Home / ComeDonChisciotte / FUGA RADIOATTIVA DALLA CENTRALE NUCLEARE DI FORT CALHOUN

FUGA RADIOATTIVA DALLA CENTRALE NUCLEARE DI FORT CALHOUN

DI RADY ANANDA
Global Research

Sopraffatta dal fiume Missouri, una

striscia lunga 2000 piedi, composta da palloni protettivi che circondavano

la centrale nucleare di Fort Calhoun in Nebraska, è collassata

alle 1:25 di domenica mattina 26 giugno.

Due giorni dopo la Kansas State

University ha rilevato una situazione d’emergenza nel corso di una prova d’attività al reattore, visto che la radioattività era di 149 volte più alta del limite della Concentrazione d’Aria Rintracciata (DAC) stabilito per lo iodio.

Sei ore e mezza dopo che la berma di Ft. Calhoun era collassata, alcuni operatori hanno riportato questo dato alla Nuclear Regulatory Commission, registrandola come una “non emergenza”.La NRC ha detto che non c’era niente di cui preoccuparsi.

L’alluvione non “ha avuto alcun impatto sul raffreddamento per lo

spegnimento del reattore o sulla raffreddamento della piscina per il

combustibile esausto.”

In attività dal 1973, Ft. Calhoun

ha riempito la sua piscina per il raffreddamento del combustibile esausto

nel 2006. La struttura è profonda 40 piedi ed è collocata a 38 piedi

sopra il livello del terreno. Ft. Calhoun ha poi costruito una struttura

all’asciutto per lo stoccaggio dei barili, cerchiata qui sotto, per i quali l’NRC ha riferito che non avrebbero avuto bisogno della berma AquaDam:

Il 15

giugno abbiamo subito postato

notizie sulla minaccia fornita agli impianti nucleari del Nebraska,

nel mezzo di un apparente blackout

dei media su tutta la storia.

Il 23 giugno l’Associated

Press ha pubblicato il

suo resoconto di un anno di indagini negli impianti nucleari degli Stati

Uniti, indicando che il 75% di essi aveva avuto fughe radioattive.

In effetti, quando il 24 giugno la

Kansas State University ha avviato il suo reattore per la ricerca

per un periodo di venticinque minuti, i rilevatori della qualità dell’aria

hanno suonato l’allarme, segnalando che le radiazioni di iodio avevano

superato di 149 volte il limite DAC consentito, facendo sì che la

KSU dichiarasse l’emergenza.

Anche se quattro diverse sistemi hanno

rilevato livelli di radioattività eccessivi, alcuni operatori

hanno riportato l’ipotesi che ciò fosse dovuto alla vicinanza di

un campione radioattivo vicino ai rilevatori. Non hanno chiarito che

tipo di campione fosse e neppure perché fosse vicino a quattro differenti

apparecchi, nel caso una cosa del genere fosse possibile. Inoltre, il

campione da loro analizzato conteneva cesio, non iodio.

Il 31 maggio il direttore del NRC,

Gregory Jaczko, ha difeso la sua organizzazione contro la supposizione

che fosse troppo alleata con gli operatori dell’impianto. Ha citato

diversi esempi dove gli impianti fu ordinato di interrompere l’attività

in modo indefinito per le misure di sicurezza e ha plaudito l’NRC

per la sua “trasparenza e l’apertura di vedute.”

Questa trasparenza e apertura di vedute

non si sono applicate agli eventi accaduti ai due impianti nucleari

del Nebraska fino alla pubblicazione del nostro articolo il 15 giugno. Ci è voluta una settimana perché l’NRC

ne facesse menzione.

Il 21 giugno Jaczko ha riportato che

la NRC ha ordinato a Ft. Calhoun lo scorso anno di rafforzare

il proprio piano di risposta alle alluvione. Era certo che “l’impianto

è ben posizionato per stare fuori dalle alluvioni estreme del fiume

Missouri e tenere la gente al sicuro.”

La stessa affermazione fu reiterata

il 26 giugno dopo il collasso della berma a difesa delle acque, che

fa ovviamente parte del piano di risposta per le alluvioni di Ft. Calhoun,

insieme ai sacchetti di sabbia e ai mucchi di terra posti intorno all’impianto.

L’ingegnere nucleare Arnie Gundersen ha detto che “sacchi di sabbia e centrali nucleari

non dovrebbe apparire nella stessa frase.”

Tenete a mente come questi eventi dimostrino

che, se le centrali nucleari forniscono circa quarant’anni di energia

elettrica, producono scorie radioattive che durano migliaia di anni.

Malgrado questa certezza, l’NRC sta ancora stilando progetti

per lo stoccaggio sicuro dei rifiuti nucleari che durano solo 300 anni.

(Vedete SECY-11-0029)

Chief Jaczko si è unito al senatore

Harry Reid e al presidente Obama nel rifiuto di seppellire le scorie

nucleari della nazione a Yucca Mountain, da tempo ritenuta un sito non

sicuro. Il finanziamento al progetto è stato tagliato nel 2010, anche

se la questione è ancora oggetto di una controversia legale.

Il posto più sicuro sarebbe fuori

dal pianeta, visto il rischio addossato sulla Terra da millenni di radioattività.

Il professor Benjamin Sovacool ha

definito l’energia nucleare

la più terribile, costosa fonte di energia conosciuta, evidenziando

che, in media, c’è stato almeno un incidente nucleare con un danno

pari ad almeno 330 milioni di dollari in ciascuno degli ultimi trenta

anni.

“Lo scioglimento di un reattore da

500 megawatt situato a trenta miglia da una città causerebbe la morte

immediata di circa 45.000 people, il ferimento di altre 70.000 e provocherebbe

un danno di 17 miliardi di dollari.”

Questo è quello che passe a Ft.

Calhoun, un reattore da 500 Megawatt di potenza, venti miglia a nord

di Omaha.

*******************************************

Fonte: http://globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=25466

01.07.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • maristaurru

    Il nucleare perde i pezzi. Cade un altro mito dei progressisti: la fiducia sconfinata nella scienza , come prima e’ accaduto col mito e la fiducia nei tecnocrati che ha gettato il mondo nello sconquasso economico della finanza e della speculazione che si “autoregolerebbero” illuminata castroneria che paghiamo noi stupide pedine poco illuminate e molto spremute

  • AmonAmarth

    Ad ogni articolo sull’energia mi sento in dovere di continuare a postare qualcosa per far sì che più

    persone possibile vengano a conoscienza della novità di quest’anno nel campo dell’energia:

    l’industrializzazione e commercializzazione già pronte ad entrare sul mercato di un dispositivo per la

    produzione di ENERGIA A COSTI IRRISORI mediante un processo di FUSIONE FREDDA (o LOW ENERGY NUCLEAR

    REACTION per chi preferisce tale definizione). E’ un processo PULITO, SENZA SCORIE E RADIAZIONI,

    facente uso di materie prime diffusissime come il NICHEL e l’IDROGENO. L’invenzione di questo aggeggio

    e lo sviluppo delle collaborazioni per la sua PRODUZIONE IN SERIE è merito di un inventore italiano:

    ANDREA ROSSI. Non c’è bisogno di dire che le possibilità che ne derivano sono immense: declino dei

    poteri monopolistici e guerrafondai delle corporations petrolifere, delocalizzazione della produzione

    di energia e abbassamento dei costi di produzione di beni primari come cibo, calore e tutto ciò che ne

    deriva. SCETTICI? Bene continuiamo ad esserlo se volete per “buona condotta” o per prevenire le

    dichiarazioni “affrettate”, ma sta di fatto che in molteplici occasioni dall’inizio di quest’anno, in

    pubblico e anche sotto l’occhio di altri scienziati che hanno potuto eseguire di persona delle misure,

    questi esperimenti hanno dimostrato di produrre un output di energia 20-30 volte superiore all’energia

    in entrata sotto forma di calore. Redazione di CDC, se state aspettando il momento giusto per parlarne

    con un bell’articolo esplicito (siete uno dei migliori siti di controinformazione!!) vi assicuro che

    siete già in ritardo avanzato. Qualche link utile: … Personalmente mi tengo aggiornato qui:

