Covid: studio pubblicato su The Lancet conferma efficacia degli antinfiammatori

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Riconosciute dopo due anni e mezzo le terapie domiciliari precoci a base di antinfiammatori. La prestigiosa rivista The Lancet Infectious Diseases ha pubblicato un lavoro dal titolo: “La casa come nuova frontiera per la cura del Covid-19: il caso degli antinfiammatori”, il Corriere della Sera e altri media nazionali ne parlano solo adesso, ma la stampa indipendente ha sempre sostenuto i medici che hanno praticato queste cure salvando migliaia di persone dall’ospedalizzazione per aggravarsi dei sintomi.

Intervenire subito, all’esordio dell’infezione, con le terapie adeguate – in primis FANS (i principali raccomandati sono gli inibitori selettivi della COX-2: l’indometacina, l’ibuprofene e l’aspirina, ad esempio) uniti eventualmente ad altri farmaci in base anche alle necessità individuali – per prevenire la progressione verso una malattia più grave e complicanze a lungo termine E’ CIO’ CHE HANNO SEMPRE DICHIARATO CON CONVINZIONE E FATTO QUEI MEDICI che fin dal marzo 2020 si sono attivati andando anche contro i protocolli ministeriali e che per questo sono stati osteggiati dagli stessi ordini professionali e denigrati da molti colleghi.

Dunque la verità comincia pian piano a venire a galla.
Chi pagherà adesso per tutto ciò che è accaduto (le molte vite perse, gli ospedali saturi, i lockdown, le vaccinazioni imposte, le sospensioni dal lavoro per chi si è rifiutato di farsi inoculare farmaci non adeguatamente sperimentati) e che oggi è candidamente confermato si sarebbe potuto evitare iniziando subito le cure con dei semplici antinfiammatori?

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix