CONFESSIONI DI UN AGENTE IN INCOGNITO

DI DAVID VINCENT
artofmentalwarfare.com

“Le operazioni psicologiche sono la mia specialità”

L’autore del testo afferma di essere altamente
esperto in programmi segreti
di intelligence e in operazioni psicologiche –
psyops. Interessante quando
afferma che Robert Gates in persona ha contribuito a
manipolare le elezioni
presidenziali del 2000 e 2004 attraverso massicce
frodi telematiche.
Affermando che questa opinione è data per certa in
tutta la comunità dei
Servizi Segreti USA, l’autore mette in guardia
contro future elezioni
manipolate tramite frodi elettroniche. Dipinge
un’immagine chiara e
preoccupante dei livelli di depravazione morale che
stanno emergendo dal
vulcano Neocon.

Merita di essere letto e ricordato.

Michael Carmichael (direttore del Planetary
Movement
, un’organizzazione di
affari pubblici senza scopo di lucro con base nel
Regno Unito e frequente
contributore su Global Research.)
Il seguente articolo è tratto dall’imminente
edizione del libro “L’arte
della guerra mentale
” di David Vincent.

Nota del redattore di “Arte della guerra mentale”:

Questo messaggio proviene da una fonte anonima che
si ritiene sia
all’interno della comunità dei Servizi Segreti USA.
Di alcune dichiarazioni
non è possibile verificare l’autenticità, ma i temi
ed i riferimenti
generali parlano da soli. Ho cercato tutto ciò che
fosse possibile trovare e
tutto sta perfettamente in piedi. Non ho ragione di
credere che nulla di
tutto ciò sia falso. Leggetelo e decidete da soli.

Le operazioni psicologiche sono la mia specialità. PsyOps

Tutto ciò che ho fatto è altamente classificato,
tutto programmi in nero e
operazioni occulte. Alcune persone che conosco
pensavano che io lavorassi
per la CIA, ma è tutto molto più complicato. Ho
lavorato con gente nella
CIA, nella DIA, NSC, NSA, SAIC, nello spionaggio
militare ed in molte altre
agenzie meno note all’interno dell’apparato
dell’intelligence.

Prima di focalizzarmi sulle PsyOps ho cominciato
eseguendo missioni di
guerra occulte, operazioni speciali. Ero capace in
ciò che facevo e ho
scalato velocemente i ranghi. Quando iniziò la
“Guerra al Terrore” ero molto
ben pagato per consulenze ad appaltatori privati
dell’esercito. Quando unità
paramilitari private avevano bisogno di veder eseguiti dei
lavori che fruttavano un
sacco di soldi venivano da me con i libretti degli
assegni riempiti di grana
dei contribuenti USA.

Ho visto le peggiori cose immaginabili, l’inferno
sulla terra. Alcuni miei
amici sono morti fra le mie braccia. Ho visto mucchi
di cadaveri marcire. Ho
visto uomini, donne e bambini torturati. Ho visto
gli occhi di bambini
terrorizzati e confusi che venivano venduti per una
vita viziosa di
schiavitù e morte prematura.

Potrei essere molto più pittoresco, ma ho reso
chiara l’idea.

Quella era la mia vita e per tutto questo tempo mi è
stato detto che stavo
combattendo per la libertà e lavorando per i
“buoni”. Che commento ridicolo!
Nel mondo del nero cioè, nel mondo occulto, non ci
sono i “buoni” ma solo
differenti gradi di malvagità.

Come notoriamente affermò il Generale di Brigata
Butler, “la Guerra è un
racket”. Non ha nulla a che fare con la libertà e la
democrazia. Non c’è un
combattere buono ed uno malvagio. C’è solo un gruppo
di vecchi avidi
gangster figli di puttana che fanno oscene quantità
di denaro e che
alimentano l’odio, la violenza, i terroristi e gli
schiavi del sesso.

