DOCUMENTO MILITARE DEL 1993 – LA MODIFICAZIONE METEOROLOGICA: L’ARMA DEFINITIVA – DTIC

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Negli ultimi anni, il portale web nogeoingegneria.com ha cercato di portare alla luce un capitolo tenuto nascosto pubblicamente e di ricostruirlo con fatti e cifre; questa raccolta di materiale comprende numerosi documenti del settore militare. Il seguente studio di 30 pagine del 1993 tratta dell’arma meteorologica. Il titolo è formulato come un interrogativo: Modificazione del tempo, l’arma definitiva?

E riassume l’autore militare:

La modificazione meteorologica militare non è una fantasia, è un fatto… L’intera questione della modificazione ambientale deliberata merita un’attenzione internazionale maggiore di quella che ha ricevuto nel recente passato. Gli attuali trattati sono inadeguati, mal definiti e con numerose lacune. La modificazione meteorologica a scopi militari dovrebbe essere vietata in tutte le sue forme e dovrebbero essere posti limiti rigorosi all’uso militare delle tecniche di soppressione

****************

Weather Modification: The Ultimate Weapon – DTIC La modificazione meteorologica: L’arma definitiva – DTIC

Abstract: La questione della modifica reale del tempo atmosferico presenta una notevole varietà di problemi, non ultimo la dicotomia tra interessi militari e civili. I programmi civili sono prevalentemente incentrati sull’agricoltura, mentre quelli militari sono più interessati a utilizzare il tempo atmosferico per scopi bellici. Sebbene entrambi i gruppi utilizzino tecniche simili e soffrano degli stessi problemi di praticità e impatto, gli scopi militari sollevano alcune spinose questioni etiche che devono essere prese in considerazione. In questa prospettiva, il presente documento si concentra sull’uso deliberato di tecniche di modificazione del tempo da parte dei militari. La discussione si concentrerà sulla praticità e sulla moralità della guerra meteorologica, con l’obiettivo di dimostrare che, sebbene la modificazione meteorologica militare sia tecnicamente fattibile, alcune delle sue forme possono essere difficilmente giustificabili su basi pratiche ed etiche.

Estratto

Modificazione del tempo. Queste parole evocano subito un’immagine di ciarlataneria, di cialtroneria e di inganno. I tentativi di controllare o alterare il tempo atmosferico sono antichi quasi quanto la civiltà stessa, e vanno dagli incantesimi degli antichi sacerdoti, passando per le famose danze della pioggia degli indiani del Nord America, fino alle moderne sperimentazioni e modellazioni realizzate al computer. Tuttavia, nonostante questa lunga storia, la credibilità di queste tecniche è sempre rimasta piuttosto bassa, principalmente a causa del problema intrinseco della verifica dei risultati. Tuttavia, sebbene rimangano ancora molti ostacoli da superare, dalla Seconda guerra mondiale sono stati compiuti notevoli progressi tecnologici e scientifici nella manipolazione meteorologica, al punto da meritare una seria considerazione, soprattutto alla luce delle conseguenze potenzialmente catastrofiche del suo utilizzo.

Qualsiasi esame della manipolazione meteorologica richiede un’attenta definizione dell’argomento, poiché si tratta di una tecnologia di così ampia portata che tende a trascendere molti confini scientifici tradizionali. Per esempio, c’è la questione dell’intenzionalità.

È diventato sempre più evidente che le attività dell’uomo hanno iniziato ad alterare in modo significativo l’equilibrio ecologico dell’ambiente terrestre.

Fenomeni come le piogge acide, il controverso “effetto serra”, l’assottigliamento dello strato di ozono, la distruzione delle foreste pluviali tropicali e la desertificazione sono balzati in primo piano nell’agenda ambientale nazionale e internazionale. Sebbene non vi sia alcun dubbio sulla gravità di questi problemi, essi non sono il risultato di tentativi deliberati di alterare l’ambiente. Si tratta piuttosto di effetti indesiderati e secondari di una serie di attività umane, che non possono quindi essere considerati tecniche legittime di modificazione del meteo. (ndr qui ci sarebbe molto da dire)

È inoltre necessario fare una distinzione tra la modificazione meteorologica e la questione più ampia della modificazione ambientale.

La modificazione meteorologica è essenzialmente qualsiasi cambiamento prodotto artificialmente nella composizione, nel comportamento o nella dinamica dell’atmosfera (1).

