Home / ComeDonChisciotte / E SE… SMETTESSIMO DI USARE I SOLDI?

E SE… SMETTESSIMO DI USARE I SOLDI?

DI KEITH FARNISH

Energy Bulletin

Da parecchio tempo non mi sforzavo fino a sentirmi male: il respiro affannoso, accompagnato dal riflesso del vomito mentre ogni boccata
meno profonda di aria ossigena il sangue ogni volta un po’ meno – a
metà strada verso la cresta della collina mentre affronto un feroce vento contrario; ma c’è una piccola storia da raccontare prima di raggiungere
la cima di quella collina…

Gary ed io avevamo parlato di alveari. Il suo ginocchio limitato bidimensionalmente rifletteva più che a sufficienza quel tempo della
nostra vita quando cominciamo a renderci conto che stiamo invecchiando. Quello che vogliamo fare non è sempre all’Altezza di ciò che i nostri corpi sono in grado di fare. La sua attuale condizione fisica – che ha comportato la messa in pausa della sua vita e messo il suo reddito in pericolo – ci ha fatto rendere conto, nella luce crepuscolare di
una giornata ventosa, della fallibilità delle persone, siano essi singoli,
coppie o intere famiglie, quando le cose non vanno secondo i piani.
Mentre rimuginavo internamente su come avrei potuto essere d’aiuto,
la nostra conversazione continuamente saltava tra spin bowling, la
storia del Sudafrica e la possibilità già menzionata di fare un po’ di apicoltura collettiva in un prossimo futuro.
Poco dopo mezzogiorno, avevo

dovuto lasciare la sua compagnia e fare il viaggio in bicicletta pieno

di curve lungo le colline di Eildon fino a Melrose; e poi di nuovo in

quel terribile vento contrario, già carica di burro scozzese, un colpevole

barattolo di caffè , e (la fonte della nostra incursione verbale) due

vasetti di miele Galloway – tutto contenuto all’interno di uno zaino

che si rifiutava di rimanere semplicemente rivolto all’indietro. Mentre

risalivo la collina, centinaia di puntini rossi emersero alla mia sinistra.

Sparsi su tutto il ciglio erboso erano il tesorodepositato dal vento

di un bellissimo susino.

Con circa cinque chili di peso in più contenuto nell’autoconsapevole

zaino, ancora una volta ritornai a casa di Gary; andando via poco dopo,

priva di parecchie prugne, ma molto più carica di patate. Più tardi,

le prugne rimanenti si sarebbero ritrovate infornate in una torta, e

alcune delle patate schiacciate con pochi grammi di burro scozzese.

La Via del Baratto

Il baratto è più vecchio del denaro – ecco perche`. Se avete qualcosa

e volete qualcosa di diverso allora si hanno tre possibilità: potete

semplicemente prendere ciò che volete dalla persona che la possiede;

in alternativa potete dare qualcosa di quello che avete in cambio di

quello che volete; infine, potete vendere qualcosa di quello che avete

in cambio di qualcosa che non ha alcun valore intrinseco, ma su carta

(moneta, ardesia, perlina, disco di legno …) ha un certo valore prestabilito,

quindi utilizzare tale valore virtuale per acquistare la cosa che desiderate.

Queste tre opzioni mostrano un aumento della complessità, che riflette

la direzione verso cui la società umana è andata, fin da quando i

primi esseri umani non regolati da leggi divennero prima cooperativi

e poi civilizzati.

Voglio sottolineare subito che la parola “civilizzato” non

implica qualcosa di positivo: civilizzato vuol dire semplicemente vivere

in gruppi molto grandi – così grandi che sono necessarie l’importazione

di “risorse” e l’esportazione di rifiuti – come parte di un

sistema gerarchico di regole. Ciò non significa “essere carini”.

Se non altro vuol dire l’opposto.

Il sistema di baratto – essendo lo scambio di beni o servizi per prodotti

o servizi per un equivalente, ma non necessariamente valore fisso –

non è affatto la più pura forma di accordo di cooperazione; infatti

se vogliamo vivere davvero in modo che le persone possano realmente

contare le une sulle altre per le loro esigenze fondamentali, allora

sono necessarie anche altre forme di scambiare e di dare, compreso il

dare incondizionatamente . Tuttavia, rispetto ai ridicolmente complessi

sistemi basati sul contante e sul credito, che sono diventati la norma

nella società civile, il baratto ha un livello di purezza e immediatezza

che la maggior parte delle persone civilizzate trova straordinari, anche

profonda causa di disagio. Con una banconota di 20 sterline in tasca

io so abbastanza accuratamente quanto di qualcosa potrei andare a comprare

in questo momento – e sono certo che la banconota verrebbe accettata,

almeno nel paese dove vivo.

Ora, se io dovessi portare in giro un sacco di cipolle che ho coltivato

io stesso (un po’ ingombrante, ma è più facile spiegarlo in questo

modo), allora quali sono le probabilità che queste vengano accettate

nella stessa maniera veloce, in cambio di, diciamo, un taglio di capelli

alla moda o un paio di pantaloni? Abbastanza minime, direi, anche se

le due parti avessero raggiunto un’intesa su quante cipolle valgano

un paio di pantaloni. Potreste essere fortunati a imbattervi in un negoziante

insolitamente emancipato, o semplicemente ottenere l’affare per il suo

puro valore di novità – ma come forma di moneta nel mondo civilizzato,

le cipolle puzzano!

Il fatto è che – a differenza di banconote e monete, le cipolle hanno

un valore intrinseco: possono essere mangiate per provvedere nutrimento

e sapore ad un pasto. Non ci sono firme sulle cipolle; nessuna promessa

di restituire l’equivalente in qualche altra attività non-reale, nessuna

necessità di garanzie statali in una società sempre più diffidente

e scollegata. Sono cipolle. Sono cipolle in Scozia, Francia, Egitto,

Indonesia e Australia. Magari non a tutti piacciono o ne hanno bisogno,

ma almeno sai cosa trovi, e ci sono sempre i pomodori nell’altro sacco.

Allora, perché la società non baratta più? Ecco un elenco di

alcuni motivi tirati fuori dalla mia testa; vedete se riuscite a pensarne

altri:

– Non ci fidiamo o conosciamo abbastanza bene gli altri per concordare

un valore equivalente per cose diverse;

– Non capiamo il valore intrinseco delle cose senza un equivalente in

denaro;

– Non c’è modo di approfittare del baratto senza frode evidente;

– Non possiamo conservare facilmente tutto ciò che desideriamo, per

un uso successivo;

– Il baratto dà poche possibilità di conseguire uno status attraverso

beni materiali;

– Il baratto è socialmente inaccettabile in una società capitalista;

– Il baratto richiede preparazione e, di solito, pre-accordo.

Che si considerino queste cose in modo intrinsecamente negativo dipenderà

in gran parte da come si sceglie di effettuare le proprie transazioni

giorno per giorno (invece di essere costretti a farlo). Trovo che doversi

preparare ad una transazione, e non essere in grado di trarne profitto

siano due cose di per sé positive – ma del resto io sono un po’ strano,

secondo le norme della società, che è probabilmente una delle ragioni

principali per cui sono stato in grado di condurre un bel po’ di affari

senza contanti; la gente un po’ se lo aspetta, da me. Tuttavia, il baratto

è visto, quasi universalmente nella società civile, come qualcosa

che la gente soleva utilizzare, ma che non è più possibile né auspicabile.

Ecco un esempio dell’atteggiamento prevalente per quanto riguarda la

fiscalità:

E ‘abbastanza normale che i conigli cacciati vengano scambiati nei

macellai del luogo con le braciole di maiale, o che si scambi il pascolo

in cambio della manutenzione del campo. Balle di fieno possono agire

come moneta in cambio di lavori di costruzione, torte fatte in casa

e riparazioni di veicoli, ecc. Tutto molto innocente e rustico e che

incoraggia un ambiente privo di carte, ma questo può sostenere ciò

che ammonta solo alle imposte sul reddito potenziale, le imposte sulla

società o l’IVA confidenziale o persino la frode.

Puo` sembrare dura, ma è

la cruda realtà. Il sogno di una società rustica, senza carte, deve

essere ridotto in frantumi mentre si interpongono la semplice legislazione

fiscale e l’obbligo di auto-valutazione per mantenere libri e registri

buoni. Chiaramente è importante parlare con i clienti per spiegare

che il ‘baratto’ non documentato e non registrato è in realtà pericoloso

e illegale come il ‘lavoro nero’.

