merita niente di meno che uno sforzo internazionale di riferimento per ricostruire le sue città, rigenerare le sue industrie e assicurare la sua libertà a lungo termine.

Stiamo raddoppiando. Continueremo ad andare oltre e più velocemente per spingere la Russia fuori da tutta l’Ucraina.

E questo deve essere un catalizzatore per un cambiamento più ampio. Dobbiamo anche applicare questa posizione dura alle minacce che stanno emergendo oltre l’Ucraina.

Il nostro nuovo approccio si basa su 3 aree: forza militare, sicurezza economica e alleanze globali più profonde.

Forza militare

In primo luogo, dobbiamo rafforzare la nostra difesa collettiva. Nelle parole del presidente Zelensky: “La libertà deve essere meglio armata della tirannia”.

In vista del vertice NATO di Madrid, dobbiamo alzare il tiro. Abbiamo a lungo sostenuto che la NATO deve essere flessibile, agile e integrata. Il fianco orientale deve essere rafforzato, e dobbiamo sostenere stati cruciali come la Polonia. Ecco perché stiamo aumentando la nostra presenza di truppe e stiamo approfondendo la nostra cooperazione nella difesa.

Dobbiamo anche imparare le lezioni dell’Ucraina.

Il Regno Unito ha inviato armi e addestrato le truppe ucraine molto prima che la guerra iniziasse. Ma il mondo avrebbe dovuto fare di più per scoraggiare l’invasione. Non faremo mai più lo stesso errore.

Alcuni sostengono che non dovremmo fornire armi pesanti per paura di provocare qualcosa di peggio. Ma la mia opinione è che l’inazione sarebbe la più grande provocazione. Questo è il momento del coraggio, non della cautela.

E dobbiamo garantire che, accanto all’Ucraina, i Balcani occidentali e paesi come la Moldavia e la Georgia abbiano la resistenza e le capacità di mantenere la loro sovranità e libertà.

La politica della porta aperta della NATO è sacrosanta. Se la Finlandia e la Svezia scelgono di unirsi in risposta all’aggressione della Russia, dobbiamo integrarli il prima possibile.

E rifiutiamo la falsa scelta tra una difesa tradizionale più forte e le capacità moderne. Abbiamo bisogno di difenderci dagli attacchi nello spazio e nel cyberspazio, così come da terra, aria e mare.

Rifiutiamo anche la falsa scelta tra sicurezza euro-atlantica e sicurezza indopacifica. Nel mondo moderno abbiamo bisogno di entrambi.

Abbiamo bisogno di una NATO globale. Con questo non intendo estendere l’adesione a quelli di altre regioni. Voglio dire che la NATO deve avere una visione globale, pronta ad affrontare le minacce globali.

Dobbiamo prevenire le minacce nell’Indo-Pacifico, lavorando con i nostri alleati come il Giappone e l’Australia per garantire che il Pacifico sia protetto. E dobbiamo garantire che democrazie come Taiwan siano in grado di difendersi.

Tutto questo richiederà risorse. Stiamo correggendo una generazione di sotto-investimenti.

Ecco perché il Primo Ministro ha annunciato il più grande investimento nelle nostre forze armate dai tempi della guerra fredda. Abbiamo riconosciuto la Russia come la minaccia più acuta nella nostra revisione integrata, adottando la stessa vigilanza degli alleati orientali della NATO.

Ora anche altri stanno facendo un passo avanti. Ma dobbiamo tutti andare oltre. Spendere il 2% per la difesa deve essere un piano, non un tetto. Non c’è alcun sostituto per la potenza militare dura, sostenuta dall’intelligence e dalla diplomazia.

Sicurezza economica

In secondo luogo, dobbiamo riconoscere il ruolo crescente che l’economia gioca nella sicurezza.

Nel Regno Unito stiamo ora usando tutte le nostre leve economiche – commercio, sanzioni, investimenti e politica di sviluppo – in modo molto più deciso.

Riconosciamo che la crescita derivante dal gas a basso costo e dal denaro rubato dalle cleptocrazie è una crescita costruita sulla sabbia. Non è la stessa cosa di una crescita reale e sostenuta da una maggiore produttività e da una maggiore innovazione.

Il libero scambio e i liberi mercati sono il motore più potente del progresso umano. Noi sosterremo sempre la libertà economica.