La verità è che non c’è controllo! Cioè, potete
farla franca con qualsiasi
cosa, niente è illegale perché nessuno ne sa nulla,
o i pochi che lo sanno
ci sono dentro pure loro o hanno un interesse
acquisito nel tenere tutto
quieto. Se state gestendo pistole, armi, droga, oro,
diamanti, donne,
bambini, non importa nulla. Finchè la vecchia
guardia ottiene le sue
risorse, è tutto buono. Ed alla fine, è tutto
connesso con il potere. La
gente che fa funzionare davvero questo pianeta sa
che le risorse naturali
(petrolio, acqua, coltan, cobalto, ecc.) sono la
chiave. La “Guerra al
Terrore” è solo una facciata per depredare le
risorse geo-strategiche su
scala massiccia. Anche le guerre in Africa del Nord
sono interamente dovute
allo sfruttamento delle risorse. Una volta che i
bravi vecchi ragazzi della
CIA alla Bechtel avevano fatto i loro studi coi
satelliti NASA sulle risorse
minerarie della Repubblica Democratica del Congo
(DRC) e avevano scoperto
che era “il pezzo di terra più ricco del pianeta”,
si è scatenato l’inferno!
Hanno calcolato che la DRC ha l’80% del coltan mondiale [una
sabbia nera leggermente
radioattiva formata da minerali di colombite e
tantalite da cui il nome
“coltan”, ndt] , fra molte altre risorse
vitali. Senza coltan, non
potete avere alcuna tecnologia che richiede un chip
per computer: computers,
telefoni cellulari, satelliti, e sistemi d’armamento
naturalmente. Così la
Bechtel, i ragazzi di CitiBank, la Banca Mondiale,
il FMI (Fondo Monetario
Internazionale) e vari elementi sotto copertura
hanno rifornito un regime
brutale dopo l’altro in quella regione. Lì sono
morti ben di quattro milioni
e passa di persone.

La stessa cosa con il petrolio in Medio Oriente.
Pensate davvero che gli
interessi qualcosa della libertà irachena? Abbiamo
lavorato duro per
spingervi a crederlo, ma suvvia, non gliene frega un
cazzo della gente
irachena. Ne hanno ucciso circa UN MILIONE! E NON è
un’esagerazione! Di
sicuro come è vero l’inferno, gliene frega parecchio
del petrolio iracheno.
Inoltre si preoccupano per il petrolio Saudita ed
hanno un gradito accordo
con una dittatura che opprime brutalmente il suo
popolo. Se la libertà e la
democrazia sono il tema dominante, che ne dite di
liberare il popolo
Saudita? Perchè pensate che 15 dei terroristi
dell’11/9 provenissero
dall’Arabia Saudita? Sosteniamo un regime che
opprime quella gente. Lo
sosteniamo perché cooperano sul fronte del petrolio.
Così, perchè
reprimerli? Colpiamo l’Iraq. Loro non ci danno il
petrolio – colpiamoli!

Se guardate la storia delle operazioni speciali
occulte, riguarda
interamente l’assicurarsi un pezzo di terra che
dispone di una certa risorsa
di valore. Una volta che la risorsa è identificata,
operazioni speciali
scovano il metodo più efficace per sopprimere o
estinguere la popolazione
che è abbastanza sfortunata da viverci vicino. Poi
entrano le grandi
aziende, dalla United Fruit Company alle varie Bechtel ed
Halliburton mondiali.
Quello è il modo in cui le cose andavano e vanno
tuttora, da John D.
Rockefeller ed Allen Dulles passando per Kissinger,
Bush senior e Cheney.
Milioni di incolpevoli civili sono stati macellati.
Lasciatemelo ripetere:
Milioni di incolpevoli civili sono stati macellati.
E non vi sto ingannando.
Questi sono diabolici figli di puttana e non sono
nostri amici. Queste cose
non hanno nulla a che fare con la protezione del
popolo USA o con l’ergersi
a difesa della libertà e della democrazia. Non
gliene frega niente
dell’americano medio. In questa età di economia
globale, il concetto dello
stato nazione è obsoleto. Se solo i fieri Americani
lo potessero capire.
L’orgoglio per l’American Way of Life è solo un
altro strumento di
propaganda per gli agenti di PsyOps – la gente come
me – da usare per
manipolarvi ed incitarvi a pensare che il nero è
bianco ed il bianco è nero.

Se mi doveste chiedere qual è la minaccia più grande
per il popolo degli
Stati Uniti, Cheney o bin Laden, o chi ha fatto più
danni agli Stati Uniti,
direi senza esitazione Cheney. Cheney, assieme a
Bush Senior e Kissinger, ha
fatto andare avanti per circa 40 anni il mondo
occulto.

Una piccola nota a piè di pagina: io credo
fermamente che Robert Gates,
attuale Segretario alla Difesa e braccio destro di
Bush Senior nel mondo
occulto, abbia usato la crittografia dei computer e
strumenti software della
sicurezza per far si che Bush Jr. fosse eletto
entrambe le volte. Non ho
conoscenza diretta dell’operazione, ma cercate
“Robert Gates”, “Bill Owens,”
“Sicurezza del voto elettronico”, “HAVA,”
“VoteHere”
e “Scientific
Applications International Corp”. [Pubblicheremo
altro su questo argomento
nell’immediato futuro, ndr]. L’operazione andò così
bene che Gates sarebbe
diventato il primo Direttore della National
Intelligence. Lasciò il lavoro,
ma poi ha preso la posizione di Segretario alla
Difesa quando Rumsfeld fu
rimosso dalla sua posizione pubblica. Non penso che
ci sarà mai una solida
prova che collega direttamente ai membri
dell’amministrazione; è tutto una
rete aggrovigliata di plausibili affermazioni
smentibili. Ma io penso che
alla fine sarà dimostrato che le elezioni sono state
manipolate per portare
Bush alla vittoria. Molta gente nel mondo occulto lo
da per scontato, come
puro buonsenso. Per favore non confondetelo con la
propaganda partigiana.
Non me ne frega niente della dinamica della PsyOp
“Democratico o
Repubblicano” fatta per instupidire. Sono solo
etichette per dividere un
pubblico statunitense potenzialmente potente se
unito.

È duro convincere l’americano medio a capire queste
cose. La maggior parte
di chi vive in questo paese subisce il lavaggio del
cervello dalla nascita.
Per fare un esempio molto evidente, potete guardare
l’industria della
pubblicità ed il modo in cui hanno intensificato la
loro attenzione sulla
gioventù. E’ tutto incentrato sull’allevare
consumatori impulsivi guidati
emozionalmente attraverso la ripetizione – in
continuo – compra, compra,
compra. Sentite una cosa abbastanza spesso ed
interiorizzate il messaggio.
Diventa qualcosa di simile all’aria che respirate,
come la gravità. È là,
onnipresente, ma non lo realizzate o non ci pensate
coscientemente. Diventa
la molla da cui scattano in avanti i vostri
pensieri.

Ciò a cui tutto si riduce è il tasso di esposizione.
Prendete un messaggio
semplice e lo ripetete all’infinito, come menzionare
Saddam e l’11/9. Non
dovete dire Saddam è coinvolto nell’11/9, perché non
è vero. Dovete
solamente menzionare Saddam e l’11/9 nello stesso
semplice messaggio
ripetitivo migliaia di volte e la gente sosterrà un
attacco ad un paese che
non aveva nulla a che fare con l’11/9 perché sono
stati psicologicamente
condizionati a collegare le due cose.

Si tratta di operazioni psicologiche su vasta scala,
psicologia di massa.
L’arte scientifica di manipolare l’opinione pubblica
ormai ha 100 anni. Le
PsyOps si sono evolute al punto, grazie a tutti i
mass-media che ci
invadono, al punto che possiamo spingervi a credere,
o almeno ad accettare
passivamente, qualunque cosa vogliamo. Ho lavorato
segretamente con le più
potenti aziende di media al mondo per convincervi a
credere ciò che “loro”
vogliono farvi credere. I media sono l’arma più
efficace mai creata per la
tirannia e l’oppressione. Non c’è più bisogno di
controllare fisicamente le
popolazioni quando potete farlo mentalmente –
programmatele, interiorizzate
le regole.

Per dare un po’ più di background sulle operazioni
psicologiche rivelate
pubblicamente, nel 1977, dopo che il Congressional
Church Committee aveva
studiato la manipolazione dei mezzi di informazione
da parte della CIA, e
subito dopo George Bush Sr. aveva lasciato il suo
posto come direttore della
CIA, il famoso reporter del Watergate Carl Bernstein
cercò un po’ più a
fondo in ciò che è stato conosciuto come Operazione
Mockingbird [Mimo, ndt].
Svelò che oltre 400 giornalisti USA stavano in
effetti realizzando servizi
clandestini di PsyOps CIA. Bernstein ha identificato
operazioni che
coinvolgono quasi ognuno dei principali marchi
d’informazione USA, tra cui
spiccano il New York Times, la CBS ed il Time
Magazine [l’articolo originale del 1977 si può trovare a questo indirizzo n.d.r.]. La CIA ha definito
tutto questo come un “limitato appoggio”. “Limitato
appoggio” è il modo di
dire CIA quando sfuggono informazioni classificate e
dovete farlo sembrare
come se doveste “tirare fuori tutto” con tutte le
informazioni sull’operazione,
ma in realtà state ammettendo solo parte
dell’operazione così da poter
occultare altre parti più profonde e continuare il
programma. Ciò ha
funzionato in maniera molto efficace per loro,
poiché il pubblico USA è
passato rapidamente oltre e questa operazione è
stata in gran parte
dimenticata. Attualmente, potrei stimare, con le
notizie via cavo ed
Internet, che ci siano più di un migliaio di
operativi sotto copertura
sparsi in tutti i media informativi. Hanno una presa
costante su
televisione, giornali, servizi via cavo, radio e
riviste. Tuttavia,
Internet – quello è il loro punto debole – è troppo
decentralizzata e
difficile da controllare.

La Roadmap delle Operazioni per l’Informazione del
Pentagono attualmente
descrive Internet come “sistema di armi” nemico. Il
Pentagono non nasconde
il fatto che vogliono il controllo totale sulle
informazioni, o come lo
definiscono loro,”dominio sulle informazioni” [information dominance].
Dichiarano molto chiaramente
che cercano di “controllare la terra, il mare, lo
spazio e le informazioni”.
Questo è ciò a cui si riferiscono come “dominio a
tutto campo”. Se non
pensate che vedano questo come una priorità massima
assoluta, guardate l’Iraq.
Il programma per “incorporare” i giornalisti con
l’esercito in Iraq era un’operazione
strategica che considerava “il giornalismo come
componente di operazioni
psicologiche”. I giornalisti che non erano
“incorporati” furono considerati
“nemici combattenti”. Sono stati uccisi più
giornalisti in Iraq che in
qualunque altra guerra e sono stati gli USA ad aver
compiuto una larga parte
di queste uccisioni.

Prima che mi dilunghi troppo, il punto che voglio
sia chiaro al pubblico
USA, il punto fondamentale è che la maggior parte
della gente matta per il
potere e malata d’avidità è al di sopra della legge
e la fa sempre franca.
Nel mondo occulto le regole non si applicano. La
democrazia è una favola.
Niente è ciò che sembra, la realtà non è reale.
Passa attraverso lo specchio
di Alice.

Io ho combattuto ciò e non sono andato da nessuna
parte. Ho informato persone
che ingenuamente pensavo potessero fare qualcosa, ma
non può essere fatto
nulla. Ho preso tutti i maledetti soldi che ho
guadagnato e li ho donati a
cause umanitarie. Farà differenza? No. Non nel
grande schema delle cose, ma
a breve scadenza può salvare qualcuno… forse. E
questo è tutto quello che
posso sperare ormai.

Sono diventato così cinico! Vivo con il senso di
colpa ed il cinismo che
pesano su ogni mio movimento, ogni mio pensiero.

Quando avete visto le cose che ho visto, siete stati
coinvolti nelle cose in
cui sono stato coinvolto, quando avete speso la
maggior parte della vostra
vita come me, cosa fate quando decidete di smettere
ed uscirne? Potete
davvero venirne fuori?

Sono stato capace di uscirne, finora, quando nessuno che conoscevo
pensava che ne sarei
potuto uscire. Ma una volta che avete vissuto nel
mondo occulto, la vita
civile “normale” sembra una condanna al carcere. Invece era il mondo
occulto una condanna al carcere.

Sono stato fortemente raccomandato di mantenere un
profilo molto basso e di
dimenticare le cose per un periodo. Ma trovo molto
duro scomparire
semplicemente nella notte quando stiamo raggiungendo
l’orizzonte di un
evento, un limite di rottura. Malgrado il mio
cinismo, c’è una parte di me
che sa che devo continuare a combattere. La posta in
gioco è troppo alta,
mai stata così alta. La specie umana è in serie
difficoltà, dovendo
affrontare un insieme di crisi come non abbiamo mai
affrontato prima. A meno
che queste forze occulte non siano svelate ed alla
fine eliminate, non vedo
come possiamo persino cominciare a compiere le
azioni coraggiose che
dobbiamo iniziare a fare ora – ed intendo proprio
ora! Queste forze occulte
sono una causa iniziale e scatenante, un cancro che
si sparge attraverso il
sistema in tutto il pianeta.

Per quanto posso dire, non potete cambiare il
sistema dall’interno della
comunità dell’intelligence stessa. Ciò include il
Comitato Intelligence del Senato.
Se i cambiamenti urgentemente necessari dovranno mai
accadere, dovranno
venire dal pubblico USA. Ora conosco in prima
persona come il pubblico
americano sia stato condizionato a essere apatico e a
non rimanere implicato
nella politica e sia stato nutrito con una dieta
costante di
disinformazione. Ma la propaganda funziona solo fino
al punto in cui la
popolazione che ne viene sottoposta non sente
l’effetto diretto e le
conseguenze negative ad un livello personale nella
propria vita quotidiana.
Ecco perchè la leva obbligatoria ha svolto un grande
ruolo nel portare una
fine in Vietnam. Abbiamo bisogno di un’altra leva
obbligatoria per spingere
la massa al limite e farla agire, ma la facciata sta
cominciando a
sbriciolarsi – l’11/9 ha avuto certo effetto, la
guerra in Iraq certamente,
Katrina, le massicce perdite del lavoro ed una
diminuzione economica che è
solo appena iniziata hanno tutti partecipato alla
generazione della massa
critica. Anche la popolazione più sottoposta a propaganda nella storia della
civilizzazione dovrà agire quando la sua
sopravvivenza e benessere sono
direttamente minacciate e subiscono delle
conseguenze. Spero solo che
abbastanza gente capisca l’esigenza di un’azione
decisa e decisiva ora,
prima che sia troppo tardi. Così, alla gente che ha
consapevolezza dei
problemi che stiamo affrontando, se potessi
esprimere un parere, sarebbe
questo:

1. Incriminare l’amministrazione Bush per crimini di
guerra. Se il caso
potesse essere portato mai davanti ad una corte, la
prova per condannarli è
decisamente là. Ecco perchè l’amministrazione si è
fortemente opposta alla
Corte Internazionale Criminale. Se dobbiamo
cominciare a riparare questo
paese ed il mondo, dobbiamo cominciare mostrando a
questi pazzi per il
potere, e alle forze occulte, che sono incriminabili.
Se possiamo condannare
qualcuno come Cheney, trasmetteremo un potente
messaggio al mondo occulto.
Se li lasciamo andare, continueremo ad avere questi
problemi. Nuova gente li
seguirà e prenderà il loro posto.

2. Indagare su dove sta scomparendo tutta la spesa
militare. Ci sono
letteralmente trilioni di dollari dei contribuenti
scomparsi senza traccia.
Questi soldi stanno alimentando il mondo occulto ed
il terrorismo in
generale. Come parte di tutto ciò, includerei pure
un’indagine sui mercanti
di guerra.

3. Rendere obbligatorio che tutte le macchine per il
voto elettronico
debbano avere una traccia di carta verificabile al
100%.

4. Far entrare persone nella Commissione Federale
per le Comunicazioni (FCC)
che fracassino le attuali regole sulla proprietà dei
media. La
concentrazione della proprietà dei media è il
fondamento della struttura di
potere occulta. Senza quella, l’intera cosa è come
una casa di carte. Ecco
perchè l’FCC sta attualmente cercando di introdurre
di forza regole che
consolideranno ulteriormente la proprietà dei media
prima che l’amministrazione
Bush lasci l’incarico. Come parte di ciò, è
fondamentale che proteggiamo
l’architettura aperta di Internet. I media
appartengono alla gente, come
pure il governo, almeno in teoria, ma noi abbiamo
bisogno di un sistema
d’informazione che serva realmente l’interesse
pubblico.

5. Dichiarare un’emergenza nazionale e globale sul
fronte ambientale.
Abbiamo già raggiunto il limite di rottura. Abbiamo
bisogno di un’azione
decisa organizzata, governativa, e guidata dalla
politica, subito.

6. Dobbiamo rivolgerci alle entità che ora hanno
potere al di sopra della
Costituzione, come la struttura governante globale
corporativa non
democratica e non eletta – istituzioni come
l’Organizzazione per il
Commercio Mondiale (WTO) ed il Fondo Monetario
Internazionale (FMI) e
“accordi” come NAFTA e DR-CAFTA, per menzionarne
alcuni. La maggior parte
degli Americani neppure sanno che cosa siano queste
strutture di potere, e
tanto meno che hanno il potere di sostituire la
Costituzione. Dobbiamo anche
affrontare la Legge sulla Sicurezza Nazionale, che è
il luogo in cui risiede
il potere finale del nostro paese. La Legge sulla
Sicurezza Nazionale ha
effettivamente reso priva di significato la
Costituzione ed è il motore
principale del mondo occulto. Il Patriot Act ed i
nuovi vari poteri
recentemente assegnati devono pure essere
drasticamente modificati o
completamente eliminati per proteggere le nostre
libertà civili.

7. Infine, dobbiamo finanziare pubblicamente le
elezioni. Finchè abbiamo un
sistema che richiede ai candidati di accumulare
decine di milioni di dollari
anche solo per essere presi in considerazione per
l’incarico, avremo
politici che si inchinano davanti all’uno per cento
più ricco e agli
elementi più potenti della società a spese dei
cittadini. Un importante
aspetto di ciò deve essere un imposizione alle
grandi aziende dei media di
fornire gratuitamente spazio ai candidati. I
candidati devono spendere la
maggior parte dei loro soldi in pubblicità sui media
tradizionali. Ecco
perchè i principali mezzi di informazione spendono
così tanto tempo
concentrandosi su chi sta raccogliendo più soldi,
perché loro sono quelli
a cui finiranno tutti quei soldi. Una volta che
abbiamo finanziato
pubblicamente le elezioni e lo spazio gratuito per i
candidati, avremo dato
l’incarico a persone che lavoreranno nell’interesse
del pubblico perché non
sono in debito con grandi e potenti entità. Quando
avete politici che
dipendono dal pubblico anziché dal settore privato
per la sopravvivenza, si
possono affrontare tutti gli argomenti
precedentemente citati perché non
dovrebbero temere il ritiro del supporto da parte
delle grandi società e dai
ricchi e potenti che non vogliono che queste cose
accadano. Ciò inoltre ci
permetterà di eliminare le riduzioni d’imposta per
l’un per cento più ricco,
di mettere fine a pratiche di assistenza sociale
corporative e smettere di
finanziare oscenamente le industrie militari e
penitenziarie che stanno
facendo enormi profitti dai disastri e non servono
più gli interessi della
sicurezza. Poi possiamo riorientare quei soldi
nell’ambiente, nella
formazione, sanità e programmi di previdenza
sociale, per accennare solo ad
alcuni.