(Fonte: http://www.taxationweb.co.uk/tax-articles/business-tax/the-barter-system-%E2%80%93-the-hidden-evasion.html)

Questo è tratto da un articolo

intitolato “Il Sistema del ‘Baratto’ – L’Evasione Nascosta”.

Si notino le paternalistiche virgolette intorno a “Baratto”

e l’insistenza che la frode sia alla base del baratto, a prescindere

dalle sue motivazioni. Chiaramente l’autore, un consulente fiscale,

protegge i suoi affari, ma quello che realmente ci arriva qui è il

concetto che “questo non è il nostro modo di fare le cose”.

Non posso cominciare a immaginare le ire che una società basata non

solo sul baratto, ma anche sul donare e aiutare solo perché è la cosa

giusta da fare, provocherebbe nel mondo delle tasse!

E questo da solo è un ottimo motivo per iniziare a usare meno soldi.

Meno Soldi, Meno Bisogni

Prendiamo una tipica, anche

se senza nome, nazione industriale civile. Una qualche rivoluzione ha

avuto luogo, forse a causa di una mancanza di posti di lavoro ben pagato

disponibili, forse perché la gente ha capito che il denaro contante

e in particolare il debito sono catene che ci legano, piuttosto che

liberarci: circa il 50% in meno di denaro circola all’interno del sistema

fiscale personale a causa di una pletora di lavori part-time e lavori

pagati meno, un numero enorme di persone che lavorano per se stessi

incorporando il baratto nelle loro vite, e che quasi tutti sono meno

dissoluti nello spendere e nell’indebitarsi. Quello che un tempo sarebbe

stato un momento economico difficile e` stato trasformato in un momento

di condivisione, fiducia, abbassamento di bisogni materiali; e di conseguenza

il peso sull’ecosistema globale, il serbatoio di “risorse”

e la vita delle persone che normalmente servono il sistema aziendale

ne è stato alleviato in misura significativa.

Come ulteriore risultato, l’onere per le finanze pubbliche diventa insopportabile.

Solo la metà dei soldi disponibili in precedenza sta entrando nel sistema,

e il collasso sociale è imminente. Almeno, questo è quello che ci

viene detto, e certamente indotto a credere per il semplice fatto che

molte persone che non trattano in denaro devono ancora dichiarare il

loro “reddito”:

Se vi impegnate in operazioni di baratto si possono avere obblighi

fiscali. Si può essere oggetto di passività per imposte sul reddito,

imposta sul lavoro autonomo, tassa di occupazione, o accise. Le vostre

attività di baratto possono risultare in reddito di impresa, plusvalenze

o minusvalenze, o potrebbero essere una perdita personale non deducibile

.

Dollari di baratto o dollari commerciali sono identici ai veri dollari

a fini fiscali. Se svolgete qualsiasi baratto diretto – baratto per

i prodotti o i servizi di un altro – dovrete riportare il valore equo

di mercato dei prodotti o servizi ricevuti sulla dichiarazione dei redditi.

(Fonte: http://www.irs.gov/businesses/small/article/0,,

id = 188095,00 html.)

Ma se togliessimo il 50% dell’elemento

denaro dalla nostra vita, porterebbe davvero portato al collasso della

società che lo scarico fiscale minaccia di invocare; o è solo un modo

per renderci complici della macchina industriale?

In assenza di una civiltà industriale realmente mitica (che ne vorrebbe

una mitica quando ne abbiamo tante di reali tanti da affrontare) ho

intenzione di utilizzare gli ultimi dati disponibili dal governo britannico

per vedere cosa potrebbe accadere in caso di uno scarico del 50% del

reddito imponibile. Riconosco pienamente l’entità della partecipazione

privata in quelli che sono apparentemente servizi “pubblici”,

nella maggior parte delle economie industriali, ma sostengono che, in

caso di una società “semi-senza-contanti” emergente,

la riduzione della spesa per quei servizi (come l’elettricità, l’acqua,

le telecomunicazioni e i trasporti) si adatterebbe facilmente alle riduzioni

nel gettito fiscale. Detto questo, è ragionevole considerare solo l’effetto

di una riduzione del 50% del reddito disponibile sui servizi come parametro

di riferimento dell’impatto sull’intera società .

Per questo esercizio ho utilizzato i dati presi da un sito web di tutto

rispetto che dettaglia la spesa pubblica nel Regno Unito, indicando

utilmente anche quali proporzioni di spesa sono da parte del governo

centrale e quali da parte del governo locale – questo è importante

per come la gente percepisce i servizi pubblici. Di gran lunga il più

grande blocco unico di spesa pubblica sono le Pensioni e la Sanità,

con il 17,3% ciascuno. Ora ricordate, non stiamo guardando il tipo di

taglio di spesa pubblica che è attualmente in corso in tutto il mondo

industriale: a) è del 50%, un taglio molto più grande; (b) questo

taglio presuppone che esistano le condizioni per cui un tale enorme

cambiamento nel modo in cui utilizziamo prodotti e servizi venga reso

possibile. Non solo usiamo meno denaro perché ci sono modi alternativi

di fare le cose; in realtà acquistiamo meno beni non essenziali (è

un termine relativo, ma stiamo parlando di cose come merci elettroniche,

vacanze, la maggior parte dei veicoli, cibi di lusso ecc.) perché il

cambiamento di vita ha permesso alle persone di apprezzare ciò che

conta davvero.

Così, guardando alle Pensioni, ci sembra di avere già un punto

critico: ma qual è lo scopo di una pensione? Per essere precisi, è

dare alle persone un reddito quando si ritirano dal lavoro o non sono

in grado di fare un lavoro retribuito. Ma a parte la pensione statale

di base, un bel po’ di quel fondo è usato per pagare le pensioni del

settore pubblico, che sono piuttosto generose. Se meno persone lavorassero

nel settore pubblico (e accadra` sicuramente, perché vi è solo la

metà della tassa in arrivo), quindi un minor numero di persone che

avrebbe bisogno di pensioni. Ma se un minor numero di persone avesse

pensioni sopra il livello delle pensioni di base, come farebbero a tirare

avanti? Poiché le persone spendono meno soldi – stanno condividendo,

barattando, dando liberamente e ottenendo quello di cui hanno bisogno.

Risultato: fondo pensione notevolmente ridotto.

L’assistenza sanitaria è un altro costo enorme, e questo è

uno che potrebbe essere tagliato ben oltre le pensioni: sì, la gente

ancora si ammala, anche se con persone molto più focalizzate sulla

loro comunità, il numero e la gravità e le necessità derivanti da

patologie croniche, in particolare negli anziani, sarebbe drasticamente

ridotto – le persone si prendono meglio cura le une delle altre. I costi

per la salute mentale, un sintomo reale della società civilizzata,

sarebbero tagliati di netto in quanto i bisogni reali dell’umanità

– in questo caso compagnia e cura – sono molto più facilmente disponibili.

Anche le condizioni gravi avrebbero meno probabilità di riacutizzarsi

visto che, ancora una volta, la gente sarebbe più disposta a rivelare

i propri problemi e ad aiutare ad affrontarli molto prima. E mentre

impariamo che il cancro è una condizione quasi unicamente del mondo

civilizzato, a lungo termine questo potrebbe anche iniziare a ridursi

man mano che i peggiori eccessi della civiltà sono ridotti. Questa

non è una scienza esatta, ma probabilmente è facile intuire le implicazioni

più vaste di una società più comunale.

Il prossimo costo maggiore

nella graduatoria generale sono le Spese Sociali

(15,1%), costituito in gran parte da assegni familiari e indennità

di disoccupazione. Stiamo iniziando ad affrontare un paio di anacronismi

qui: in una cultura basata sul baratto, l’assegno di “disoccupazione”

avrebbe rilevanza? Che dire degli assegni familiari, la stranezza universale

che paga lo stesso a prescindere dal reddito (beh, fino ad un livello

molto generoso) – si inserirebbe questo in una cultura di scambio dove

cose come la custodia dei bambini (che vengono pagati attraverso un’altro

assegno familiare), molti generi alimentari essenziali, e ogni sorta

di altre cose per cui gli AF sono stati originariamente creati, sarebbero

fortemente fusi nel barattare e dare? Non sto dicendo che non ci sono

persone in difficoltà, ma ci sono sicuramente molte meno persone bisognose

all’interno di uno stile di vita cooperativo. Questo settore di spesa

potrebbe diventare quasi inutile.

