Epatite autoimmune dopo il vaccino Moderna

Uno studio riporta il caso di una donna di 65 anni a cui è stata diagnosticata un'epatite autoimmune acuta grave due settimane dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino anti-Covid Moderna

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

La pandemia di Covid sta ancora imperversando in tutto il mondo e ci si aspetta che i vaccini ci portino fuori da questa pandemia. Sebbene l’efficacia dei vaccini sia fuori dubbio, la sicurezza rimane ancora una preoccupazione”. Inizia così uno studio, pubblicato sulla rivista Journal of Autoimmunity, in cui viene riportato il caso di una donna di 65 anni a cui è stata diagnosticata un’epatite autoimmune acuta grave due settimane dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino anti-Covid Moderna.

La donna “non aveva una storia di malattia epatica ed era nota per avere esami epatici di routine normali. Inoltre, non aveva una storia personale o familiare di malattie autoimmuni”, si legge nello studio. “Dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino Moderna, la paziente ha presentato un lieve dolore addominale. L’immunoglobulina G sierica era elevata e l’anticorpo anti-nucleo era positivo. Cinque settimane dopo la vaccinazione, la paziente presentava ittero e coluria. Il profilo epatico stava peggiorando e i livelli di IgG erano ora elevati. La paziente è stata ricoverata per la gestione clinica. L’istologia del fegato ha mostrato una marcata espansione dei tratti portali, grave epatite alla interfaccia e focolai multipli confluenti di necrosi lobulare. Ha iniziato il trattamento con prednisolone, con una favorevole evoluzione clinica e analitica”, riporta lo studio.

Recentemente, sono stati segnalati alcuni casi di epatite autoimmune che si sono sviluppati dopo la vaccinazione anti-Covid. Ci sono alcune somiglianze tra i casi descritti in precedenza e il caso in esame, come un breve intervallo tra la vaccinazione e l’insorgenza dei sintomi. Mentre la nostra paziente ha ricevuto il vaccino a mRNA Moderna, ci sono già altre segnalazioni di epatite autoimmune indotta dai vaccini Pfizer-BioNTech e Oxford-AstraZeneca, a sostegno dell’idea che il vaccino anti-Covid scateni fenomeni autoimmuni indipendentemente dal suo meccanismo d’azione”, scrivono gli autori dello studio.

Contrariamente ad altri casi, la nostra paziente non presentava fattori confondenti come la gravidanza o condizioni autoimmuni. Tuttavia, era in trattamento con interferone pegilato per la policitemia vera. In effetti, questo farmaco è stato collegato all’induzione di condizioni autoimmuni, inclusa l’epatite autoimmune. Tuttavia, questo effetto collaterale di solito si manifesta entro 1-2 mesi dall’inizio della terapia e la nostra paziente aveva già iniziato l’interferone pegilato da oltre due anni. Inoltre, la tempistica del danno epatico, l’ampia esclusione di altre cause di malattia epatica e la normalizzazione dei test di funzionalità epatica e dei livelli di IgG dopo il trattamento, rendono molto probabile che l’epatite autoimmune sia stata innescata dal vaccino anti-Covid. Solo il follow-up a lungo termine confermerà se la vaccinazione anti-Covid aumenta il rischio di epatite autoimmune”, si legge nello studio.

Ci sono state alcune preoccupazioni riguardo alla possibilità di autoimmunità indotta dal vaccino anti-Covid. Il mimetismo molecolare è stato suggerito come potenziale meccanismo per questa associazione. Infatti, gli anticorpi contro la proteina spike S1 di SARS-CoV-2 avevano un’elevata affinità contro alcune proteine ​​del tessuto umano. Poiché l’mRNA del vaccino codifica la stessa proteina virale, possono innescare malattie autoimmuni in pazienti predisposti. Pertanto, gli operatori sanitari devono rimanere vigili durante la vaccinazione di massa contro il Covid”, concludono gli autori dello studio, pur sottolineando “gli enormi benefici della vaccinazione”.

Fonte articolo: https://www.meteoweb.eu/2022/02/epatite-autoimmune-e-vaccino-anti-covid-lo-studio/1760454/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x