La modificazione ambientale include la modificazione meteorologica, ma comprende anche alcune idee piuttosto strane e spaventose. Tra queste, l’innesco di terremoti, la generazione di tsunami e lo scioglimento della calotta glaciale. C’è stata persino una proposta davvero bizzarra di alterare le proprietà elettriche dell’atmosfera su una regione per interferire con il funzionamento del cervello umano e quindi far impazzire la popolazione colpita.(2)

( ndr di tuitto questo parla già negli anni sessanta Gordon MacDonald) Molti di questi concetti sono inverosimili, alcuni sono interessanti, ma ognuno di essi non rientra in una discussione specifica sulla modificazione del tempo.

Allo stesso modo, il terrorismo ambientale, come le azioni di Saddam Hussein in Kuwait durante la Guerra del Golfo (ndr vedi qui https://www.britannica.com/event/Persian-Gulf-War) , non può essere considerato una forma di modifica meteorologica riconosciuta. Sebbene le azioni irachene abbiano avuto gravi effetti climatologici, non è affatto detto che questi effetti costituissero l’obiettivo principale, quindi bisogna chiedersi se sia stata un’azione intenzionale. Anche all’interno dell’argomento della vera modificazione meteorologica, vi è una notevole diversità di questioni, non ultima la dicotomia costituita dagli interessi militari e civili. I programmi civili sono prevalentemente orientati all’agricoltura, mentre i militari tendono a essere più interessati a usare il tempo atmosferico per scopi bellici. Sebbene ogni gruppo possa utilizzare tecniche simili e soffrire degli stessi problemi di funzionalità ed efficacia, gli scopi militari sollevano alcune spinose questioni etiche che devono essere prese in considerazione.

Tenendo presente quanto sopra, il presente documento si concentrerà sull’uso delle tecniche di modificazione meteorologica da parte dei militari. La discussione si concentrerà sulla praticità e sulla moralità della guerra meteorologica, con l’obiettivo di dimostrare che la modificazione meteorologica militare è tecnicamente fattibile, ma alcune delle sue forme sono difficilmente giustificabili da un punto di vista pratico ed etico.

Il potenziale

La prima domanda a cui si deve rispondere nell’esaminare l’uso militare della modificazione del tempo è se queste tecniche abbiano una qualche utilità militare. A questa domanda è molto facile rispondere in modo affermativo. Anche la manipolazione locale di piccoli sistemi meteorologici è molto promettente per interrompere le operazioni di un nemico in momenti critici. Forse la “nebbia di guerra” potrebbe un giorno diventare qualcosa di più di una semplice allusione descrittiva alla confusione del campo di battaglia. In effetti, se si considera il ruolo cruciale che il tempo ha giocato in molte battaglie, è evidente che la capacità di modificare le condizioni meteorologiche fornirebbe un enorme vantaggio a qualsiasi forza che possieda anche solo una capacità rudimentale. Gli esempi di come il tempo abbia influenzato l’esito di una battaglia vanno dall’attraversamento del Delaware di Washington sotto una tempesta di neve, alle tempeste invernali che hanno fermato le invasioni della Russia di Napoleone e Hitler. Anche la campagna aerea della recente Guerra del Golfo è stata ostacolata nei primi giorni da un’inaspettata e insolita ondata di maltempo.

Riflettendo sull’importanza delle condizioni meteorologiche per l’invasione della Normandia nella Seconda Guerra Mondiale, il generale Eisenhower scrisse. Fu un periodo di grande tensione, reso ancora peggiore dall’idea che l’unica cosa che avrebbe potuto farci subire questa disastrosa battuta d’arresto fosse del tutto al di fuori del nostro controllo. Un soldato una volta disse: “Il tempo è sempre neutrale”. Niente di più falso. Il maltempo è ovviamente nemico della parte che vuole lanciare progetti che richiedono il bel tempo, o di chi possiede le maggiori risorse, come forze aeree forti che dipendono dal bel tempo per operazioni efficaci. Se il maltempo dovesse persistere in modo permanente, i nazisti non avrebbero bisogno di nient’altro per difendere le coste della Normandia. Anche con i grandi progressi della tecnologia bellica da allora, il tempo rimane una componente chiave del successo, soprattutto per quanto riguarda le forze aeree. L’aiuto che il maltempo avrebbe potuto fornire ai nazisti sarebbe stato prezioso anche per Saddam Hussein nella Guerra del Golfo. Molte delle armi che sono state così efficaci nel devastare le infrastrutture militari dell’Iraq dipendevano dall’acquisizione visiva. I designatori laser, le bombe elettro-ottiche “intelligenti” e i missili TOW sono tutti soggetti a un considerevole degrado operativo a causa dell’oscuramento e delle limitazioni della visibilità. (3) Questo potenziale militare della modificazione del tempo è stato riconosciuto esplicitamente nel 1957, quando il President’s Advisory Committee on Weather Control, che comprendeva luminari della scienza come Edward Teller, ha pubblicato un rapporto in cui avvertiva che il controllo del tempo sarebbe potuto diventare un’arma più importante della bomba atomica (4).

