COS'E' CHE SPINGE GLI IMMIGRATI CLANDESTINI

DI LINDA S. HEARD
Online Journal

In Europa c’è una mancanza di comprensione per gli immigranti clandestini che sacrificano tutti i
loro risparmi e rischiano la vita attraversando il mare su barche sgangherate o che si introducono
illegalmente in Inghilterra all’interno di container senz’aria. Anche quelli che raggiungono sani
e salvi le loro destinazioni vengono comunque espulsi o messi dentro o fatti sentire come dei
cittadini di serie B, considerati dalle popolazioni locali come potenziali criminali o portatori
di malattie, che arrivano per togliere loro il lavoro. Quelli senza documenti vengono spinti ai
lavori umili più sottopagati, con salari che a stento permettono loro di sopravvivere.

I pochi che riescono a rimanere nella loro “terra promessa” spesso diventano di fatto degli
emarginati da incolpare per tutti i mali della società. Perché sarebbero così ansiosi di lasciare
le loro famiglie e i loro amici per imbarcarsi in un’avventura tanto pericolosa che finisce così
spesso in tragedia e lacrime?

La scorsa settimana il ministro degli esteri dell’Egitto ha annunciato che si erano perse le tracce
di un’imbarcazione che trasportava 83 clandestini di nazionalità egiziana, scomparsa prima di raggiungere le coste della Grecia. È un fatto fin troppo frequente.A giugno la Marina egiziana ha soccorso 55 emigranti dall’Egitto e dal Bangladesh la cui barca
diretta in Europa stava colando a picco, mentre nello stesso mese un peschereccio, che poteva
portare al massimo 40 persone ma su cui ne erano state stipate fino a 150, è affondato al largo
delle coste della Libia. Non hanno mai raggiunto l’Italia. Molti non sapevano nuotare e solo due
sono riusciti a sopravvivere.

Dubito che ai contrabbandieri importi. Loro ingrassano sulla morte della povera gente, tra cui
molti, secondo le notizie riportate da Al-Arham Weekly, arrivano a pagare 4.640 dollari per il
viaggio. Questa somma equivale al salario di quattro anni o più per la maggior parte degli egiziani,
il che fa pensare che membri di intere famiglie debbano spesso contribuire, forse anche vendendo
la gioielleria o le proprietà avute in eredità, nella speranza di raggiungere legalmente il proprio parente in futuro.

Lo scorso anno l’Egitto ha firmato con l’Italia un accordo bilaterale, che ha avuto come risultato
il rimpatrio di 2400 egiziani nel loro paese. Ma molti sono scomparsi da allora e viaggiano senza
documenti nella speranza di farsi passare per palestinesi o iracheni in modo da non rientrare
nell’obiettivo dell’accordo.

La Spagna da molto tempo tenta di affrontare l’immigrazione clandestina di africani sub-sahariani
che arrivano sulle sue coste aggrappati ai gommoni o terrorizzati che le loro imbarcazioni, tutt’altro
che in condizioni di navigare, si capovolgano. Questi sono i fortunati. Varie migliaia muoiono
ogni anno nel tentativo di attraversare lo Stretto di Gibilterra dopo aver pagato a trafficanti senza
scrupoli più di 2.000 euro per un viaggio che chi possiede un visto paga molto meno.

A luglio, la Marina del Marocco ne ha arrestati 52, mentre in centinaia sono stati sorpresi dalle
autorità spagnole mentre tentavano di entrare illegalmente. L’anno scorso un clandestino di 24
anni, mentre veniva arrestato al largo delle coste della Spagna, brandiva con gioia due chili di
cannabis sperando che gli facessero da passaporto per una galera spagnola piuttosto che essere
espulso. Tuttavia, il giudice era fin troppo esperto e il suo stratagemma è fallito.

La Gran Bretagna ha sperimentato le proprie tragedie, come le dozzine di clandestini cinesi che
sono morti soffocati all’interno di un container ermetico con destinazione Dover nel 2001. Un
ventenne che è sopravvissuto a un viaggio simile ha spiegato in tribunale che era stato tenuto
prigioniero in un appartamento a Londra fino a quando la sua famiglia in Cina non ha pagato all’incirca $34.000 alla banda che ha organizzato il suo viaggio infernale di sei mesi.

Come titolare di passaporto britannico che non è mai stato, fortunatamente, un senzatetto e non
ha mai conosciuto la vera fame lancinante, non è facile per me immaginare di essere nei panni di
persone tanto disperate quanto l’iracheno in estreme difficoltà che a Bangkok mi ha avvicinato in
cerca d’aiuto. Dei truffatori lo avevano adescato lì con la promessa di un visto per l’Australia e
invece poi avevano spogliato lui e una dottoressa irachena fino all’ultimo penny. Lui è finito a
vagare per strada elemosinando il cibo, e la donna si è gettata da una tromba delle scale per la
disperazione di non sapere come accudire i suoi due bambini che viaggiavano con lei.

Paura, disperazione e povertà sono la spinta all’immigrazione clandestina. In qualsiasi luogo la
gente desidera una vita e chi siamo noi, seduti con le pance piene nelle nostre case o uffici con l’aria condizionata,
mentre progettiamo le nostre prossime vacanze, per incolparli?

Qualche giorno fa mi sono ritrovata faccia a faccia con la povertà degradante. Ad Alessandria
d’Egitto mi sono imbattuta in un minuscolo gattino bianco per strada, e l’ho seguito pensando
che potesse aver bisogno di soccorso. È venuto fuori che apparteneva a una famiglia di cinque
persone (una coppia e i loro tre bambini) che non possedeva nemmeno dei materassi o cuscini,
figurarsi una tavola, un frigo o una macchina del gas. Lo spazio in cui vivevano consisteva in
una stanza non più grande di un ampio armadio e di parte di un pozzo delle scale scoperto. Il
solo cibo che si vedeva in giro consisteva in un po’ di pane stantio e una confezione aperta di
formaggio di pecora. Questo è il genere di persone che sfidano le onde aggrappate a un sogno.

Nessuno dei loro bambini è mai andato a scuola perché il salario del padre, di 120 lire egiziane
al mese, non avrebbe coperto nemmeno le spese più piccole. Ma qualsiasi mancanza d’istruzione
era più che compensata da caldi sorrisi e cuori che si erano aperti a un gattino orfano. Quegli
europei che hanno indurito i loro cuori nei confronti di persone che fuggono da povertà e persecuzioni, potrebbero trarne una lezione.

Linda S. Heard è una scrittrice inglese specializzata nelle questioni del Medio Oriente. Accoglie
con piacere opinioni e può essere contattata via email a [email protected].

Titolo originale: “What drives illegal immigrants “

Fonte: http://onlinejournal.com/
Link
26.09.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DAZED

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
lupomartino
lupomartino
23 Novembre 2008 3:10

Ottimo articolo, dice la verità. Dovrebbe essere letto da tutti in Europa e soprattutto nella mia regione, L’Emilia-Romagna, dove la gente di sinistra si è talmente imborghesita da assomigliare a reazionari rossi!!! In altre parole odiano gli immigrati, ma a bassa voce per non dare fastidio al “partito”.

myone
myone
23 Novembre 2008 5:41

Questi articoli non dovreste piu’ metterli sopratutto a modo di piagnistei. Sappiamo che il problema clandestini nonostante si possano considerare i loro problemi o stati sociali, e’ una vera piaga sociale, adossatata alla gente e speculata e incolpata da gente senza scrupoli e da governi incapaci. 1) Ci sono decine di miliaia di italiani senza lavoro o diplomati o laureati nulla facenti, da inserire nella ricchezza interna di un paese, ricchezza che ora si puo’ chiamare sopravvivenza, ma non si e’ fatto nulla, sia socialmente che come metodo educativo, per tenere questa forza all’ interno dell’ equilibrio italiano. Quani, ora come prima, gli extracomunitari della sopravvivenza e le mani o menti tralasciate, sono italiane. 2) Esportano ricchezza e prendono ricchezza o sopravvivenza intarna. Ma se nel caso di contestazioni o diatribe, sociali politiche o altro, sanno essere a ragione della loro classe o modo sociale, viste le manifestazioni che sanno fare, un bel problema anche per un paese come il nostro. Reclamano diritti ecc ecc, e in caso di lecenziamenti, pretendono o chiedono rimborso valuta versata, altrimenti hanno lavorato per nulla. E’ un modo come tanti altri per dire, che se i problemi erano italiani, pure loro ne creano e… Leggi tutto »

prometeo
prometeo
23 Novembre 2008 7:45

Articolo molto interessante e soprattutto veritiero in cui si fà luce in modo chiaro alle difficoltà che comporta essere un estraneo in terra di altri.Uno dei problemi che stravolgono la società italiana e che è complice del sentimento xenofobo è il mancato immedesimarsi. Nessuno si chiede perchè un africano trova ancora di salvezza in un’altro paese, quali sono le vicende che l’hanno portato a compiere questo passo irto di difficoltà.Tralasciando le motivazioni personali esiste un comun denominatore che accumuna la maggior parte dei neri immigrati: la povertà, la guerra, le malattie. Questi disgraziati spesso vivono in territori in cui non si è mai raggiunta la pace, in cui a causa del loro sistema immmunitario completamente compromesso dalla mancata igiene e dallla malnutrizione sono bersaglio di qualsiasi germe patogeno in grado di porre termine alla vita. Se da padre mi rendessi conto che mio figlio non potrà sopravvivere oltre i trent’anni, io anche a nuoto lo porto verso la salvezza. Perchè tutti gli organismi sulla faccia della terra pensano esclusivamente a un fattore: la sopravvivenza. E in molti luoghi non è assolutamente possibile basti pensare che almeno nel Bel paese un fontanello per abbeverarci esiste, in Africa no. Un’aspetto molto importante… Leggi tutto »

GiBi
GiBi
23 Novembre 2008 14:35

Beh, io però mi sono sempre chiesto…. Com’è che, pur stando malissimo, sono così prolifici e sfornano figli a tutto spiano? Com’è che preferiscono “sperperare” quei pochi soldi in un viaggio quasi senza speranza invece di dotarsi di attrezzature, infrastrutture, mobili, cibo, qualsiasi cosa possa servire a casa loro… Com’è che questo mercato, schifoso, di coloro che organizzano questi viaggi, non viene tagliato sul nascere? Come sarà che la manodopera a basso costo serve sempre e viene utilizzata regolarmente? Come mai loro pensano di arrivare in un mondo in cui sarà tutto “facile”? Chi glielo dice? Saremo mica noi con le nostre TV? Dove tutto è….. fantasmatico? Come mai che mi viene da pensare che i soliti potenti sono quelli che ne hanno un vantaggio? Proprio per avere manodopera a basso costo? Inoltre……. Siamo proprio convinti che, se uno straniero qualsiasi, non necessariamente di colore, bussasse alla nostra porta chiedendo aiuto, noi lo accoglieremmo senza alcuna diffidenza? Com’è possibile? Io diffido anche dei miei connazionali, e a ragione. Come posso arrivare ad accettare queste cose? Sarò egoista…. eppure….. Ho provato ad offrire da mangiare a qualche venditore che mi bussava alla porta…. Mi son sentito dire che non lo volevano,… Leggi tutto »

NIPPON
NIPPON
23 Novembre 2008 14:47

A me sembra un’articolo banalissimo. Chi è che non si rende conto che le persone che emigrano lo fanno perchè hanno dei seri problemi nei loro paesi di origine, problemi nei quali, noi europei, non ci possiamo immedesimare in nessun modo. Ma questo è un problema altamente conosciuto, io vorrei sapere quali sono le dinamiche che rendono le persone che abitano nel continente più ricco del mondo le più povere del mondo, dei misarabili costretti a qualsiasi cosa pur di sopravvivere, private di ogni digninità, private del cibo per sopravvivere costrette a recidere le loro radici ed effettuare dei viaggi estenuanti e potenzialmente mortali. Chi sono i responsabili di questo scempio? A chi giova questa carneficina? A queste domande bisogna rispondere, è su questi temi che bisogna interrogarsi. Un’altra cosa che è banale dire è che gli immigrati, soprattutto quelli irregolari tendono ad impoverire un paese benestante, abbassando il salario medio e erodendo diritti conquistati con lotte sociali, ma anche questo discorso non va alla radice del problema; se non si discutono e comprendono le radici del problema tutto il resto è pura e semplice demagogia. Questi articoli non fanno assolutamente luce sul problema anzi tendono a sviare. E’ vero… Leggi tutto »