Home / ComeDonChisciotte / CREDEVO CHE NON NEGOZIASSIMO CON I TERRORISTI

CREDEVO CHE NON NEGOZIASSIMO CON I TERRORISTI

A CURA DI GEORGE WASHINGTON.BLOGSPOT

Ieri, in risposta ad un saggio a favore dell’impeachment,
ho ricevuto il seguente commento:

“Semmai, avviare un procedimento di impeachment potrebbe
forzare Bush ad iniziare in anticipo la guerra contro l’Iran o
portarlo a provocare l’attacco false flag di cui parli.
Quale miglior modo di dimostrare al paese che i democratici
si impegnano ad escogitare politiche di parte che averlo messo
sotto accusa mentre il paese è in guerra. Bush potrebbe inoltre
usare la minaccia dell’impeachment come scusa per dichiarare
la legge marziale per spazzare via tutta quanta
l’opposizione. È senz’altro meglio lasciare che Bush abbandoni
il suo ufficio con tranquillità piuttosto che rischiare gli orrori che
potrebbe riversarci addosso prima di allora.”

Di cosa parla costui?

Ebbene, sia Ralph Nader [primo video] che il procuratore Bob Fuer [secondo video], attivista
da lungo tempo, 24 anni come difensore d’ufficio, dicono che
John Olver, membro del Congresso, ha rivelato che il Congresso
è terrorizzato dall’idea che Bush o Cheney, nel caso vengano messi
sotto impeachment, possano bombardare l’Iran, dichiarare la legge
marziale e sospendere le elezioni del 2008
.
Infatti, l’importante neoconservatore Daniel Pipes, in una recente
intervista pubblicata sul National Review Online, ha detto che
se Obama verrà eletto a Novembre, Bush attaccherà l’Iran nelle
restanti dieci settimane del suo mandato
.

Se è vero ciò che Olver o Pipes dicono, allora Bush e Cheney
sono letteralmente dei terroristi. Ed il Congresso sta letteralmente
trattando con loro dicendo – in sintesi – “per favore, non bombardate
l’Iran, non dichiarate la legge marziale e non sospendete le elezioni,
e noi non vi metteremo sotto impeachment.”

Credevo che noi non negoziassimo con i terroristi.

Accusare, rimuovere e condannare questi individui è l’approccio
più sicuro. Insabbiare i loro crimini – che è quello che il Congresso
sta attualmente facendo – è come dire ad un terrorista che noi non
sveleremo nulla sul suo ultimo attacco terrorista se lui non ci farà
saltare in aria… un approccio che avrebbe l’effetto contrario e
produrrebbe più terrorismo.

Rivelare i loro crimini, togliere loro la possibilità di provocare ulteriori
danni, privarli della loro forza di potere e imprigionarli è la strada per
proteggerci.

Titolo originale: “I Thought We Didn’t Negotiate With Terrorists”

Fonte: http://georgewashington2.blogspot.com/
Link
17.06.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CINZIAB411

VEDI ANCHE: L’IMPEACHMENT DI BUSH: UN’ALTRA NOTIZIA CLAMOROSAMENTE SCOMPARSA

Pubblicato da Das schloss