Approfondendo la questione della modificazione del tempo per scopi militari, diventa evidente che le tecniche e i metodi si suddividono in due grandi categorie di interventi meteorologici: tecniche difensive e tecniche offensive. Un altro modo di vedere la questione sarebbe quello di classificare gli interventi meteorologici in due categorie: tecniche difensive e tecniche offensive. (5)

Più specificamente, la “soppressione del tempo” è l’uso di tecniche palliative per proteggere le strutture e le attrezzature dai danni, nonché per facilitare le operazioni che altrimenti sarebbero limitate dal tempo. Esempi di questo tipo di attività sono la dissipazione della nebbia o delle nuvole, la soppressione della grandine e dei fulmini e l’attenuazione dei forti temporali.

Al contrario, la modificazione meteorologica offensiva è l’intensificazione o l’alterazione deliberata dei sistemi meteorologici allo scopo di interrompere le operazioni del nemico e di distruggere o danneggiare le sue strutture o attrezzature. Si tratta essenzialmente di stimolare le instabilità latenti del sistema meteorologico per ottenere un effetto desiderato più ampio (6) Questo è un punto importante perché la creazione di fenomeni meteorologici significativi dal nulla è probabilmente al di là delle possibilità umane. Secondo Edward Lorenz, professore di meteorologia al MIT, la creazione di fenomeni meteorologici autentici richiederebbe che gli effetti superino le variazioni naturali. Per esempio, se la variazione naturale delle temperature estive in una regione è di mezzo grado, si dovrebbe fare qualcosa che provochi una variazione di più di mezzo grado su una regione considerevole. Ciò richiederebbe il dispendio di un’enorme quantità di energia, superiore a quella contenuta in diverse esplosioni di bombe H”. Sfortunatamente, queste difficoltà pratiche nella creazione del tempo sono spesso falsamente attribuite alla modificazione del tempo, sebbene le circostanze siano completamente diverse.

Non vi sono comunque dubbi sul fatto che la modificazione del tempo abbia un enorme potenziale militare. Tuttavia, se si vuole realizzare questo potenziale, le tecniche e le tecnologie devono essere pratiche. Per valutare correttamente la questione della fattibilità, è necessario iniziare con la storia tecnologica della modificazione meteorologica. …continua 

AUTORE DEL DOCUMENTO

William Angus Watt

Watt in 2005 as a major-general

Allegiance Canada
Service/branch Air Command
Years of service 1972-2009
Rank Lieutenant General
Commands held 423 Maritime Helicopter Squadron
Joint Task Force Southwest Asia
Air Command
Battles/wars War in Afghanistan
Awards Commander of the Order of Military Merit
Canadian Forces Decoration

 

 

RIFERIMENTI

D.S. Halacy, The Weather Changers (New York: Harper & Row, 1968), p. 4 .
Gordon J.F. MacDonald, ‘Geophysical Warfare: How to Wreck the Environment,’ in Unless Peace Comes, ed. by Nigel Calder (New York: Viking, 1968), p. 185.
Dwight D. Eisenhower, Crusade In Europe (Garden City, N.J.: Doubleday, 1948), p. 239.
LCOl Leander Page, ‘Weather Support to the Modern Army’ (unpublished student essay, U.S. Army War College, Carlisle Barracks, Pennsylvania, 1982), p. 33.
William B. Meyer, “The Life and Times of U.S. Weather. What Can We Do About It?’ in American Heritage, Vol. 37 No. 4. (June/July 1986), p. 48.
Edith Brown Weiss, “Weather as a Weapon,* in Air, Water, Earth, Rre: The Impact of the Military on World Environmental Order (San Francisco: Sierra Club, 1972), p. 5 1 . “
Tom Yulsman and Andrew C. Revk~n, ‘Will We Ever Control The Weather?’ in Science Digest, Vol. 93 No. 10 (October, 1985), p. 97. …continua https://apps.dtic.mil/sti/pdfs/ADA283033.pdf

22.01.2023

Fonte – https://www.nogeoingegneria.com/timeline/storia-del-controllo-climatico/documento-militare-del-1993-la-modificazione-meteorologica-larma-definitiva-dtic/

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix