Consiglio d’Europa su vaccino Covid-19: No a obbligo e passaporto

Introduzione di Leopoldo Salmaso, Traduzione di Markus, ComeDonChisciotte.org

Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa a Strasburgo

L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (* nota importante a fondo pagina), nella seduta plenaria del 27 gennaio a Strasburgo, ha approvato a larghissima maggioranza (115 favorevoli, 2 contrari e 13 astenuti) la risoluzione 2361(2021) dal titolo: “Vaccini anti Covid-19: considerazioni etiche, legali e pratiche”.
Il documento approvato è frutto di equilibrismo politico e inevitabilmente ne paga le conseguenze: dall’elogio della famigerata GAVI (Bill Gates, Lorenzin, Guerra…), a un immeritato omaggio alla grandeur di medici francesi, a disinvolte capriole etiche a proposito della sperimentazione sui bambini (paragrafi 7.4.2 e 7.4.3), fino all’eresia scientifica di presumere che SARS-CoV-2 possa essere eradicato completamente dalla faccia della Terra, cosa impossibile a ottenersi perfino in via teorica, e che i vaccini possano ridurre il ritmo di mutazione del virus mentre è vero l’esatto contrario.

Con tutti questi limiti, e con la ben nota im-potenza delle assemblee parlamentari europee (*), vengono ribaditi alcuni principi fondamentali come ai commi 7.3.1 e 7.3.2: “Assicurare che i cittadini siano informati che la vaccinazione NON è obbligatoria e che nessuno debba subire pressioni politiche, sociali o di altro genere per sottoporsi a vaccinazione, se non lo desidera egli stesso… Assicurare che nessuno sia discriminato per non essersi fatto vaccinare temendo per la propria salute o semplicemente perché non lo desidera”.

A larghissima maggioranza è stato anche approvato l’emendamento 1, inserito al paragrafo 7.5.2, che recita testualmente: “utilizzare i certificati di vaccinazione solo per lo scopo designato di monitorare l’efficacia del vaccino, i potenziali effetti collaterali e gli eventi avversi”.  A quanto pare sarebbe stato “politically incorrect” inserire nel testo della risoluzione anche quanto ben specificato nella nota esplicativa all’emendamento stesso, e cioè: “I Certificati di Vaccinazione non dovranno essere usati come ‘passaporti vaccinali’ (alle frontiere, agli scali aerei, o per l’accesso ai servizi). Un tale uso sarebbe non scientifico in assenza di dati sull’efficacia dei vaccini nel ridurre i contagi, sulla durata dell’immunità eventualmente acquisita, e sulla percentuale di ‘fallimenti’ nel produrre immunità a causa di nuove varianti, di [elevate] cariche virali, e di ritardi nelle dosi di richiamo. Un tale uso susciterebbe anche problemi di privacy e, considerando la limitata disponibilità di vaccini, potrebbe perpetuare e rafforzare pratiche discriminatorie e di esclusione”.

In apertura di sessione, il Direttore Generale dell’OMS Gebreyesus aveva rivolto all’Assemblea un lungo e accorato appello sull’importanza di codesti vaccini. Egli ha continuato a parlare di “pandemia” anche se è ben consapevole che una dichiarazione di “stato di pandemia da Covid-19” non è mai stata ufficialmente discussa, né tantomeno approvata, da nessuno dei due organi competenti in base allo statuto dell’OMS: Assemblea Generale (art. 21a) o Consiglio Direttivo (art. 28i).

Pubblichiamo il testo integrato con i tre emendamenti approvati, tradotto dal documento ufficiale in inglese.

Il logo ufficiale del Consiglio d’Europa (click per immagine intera)

 

“Vaccini anti Covid-19: considerazioni etiche, legali e pratiche”.

1 La pandemia di Covid-19, una malattia infettiva causata dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2, nel 2020 ha causato molte sofferenze. A dicembre, erano stati registrati più di 65 milioni di casi in tutto il mondo e si erano avuti più di 1,5 milioni di morti. Il peso della malattia, così come le misure di salute pubblica richieste per combatterla, hanno devastato l’economia globale, mettendo a nudo linee di frattura e disuguaglianze preesistenti (anche nell’accesso all’assistenza sanitaria) e causando disoccupazione, declino economico e povertà.

2 Il rapido sviluppo in tutto il mondo di vaccini sicuri ed efficicaci contro Covid-19 sarà essenziale per contenere la pandemia, proteggere i sistemi sanitari, salvare vite e contribuire a ripristinare le economie globali. Anche se gli interventi non farmacologici, come il distanziamento fisico, l’uso di mascherine, il lavaggio frequente delle mani, le quarantene e i lockdown, hanno contribuito a rallentare la diffusione del virus, i tassi di infezione stanno ora aumentando nuovamente nella maggior parte del mondo. Molti Stati membri del Consiglio d’Europa stanno vivendo una seconda ondata peggiore della prima, mentre le loro popolazioni soffrono sempre più di “stanchezza da pandemia” e si sentono demotivate nel seguire i comportamenti raccomandati per proteggere se stesse e gli altri dal virus.

3 Anche vaccini allestiti rapidamente, sicuri ed efficaci, tuttavia, non sono una panacea immediata. Dopo il periodo festivo tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, con i suoi tradizionali raduni al chiuso, i tassi di infezione saranno probabilmente molto alti nella maggior parte degli Stati membri. Inoltre, medici francesi hanno appena stabilito in modo scientifico una correlazione tra le temperature esterne e il tasso di incidenza della malattia sui ricoveri e i decessi. In questo inverno, i vaccini saranno senza dubbio insufficienti a ridurre significativamente i tassi di infezione, in particolare se si tiene conto che, in questo momento, la domanda supera di gran lunga l’offerta. Anche nelle migliori circostanze non si potrà avere una parvenza di “vita normale” fino alla metà o alla fine del 2021.

4 Affinché i vaccini siano efficaci, saranno cruciali una diffusione capillare e un sufficiente tasso di somministrazione. Tuttavia, la velocità con cui i vaccini vengono sviluppati potrebbe rappresentare una sfida difficile per costruire fiducia verso di essi. Un’equa distribuzione dei vaccini Covid-19 è anche necessaria per garantire l’efficacia della vaccinazione. Se non saranno distribuiti abbastanza ampiamente in aree gravemente colpite, i vaccini saranno inefficaci nell’arginare la marea della pandemia. Inoltre, il virus non conosce confini ed è quindi nell’interesse di ogni paese cooperare per assicurare equità globale nell’accesso ai vaccini Covid-19. L’esitazione e il nazionalismo hanno la capacità di far deragliare lo sforzo per il vaccino Covid-19, finora sorprendentemente veloce e di successo, permettendo al virus SARS-CoV-2 di mutare e quindi di spuntare lo strumento più efficace al mondo contro la pandemia, almeno fino ad ora.

5 La cooperazione internazionale è quindi necessaria ora più che mai per accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione giusta ed equa dei vaccini Covid-19. Il Piano di Distribuzione del Vaccino Covid-19, noto anche come COVAX, è l’iniziativa leader per la distribuzione globale dei vaccini. Condotto in collaborazione fra l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la Vaccine Alliance (Gavi) e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), il piano sollecita fondi dai paesi sottoscrittori per sostenere la ricerca, lo sviluppo e la produzione di una vasta gamma di vaccini Covid-19 e per negoziare il loro prezzo. Un’adeguata gestione dei vaccini e della catena di approvvigionamento, che richiedono cooperazione internazionale e preparazione degli Stati membri, saranno anche necessarie per la distribuzione dei vaccini antivirali in modo sicuro ed equo. A questo proposito, l’Assemblea Parlamentare invita i vari Paesi a seguire le linee guida sviluppate dall’OMS sui preparativi del programma, sulla sua attuazione, e sul processo decisionale a livello nazionale.

6 Gli Stati membri devono già da ora preparare le loro strategie vaccinali per distribuire le dosi in modo etico ed equo, decidendo anche a quali gruppi di popolazione dare la priorità nelle fasi iniziali quando la fornitura è scarsa, e come espandere la vaccinazione quando la disponibilità di uno o più vaccini Covid-19 migliorerà. Bioeticisti ed economisti sono ampiamente d’accordo sul fatto che le persone sopra i 65 anni e le persone sotto i 65 anni con comorbidità che le espongono ad un maggior rischio di malattia gravi e di morte, gli operatori sanitari (specialmente quelli che lavorano a stretto contatto con persone dei gruppi ad alto rischio), e le persone che lavorano in infrastrutture critiche essenziali dovrebbero avere accesso prioritario alla vaccinazione. Non si dovrebbero dimenticare bambini, donne incinte e madri che allattano, per i quali nessun vaccino è stato finora autorizzato.

7 Gli scienziati hanno fatto un lavoro notevole in tempo record. Ora tocca ai governi agire. L’Assemblea sostiene la visione del Segretario Generale delle Nazioni Unite secondo cui un vaccino Covid-19 deve essere un bene pubblico globale. L’immunizzazione deve essere disponibile per tutti, ovunque. L’Assemblea esorta quindi gli Stati membri e l’Unione Europea a:

7.1 per quanto riguarda lo sviluppo dei vaccini Covid-19:

7.1.1 garantire sperimentazioni di alta qualità che siano valide e condotte in modo etico in conformità con le disposizioni pertinenti della Convenzione sui diritti umani e la biomedicina (ETS n. 164, Convenzione di Oviedo) e il suo Protocollo Aggiuntivo sulla ricerca biomedica (CETS n. 195), e che includano progressivamente bambini, donne incinte e madri che allattano;
7.1.2 garantire che gli organismi di regolamentazione incaricati di valutare e autorizzare i vaccini contro il Covid-19 siano indipendenti e protetti da pressioni politiche;
7.1.3 assicurarsi che siano rispettati gli standard minimi di sicurezza, efficacia e qualità dei vaccini;
7.1.4 implementare sistemi efficaci per monitorare i vaccini e la loro sicurezza dopo la loro distribuzione alla popolazione generale, anche al fine di monitorare i loro effetti a lungo termine;
7.1.5 mettere in atto programmi assicurativi indipendenti per garantire il risarcimento di danni e lesioni derivanti dalla vaccinazione;
7.1.6 prestare particolare attenzione al possibile insider trading di dirigenti farmaceutici, o all’indebito arricchimento delle aziende farmaceutiche a spese pubbliche, attuando le raccomandazioni contenute nella Risoluzione 2071 del 2015: Salute Pubblica e interessi dell’industria farmaceutica: come garantire il primato degli interessi di salute pubblica?;
7.1.7 superare le barriere e le restrizioni derivanti dai brevetti e dai diritti di proprietà intellettuale, al fine di garantire la produzione e la distribuzione capillare dei vaccini in tutti i Paesi e a tutti i cittadini;

7.2 per quanto riguarda la distribuzione dei vaccini Covid-19:

7.2.1 assicurare il rispetto del principio di equo accesso all’assistenza sanitaria, come stabilito dall’articolo 3 della Convenzione di Oviedo, nei piani nazionali di distribuzione dei vaccini, garantendo che i vaccini Covid-19 siano disponibili alla popolazione indipendentemente dal genere, razza, religione, status giuridico o socioeconomico, disponibilità economica, ubicazione e altri fattori che spesso contribuiscono a disuguaglianze nell’ambito della popolazione;
7.2.2 sviluppare strategie per l’equa distribuzione dei vaccini Covid-19 all’interno degli Stati membri, tenendo conto che la fornitura sarà inizialmente bassa, e prepararsi a come espandere i programmi di vaccinazione quando aumenteranno le forniture; seguire le raccomandazioni di comitati di bioetica e istituzioni indipendenti nazionali, europee e internazionali, come pure dell’OMS, nello sviluppo di queste strategie;
7.2.3 assicurare che le persone all’interno dei gruppi prioritari siano trattate equamente, con particolare attenzione alle persone più vulnerabili come gli anziani, le persone con patologie di base e gli operatori sanitari, specialmente quelli che lavorano a stretto contatto con persone che fanno parte di gruppi ad alto rischio, le persone che lavorano nelle infrastrutture essenziali e nei servizi pubblici, in particolare nei servizi sociali, nei trasporti pubblici, nelle forze dell’ordine e nelle scuole, e quelle che lavorano nel commercio al dettaglio;
7.2.4 promuovere l’equità nell’accesso ai vaccini Covid-19 tra i vari Paesi sostenendo gli sforzi internazionali, come l’Acceleratore di Accesso agli Strumenti Covid-19 (ACT Accelerator) e la sua COVAX Facility;
7.2.5 astenersi dall’accumulare scorte di vaccini Covid-19 che minerebbero la capacità di altri Paesi di procurarsi i vaccini per le loro popolazioni, assicurarsi che l’accumulo di scorte non si traduca in un’escalation dei prezzi dei vaccini da parte di chi accumula a svantaggio chi non è in grado di farlo, condurre verifiche e operare con la dovuta diligenza per assicurare una rapida distribuzione dei vaccini al minimo costo basato su quanto dovuto e non sul potere del mercato.
7.2.6 Assicurare che ogni Stato membro sia in grado di vaccinare il personale sanitario e i gruppi ad alto rischio prima che la vaccinazione sia estesa alla popolazione generale, perciò considerare la donazione di vaccini o accettare che sia data priorità a paesi che non siano ancora stati in grado di farlo, tenendo a mente che una giusta e globalmente equa distribuzione di vaccini è la via più efficiente per battere la pandemia e ridurre gli oneri socio-economici ad essa associati.
7.2.7 garantire che i vaccini Covid-19 di cui sia stata stabilita la sicurezza e l’efficacia siano accessibili a tutti coloro che li richiederanno in futuro, facendo ricorso, se necessario, a licenze obbligatorie in cambio del pagamento di royalties;

7.3 per quanto riguarda la garanzia di un’elevata diffusione dei vaccini:

7.3.1 assicurare che i cittadini siano informati che la vaccinazione NON è obbligatoria e che nessuno subisca pressioni politiche, sociali o di altro genere per sottoporsi a vaccinazione, se non lo desidera egli stesso.
7.3.2 assicurare che nessuno sia discriminato per non essersi fatto vaccinare temendo per la propria salute o semplicemente perché non lo desidera.
7.3.3 adottare misure tempestive ed efficaci per contrastare la disinformazione, l’ignoranza e l’esitazione riguardo ai vaccini Covid-19;
7.3.4 distribuire informazioni trasparenti sulla sicurezza e sui possibili effetti collaterali dei vaccini, collaborando con le piattaforme dei social media e regolamentandole per prevenire la diffusione di disinformazione;
7.3.5 comunicare in modo trasparente i contenuti dei contratti con i produttori di vaccini e renderli disponibili pubblicamente per il controllo parlamentare e pubblico;
7.3.6 collaborare con le organizzazioni non governative e/o altre organizzazioni locali per raggiungere i gruppi emarginati;
7.3.7 impegnarsi con le comunità locali nello sviluppo e nell’attuazione di strategie ad hoc per sostenere l’adozione del vaccino;

7.4 per quanto riguarda la vaccinazione Covid-19 nei bambini:

7.4.1 assicurare l’equilibrio tra il rapido sviluppo della vaccinazione per i bambini e la dovuta attenzione ai problemi di sicurezza ed efficacia, e garantire la completa sicurezza ed efficacia di tutti i vaccini messi a disposizione dei bambini, con particolare attenzione al migliore interesse del bambino, in conformità con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia;
7.4.2 assicurare sperimentazioni di alta qualità, con la dovuta attenzione per le salvaguardie del caso, in accordo con gli standard legali e le linee guida internazionali, compresa una giusta distribuzione dei benefici e dei rischi nei bambini oggetto di studi sperimentali;
7.4.3 assicurare che i desideri dei bambini siano debitamente presi in considerazione, in accordo con la loro età e maturità; se il consenso di un bambino non può essere dato, assicurarsi che sia raggiunto l’accordo in altre forme e che sia basato su informazioni affidabili e appropriate all’età;
7.4.4 sostenere l’UNICEF nei suoi sforzi per distribuire i vaccini dei produttori che hanno accordi con lo Strumento COVAX a coloro che ne hanno più bisogno.

7.5 riguardo al monitoraggio degli effetti a lungo termine dei vaccini COVID-19 e alla loro sicurezza:

7.5.1 assicurare la cooperazione internazionale per la tempestiva individuazione e chiarificazione di qualsiasi segnalazione sulla sicurezza attraverso lo scambio globale e in tempo reale dei dati sugli eventi avversi a seguito divaccinazione (AEFIs);
7.5.2 utilizzare i certificati di vaccinazione solo per lo scopo designato di monitorare l’efficacia del vaccino, i potenziali effetti collaterali e gli eventi avversi;
7.5.3 eliminare qualsiasi lacuna nella comunicazione tra le autorità sanitarie pubbliche locali, regionali e internazionali che trattano i dati AEFI e superare le carenze nelle reti esistenti di dati sanitari;
7.5.4 Ravvicinare maggiormente la farmacovigilanza ai servizi di assistenza sanitaria;
7.5.5 sostenere il campo emergente della ricerca adversonomica che studia le variazioni individuali nelle risposte ai vaccini, basate su differenze nell’immunità innata, nei microbiomi e nell’immunogenetica.

8 Con riferimento alla Risoluzione 2337 (2020) “Le Democrazie di fronte alla pandemia di Covid-19”, l’Assemblea riafferma che, come istituzioni cardine della democrazia, in tempo di pandemia i parlamenti devono continuare a svolgere il loro triplice ruolo di rappresentanza, legiferazione e supervisione. L’Assemblea chiede quindi ai parlamenti di esercitare questi poteri, come appropriato, anche per quanto riguarda lo sviluppo, l’assegnazione e la distribuzione dei vaccini Covid-19.

La bandiera europea

*) NOTA BENE. Il Consiglio d’Europa è la principale organizzazione di difesa dei diritti umani del continente europeo. Include 47 Stati membri, tra cui i 27 membri dell’Unione Europea (UE) che adottò la medesima bandiera 30 anni più tardi. Il Consiglio d’Europa è quindi una istituzione distinta dall’UE, ad essa antecedente (fu fondato nel 1949) e più allargata, comprendente tutti gli stati che geograficamente e storicamente fanno parte dell’Europa (quindi anche Russia e 19 altri). Tutti i 47 Stati sono firmatari della Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo, la cui applicazione fa capo alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU).

I padri fondatori del Consiglio d’Europa, 1949
55 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Primadellesabbie
Primadellesabbie
29 Gennaio 2021 10:56

Adesso bisogna vedere se la raccomandazione verrà presa in considerazione, e come, da organi comunitari, pubblici, privati e indefinibili.

Ad ogni modo grazie per la (preziosa) informazione e il link al testo originale.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
29 Gennaio 2021 11:50

Mah..
Mi sembra un intervento tecnico per diffondere i vaccini urbi et orbi..posti come presidio ineludibile di prassi farmacologica ..superiore a qualsiasi politica sanitaria che ne volesse limitare l’uso allo stretto indispensabile.
Con tutte le raccomandazioni che ci sono..l’obbligatorietà non è necessaria..sarebbe ridondante al concetto che si vuole veicolare..e sarebbe solo controproducente perché darebbe appiglio a contestazioni difficilmente risolvibili..
Il non vaccinarsi o porre dubbi ..sarebbe come vivere da ateo in un convento di frati..in teoria è possibile..ma difficoltoso..
Ho come la sensazione che la via è ben tracciata..con vaccini annuali..e considerati normali..
Saremo il secolo del vaccino..come il secolo passato è stato quello delle guerre mondiali..e se i morti saranno in sintonia..saranno 500 milioni…che 5 sono stati nella prima guerra mondiale e 50 nella seconda..e 500 non possono che essere nella terza guerra mondiale.. quella al virus..
Per sfoltire di altri 5 miliardi bisognerà vedere quale guerra mondiale sarà la quarta..
Comunque….uno sfoltimento è doveroso..anche se la metodologia è da bifolchi e non da giardinieri..

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  uparishutrachoal
29 Gennaio 2021 12:05

La terza è già in atto, la quarta guerra non so come si definirà, ma so come si combatterà: con le clave.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  VincenzoS1955
29 Gennaio 2021 12:30

Il macete lo vedo più efficiente..ed è stato usato recentemente con ottimo successo in Ruanda..

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  VincenzoS1955
29 Gennaio 2021 14:07

Non abbiamo ancora tolto la sicura alle atomiche.
Non noi, certo…..ma ce l’hanno ormai in troppi.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Risposta al commento di  uparishutrachoal
29 Gennaio 2021 12:05

La terza è già in atto, la quarta guerra non so come si definirà, ma so come si combatterà: con le clave.

Fedeledellacroce
Fedeledellacroce
Risposta al commento di  uparishutrachoal
29 Gennaio 2021 14:16

“Il non vaccinarsi o porre dubbi ..sarebbe come vivere da ateo in un convento di frati..in teoria è possibile..ma difficoltoso..”
Sono pienamente d’accordo e pronto alla sfida

giovanni
giovanni
Risposta al commento di  Fedeledellacroce
29 Gennaio 2021 15:05

Meglio frate confessore in un convento di monache….

oriundo2006
oriundo2006
Risposta al commento di  uparishutrachoal
29 Gennaio 2021 13:48

”.. L’esitazione e il nazionalismo hanno la capacità di far deragliare lo sforzo per il vaccino Covid-19..”: basta questa frase per capire il motivo di fondo di tutto il resto. Avanti col NWO. Il resto comunque mi sorprende per le limitazioni auspicate ( badate bene…) circa le conseguenze del vaccino sui diritti civili. Speriamo…ma la chiusa, che ricorda cosa sia il Consiglio d’ Europa, fa balenare come ‘stati d’eccezione’ prossimi venturi possano far ribaltare facilmente ogni cautela nelle limitazioni dei diritti dei non-vaccinati.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
29 Gennaio 2021 11:50

