Home / ComeDonChisciotte / DOPO L’IRAN, IL VENEZUELA?

DOPO L’IRAN, IL VENEZUELA?

DI MIKE WHITNEY
Counterpunch

Il caso contro il Venezuela
iniziato durante l’amministrazione George W. Bush è accelerato rapidamente sotto Obama
.”

Eva Golinger, autrice di “The Chávez Code: Cracking US Intervention in Venezuela

Avvocato ed attivista, Eva Golinger
ha scritto un pezzo eccellente sulle relazioni tra Stati Uniti e Venezuela
che ha postato sul suo sito web Postcards from the Revolution.
Golinger dettaglia la trasformazione stupefacente che Chavez ha effettuato da quando è salito al potere dodici anni fa. Non solo Chavez si è liberato degli oligarchi predatori che una volta dominavano la politica venezuelana, ma i suoi programmi sociali e rivoluzionari hanno elevato anche il tenore di vita per i poveri e la classe media, dando forza alle istituzioni che hanno trasformato il Venezuela in una delle democrazie più vibranti dell’emisfero. Il Venezuela ha visto una riduzione del 50% del tasso di povertà da quando Chavez è stato nominato nel febbraio 1999. I venezuelani hanno garantite cure sanitarie gratuite, un’istruzione pubblica dall’asilo fino alle scuole superiori e le libertà civili che sono protette sotto la costituzione. I cittadini degli Stati Uniti hanno tutte le ragioni per essere invidiosi della rete di sicurezza sociale che Chavez ha creato per la sua gente con la sua Rivoluzione Bolivariana.

Naturalmente, le politiche progressiste
di Chavez hanno sbigottito molti a Washington, dove i suoi successi sono considerati una minaccia all’ordine prestabilito. I mandarini delle grandi aziende considerano Chavez un piantagrane e stanno facendo di tutto per liberarsi di lui il prima possibile. Questo è il motivo per cui non si legge niente di positivo su Chavez o le sue realizzazioni nei media statunitensi, perché i boss corporativi lo odiano, come fanno per chiunque riesca a deviare soldi dall’1% della cima della catena alimentare economica al 99% che sta in fondo.

Le relazioni tra Stati Uniti e Venezuela hanno continuato a peggiorare sotto Barack Obama, che ha deluso profondamente Chavez come ha fatto con i suoi sostenitori negli Stati Uniti. L’amministrazione Obama continua a finanziare la rete furtiva di ONG appoggiate dagli Stati Uniti che stanno lavorando quotidianamente per deporre il leader democraticamente eletto da più di un decennio. Golinger ha scritto

a lungo sulle agenzie statali statunitensi e la loro persistente intromissione

nella politica del Venezuela. Qui è un estratto del post della Golinger:

“Sin dal fallimento del tentativo

di colpo di stato supportato dagli Stati Uniti contro Presidente venezuelano

Hugo Chavez nell’aprile del 2002, Washington ha intrapreso una varietà

delle strategie per rimuovere il troppo popolare dirigente sudamericano.

Le sovvenzioni multimiliardarie ai gruppi anti-Chavez in Venezuela tramite

le agenzie governative degli Stati Uniti, come la National Endowment

for Democracy (NED) e la US Agency for International Development

(USAID) sono aumentati esponenzialmente nel corso degli scorsi dieci

anni, così come il sostegno diretto politico attraverso consiglieri,

strateghi e consulenti con lo scopo di favorire un’ascesa al potere

di un’opposizione impopolare e antiquata.

Le agenzie statali degli Stati Uniti,

tra cui il Dipartimento di Stato, la Central Intelligence Agency,

il National Directorate of Intelligence e il Pentagono hanno

fatto salire di tono l’ostilità verso il governo venezuelano negli

ultimi anni. La nazione forte produttrice di petrolio è stata inserita

in innumerevoli “liste” prive di alcun fondamento prodotte annualmente

da Washington, come quelle per “non aver cooperato nelle iniziative

contro la droga”, per “non aver dato il sostegno alla

guerra contro il terrore“, per lo “sfruttamento delle

persone” e altre ancora, che sono basate su decisioni politiche

invece che su prove concrete e sostanziali per sostenere le accuse.

Queste dichiarazioni hanno dato modo a Washington non solo di giustificare

i milioni di dollari dei contribuenti statunitensi affidati ai gruppi

anti-Chavez come le ONG, ma anche per aumentare la presenza militare

nella regione e convincere l’opinione pubblica che Hugo Chavez è

un nemico.” (“War

on Venezuela: Washington’s False Accusations Against The Chavez Government”, Eva Golinger, Postcards from the Revolution)

Quindi, le cose non sono per niente

migliorate sotto Obama, e sono davvero peggiorate. il Congresso, il

cui tasso di approvazione del Congresso è sceso al di sotto del 10%,

sta ancora suonando i tamburi di guerra contro Chavez, cercando di ottenere

appoggio per un intervento diretto.

Anche se Obama si è frenato dal

fare i nomi o accuse esplicite, i suoi subalterni dentro e fuori la

burocrazia non hanno mai esitato a collegare Chavez con l’Iran o a

suggerire collegamenti tra Chavez e il terrorismo. Il ruolo di Obama

in questa campagna farlocca è chiaro come la sua volontà di fare a

pezzi il Bill of Rights col bilancio appena approvato delle spese

da destinare alla Difesa.

Ancora un estratto della Golinger:

Altri ‘commentatori’ e ‘analisti’ sono occupati a scrivere

sui blog e sulle colonne dei giornali per allarmare sulla crescente

minaccia proveniente dal sud degli Stati Uniti. Queste accuse pericolose

e infondate potrebbero essere usate facilmente per giustificare un attacco

contro il Venezuela, come quelle sulle armi di distruzione di massa

furono usate contro l’Iraq e la “protezione della popolazione”

è stata usata contro la Libia. […] Ancora una volta il Venezuela

ha mostrato che non esiste alcun “campo di addestramento dei terroristi”

sul proprio territorio. Né sta costruendo segretamente una bomba per

attaccare gli Stati Uniti. Il Venezuela

è una nazione in pace. Non invade, attacca o minaccia gli altri paesi.”

Di cosa ha quindi bisogno un paese

pacifico come il Venezuela per evitare un confronto con gli Stati Uniti?

Il Venezuela deve diventare più

simile alla vicina Colombia che Obama e gli altri considerano un modello

della “democrazia” nella regione. La Colombia – dove gli

abusi dei diritti umani e gli assassini mirati sono routine e dove gli

Stati Uniti spendono miliardi in un programma (Plan Colombia) di contrasto

alle droghe che con continuità irrora sostanze tossiche (veleni) su

raccolti, bestiame, rifornimenti di acqua e bambini.

Abbiamo un quadro ritratto da Al

Jazeera: “Nel 2008 è stato rivelato che i soldati colombiani

potrebbero aver assassinato migliaia di civili per poi rivestire i cadaveri

con le uniformi delle FARC per ricevere bonus e festività

addizionali. Juan Manuel Santos (il nuovo presidente colombiano) ha

svolto l’incarico di Ministro della Difesa […] quando scoppiò

lo scandali sui “falsi positivi ” […]. Nonostante ciò

e altri avvenimenti – come il fatto che, in Colombia dall’entrata in

carica Uribe è stato assassinato un numero di sindacalisti maggiore

che nel resto del mondo […] (ciò

malgrado) il paese è lodato dal Dipartimento di Stato e dalla Banca

per lo i Sviluppo Inter-Americano come un modello regionale nell’affrontare

le minacce di sicurezza assicurando il rafforzamento di un sistema in

cui i profitti dipendono dalla perpetuazione dell’insicurezza.”

(“Private

security and ‘the Israelites of Latin America’”, Belen Fernandez, Al Jazeera)

Quindi, questo è il modo in cui

si può diventare un amico dell’America: eseguire gli ordini, uccidere

e imprigionare il proprio popolo (preferibilmente sindacalisti) e consentire

che il saccheggio corporativo si rimanga incontrollato. Nessuno si chieda

perché la repressiva dittatura saudita sia sempre in cima alla lista

degli amici di Washington.

Quindi, cosa può fare Chavez,

che non ha fatto nient’altro che aumentare il tenore di vita, fortificare

il ruolo della legge e rendere il mondo un posto migliore per la vita

delle persone comuni?

L’amministrazione Obama ha al momento

le mani totalmente impegnate in Asia Centrale, in Medio Oriente e in

Africa. Ma appena Obama avrà finito di “liberare” Teheran,

punterà sul Venezuela. Ci potete scommettere. Dopo tutto, il Venezuela

siede sul più grande oceano di petrolio del mondo, “più

di 500 miliardi di barili“. Ciò significa che solo una questione

di prima che le armi di distruzione di massa e i campi di addestramento

di Al Qaida vengano scoperti a Caracas.

**********************************************

Fonte: After Iran, Venezuela?

10.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • dana74

    pazzesco, le ong finanziate dagli usa parlano di scarsa collaborazione nella lotta alla droga, quando sappiamo benissimo che gli uffici DEA in Colombia hanno incrementato il traffico agendo questi da smistamento, cos’è vogliono impiantare una base anche in Venezuela come appunto hanno fatto in Colombia sempre più prigioniera dei narcos? Perché tali ong scandalizzate per la droga non si prodigano dove ce ne è realmente bisogno come in Messico dove a Juarez Ciudad e dintorni in due anni sono morti 5 MILA e 316 cittadini per i narcos?
    http://www.corriere.it/esteri/11_luglio_31/ciudad-juarez-capitale-narcos-killer-sessanta-euro-ettore-mo_b3050162-bb41-11e0-acae-70d086d49d73.shtml
    Poi tali Ong accusano di sfruttamento, questa è bella, perché le stesse ONG non ritornano in patria per un pò a stilare i loro rapporti?

    A proposito di Venezuela, segnalo la collaborazione tra bielorussi e Chavez per la costruzione di case per il popolo, sicuramente altro motivo di “astio”

    http://www.statopotenza.eu/1602/costruttori-bielorussi-al-lavoro-in-venezuela

  • dana74

    il potere agisce sempre allo stesso modo, una sintesi e parallelismo tra il venezuela pre chavez e l’europa della dittatura finanziaria…avremo mai uno Chavez?