Ma il libero scambio deve essere equo – e questo significa giocare secondo le regole. Per troppo tempo molti sono stati ingenui sul potere geopolitico dell’economia. Gli aggressori la trattano come uno strumento di politica estera – usando il patronato, gli investimenti e il debito come mezzo per esercitare il controllo e la coercizione. Sono spietati nel loro approccio. La nostra risposta non rispecchierà le loro tattiche maligne, ma li eguaglieremo nella nostra determinazione.

È il momento di farsi furbi. L’accesso all’economia globale deve dipendere dal rispetto delle regole.

Non ci possono più essere pass gratuiti. Lo stiamo dimostrando con il conflitto Russia-Ucraina – il lasciapassare della Russia è stato revocato.

Li stiamo colpendo con ogni elemento di politica economica.

Abbiamo aumentato le tariffe sulle merci russe. Li abbiamo tagliati fuori dai termini del WTO. Abbiamo vietato le loro navi dai nostri porti, abbiamo vietato i loro aerei dai nostri aeroporti. Abbiamo sanzionato più individui e organizzazioni di qualsiasi altra nazione, colpendo le banche russe, gli oligarchi, le compagnie di difesa, le riserve della Banca Centrale e le forniture di petrolio e gas.

Stiamo tagliando i finanziamenti per lo sforzo bellico di Putin. Stiamo anche tagliando i legami di investimento con la Russia – vietando tutti i nuovi investimenti verso l’esterno e ponendo fine al visto per gli investitori. Allo stesso tempo, stiamo rimuovendo tutte le tariffe di importazione per l’Ucraina, e stiamo sostenendo l’economia ucraina con garanzie di prestito, sostegno fiscale e investimenti.

Stiamo dimostrando che l’accesso economico non è più dato. Deve essere guadagnato.

I paesi devono giocare secondo le regole. E questo include la Cina.

Pechino non ha condannato l’aggressione russa o i suoi crimini di guerra. Le esportazioni russe verso la Cina sono aumentate di quasi un terzo nel primo trimestre di quest’anno. Hanno cercato di costringere la Lituania. Stanno commentando chi dovrebbe o non dovrebbe essere membro della NATO. E stanno rapidamente costruendo un esercito in grado di proiettare il potere in profondità nelle aree di interesse strategico europeo.

Ma la Cina non è impenetrabile. Parlando dell’ascesa della Cina come inevitabile stiamo facendo il lavoro della Cina per lei. Infatti, la loro ascesa non è inevitabile. Non continueranno a salire se non giocano secondo le regole.

La Cina ha bisogno del commercio con il G7. Noi rappresentiamo la metà dell’economia globale. E abbiamo delle scelte. Abbiamo dimostrato con la Russia il tipo di scelte che siamo pronti a fare quando le regole internazionali vengono violate. E abbiamo dimostrato che siamo pronti a dare la priorità alla sicurezza e al rispetto della sovranità rispetto al guadagno economico a breve termine. Anche perché sappiamo che il costo del non agire è più alto.

Il fatto è che la maggior parte del mondo rispetta la sovranità. Sono solo alcuni paria e pochi altri che non lo fanno. Quindi stiamo lavorando più strettamente con alleati e amici – vecchi e nuovi.

E lo stesso approccio assertivo che può limitare i nostri rivali, può essere un potente motore di prosperità e sicurezza. Ecco perché stiamo costruendo nuovi legami commerciali, compreso il lavoro su accordi di libero scambio con paesi come India e Indonesia e l’adesione al CPTPP.

Stiamo condividendo la nostra esperienza nella scienza e nella tecnologia, firmando nuove partnership in tutto il mondo. E stiamo fornendo un’offerta migliore sullo sviluppo, con investimenti ai paesi a basso reddito che vengono senza vincoli maligni.

Essendo duri e uniti, lavorando insieme ed espandendo il commercio, possiamo privare gli aggressori del loro potere e possiamo ridurre la dipendenza strategica.

Possiamo aiutarci a vicenda a superare la tempesta dell’impennata dei prezzi dei generi alimentari e dell’energia. Alla Banca Mondiale la scorsa settimana abbiamo assicurato 170 miliardi di dollari per aiutare i paesi a basso reddito ad affrontare queste sfide.

E stiamo andando avanti in altre possibili aree di dipendenza strategica. Che si tratti di minerali o di metalli di terre rare, stiamo unendo le forze per prevenire problemi futuri prima che emergano.

Questo è il modo in cui rafforzeremo la nostra sicurezza economica condivisa.

Alleanze globali più profonde

Questo ci porta all’ultimo punto, che è che la nostra prosperità e sicurezza deve essere costruita su una rete di forti partnership.

Questo è ciò che ho descritto come la Rete della Libertà.

Il principio fondamentale è che, a prescindere dalle sfide, non dovremmo chiuderci in noi stessi e perseguire l’autarchia. Dovremmo raggiungere e abbracciare nuovi partenariati, ciò che gli olandesi e altri hanno chiamato “autonomia aperta”.

In un mondo in cui attori maligni stanno cercando di minare le istituzioni multilaterali, sappiamo che i gruppi bilaterali e plurilaterali avranno un ruolo maggiore. Partenariati come la NATO, il G7 e il Commonwealth sono vitali.

Dovremmo continuare a rafforzare la nostra alleanza NATO con legami in tutto il mondo, come la Joint Expeditionary Force guidata dal Regno Unito, i 5 Eyes, e la partnership AUKUS che abbiamo con gli Stati Uniti e l’Australia. E vogliamo continuare a far crescere i nostri legami con paesi come Giappone, India e Indonesia.

Dovremmo anche costruire sul forte nucleo che abbiamo nel G7. Durante la presidenza britannica dell’anno scorso sono stato lieto di portare al tavolo amici come Australia, Corea, India, Sudafrica e l’ASEAN.

Il G7 dovrebbe agire come una NATO economica, difendendo collettivamente la nostra prosperità. Se l’economia di un partner viene presa di mira da un regime aggressivo, dovremmo agire per sostenerlo. Tutti per uno e uno per tutti.

E ai 141 paesi, di tutti i continenti, che hanno votato per condannare le azioni della Russia all’ONU: Sento la vostra voce. Condivido la vostra indignazione per la guerra illegale della Russia. Condivido la vostra fede fondamentale nella sovranità, nel fair play e nello stato di diritto.

Quindi lavoriamo insieme. Creiamo legami più profondi. Cerchiamo di essere commercianti, investitori e partner migliori degli aggressori.

Il Regno Unito è pronto a fare le cose in modo diverso, a pensare in modo diverso e a lavorare in modo diverso con voi per ottenere le cose.

C’è una forza enorme nell’azione collettiva. E lasciatemi essere chiara, questo vale anche per le alleanze di cui il Regno Unito non fa parte. Noi sosteniamo il quadrilatero indopacifico. Sosteniamo un’UE che guarda all’esterno e stiamo lavorando a stretto contatto con l’Ucraina. Sosteniamo l’ASEAN, l’Unione Africana e l’accordo commerciale USA-Messico-Canada. Rifiutiamo le vecchie idee di sistemi gerarchici, gruppi esclusivi e sfere d’influenza.

Vogliamo vedere una rete di partenariati che si estenda in tutto il mondo, in difesa della sovranità e dell’autodeterminazione, e che costruisca una prosperità condivisa. Il Regno Unito sarà una parte attiva e agile di questa rete.

Conclusione

Eccellenze, signore e signori, la geopolitica è tornata.

Dopo la guerra fredda abbiamo tutti pensato che la pace, la stabilità e la prosperità si sarebbero diffuse inesorabilmente in tutto il mondo. Pensavamo di aver imparato le lezioni della storia e che la marcia del progresso sarebbe continuata incontrastata.

Ci siamo sbagliati. Ma questo non è un parere disperato.

Di fronte alla crescente aggressione abbiamo il potere di agire, e dobbiamo farlo ora. Dobbiamo essere assertivi. Gli aggressori stanno guardando quello che è successo in Ucraina. Dobbiamo fare in modo che ricevano il messaggio giusto.

Insieme abbiamo una forza enorme. Usiamola per forgiare un mondo migliore, più sicuro e un’economia globale più forte. Questo richiederà le energie di tutte le persone in questa stanza e oltre. Sarà difficile. Ma dobbiamo fare un passo avanti e assumerci le nostre responsabilità.

Gli aggressori sono pronti ad essere audaci – noi dobbiamo essere più audaci. È così che ci assicureremo che la sovranità dell’Ucraina venga ripristinata. È così che ci assicureremo che l’aggressione e la coercizione falliscano. È così che, in tutto il mondo, vinceremo questa nuova era di pace, sicurezza e prosperità.

Grazie.

Liz Truss, discorso alla Mansion House, Londra, del 27 aprile 2022 (trascritto esattamente come è stato pronunciato)

Massimo A. Cascone, 28.04.2022

Fonte: https://www.gov.uk/government/speeches/foreign-secretarys-mansion-house-speech-at-the-lord-mayors-easter-banquet-the-return-of-geopolitics

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
6 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
6
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x