Mah..
Mi sembra un intervento tecnico per diffondere i vaccini urbi et orbi..posti come presidio ineludibile di prassi farmacologica ..superiore a qualsiasi politica sanitaria che ne volesse limitare l’uso allo stretto indispensabile.
Con tutte le raccomandazioni che ci sono..l’obbligatorietà non è necessaria..sarebbe ridondante al concetto che si vuole veicolare..e sarebbe solo controproducente perché darebbe appiglio a contestazioni difficilmente risolvibili..
Il non vaccinarsi o porre dubbi ..sarebbe come vivere da ateo in un convento di frati..in teoria è possibile..ma difficoltoso..
Ho come la sensazione che la via è ben tracciata..con vaccini annuali..e considerati normali..
Saremo il secolo del vaccino..come il secolo passato è stato quello delle guerre mondiali..e se i morti saranno in sintonia..saranno 500 milioni…che 5 sono stati nella prima guerra mondiale e 50 nella seconda..e 500 non possono che essere nella terza guerra mondiale.. quella al virus..
Per sfoltire di altri 5 miliardi bisognerà vedere quale guerra mondiale sarà la quarta..
Comunque….uno sfoltimento è doveroso..anche se la metodologia è da bifolchi e non da giardinieri..

RUteo
RUteo
29 Gennaio 2021 11:36

Bellissima e inaspettata notizia

emilyever
emilyever
29 Gennaio 2021 13:46

7.1.5 mettere in atto programmi assicurativi indipendenti per garantire il risarcimento di danni e lesioni derivanti dalla vaccinazione;

Non ho capito questo articolo: visto che se ci facciamo vaccinare dobbiamo firmare una liberatoria per la casa farmaceutica per eventuali reazioni avverse, sarebbero i singoli stati ad assicurarsi dato che toccherà a loro risarcire gli eventuali danneggiati, o addirittura i singoli cittadini?

emilyever
emilyever
29 Gennaio 2021 13:46

7.1.5 mettere in atto programmi assicurativi indipendenti per garantire il risarcimento di danni e lesioni derivanti dalla vaccinazione;

Non ho capito questo articolo: visto che se ci facciamo vaccinare dobbiamo firmare una liberatoria per la casa farmaceutica per eventuali reazioni avverse, sarebbero i singoli stati ad assicurarsi dato che toccherà a loro risarcire gli eventuali danneggiati, o addirittura i singoli cittadini?

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  emilyever
29 Gennaio 2021 14:03

Si, io l’ho capita così.
Comunque il non obbligo, vuol dire che in eu qualcuno ragiona ancora.
Scusa, mi sono sbagliata.

lady Dodi
lady Dodi
29 Gennaio 2021 14:05

Non c’è come chiedere alle assicurazioni, un’assicurazione qualsiasi, per sapere i rischi.
Senza leggersi tutto sto bla bla bla…

danone
danone
29 Gennaio 2021 14:26

Non inganni il titolo dell’articolo. Il documento presentato è un’aberrazione mentale pura e un crimine contro l’umanità. Nel futuro saranno basiti solo all’approcciare un’epoca come la nostra, forse la spunteranno completamente dai libri di scuola, per la vergogna provata nel capire di essere discendenti diretti di tale melma umana, altro che argilla adamitica, merda covidica. Nel documento la devastazione economica è totalmente giustificata dalla falsa narrazione emergenziale, senza un minimo di riflessione critica. Deliri irragionevoli accettati come verità scientifiche, con una superficialità quasi spiazzante. Niente obbligatorietà vaccinale, solo perchè si scommette e investe una marea di risorse sulle vaccinazioni di massa, invece di distribuire aiuti alle attività commerciali, devastate senza ragionevoli motivi. Inoltre la volontà assoluta di vaccinare tutti, bypassando completamente ogni ragionevole principio di precauzione, con una non-chalance come minimo imbarazzante, tradisce le vere intenzioni degli Infami, che non possono essere ricondotte solo al busness di big-pharma. Vedrete il trattamento che riserveranno ai critici e a chi non vorrà il vaccino, fra qualche mese, in piena fase vaccinale, sarà guerra aperta al non allineato. Chiunque sottoscriva questa immondizia, accetta, di sua sponte, di essere considerato dalle leggi del Creato, come una forma di vita secondaria, del tutto estranea ai… Leggi tutto »

Maurizio
Maurizio
Risposta al commento di  danone
29 Gennaio 2021 14:31

Ti applaudo

IlContadino
IlContadino
Risposta al commento di  danone
29 Gennaio 2021 15:34

Sembra proprio un brutto sogno.
Di solito ci sono due modi perché un sogno arrivi a svegliare chi lo sogna. Deve portare una forte paura oppure provocare un grosso godimento.
Non ho paura di questi soggetti, e di sicuro non mi fanno godere, però sento che continuano a disturbare il mio torpore, ce la mettono proprio tutta, vuoi vedere che prima o poi trovano un terzo modo.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  IlContadino
29 Gennaio 2021 16:08

Il terzo modo sarà quando i supermercati saranno vuoti e dovremo salvare la pelle per non venir mangiati..
Di sicuro usciremo dal torpore..(hahaha)

lady Dodi
lady Dodi
29 Gennaio 2021 14:49

Bambini oggetto di cure sperimentali!!!!
Non credo non renderanno obbligatori i vaccini dei fetenti del genere. Mi ero illusa per un attimo ma mi sono ripresa.

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  lady Dodi
29 Gennaio 2021 15:10

Riflessione ulteriore. Si può viaggiare in aereo senza passaporto vaccinale.
Vuol dire SOLO che si può prendere l’aereo senza vaccinazione fatta NON che si può andare alla Posta o in un ufficio pubblico SENZA.
Questi, cari miei , han ceduto alle Compagnie aeree. Nient’altro. Non illudiamoci.
Altrimenti ci andrebbe di mezzo la loro amata globalizzazione.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  lady Dodi
30 Gennaio 2021 3:22

Devo vedere le puntate dalla 5 alla 13 della serie La barriera, che si svolge nel 2050: per ora c’è l’ufficiale abolizione della democrazia, virus sempre più gravi seminati ad arte, coprifuoco con spegnimento della luce elettrica alla 10 di sera,l”incaricato per ogni condominio della sorveglianza sulla vita privata ecc, e esperimenti sui bambini per trovare il vaccino risolutore… Invece dalle serie tv sono scomparse quelle del 2019, in cui dalla Francia, alla Germania, alla Svezia, non si faceva che parlare di virus misteriosi…

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  lady Dodi
30 Gennaio 2021 3:22

Devo vedere le puntate dalla 5 alla 13 della serie La barriera, che si svolge nel 2050: per ora c’è l’ufficiale abolizione della democrazia, virus sempre più gravi seminati ad arte, coprifuoco con spegnimento della luce elettrica alla 10 di sera,l”incaricato per ogni condominio della sorveglianza sulla vita privata ecc, e esperimenti sui bambini per trovare il vaccino risolutore… Invece dalle serie tv sono scomparse quelle del 2019, in cui dalla Francia, alla Germania, alla Svezia, non si faceva che parlare di virus misteriosi…

Tipheus
Tipheus
29 Gennaio 2021 15:05

Io trovo che le elite di secondo livello con questa esenzione se la vogliono sfangare lasciando che sia sacrificato il popolo bue indotto da campagne mediatiche massicce al macello vaccinale.
Le elite di primo livello sopporteranno un 7% di collaborazionisti furbi che non faranno sterilizzare o ammalare i propri figli e, a questo punto lasceranno in pace l’altro famoso 3% (noi) di persone informate per un 10% in tutto. Il 90% di pecore gli basta. E se va così a un certo punto…

Tipheus
Tipheus
Risposta al commento di  Tipheus
29 Gennaio 2021 15:08

Tutto il resto è incenso ai padroni del mondo, come dire “noi ci stiamo esentando ma tranqulli eh! Siamo sempre i vostri maggiordomi”.

Tipheus
Tipheus
Risposta al commento di  Tipheus
29 Gennaio 2021 15:08

Tutto il resto è incenso ai padroni del mondo, come dire “noi ci stiamo esentando ma tranqulli eh! Siamo sempre i vostri maggiordomi”.

lady Dodi
lady Dodi
29 Gennaio 2021 15:27

Io chiedo venia, per cinque minuti ci ho creduto.
Andremo in aereo perché conviene loro.
Nient’altro.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  lady Dodi
30 Gennaio 2021 9:20

Quando sugli aerei non ci sara’ un cane ci puoi andare anche con la peste bubbonica.
A gratisssss

Brunello di M.
Brunello di M.
29 Gennaio 2021 15:29

mi basta che non mi impongano l’obbligo… di tutto il resto non mi frega una beata mazza…

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Brunello di M.
29 Gennaio 2021 15:49

Non ti impongono l’obbligo ma chiedi se poi puoi lavorare, andare a scuola, accedere ad un ufficio pubblico, prendere un tram, entrare in un ristorante o andare dal parrucchiere……
L’aereo? Di prendere un aereo non frega niente A ME.
È il mezzo di locomozione che meno m’interessa.

Dino79
Dino79
Risposta al commento di  lady Dodi
29 Gennaio 2021 17:06

La nuova risoluzione UE (forse l’unica positiva che abbia mai fatto questa struttura) proibisce agli stati membri di obbligare in alcun modo i cittadini che non desiderano vaccinarsi per qualunque motivo e di discriminarli nei loro diritti sociali e civili.
Altresi’ bannato il passaporto vaccinale (solo da usare come mero certificato).

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  Dino79
29 Gennaio 2021 17:20

Gli effetti collaterali del vaccino Pfizer sono così forti e comuni che molti stanno mangiando la foglia.

La mia amica medico se l’è fatto due settimane fa. Quando mi ha detto che lo faceva avrei voluto chiederle se fosse sicura, ma non mi sono sentito di dirlo.

Oggi ci siamo sentiti per telefono. Mi ha detto che una decina di giorni dopo l’iniezione si è sentita male tanto che è andata farsi federe da un neurologo. La settimana prossima ha il richiamo ed è preoccupata perché tutti i colleghiche lo hanno fatto hanno avuto febbre altissima.
Mia sorella infermiera mi racconta di colleghi che hanno avuto febbre, incubi notturni, paresi facciale temporanea.

Ci sta che qualcuno in UE stia iniziando a capire che forse è meglio dissociarsi dalla frenesia vaccinale.

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Holodoc
29 Gennaio 2021 17:51

Oggi al Corona Ausschuss hanno parlato dei vaccini. L’avvocato Füllmich in una diretta su Bittel TV ha esordito riassumendo sui vaccini con le parole “Körperverletzung mit Todesfolge oder Schlimmeres” cioè lesione corporale seguita da decesso o qualcosa di più grave.
Ha partecipato anche un’avvocatessa italiana di Bolzano, una certa Renate Holzeisen.
Io ho sentito che gli effetti collaterali dopo l’iniezione della seconda dose sono più gravi dei primi.