    “Nell’89, i partiti venezuelani sottoscrissero un “piano di salvataggio”: continua

    http://selvasorg.blogspot.com/2012/01/liberalizzazioni-modernizzazione.html#more

  • carloslage

    da Granma International:”Venezuela e Iran approfondiscono l’alleanza strategica

    Il presidente del Venezuela, Hugo Chávez, ha ricevuto, lunedì 9, il suo omologo iraniano, Mahmud Ahmadinejad, nel Palazzo di Miraflores (sede del Governo), dov’è stata firmata una dichiarazione congiunta, nella quale i due statisti hanno ratificato i vincoli bilaterali ed il loro impegno di continuare a sviluppare un’alleanza strategica che sia benefica per le due nazioni.

    “C’è la volontà di continuare a lavorare insieme per frenare la pazzia imperialista che si è scatenata attualmente come non era mai avvenuto prima, con un potere terribile e minaccioso”, ha avvertito Chávez, dopo aver segnalato i passi avanti della relazione tra le due nazioni, ha informato AFP.

    Ahmadinejad ha confermato la chiara posizione contro le potenze colonialiste che oggi aggrediscono la democrazia ed i diritti umani, ed ha sostenuto la volontà d’appoggio per realizzare la crescita mutua dei due paesi.

    Inoltre ha criticato le potenze che tentano d’ostacolare le relazioni bi-nazionali, ed ha assicurato che in Venezuela e in Iran ci sono due popoli che resistono alle aggressioni degli arroganti.

    “Noi cerchiamo la prosperità e lo sviluppo industriale”, ha sostenuto, citato da Telesur.

    Il Venezuela e la Repubblica Islamica dell’Iran hanno uno scambio commerciale che tocca i cinquemila milioni di dollari e accordi per stabilire in terra venezuelana fabbriche di cemento, di satelliti, per alimenti, trattori e biciclette. (Traduzione Granma Int)”

  • paulo

    Per fortuna i governi dei paesi sud americani sono ben al corrente dei modi d’agire degli americani che diventano ogni giorno più patetici nel tentare di dominar il continente.

    Il gioco è dare spazio agli americani, ma solo quel poco che sia comodo alle economie di ogni paese. Lo scontro è amministrato di modo a non diventare un confronto. Un attacco militare al Venezuela sarebbe gravissimo e gli altri paesi sud americani non starebbero solo a guardare. Una guerra economica sarebbe l’immediata conseguenza e credo più a danni degli USA che dei paesi latini.

  • ericvonmaan

    Vediamo se i “democratici” italiani bandiere arcobaleno e girotondini spenderanno una sola parola sull’argomento (non pretendo le marce in piazza con le bandiere rosse). Scusate, vado a vomitare

  • redme

    ..da considerare anche che insieme producono circa il 10% del greggio mondiale e vista la crisi agonica dell’OPEC…

  • bstrnt

    Credo che l’impero in declino abbia necessità di cercare di annullare quei paesi che derogano dalle psicopatiche dottrine del nano malefico Milton Friedman e delle varie mafie di Chicago e Berkeley, altrimenti il declino sarebbe travolgente.
    Dopo 30 anni di terapia Friedman, praticamente tutto l’occidente è economicamente fallito e nuovi attori si stanno proponendo per occupare il posto lasciato vacante, unica deterrenza la forza militare, che, ovviamente è destinata a seguire il declino dell’economia.
    Chavez è riuscito a creare un socialismo sostenibile e partecipato e questo,ovviamente, è fumo agli occhi alle élite del del IV Reich (leggi USA).

    Credo però che qualcosa stia cambiando, nell’Europa succube e servile verso l’impero, le persone con un minimo di cultura e dignità cominciano a capire che il deterioramento del loro tenore di vita dipende proprio dalle politiche economiche psicopatiche esportate dal IV Reich e imposte in Europa dai loro quisling che infarciscono così pesantemente i governi dei vari paesi.

    Dicono di esportare “libertà e democrazia”, ma questi sono solo vocaboli del metalinguaggio, il vero significato è che stanno facendo tabula rasa dell’intero pianeta e di buona parte dei 7 miliardi di persone che lo abitano!

  • Allarmerosso

    Il grosso dei problemi è che nell’inconscio di molte persone ancora rimamngono le immagini di 2 paesi lontani poveri e a cui capo non possono che esserci “dittattori” e almeno che una persona non sia come tu dici con un minimo di cultura dignità ed aggiungo io capace di pensare con la propria testa , non vi sono informazioni capaci di arrivare alle altre persone.
    il problema è che ormai hanno impiantanto nella mente delle persone il nome , la reputazione e questi giudicano in base a quello e non in base ad informazioni mano a mano sempre più recenti. Prova a parlare in giro con la gente di Iran e Venezuela in cocomitanza di una notizia alla radio in TV o sul giornale … !!!

  • carloslage

    Si’,si chiama lavaggio del cervello….