Documenti Pfizer: 3 partecipanti ai trial sono morti poco dopo la vaccinazione

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Tre partecipanti alla sperimentazione del vaccino Pfizer Covid sono morti poco dopo la vaccinazione e la loro morte non è stata completamente indagata, è stato rivelato.

Le rivelazioni arrivano in un rapporto di Pfizer pubblicato il 1° luglio, per ordine del tribunale come parte dei documenti su cui la FDA statunitense ha fatto affidamento per concedere l’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino Pfizer nel dicembre 2020.

Questi report aggiungono preoccupazioni sul fatto che gli effetti avversi del vaccino durante gli studi clinici non siano stati adeguatamente documentati, fornendo un quadro potenzialmente allarmante sulla sicurezza del farmaco.

Uno dei partecipanti deceduti, una donna di 56 anni nota come soggetto n. 10071101, ha ricevuto due dosi del vaccino il 30 luglio e il 20 agosto 2020 ed è morta per arresto cardiaco due mesi dopo. Nel rapporto di Pfizer sul partecipante si dice:

Secondo il parere dello sperimentatore, non vi era alcuna possibilità ragionevole che l’arresto cardiaco fosse correlato all’intervento in studio delle procedure di sperimentazione clinica, poiché la morte è avvenuta due mesi dopo aver ricevuto la dose 2. Pfizer ha concordato con la valutazione di causalità dello sperimentatore.

Tuttavia, non è chiaro come l’investigatore e Pfizer possano essere così sicuri che la morte non fosse correlata al vaccino quando non c’è stata un’autopsia ne nessuna valutazione medica approfondita. Come commenta Sonia Elijah , che ha analizzato il rapporto e ne ha riassunto parti per Trial Site News :

La conclusione che “non c’era alcuna possibilità ragionevole” che il vaccino potesse aver causato l’arresto cardiaco fatale perché “la morte si è verificata due mesi dopo aver ricevuto la dose 2″ non solo è presuntuosa, ma manca anche di una solida valutazione medica. Ciò è evidente dall’ulteriore commento:”non è noto se sia stata eseguita un’autopsia”. Perché non c’è stato alcun follow-up o indagine sull’eventuale esecuzione di un’autopsia?

Rapporto Pfizer sul soggetto deceduto ricevente il vaccino di prova n. 10071101
Rapporto Pfizer sul soggetto deceduto ricevente il vaccino di prova n. 10071101

Un secondo partecipante deceduto era un uomo di 60 anni noto come soggetto n. 11621327, morto tre giorni dopo la prima dose di vaccino, somministrata il 10 settembre 2020. Il rapporto afferma che “la probabile causa di morte è stata la progressione della malattia aterosclerotica” . Tuttavia, il soggetto non aveva una storia nota di questa patologia (sebbene fosse segnalato come obeso). In questo caso l’investigatore ha ritenuto che non ci fosse “alcuna possibilità ragionevole” di correlazione con il vaccino, visto che è successo tre giorni dopo l’iniezione e “i risultati dell’autopsia non erano disponibili al momento del rapporto”. Ancora una volta, è difficile capire su cosa si basi tale conclusione.

Rapporto Pfizer sul soggetto deceduto ricevente il vaccino di prova n. 11621327
Rapporto Pfizer sul soggetto deceduto ricevente il vaccino di prova n. 11621327

Un terzo partecipante deceduto era un uomo di 72 anni noto come soggetto #11521497, che ha ricevuto la prima dose di vaccino il 7 ottobre e 19 giorni dopo, il 26 ottobre, è stato ricoverato in ospedale perché “svenuto nel cuore della notte” . Denunciata come sincope (perdita di coscienza temporanea di solito correlata a un insufficiente afflusso di sangue al cervello), 16 giorni dopo, l’11 novembre è morto.

L’investigatore ha affermato che “non c’era alcuna possibilità ragionevole che la sincope fosse correlata all’intervento dello studio” e Pfizer ha affermato che la sincope è stata “molto probabilmente casuale“.

Ma ancora una volta, non è chiaro su cosa si basi questa valutazione poiché la causa della morte è stata segnalata come “sconosciuta” e né l’investigatore né la Pfizer hanno tentato di indagare.

Rapporto Pfizer sul soggetto deceduto ricevente il vaccino di prova n. 11521497
Rapporto Pfizer sul soggetto deceduto ricevente il vaccino di prova n. 11521497

 

Ci sono stati anche una serie di eventi avversi gravi ma non fatali tra i riceventi del vaccino sperimentale, ma stranamente, ogni volta in cui lo sperimentatore lo riteneva possibilmente correlato al vaccino, Pfizer “non è stata d’accordo”, secondo Sonia Elijah .

Ad esempio, una donna di 71 anni nota come soggetto n. 11421247 ha sviluppato gravi aritmie ventricolari la sera dopo la seconda dose il 14 ottobre 2020. L’investigatore dello studio ha scritto chec’era una ragionevole possibilità che l’aritmia ventricolare fosse correlata allo studio intervento [vaccino]”. Tuttavia, Pfizer ha affermato chenon c’erano prove sufficienti per stabilire una relazione causale“. Ciò, nonostante l’aritmia fosse uno degli eventi avversi di particolare interesse (AESI) elencati da Pfizer nella sua analisi delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione.

Un altro esempio è una donna di 48 anni nota come soggetto n.11781107, che ha sviluppato linfoadenopatia con “almeno quattro linfonodi ingrossati” nel periodo immediatamente successivo alla sua prima (e unica) dose, poiché si è ritirata a causa dell’evento avverso). L’oncologo dell’ospedale ha affermato che il vaccino eral’eziologia [causa] più probabile della sua linfoadenopatiae lo sperimentatore dello studio ha affermato che “c’era una ragionevole possibilità che la linfoadenopatia fosse correlata all’intervento dello studio”. Tuttavia, ancora una volta, Pfizer non è stata d’accordo.

Questo è un altro caso in cui l’effetto avverso avrebbe dovuto essere previsto, poiché gli studi di tossicità nei ratti (contenuti in un altro dei documenti del processo Pfizer rilasciati in base all’ordinanza del tribunale) hanno mostrato un “aumento delle dimensioni dei linfonodi iliaci drenanti”, il che significa che Pfizer era assolutamente informata e consapevole della possibilità.

Tra l’altro, uno studio pubblicato su Cell ha dimostrato che la proteina spike e l’mRNA dei vaccini Covid persistono nei linfonodi umani fino a otto settimane dopo la vaccinazione.

Questi rapporti si aggiungono all’evidenza accumulata che gli eventi avversi negli studi non siano stati completamente o adeguatamente indagati, approfonditi e registrati, fornendo un quadro potenzialmente fuorviante sulla sicurezza dei vaccini.

Conosciamo già la storia inquietante di Maddie de Garay , una ragazza di 12 anni che è rimasta quasi cieca e ha sofferto di convulsioni quotidiane poco dopo aver ricevuto il vaccino durante lo studio Pfizer, un danno che Pfizer ha registrato come “dolore addominale” non correlato e di Augusto Roux , che è stato ricoverato in ospedale per un’infiammazione cardiaca che il medico dell’ospedale ha riconosciuto come una reazione avversa al vaccino ma che è stata registrata da Pfizer come “polmonite bilaterale” non correlata.

Inoltre, gli investigatori danesi hanno scoperto che sono deceduti più soggetti vaccinati durante gli studi sul vaccino a mRNA, rispetto agli individui che avevano ricevuto un placebo.

La necessità di un’adeguata indagine da parte delle autorità mediche sulla sicurezza dei vaccini Covid rimane più urgente che mai.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/documenti-pfizer-3-partecipanti-alla-sperimentazione-sono-morti-improvvisamente-poco-dopo-la-vaccinazione-e-le-cause-non-sono-state-indagate/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix