Cosa succede quando ridi

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Da piccoli si ride tanto, molte volte al giorno. Da adulti quasi mai. Dove sono finite tutte le risate che abbiamo perso crescendo?
È necessario ritrovarne qualcuna per stare meglio, migliorare la qualità del rapporto con il mondo e con la quotidianità.
Ridere, infatti, fa bene. Al corpo e alla mente. Lo dice la scienza, ma te ne accorgi anche tu perché, ogni volta che ridi, i muscoli si rilassano e si liberano energie interiori troppo spesso bloccate.

Ma quali sono, in pratica, i preziosi effetti della risata?
Sono davvero tanti.
Da un punto di vista psicologico una sana risata aumenta la capacità di gestire le situazioni, ci rende più estroversi, accresce la nostra autostima, riduce lo stress, migliora i rapporti interpersonali e la produttività nel posto di lavoro.
Dal punto di vista prettamente fisico ridere crea rilassamento, favorisce un buon sonno, scatena la produzione di endorfine (l’ormone del benessere) e rafforza il sistema immunitario. Coinvolgendo oltre 60 muscoli facciali la risata è, inoltre, l’antirughe più economico e genuino in circolazione.

Ridere, quindi, ha un indiscusso potere terapeutico ed è UN INTENTO CHE ANDREBBE COLTIVATO IN QUALSIASI CONTESTO:
in quello aziendale e lavorativo perché aumenta la vicinanza tra le persone, sviluppa empatia e creatività ma, soprattutto, fa circolare nuove energie ed entusiasmo all’interno del gruppo.
negli istituti geriatrici e nei pensionati perché migliora l’umore delle persone anziane alleviandone il senso di solitudine e la depressione.
– in famiglia perché tante risate, fatte col cuore, sono l’ingrediente segreto per la felicità di coppia e la serenità dei figli.

Perciò, anche se non sei nato/a con uno spiccato senso dell’umorismo, forse è il caso di imparare a sorridere un po’ di più.
Si può cominciare a coltivare il buonumore anche ritagliandosi un po’ di tempo (almeno due serate scacciapensieri al mese) da trascorrere con le persone care al nostro cuore, quelle che spesso, per impegni di ognuno, non frequentiamo.
Con un patto però: proibito parlare di covid e preoccupazioni! Deve essere una parentesi gioiosa in cui si possono condividere solo cose belle.

__

VB

 

blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x