Home / ComeDonChisciotte / COSTRUIRE UN’ECONOMIA SALVA VITE, SALVA NAZIONE, SALVA DEMOCRAZIA

COSTRUIRE UN’ECONOMIA SALVA VITE, SALVA NAZIONE, SALVA DEMOCRAZIA

Gli economisti della Modern Money Theory in Italia per formare il primo gruppo di attivisti della MMT contro lo scempio del Colpo di Stato Finanziario.

Sono Paolo Barnard. Ho deciso che è assolutamente vitale chiamare in Italia il gruppo fondatore della Modern Money Theory (MMT) per un summit di due giorni dedicato a chiunque sia intenzionato a divulgare la MMT come politica economica nazionale salva vite, salva nazione e salva democrazia.

Il perché: La MMT è oggi probabilmente l’unico strumento esistente di scienza economica e sociale che è in grado di sventare il colpo di Stato finanziario Neoclassico, Neomercantile e Neoliberista che, particolarmente nell’Europa dell’Eurozona, ha posto fine di fatto alla democrazia. E’ in gioco il destino reale di milioni di famiglie, di centinaia di migliaia di aziende, e dell’Italia stessa nella sua esistenza democratica. L’urgenza è massima, l’Eurozona è al collasso, pochi immaginano oggi le tragiche conseguenze decennali di questo disastro criminoso.A chi è dedicata l’iniziativa: La MMT sta fiorendo su blog, siti, pubblicazioni come mai prima, in parte per opera del mio lavoro e in parte col contributo di altri attivisti. La MMT è osteggiata come nemico letale dalle elite politico-economiche dominanti, per i motivi da me spiegati ne Il Più Grande Crimine. Esse tenteranno ogni strada per soffocare la MMT in Italia e nel mondo. Se gli attivisti e i bloggers diffonderanno la MMT in modo approssimativo e non fedele alla sua scientificità, le elite avranno un’arma micidiale per screditarci, e sarà la fine. Motivo per cui io, e il gruppo di economisti americani leader della MMT, abbiamo deciso di indire un summit nazionale di due giornate dove tutti gli attivisti, bloggers, e cittadini intenzionati a promuovere la MMT potranno recarsi per ottenere dalla fonte più autorevole al mondo una infarinatura essenziale e completa su: MMT – Perché e come siamo caduti vittime del Colpo di Stato Finanziario – Crisi dell’Euro e soluzioni per l’Italia – Crisi Finanziaria, chi sono i criminali e come prevenirle – Costruire uno Stato sovrano che tuteli i cittadini con piena occupazione e pieno Stato Sociale, piena ricchezza produttiva e accesso alla democrazia vera. Essere competenti è vitale. Un volantino ufficiale sarà postato su questa pagina appena possibile.

I docenti: Saranno i Professori L. Randall Wray, Stephanie Kelton, Warren Mosler, Marshall Auerback e (da confermare) William Black, i cui CV accademici sono pubblicati in calce. Paolo Barnard curerà la lezione sul colpo di Stato finanziario Neoclassico, Neomercantile e Neoliberista.

Il luogo e date: Un hotel con centro conferenze in zona Umbria-Toscana per essere raggiungibili da nord e sud Italia; alternativamente un campus universitario nella stessa area, da decidere. Date da decidere, ma il prima possibile (tutto sarà comunicato su questa pagina).

Come funziona: I docenti non chiedono parcelle, ma solo rimborsi spese. Tuttavia le spese sono molto elevate (hotel, sala, traduttori simultanei professionisti d’economia, voli, trasporti ecc.). Chi desidera partecipare dovrà pagare una quota. La quota per le due giornate sarà di 40 euro (escl. vitto e alloggio dei partecipanti, che si auto organizzeranno). Calcolerò il budget complessivo dell’evento (che vi verrà reso noto) e lo dividerò per 40. Il numero risultante sarà il numero minimo richiesto di adesioni per lanciare l’organizzazione. Si aderisce scrivendo una mail a [email protected], con questa intestazione tassativa: summit nazionale MMT in Italia. Ogni altra mail sarà ignorata. La mail dovrà contenere SOLO il nome e cognome del partecipante con data di nascita e null’altro, no mail con nomi multipli (1 mail 1 nome), no nicknames, no lettere o richieste di spiegazioni. Al raggiungimento del numero minimo necessario, pubblicherò la lista piena dei nomi su questa pagina del mio sito. Se le adesioni saranno ampiamente in eccesso della capacità di ospitare i partecipanti, valuteremo se chiudere le iscrizioni o indire un secondo evento.

Gli aderenti dovranno poi versare l’importo per intero su un c/c da definire e che sarà comunicato qui in futuro. Al completamento dei versamenti necessari a coprire le spese vive, l’organizzazione diverrà concreta. Se non sarà raggiunto il numero sufficiente, il denaro verrà donato sotto diretta supervisione del Prof. L. Randall Wray (e rilascio di documentazione relativa) a studenti bisognosi che fanno ricerca su MMT all’Università del Missouri Kansas City (UMKC) e che rischiano l’abbandono degli studi per ristrettezze economiche*. Idem per ogni cifra raccolta in eccesso del necessario. La verifica della correttezza di tali eventualità è di facile attuazione, dato che il numero di aderenti è pubblico e il calcolo della cifra donata è ovvio a fronte del budget originario da me pubblicato.

Ulteriori partecipanti: E’ lasciata libera iniziativa agli aderenti di divulgare l’evento a partiti, gruppi, singoli, media, amministratori pubblici ecc. Tutti costoro, tuttavia, saranno tenuti a iscriversi con relativa quota di partecipazione. Ma attenzione: SI SPECIFICA CHE L’EVENTO E’ ESCLUSIVAMENTE PER APPRENDERE LA MMT, E NON PER DIBATTERE DI ALTERNATIVE POLITICHE O ECONOMICHE AD ESSO. NON SARA’ PERMESSO IL DIBATTITO AD ALCUNO SE NON SULL’APRENDIMENTO DELLA MMT. QUESTO NON SARA’ UN DIBATTITO PUBBLICO, MA UN SUMMIT SU UN TEMA SPECIFICO, LA MMT.

Questo perché le poche ore disponibili nelle due giornate saranno interamente prese dalle lezioni dei docenti e dalle domande pertinenti alla MMT degli iscritti. Abbiamo poco tempo e pochi mezzi, purtroppo.

Sponsor: Sponsor istituzionali (Comuni, Province ecc.) e privati (aziende, singoli) sono ben accetti, a patto che sia chiaro che non sarà permesso alcun patrocinio di colore politico o confessionale. Chi trova uno sponsor lo può comunicare alla medesima mail con intestazione tassativa: sponsor summit MMT.

* (In America ci sono studenti che letteralmente vivono coi bollini per le mense dei poveri e tentano lo stesso di studiare. Wray e colleghi li aiutano come possono.)

I CV accademici dei docenti americani:

L. Randall Wray is a Professor of Economics at the University of Missouri-Kansas City and Senior Scholar at the Levy Economics Institute of Bard College, NY. A student of Hyman P. Minsky, Wray has focused on monetary theory and policy, macroeconomics, financial instability, and employment policy. He has published widely in journals and is the author of Understanding Modern Money: The Key to Full Employment and Price Stability (Elgar, 1998) and Money and Credit in Capitalist Economies (Elgar 1990). Wray received a B.A. from the University of the Pacific and an M.A. and Ph.D. from Washington University in St. Louis. He has served as a visiting professor at the Universities of Rome and Bologna in Italy, the University of Paris, and UAM and UNAM in Mexico City.

Stephanie Kelton, Ph.D. is Associate Professor of Economics at the University of Missouri-Kansas City, Research Scholar at The Levy Economics Institute and Director of Graduate Student Research at the Center for Full Employment and Price Stability. She is creator and editor of New Economic Perspectives. Her research expertise is in: Federal Reserve operations, fiscal policy, social security, health care, international finance and employment policy. Follow her at twitter.com/deficitowl.

Warren Mosler, Co-Founder and Distinguished Research Associate of The Center for Full Employment And Price Stability at the University of Missouri in Kansas City. CFEPS has supported economic research projects and graduate students at UMKC, the London School of Economics, the New School in NYC, Harvard University, and the University of Newcastle, Australia.

Marshall Auerback has over 28 years of experience in investment management. He is currently a portfolio strategist with Madison Street Partners, LLC, a Denver based investment management group, a Fellow with the Economists for Peace and Security, and a Research Associate for the Levy Institute. He is a frequent contributor to New Economic Perspectives.

William Black, J.D., Ph.D. is Associate Professor of Law and Economics at the University of Missouri-Kansas City. Bill Black has testified before the Senate Agricultural Committee on the regulation of financial derivatives and House Governance Committee on the regulation of executive compensation. He was interviewed by Bill Moyers on PBS, which went viral. He gave an invited lecture at UCLA’s Hammer Institute which, when the video was posted on the web, drew so many “hits” that it crashed the UCLA server. He appeared extensively in Michael Moore’s most recent documentary: “Capitalism: A Love Story.” He was the subject of featured interviews in Newsweek, Barron’s, and Village Voice.

Pubblicato da supervice

  • MIRDAD

    AUGURI PER L’INIZIATIVA.

  • Onilut

    Sarebbe fantastico se l’Economia stessa venisse debellata in blocco. Altro che inventarsene una nuova.

  • daveross

    Vivo all’estero. Se le date me lo permetteranno, verrò.

  • lpv

    Bene, potrebbe essere un primo passo, se non altro per arginare, con i suoi stessi strumenti, il potere dei criminali che muovono i fili. Però poi serviranno anche proposte politiche, perché al di là di una teoria monetaria che reinterpreta Keynes in chiave odierna, il cambiamento deve essere radicale: appunto, se sostituire un sistema monetario con un altro è utile ad arrestare l’azione criminale globale ben venga, ma poi si tratterà di ridefinire il sistema economico nel complesso, a un livello molto più profondo.

  • nuvolenelcielo

    Ottima cosa. Ma anche un po’ ambigua, sinceramente è difficile presentare una teoria monetaria come non-politica, a meno che non sia solamente “descrittiva” di un meccanisco tecnico. Ma già alcuni dei termini che vengono presentati come “piena occupazione” “pieno stato sociale” sono politici in sè, perché indicano delle priorità e quindi una gerarchia di valori. Chi dice che la piena occupazione è centrale, dice allora che è più importante della piena libertà? mmm… Comunque ottima iniziativa. Sono molto impegnato in un altro progetto di tipo intellettuale, quindi non parteciperò, ma spero che si raggiunga il numero minimo.

  • nuvolenelcielo

    sarebbe bello avere le ali come gli uccelli, yes!

  • rosbaol

    Io mi sono iscritto. Andrò sicuramente. Spero saremo in tanti.

  • Onilut

    Mah… gli uccelli le ali non se le sono inventate. Noi l’economia l’abbiamo inventata.

  • gripepuerca

    la ridefinizione in buona parte viene dalla MMT stessa, un modo virtuoso di usare la moneta, forse l’unico. Barnard ha ragione sul fatto che adesso se ne parla molto di più di qualche anno fa.
    resta da inserire la MMT in un contesto più ampio: decrescita, abolizione del mercato finanziario speculativo, crisi ambientali, crisi energetiche, mostri alieni ecc.
    ma intanto la moneta è l’arma con cui ci stanno sodomizzando a sabbia ADESSO, togliendoci energie fisiche e mentali.
    hanno reso complicatissimo qualcosa che non doveva diventarlo (vecchia strategia), e il primo passo non può che essere capire, per poi riconquistare la semplicità.

  • rosbaol

    Ecco uno che ha letto Latouche 🙂
    Non hai tutti i torti. Io andrò al summit perchè credo che la prima cosa da fare è cambiare queste regole schiaviste, dopo si vedrà.

  • Iacopo67

    Ho seguito la MMT, sarebbe bello che venisse applicata nella realtà, so che funzionerebbe. Andrei volentieri alla conferenza, ma questi signori parleranno in inglese, molte cose mi sfuggirebbero. Comunque è una bella iniziativa, auguri !

  • kawataxi

    Mi appello a tutti, per favore prendere molto sul serio.

    Serve incoraggiamento per il gruppo americano della MMT che è travolto da richieste di interventi salva crisi da parte di molte nazioni. Scrivete tutti una vostra mail, anche in Italiano, ma NON la stessa mail spammata 10.000 volte, a questo loro indirizzo [email protected]

    Anche solo due parole contano. Fatelo tutti! Portiamoli qui il prima possibile. Ci conto. P. B.

    http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=290

  • Firenze137

    giuro che spero di sbagliarmi in quello che sto per scrivere, ma se lo scrivo è per puntualizzare un mio punto di vista e cioè che un “summit” – pur prestigioso, pur “prezioso” per chi ha fame di SOLUZIONI alla presente disfatta finaziaria mondiale totale, presuppone che ci sia un INTERESSE ( e quello c’è) ed una anche se pur minima possibilità che possa essere APPLICATO.

    Cioè se la MMT ” funziona” – e credo che funzioni davvero – si dovrebbe correre ad applicarla una volta che il summit ha spiegato cos’è, come funziona e come si può applicare.

    Ma la “bandabassotti” che controlla ormai gli strumenti democratici in toto non credo che lo permetterà mai !!! , complici tutti coloro (politici) che ormai sono pronti a spartirsi il bottino nazionale e globale dei gioielli italiani, greci ecc.

    Non se se ci rendiamo conto con quale razza di “personcine” abbiamo a che fare.. loro di summit ne fanno ma di tutt’altro genere purtroppo.

    Con questo ripeto, spero che il summit avvenga e abbia la massima visibilità e successo, ma suggerirei con molta umiltà di farlo essere anche un occasione per costituire un gruppo numeroso che poi “agisca” concretamente previo autofinanziamento e programma, semplice stringato ma di immediata e potente applicazione.

    Comunque auguro che – indipendentemente da queste mie considerazioni – l’evento abbia il massimo successo e visibilità .

  • istwine

    la cosa sta assumendo una veste patetica, come ogni cosa “salva-qualcosa”. io ho dato l’adesione, ma per favore, qua ogni stronzata che passa per il web diventa il sacro graal. non è l’approccio giusto, anzi, è totalmente scorretto ed è ovvio che pochi “prendono sul serio” un approccio così idiota, che diamine.

    è possibile che ogni cosa di questo tipo deve finire in mitismo o epica? ripeto, qua si perde totalmente di credibilità. ok, sarà marketing, non lo so, magari si attirano più persone, ma questo modo è deleterio in termini di credibilità. nessun Brancaccio, Zezza, Bellofiore o magari qualche altro economista del Levy Institute (e non solo) organizza seminari e vuole “incoraggiamento” o cose di questo tipo. né si approcciano in maniera sacro-graal. idem qualunque scuola post-keynesiana. ok, marketing, la MMT tramite i blog ha creato un modo facile di far passare determinati messaggi come “lo Stato non ha bisogno di prendere a prestito” o “spende semplicemente accreditando conti bancari”. giustissimo. e io, personalmente, ho letto buona parte della letteratura accademica (non i blog) dei neocartalisti (MMT) ma diamine, non capisco perché Barnard debba rendere il tutto pacchiano e idiota.

    non voglio fare il classico commentatore anonimo che si lancia in critiche nulle, ma questo modo tende ad essere tipicamente web, tipicamente non professionale e tipicamente marketing. lo stesso che fa andare tanto le minchiate sul signoraggio e tante altre cose tipiche del web. siccome la MMT o meglio, i neocartalisti, non sono questo tipo di cose, ma sono una scuola economica seria che ha portato dei fondamentali contributi nell’ambito delle scuole post-keynesiane perché sponsorizzarli nella stessa maniera e con la stessa foga deleteria? un summit, seminario o chiamatelo come vi pare, di due giorni, non cambia minimamente la conoscenza di determinate cose perché spetta al singolo andarsi a leggersi la letteratura, la critica alla letteratura, e le fonti ufficiali istituzionali per capire esattamente perché la MMT dice le cose in quel modo e cosa vuol dire (e le condivido tutte, quindi non sono un critico, per niente anzi).

    fine della riflessione. spero venga capito il senso e non venga presa per la solita critica senza criterio e senza basi tecniche per poterla fare. anche capisco il senso dietro il dover spiegare in maniera semplice e comprensibile le cose ed anche il fatto che la MMT lo faccia in maniera inappuntabile, ma quello che mi preoccupa non son loro o Barnard in sé, ma gli utenti e soprattutto il pubblico che non riesce mai a distaccarsi dall’approccio religioso (che per intenderci è lo stesso approccio dei vari “abbiamo vissuto al di sopra dei nostri mezzi”, già, e ora che hai perso la casa ci vivrai dentro) che è la cosa peggiore che si possa fare, in una lotta di idee (o come direbbe RicBo, di classe).

  • Onilut

    Sì. Ma ho letto anche Zerzan e Kaczynski. E li ho trovati tutti estremamente inoffensivi.

  • mincuo

    Questa fantomatica MMT poi sarebbe a cura dell’Università Del Kansas (capirai) e i nomi “Prestigiosi” sono dei perfetti sconosciuti. E cioè un professorino e 2 3 assistenti, a quel che si vede. PUNTO. Ciò non toglie che uno starebbea che a sentire, erchè saranno non difficilmente meglio delle cialtronate autodidattiche di Barnard, che aggiunge la sua interpretazione ignorante, e forse saranno magari anche un pelo meno disonesti di lui, che parla sempre di Tedeschi Che dominano il cielo e la terra ma dei suoi amici stellettati come lui non nomina mai nessuno. Certo arroganti questi pseudo geni del MMT lo sono uguali a Barnard. Non sarà permesso dibattito alcuno. E te credo basta leggere le scemenze che scrive Barnard sul “grande crimine” per non parlare degli articoli. Se il livello è quello, basta uno studente delle medie, non occorre altro. Meglio proibire dibattiti che fare figure di merda gigantesche,

  • mincuo

    Senza contare che dall’alto del suo analfabetismo ogni volta che scrive una paio di scemenze, sembra fare la Segretissima Rivelazione al volgo, eccellendo nelle uniche cose di cui è capace, cioè offendere, piagnucolare, carpire la fiducia altrui e millantare credito, sfruttando il fatto che la maggior parte della gente si occupa di altro. La sua scoperta rivoluzionaria, pomposamente chiamata Modern Money Theory, in base alla quale lui fa il Sommo Sacerdote Iniziato al cospetto dei poveri beoti, non è altro che il riccicciamento del chartalismo, vale a dire siamo a prima del 1900, parte del quale fu poi ripreso da Keynesiani e neo-Keynesiani. Ma Barnard, che ha la competenza di un idraulico, è qui ora e vi indica la via della luce eterna.

  • mincuo

    Senza contare che dall’alto del suo analfabetismo ogni volta che scrive una paio di scemenze, sembra fare la Segretissima Rivelazione al volgo, eccellendo nelle uniche cose di cui è capace, cioè offendere, piagnucolare, carpire la fiducia altrui e millantare credito, sfruttando il fatto che la maggior parte della gente si occupa di altro. La sua scoperta rivoluzionaria, pomposamente chiamata Modern Money Theory, in base alla quale lui fa il Sommo Sacerdote Iniziato al cospetto dei poveri beoti, non è altro che il riccicciamento del chartalismo, vale a dire siamo a prima del 1900, parte del quale fu poi ripreso da Keynesiani e neo-Keynesiani. Ma Barnard, che ha la competenza di un idraulico, è qui ora e vi indica la via della luce eterna.

  • cpaglietti

    Credo che la location migliore sia Milano, questo perché sebbene non certo baricentrica geograficamente, è ben collegata e raggiungibile da tuut’ Italia a prezzi conpetitivi.

  • michail

    Milano forse è il miglior posto per te, probabilmente perchè abiti lì. Se io abito a Trapani mi faccio 24 ore di treno? Il miglior luogo è Roma.

  • mikaela

    Per i partecipanti che capiscono poco l’inglese,Barnard ha già scritto che ci saranno gli interpreti.

  • mikaela

    Fra i relatori c’è anche William Black Avvocato “giurista”(credo si dica cosi’ ma non vorrei aver usato il termine sbagliato) ed economista di MMT. l’uomo che ha fatto andare in galera parecchi “Banksters” ( Banchierigangsters da lui definiti ) e come lui stesso afferma in alcuni video, dopo di lui non sono riusciti a mettere piu’ nessuno in galera. (questo mi fa capire che questi Banksters hanno trovato terreno facile cioe’ senza più leggi).
    Black è un uomo che potrebbe insegnare tanto su come andrebbero riformate alcune leggi finanziarie.Sempre lui l’economista intervistato piu’ volte nel film di Michael Moore “capitalism a love story “.(che si puo’ scaricare facilmente in rete).

    Anche nel manifesto scritto da Barnard per OWS si parla di leggi ed economia.

    Paolo Barnard -LA STRADA PER LA GIUSTIZIA E LA DEMOCRAZIA DI MMT
    (con lo spirito di idee collaborative per gli amici di OWS)
    [modernmoneytheory.blogspot.com]

    William Black – Wall Street Pirates P2/13 – Liars Loans & Derivatives Pt1 [www.youtube.com]

  • mikaela

    Ci saranno gli interpreti/ traduzione simultanea.

  • nuvolenelcielo

    comunque sinistra mainstream stile americano / new york times. questo è l’orientamento politico di base. questa cosa del non-politico proprio non sta in piedi…

  • kingsize

    NON TI SFUGGIRA’ NULLA PERCHE’ CI SARA’ LA TRADUZIONE SIMULTANEA IN ITALIANO!!!

  • kingsize

    PER CHI NON CAPISCE L’INGLESE: AVERE UN INTERPRETE SIGNIFICA CHE CI SARA’ LA TRADUZIONE SIMULTANEA IN ITALIANO!!! ISCRIVETEVI!!!

  • rosbaol

    Si, io sono di Milano ma sono d’accordo con Roma. E’ decisamente la più raggiungibile

  • rosbaol

    Tutto è politico. Anchela sepesa del supermercato. Barnard intende togliere i partiti classici da quest’iniziativa. T’immagini il PD al summit del MMT?

  • nuvolenelcielo

    certo, sono d’accordo. comunque vale la pena rifletterci su queste cose, visto che ormai il patatrac è successo, e si sta lavorando per il dopo – come dice anche barnard.

  • alvise

    Mi sa che dietro questo nick si nasconda il “buon” Giulietto……

  • Onilut

    E inoltre, giusto per stare in tema, non posso permettermi il viaggio in treno e la quota di partecipazione.

  • mikaela

    SEICENTO ADESIONI SONO 200 CHE PAGANO E VENGONO. SERVE PIU’ DEL DOPPIO. E’ IN FASE DI CREAZIONE IL VOLANTINO E VIDEO. VA CAPITO CHE QUESTO NON E’ UN PASSATEMPO COME IL V-DAY. C’E’ STATO UN GOLPE, CI DISTRUGGONO, VUOLE DIRE CASE, ASILI NIDO, LAVORO, DIRITTI FONDAMENTALI, DESTINI E PROGETTI DISTRUTTI. SIGNIFICA RICATTI ECONOMICI AVVELENATI E AVVELENANTI. VITA VERA DI MILIONI DI PERSONE. LA MMT E’ VERAMENTE L’UNICA FORMA DI DEMOCRAZIA A TUTELA DEL 99% CHE ESISTA. IL “DREAM TEAM” DELLA MMT E’ PRONTO. ECCO COSA CI HA SCRITTO IL PROF. WILLIAM BLACK, CHE E’ L’ECONOMISTA MMT “STAR” DEL FILM DI MICHAEL MOORE “CAPITALISM, A LOVE STORY”.

    “Noi ci teniamo alle persone comuni, l’Italia è un grande Paese e un’economia importante. La MMT e i programmi di piena occupazione sono i due mezzi più cruciali per aiutare la gente a uscire dalle crisi gravi come questa. Minsky e la comprensione delle frodi di Wall Street ci servono a prevenire altre crisi in futuro. Non ci sono dubbi sull’importanza dell’Italia o degli italiani (o di qualsiasi altra nazionalità). Il gruppo è entusiasta all’idea di venire in Italia e di lavorare per voi. L’unione fa la forza.” William Black.

    SUMMIT MMT: QUASI 600. SERVE IL DOPPIO. MESSAGGIO DI W. BLACK

    [www.paolobarnard.info.]

  • BarnardP

    Fammi capire cosa c’è di patetico. Far sentire a dei professionisti che ci teniamo molto a incontrarli, che questo non è il solito esercizio di fighetti borghesi a caccia di due ore intelligenti, ma che c’è la base che li vuole e ha bisogno. Nessuno ha scritto che sono padre Pio, che abbiamo bisogno di o’ miracolo. Datti una calmata e scrivi chi sei, che magari puoi renderti utile invece di stare al buio a commentare. P. B:

  • istwine

    Paolo, capisco il tuo discorso e mi scuso per i modi, era più la forma e che la sostanza ad essere esagerata. non è “una questione di far sentire a dei professionisti che ci teniamo”, perché chiunque ci tenesse dopo ormai più di un anno che tu ne parli, avrebbe quantomeno approfondito e sai bene che sul carro MMT come lo hai definito tu, stanno salendo tutta una serie di persone che è evidente non sappiano di cosa parlano e abbondano di slogan deleteri senza una base per poterli difendere. e diciamo che in Italia per ora io non ho visto nessun serio approfondimento da parte di qualcuno (a parte te), ma solo teologia, la stessa teologia che guida i neoliberal e la stessa teologia che guida i vari movimenti contro la contabilità nazionale.

    detto questo, so bene che è un discorso che stride con l’urgenza della situazione e la necessità di spiegare le cose ai più e nel modo più semplice possibile (e tu lo hai fatto notare pure a Wray all’inizio del MMPrimer, rimanendo in effetti totalmente inascoltato) ma ho paura che il più semplice rimanga tale e siamo punto e a capo, di nuovo in cerca di eroi e guru. e questo è in linea con quanto dici da sempre ed è in linea con quanto sta succedendo, dato che la MMT sia qui che soprattutto in America sta assumendo, nel pubblico, un profilo epico. e non a caso uno come Marc Lavoie (mica un cazzaro qualunque) ha scritto una critica amichevole alla MMT ironizzando anche sul fatto che ci sono studenti che leggono Kelton, e poi vanno da lui a dirgli che “tasse e bond non finanziano la spesa”. e siccome dai tuoi scritti si percepisce lo stesso tuo premere sulla necessità di essere scientifici, seri e preparati visto il nemico, l’approccio fanatismo è deleterio.

    comunque, per intenderci, mi rendo utile studiando e parlando con chiunque mi capiti della cosa, ed l’unica cosa fattibile oltre che la forma pura di militanza dal basso. faccio parte della base. se vi sarà il summit, avremo modo, se ti farà piacere, di discuterne dal vivo senza i fraintendimenti propri del web.

  • reio

    non ci andare

  • lpv

    Comunque ho dato la mia adesione. Speriamo si raggiunga la quota minima.

  • Sirius

    Dai dai avanti così, prima che sia davvero troppo troppo tardi!!!
    Grazie Paolo Barnard!!!

  • greiskelly

    ma è possibile che in italia non ci sia nessun accademico che studi/si occupi di questa teoria? con tutte le università che abbiamo, con tutte le facoltà di economia che abbiamo….
    (va bè, conosco un docente di economia che ha fiducia in monti, ma uno non fa testo….)

    detto questo, ci sto pensando per l’adesione. L’importante è che poi si faccia qualcosa di concreto

  • nuvolenelcielo

    questo è scritto bene (al di là dei meriti del contenuto). devi essere un giornalista o scrittore

  • cpaglietti

    Vada per Roma: il senso è lo stesso Milano o Roma sono ben servite e raggiungibili da tutt’ italia.

  • nikka

    Ho letto “il più grande crimine” e ne sono ovviamente colpita (e affondata). Ammetto anche che non ho compreso tutto. Non mi è assolutamente chiaro come “deficit dello stato=occupazione e salvaguardia del bene comune” nè come sia plausibile che a uno stato sovrano(con una propria moneta) sia lecito “inventarsi il denaro dal nulla”. Sono ignorante in materia economica ma il dubbio che mi viene è: se uno stato (e quindi qualunque stato) potrebbe inventarsi moneta dal nulla teoricamente potrebbe immettere cosí tanto denaro che alla fine guadagnare per produrre (e quindi lavorare) non sarebbe più necessario. È ovviamente impossibile ma allora chi “governa” controlla o limita la produzione di denaro? Forse per molti queste sono domande cretine ma, come ripeto, non sono un’esperta. Detto questo apprezzo lo sforzo immane di Paolo Barnard e condivido che occorre sapere. Inizio a essere cosciente che esiste un gap enorme in tutti noi (politici in testa) tra luoghi comuni (quello che si pensa di sapere) e la realtà. Inoltre l’attivismo di centinaia di movimenti e slogan no global per quanto ammirevole è molto dispersivo, scoordinato e talvolta anche “egocentrato”. Vorrei un po’ più di pragmatismo e analisi/ricerca fondata. Per questo l’idea di un summit sulla MMT mi affascina e quindi mi iscrivo.
    Una questione mi incuriosisce molto: leggo sempre “solo” di Eurozona e Stati Uniti (va beh, ogni tanto si cita anche il Giappone) come se la Cina non esistesse. O, se esiste, esiste solo per gli argomenti delocalizzazione delle nostre industrie e forza lavoro a basso costo. Da quel poco che so, la Cina è il più grosso creditore nei confronti degli Stati Uniti. È sempre la Cina che ha recentemente ammonito il colosso americano di arginare il debito. Cosa c’entra questo con il neoliberalismo ecc..? Onestamente non lo so ma la sua assenza da tutte le argomentazioni mi lascia un po’ perplessa anche perché é un potere economico enorme che agisce tantissimo non solo nell’economia americana ma anche nel terzo mondo accaparrandosi (spesso con metodi migliori dei nostri – costruiscono infrastrutture in loco come contropartita -) le risorse. Recentemente circolava anche l’ipotesi di una contrattazione con la Cina affinché immettessero denaro nell’ Eurozona. Vero o falso?
    Avrei molte altre riflessioni e domande ma rimando. Forse dopo “l’infarinatura” alcune cose mi si chiariranno.
    Mi auguro davvero la nascita di un pensiero “altro” ma fondato su basi serie, non ideologiche, e, se convincente, nel mio piccolo farò il possibile per contribuire (come molti purtroppo, non potrei mai dedicarmi tout court all’attivismo -devo sbarcare il lunario se no non vivo-)
    Una comune cittadina.