    *http://dibattiti.wordpress.com/category/energia/fusione-fredda/energy-catalyzer-rossifocardi/* …

    Vari link utili da Radio24 e da serivizi di Maurizio Torrealta della RAI:

    *http://www.moebiusonline.eu/fuorionda/audio/Fusione_levi.mp3
    * *http://www.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2011/110504-mrkilowatt.mp3*

    *http://www.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2011/110505-mrkilowatt.mp3*

    *http://www.youtube.com/watch?v=ZGI12A3SWJ4* *http://www.youtube.com/watch?

    v=_hX40Fgw4kQ&feature=player_embedded* *http://www.youtube.com/watch?

    v=R5pSxZDZXwg&feature=relmfu**http://boomp3.com/mp3/29eh1o2khwc-mrkilowatt-16-6-2011* … Un ottimo

    video (40min) che ne riassume la vicenda: *http://vimeo.com/25150844* … Le news sulla conferenza di

    Defkalion: *http://vimeo.com/25785236* … Ragazzi siamo di fronte ad una nuova ERA SCIENTIFICA E

    UMANA? Io sono piuttosto sicuro di SI, ed è solo questione di tempo. Saluti.

  • vic

    Carissimo, guarda che CDC informa da tempo con tempismo sulla fusione fredda.

    Inoltre il sottoscritto si da’ la pena di guardare oltre all’E-cat, che e’ solo uno dei modi possibili per estrarre energia nucleare a bassa intensita’, senza scorie e senza radiazioni micidiali.

    Grazie dei link, ma li avevo gia’ messi a suo tempo, comunque repetita juvant.

    E’ dura in tempi di demonizzazione del nucleare far capire che le vere energie innovative sono di tipo nucleare, nucleare altro, non quello militar-civile basato sull’uranio, per modo di dire perche’ quasi tutto l’uranio viene in realta’ buttato via gia’ prima di cominciare ad usarlo. Tutti la conoscono la modalita’ d’eliminazione principale dell’uranio impoverito.

    Ultimamente sto attirando l’attenzione anche sull’esistenza del motore plasmatico, il quale a differenza dell’E-cat di Rossi-Focardi estrae con principi presumibilmente nucleari direttamente energia meccanica, quindi pregiata. Un motore a scoppio che va senza carburante, quindi ad inquinamento zero, tant’e’ che non ha tubo di scarico e nemmeno valvola d’entrata, e’ silenzioso, non riscalda per cui si fa a meno di radiatore. Come potenza, dipende dalla cilindrata, ma in genere supera quella di un motore a scoppio di cilindrata simile. Cosa si vuole di piu’?
    In pratica il nucleare alternativo sta offfrendo alla societa’ due soluzioni funzionanti per risolvere il problema energetico: a) per produrre calore reattori ispirati all’E-cat; b) per produrre energia meccanica od elettrica il motore ergoplasmatico. Entrambe le soluzioni offrono energia a costi infimi ed a polluzione pure infima, se paragonata alle soluzioni basate sui combustibili fossili o sull’uranio.

    Ergo non si capisce perche’ nessuno ne parli, in particolare i politici ambientalisti e gli economisti energetici.
    Forse perche’ nessuno sa dire se siano soluzioni di destra o di sinistra. Speriamo che non sia per terrorismo semantico: al sentire nucleare tutti scappano, non sapendo quello che fanno.
    Sull-E-cat credo che ci siano dei fattori ulteriori: gli statunitensi sono invidiosi da morire che non l’abbiano trovata loro la brillante soluzione, alcuni italiani invece sono invidiosi del Rossi come persona, per antipatia a pelle, o perche’ non e’ un vero accademico, non facendo propriamente parte del giro. Ad altri sta antipatico perche’ non e’ della loro parrocchia, come se in parrocchia non ci si sbranasse comunque.

    Nemo profeta in patria, si diceva ai tempi.

    Il mio timore per l’invenzione di Rossi-Focardi, e’ che faccia la fine del primo apparecchio per la risonanza magnetica nucleare, quello realizzato dall’inventore medesimo. Grande strombazzata iniziale: a Milano venne perfino installata una macchina della prima generazione, che pero’ ben presto rivelo’ i propri limiti. Col tempo non seppe tenere il passo con la concorrenza dei big dell’industria tecno-medica, i quali proponevano innovazioni tecnologiche notevoli a ritmo costante. Fini’ che la ditta dell’inventore dovette chiudere baracca per mancanza di clienti. Il mercato invece esplose e tira alla grande ancora oggi. Ma chi ne approfitta sono sempre loro, i big del settore.
    Ok, sono mercati completamente diversi.

    Poi c’e’ il problema della sicurezza, che Rossi mi pare stia sottovalutando alla grande. Qui sono in ballo reazioni nucleari, non c’e’ da scherzare. Cosa succede se al tizio Pinco Pallino che si fa il boiler nucleare per avere tanta acqua calda a costo infimo, un bel giorno salta in mente di far saltare in aria la casa, semplicemente non piu’ raffreddando l’E-cat? All’universita’ di Bologna pare si stiano ponendo domande di questo tipo. Ma e’ una situazione paradossale. All’univerista’ dovrebbero indagare i processi, toccherebbe all’industria preoccuparsi della sicurezza. E qui si parla di sicurezza nucleare, perche’ se esplode l’E-cat e’ un’esplosione nucleare che ha luogo. Chi garantisce che vi siano poche radiazioni e pochi neutroni a questo punto?

    Forse Rossi, per paura di essere plagiato, sta correndo troppo veloce.

  • Eshin

    Un disastro ampio,
    oltre al problema delle centrali nucleari ci sono le terre indondate e devastate …. e arriva Soros e…..

    Gli Army Corps of Engineers offrono ai farmer di comprare le loro terre (e sono loro i gestori delle dighe e quindi dell apertura )
    Un susseguirsi di eventi,
    Cloudseeding in Montana-Dakota per aumentare lo SNOWPACK.
    e interrotto a Giugno visto che di acqua ce n’era in abbondanza…
    Si accusa lo scioglimento delle masse di neve come causa principale del disastro.
    Gli invasi strapieni da tempo sono stati aperti tardi e la prima volta nella loro storia decennali .
    Ed ora vediamo i gestori delle acque in veste di salvatori ……compranocomprano….momento propizio per comprare.

    Situazione attentamente da esaminare.

    Feds buying up farmland they flooded; Soros in on it
    http://foodfreedom.wordpress.com/2011/0 … hey-floo…

    The Purposeful Flooding of America’s Heartland
    http://www.americanthinker.com/2011/06/ … ricas_he…

    U.S. Army Corps of Engineers Intentionally Flooded Farmland, Now Offering to Buy It
    http://www.blacklistednews.com/U.S._Arm … ally_Flo…

  • AmonAmarth

    Ciao vic, si scusa hai ragione non è che siete “in ritardo”, suona un pò male in effetti… è solo che mi sembra che con la cadenza di articoli sull’energia che compaiono su CDC mi stupisce che non si parli più spesso delle reali possibilità di fuga proprio da quei problemi di energia di cui tanto si parla! Magari potreste – la butto lì così perchè poi siete voi che tenete questo ottimo sito – metterne un’articolo ogni tanto tra quelli della testata principale, in maggiore vista e colpo d’occhio, magari “gemellandovi” con PESNews/PESWiki i quali tengono quasi quotidianamente articoli su questi tipi di energie totalmente nuove… PS: a proposito di PlasmERG tralaltro le ultime notizie sono un po’ dubbie, ma piacerebbe anche a me vedere in funzione uno di quei motori potentissimi… Nel frattempo però Rossi sembra più diretto e deciso, senza contare che lavora con molta più gente, e la cosa non può essere più frenata da nessun “invidioso”, o almeno spero… Saluti!