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Holodoc
29 Gennaio 2021 18:06

Subire il vaccino è legarsi a un’influenza fisica che diventa psichica nel momento che si suppone definitiva e non modificabile..
E’ un arruolamento senza possibilità di diserzione..e quindi la mente cercherà di accettarlo tacitando il buonsenso che sarà gettato incatenato nell’inconscio..
Sembra quasi la costituzione di un esercito oscuro..con un giuramento indelebile..
Pentirsi sarà difficile..come evadere dalla Legione Straniera..ma sarà possibile..perché l’organismo rischiarato dalla Luce ha una forza immensa..
Questo..per evitare quel razzismo futuro che vedrà vaccinati e non vaccinati come il diavolo e l’acqua santa a parti inverse ..nei futuri roghi..
Che il mondo non si dividerà più tra bianchi ..neri o gialli..ma tra vaccinati e non vaccinati..con le reciproche mitologie che si formeranno a portare fuoco al mulino dell’odio..

Pfefferminz
Pfefferminz
Risposta al commento di  Holodoc
29 Gennaio 2021 17:51

Oggi al Corona Ausschuss hanno parlato dei vaccini. L’avvocato Füllmich in una diretta su Bittel TV ha esordito riassumendo sui vaccini con le parole “Körperverletzung mit Todesfolge oder Schlimmeres” cioè lesione corporale seguita da decesso o qualcosa di più grave.
Ha partecipato anche un’avvocatessa italiana di Bolzano, una certa Renate Holzeisen.
Io ho sentito che gli effetti collaterali dopo l’iniezione della seconda dose sono più gravi dei primi.

emilyever
emilyever
Risposta al commento di  Holodoc
30 Gennaio 2021 3:17

Spero che tutti coloro che hanno avuto effetti collaterali li abbiano segnalati al sito ufficiale europeo, e so anche che ci sono siti (ora non so più rintracciare il video) che propongono di costruire un archivio con segnalazioni e le descrizioni delle vittime e degli effetti collaterali. Magari ci sarà qualche pagina fb, forse sarà stata anche cancellata

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Holodoc
30 Gennaio 2021 9:11

Questi sono solo i primibeffetti del vacvino.
Non si sa a lungo tempo dove vadano a sfociare.
Nessun lavoro vale tanto come la propria salute personale.
Arriveranno a capirlo sulla loro pelle.

“”””Oggi ci siamo sentiti per telefono. Mi ha detto che una decina di giorni dopo l’iniezione si è sentita male tanto che è andata farsi federe da un neurologo. “””
Quindi si sta male mentalmente.
Quindi il vaccino va a colpire il cervello per modificarlo.Cioe’si riscontra che non si e’ piu’come prima.

Holodoc
Holodoc
Risposta al commento di  Astrolabio
30 Gennaio 2021 9:40

Il problema dei problemi è che noi affidiamo la nostra salute a chi non è neanche in grado di tutelare la propria…

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Dino79
29 Gennaio 2021 17:48

Il problema è che nove parti sono per magnificare le misure di contenimento e i vaccini per una pandemia che non c’è..mentre una parte è per salvaguardare i diritti..
E visto che ognuno legge quello che gli fa comodo..soprattutto quando è in bella vista..le coseguenze saranno tutte nello spingere sui programmi vaccinali e di contenimento..mentre i diritti saranno dimenticati..perché scritti in piccolo..e ubi maior minor cessat..soprattutto dove comandano gli arnesi che conosciamo..

uparishutrachoal
uparishutrachoal
Risposta al commento di  Dino79
29 Gennaio 2021 17:48

Il problema è che nove parti sono per magnificare le misure di contenimento e i vaccini per una pandemia che non c’è..mentre una parte è per salvaguardare i diritti..
E visto che ognuno legge quello che gli fa comodo..soprattutto quando è in bella vista..le coseguenze saranno tutte nello spingere sui programmi vaccinali e di contenimento..mentre i diritti saranno dimenticati..perché scritti in piccolo..e ubi maior minor cessat..soprattutto dove comandano gli arnesi che conosciamo..

sovranista
sovranista
Risposta al commento di  lady Dodi
29 Gennaio 2021 16:45

Finché continuerò ad usare la mia quattroruote dell’aereo non mi fregherà un beneamato. Il problema comincerà a sorgere quando stabiliranno confini, chessò, regionali, con regolari posti di frontiera, che non potrai varcare se non con “certificato vaccinale”…

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  sovranista
30 Gennaio 2021 9:18

…?? Ma se e ti dicono che non vi puo’essere obbligo vaccinale da parte di nessuno ….ma allora volete che sia cosi! Per favore….

lady Dodi
lady Dodi
Risposta al commento di  Brunello di M.
29 Gennaio 2021 15:49

Non ti impongono l’obbligo ma chiedi se poi puoi lavorare, andare a scuola, accedere ad un ufficio pubblico, prendere un tram, entrare in un ristorante o andare dal parrucchiere……
L’aereo? Di prendere un aereo non frega niente A ME.
È il mezzo di locomozione che meno m’interessa.

Brunello di M.
Brunello di M.
Risposta al commento di  lady Dodi
29 Gennaio 2021 17:49

all’uopo sono ancora in grado di maneggiare una arma, se ne ce fosse bisogno…

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  lady Dodi
30 Gennaio 2021 9:09

non possono volere qualcosa se non ti obbligano. Da parte di nessuno.
Dobbiamo star qui per quanto a volere che sia quello che non puo’essere perche’non si vuol capire?

Lucio
Lucio
29 Gennaio 2021 18:39

hanno visto che sono in ritardo rispetto ai programmi vaccinali che si erano prefissati.
Attendiamo di vedere cosa succederà quando arriveranno a poter vaccinare la fetta di popolazione tra i 18 ed i 60 anni. Io ancora temo una qualche forma di obbligo.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Lucio
30 Gennaio 2021 9:07

Le vaccinazioni (che non sono tali) quando cominceranno a morire i primi vaccinati si fermeranno. Il ritardo non e’tale. Vogliono solo non avere troppe grane la pfzer moderna e simili.
Nessuno vaccinera’ piu e intanto se ne saranno andati il bisconte con speranza arcuri e simili e non rispondera’nessuno.
Cosi chi ha firmato per farsi lo pseudo vaccino si accorgera’ quanto vale la salute e come bisogna stare attenti a tenersela cara.
L’obbligo non ci puo’essere perche’questa e’ la scappatoia dello stato per non risarcire.

Cangrande65
Cangrande65
29 Gennaio 2021 19:06

Io rilevo tre cose:

1) che il Consiglio d’Europa non conta un cazzo e non ha mai contato un cazzo;

2) che la devastazione dell’economia e l’annichilimento della socialità (e quindi, anche della procreazione, solo di bianchi europei, si intende) devono proseguire sempre di più;

3) tarapia tapioco con scappellamento a destra. Come fosse Antani.

Cangrande65
Cangrande65
29 Gennaio 2021 19:09

Io rilevo tre cose:

1) che il Consiglio d’Europa non conta un caxxo e non ha mai contato un caxxo;

2) che la devastazione dell’economia e l’annichilimento della socialità (e quindi, anche della procreazione, solo di bianchi europei, si intende) devono proseguire sempre di più;
E che l’atto di sottomissione delle mutande in faccia, le restrizioni alla circolazione, i viaggi di medio-lungo raggio solo per i ricchi e la sparizione del turismo non da Fantozzi (escluso per i ricchi) dureranno per sempre;

3) tarapia tapioco con scappellamento a destra. Come fosse Antani.

Bertozzi
Bertozzi
Risposta al commento di  Cangrande65
30 Gennaio 2021 6:29

Si infatti anche se gialli non si può uscire dalle regioni e si mantiene il coprifuoco, due cose che ledono le categorie intraprendenti e più giovani legate agli spostamenti e al lavoro. Col silenzio assenso dei più (visto che qui la maggioranza silenziosa che decide è sempre la stessa…).

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  Bertozzi
30 Gennaio 2021 9:27

Il lavoro e’ un grande controllo della popolazione.
Tolto quello devono controllarle in altro modo.
Per cui tenerle a casa, tenerle nel comune e nella regione e’un controllo territoriale facile.
Basta solo che presidente di regione (e’sbagliato chiamarlo governatore,non governa per niente) cominci a strillare che ci sono molti morti, terapie intensive piene (e noi non possiamo controllare se e’ vero) che si ferma tutto.
E’troppo comodo controllare la gente cosi per cui si andra’avanti molto in questa maniera o, al limite, si peggiorera’ con sanzioni tipo coprifuoco alle 18 fino alle 8 di mattina.

Cangrande65
Cangrande65
Risposta al commento di  Astrolabio
30 Gennaio 2021 19:36

Tutto esatto.
Poi concordo sulla troiata di chiamare “governatori” i presidenti delle regioni. Sono presidenti delle assemblee regionali e per legge NON HANNO nessuno di quei poteri che ora vengono loro falsamente attribuiti. Da qui, corte costituzionale, giuristi, parlamento, giornali, dimostrano la loro totale inutilità e complicità verso i “padroni del mondo”.
Lo stato, se mai era mai stato vivo, è morto. E il diritto è sepolto.

gix
gix
30 Gennaio 2021 2:52

Il Consiglio d’Europa conterà anche poco, ma è pur sempre una istituzione formale, non puramente una autorità morale (come può essere ad esempio il Vaticano, per quanto potente), con la quale dovrà confrontarsi chiunque intenda inasprire o anche alleggerire le misure adottate finora. In generale il documento non è poi così rivoluzionario, più o meno ripercorre le linee adottate finora, e, in effetti suggerisce caldamente agli stati di applicare le direttive generali stabilite, anche in materia di responsabilità, riguardo alle conseguenze delle campagne di vaccinazione. Per quanto concerne le vaccinazioni, dal punto di vista giuridico è normale che non possa essere stabilita l’obbligatorietà, ne tantomeno che si possa pensare ad un passaporto vaccinale, in assenza di dichiarazioni formali di pandemia, in assenza di conclusione dei programmi di sperimentazione, in una parola, in assenza di certezze dal punto di vista scientifico, per lo meno a livello statistico. Ma è possibile che non ne avranno bisogno, dell’obbligatorietà, avendo già raggiunto un numero più che sufficente di persone disposte a vaccinarsi per fede nella scienza e terrore di morire. Se è vero che non hanno la capacità produttiva per fabbricare 7,5 miliardi di vaccini per il mondo intero (non ce l’hanno nemmeno per… Leggi tutto »

ignorans
ignorans
30 Gennaio 2021 7:45

Quante istituzioni…quante ne abbiamo create….e più ce ne sono più le cose vanno peggio.

Astrolabio
Astrolabio
Risposta al commento di  ignorans
30 Gennaio 2021 9:01

Tutta questa montagna di istituzioni serve solo a nascondere l’idea originale che si vuole coprire.
Le cose vanno sempre peggio se non si fa nulla avendo in testa una idea da perseguire che possa portare un beneficio.