Quarto in lista, e l’ultimo in doppie cifre è la “Istruzione”,

con il 12,5% della spesa pubblica totale. Mandiamo i nostri figli ad

una scuola locale, ma siamo ben consapevoli che la finalità del sistema

scolastico pubblico è quello di creare bravi piccoli schiavi del salario

per il futuro: all’età di 12 e 13 anni i bambini nel Regno Unito

devono già decidere dove giace la loro specialità, in modo che possano

essere canalizzati attraverso il sistema e collocati nel loro baccello

di lavoro (o nel mucchio dei “disoccupati”) fino alla pensione.

Questo è il motivo per cui (a) facciamo un sacco di vera educazione

in casa e (b) i nostri due bambini avranno l’opportunita` di scegliere

gli argomenti che a loro piacciono, non definiti da qualsiasi aspirazione

di lavoro il sistema scolastico vorrebbe che esprimessero. Per la grande

maggioranza delle famiglie del sistema industriale, la scuola è anche

un servizio molto utile alla custodia dei bambini – necessario perché

in un gran numero di casi entrambi i genitori scelgono oppure sono costretti

ad andare a lavorare. Non ho intenzione di soffermarmi su questo molto

di più: società collettiva; sistema scolastico a brandelli. Possiamo

imparare nelle nostre comunità.

Quindi, questo va ben oltre

il 60% del bilancio pubblico che può essere facilmente tagliato – o

meglio, circa il 50%. E il resto? Ecco un breve riassunto dei rimanenti

grandi costi:

Difesa: 6,6%

Non so se una società più comunitaria cambierebbe le abitudini radicate

nel tempo di qualsiasi governo, ma quanto sostegno avrebbero invasioni

finanziate da multinazionali e applaudite dai media?

Protezione (polizia, tribunali e carceri): 5,3%

La causa principale della criminalità è la mancanza di cura e di attenzione

reciproca; aggiungete a questo l’effetto di una società consumista

ed è ovvio che effetto un cambiamento dei valori avrebbe.

Amministrazione del governo centrale: 4%

Hmm, meno gerarchia e meno processi decisionale – suona come un piano!

Trasporti: 3,6%

Una società più coesa e comunitaria viaggia meno: meno spostamenti, meno

bisogno di “scappare”, meno desiderio o bisogno di fare shopping

o di viaggi di intrattenimento …

Questo ci porta fino a oltre l’80%, con l’altro quinto consistente nel

pagamento degli interessi trimestrali, e altri servizi che stanno per

fare un bel capitombolo come lo sviluppo economico (chi ha bisogno di

società?), divertimenti formali e sport (e` tempo di un calcio

al pallone, o di un bagno nel lago), la gestione dei rifiuti (è una

società meno dispendiosa per definizione) e gli alloggi sociali (ok,

questa può rimanere fino a che impariamo a costruire le nostre case).

Sentitevi liberi di accusarmi di guardare al mondo attraverso un paio

di occhiali rosa – e avreste ragione se stessimo parlando dell’attuale

possibilita`della venuta di un altro modo piu` reciprocamente vantaggioso

e comunitario vivere, sotto l’attuale sistema di controllo mentale –

ma vorrei disputare che i benefici di vivere con molto, molto meno soldi

come necessità, sono economicamente possibili, e vanno anche ben al

di là di semplici somme economiche. In breve, il percorso verso anche

una riduzione del 50% nel nostro uso del denaro avviene attraverso enormi

cambiamenti nel modo in cui trattiamo il prossimo e noi stessi; il nostro

modo di guardare al valore di tutte le cose; il disprezzo che inevitabilmente

getteremo sull’instancabile sistema di nascita-scuola-lavoro-pensione-morte,

che dimentica di inserire la parola “vivere” nel suo lineup.

Potremmo fare molto peggio che semplicemente considerare un mondo senza

denaro, e poi iniziare a fare qualche passo da bambino – abituarci alla

temperatura dell’acqua, se preferite, prima di fare un tuffo in un modo

diverso di vivere.

***************************************

Fonte: http://www.energybulletin.net/stories/2011-03-03/what-ifwe-stopped-using-money

03.03.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FEY

Pubblicato da supervice