Nell’attuale ambiente politico tutto ciò può suonare
come un irreale flauto
magico, ma queste sono sette cose chiave che DEVONO
accadere. Se tutte e
sette non avvengono nei prossimi anni, avremo
avviato il mondo verso un
corso disastroso ed irreversibile. Questa è “la
sfortunata realtà della
nostra situazione attuale”. Non sarà facile, ma
fareste meglio ad iniziare a
combattere ora, mentre possiamo ancora.

Tocca davvero a noi. Dovete personalmente, nella
vostra vita quotidiana,
fare tutto ciò che potete. Con abbastanza pressione
pubblica tutte queste
cose sono realizzabili. Una volta che abbiamo una
piccola parte di
popolazione che si comporta in questo modo, si
accenderà rapidamente e si
spargerà. Anche se la stragrande maggioranza della
popolazione degli Stati
Uniti è incredibilmente propagandizzata in
superficie, appena sotto c’è la
realizzazione dell’esigenza di un’azione di massa.
Hanno solo bisogno di
leader che indichino la strada. La massa ha solo
bisogno di una scintilla.
Fate ciò che potete per farla sprigionare. È una
questione di un’importanza
senza precedenti.

Titolo originale: “Confessions of a Covert Agent. Psychological Operations are my specialty”

Fonte: http://artofmentalwarfare.com
Link
02.12.2007

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FILMARI

5 Comments
  1. remox says

    Mah, mi sembra un brano molto molto semplicista…mi chiedo per quale motivo un dissidente dell’intelligence americana che si dice informato sul “mondo occulto” e desideroso di operare per un cambiamento scriva che l’11/9 un manipolo di sauditi si è svegliato la mattina per andare a buttar giù le torri in odio all’America.
    Il resto mi sembra un elenco di cose di cui altri hanno parlato in maniera più puntuale più una serie di considerazioni fatte di luoghi comuni.

  2. gabriele71 says

    ecco un altro esempio di manipolazione di massa in gergo” finestre controllate”mezze verite per dare forza ad un altra manipolazione utile ad impaurirci e spingerci a dare retta al wto ed altre organizzazioni sovra nazzionali ? bella stronz.. si abatte un sistema per crearne un altro ..no signiori questa non è la strada e allora qual’è ??? la via maestra è semplicemente conoscere se stesso e l’infinito potenziale che è in noi e poi ..fare evolvere la nostra consapevolezza ed il nostro spirito.. poi
    capire.. che …noi non abbiamo bisogno di nessuna guida per fare bene ….il bene è scritto nel nostro dna …basta notare di quali azioni sublimi e generose a volte è in grado di donare l’essere umano ( esempio madre teresa di calcutta e compagnia)possiamo farcela altri 300 400 …anni meglio .. 1000 anni e ci saremo arrivati grosso modo… forse tutti …un saluto alla Antonella Randazzo

  3. X says

    A me non sembra manipolazione,potrebbe essere inventato ma la sostanza non cambia.
    Purtroppo e’ tutto vero,l’amministrazione bush dovrebbe e potrebbe essere accusata di crimini di guerra,ma sopratutto li aspetti tu 2/300 anni per le cose che cambiano!!!

  4. Sergio says

    Alcune considerazioni istintive su queste presunte rivelazioni:

    1. In quanto rappresentanti della massa, noi certamente non contiamo nulla. siamo poveri, perdenti, innocui. Ma ancora non siamo del tutto rincoglioniti. Ne abbiamo viste troppe, ormai, per credere a queste corbellerie.

    2. È facile sputare nello stesso piatto in cui ci si abbuffa o ci si è abbuffati per anni. Per avere un minimo di credibilità, questo signore dovrebbe innanzitutto venire allo scoperto. Stando a ciò che afferma, è riuscito a dare le dimissioni. Bene, allora certamente saprà che oggi è libero dall’obbligo di riservatezza cui era invece vincolato fintanto che era sotto contratto. Se vuole, oggi può finalmente parlare con un nome e un cognome (ammesso che questa sia la sua reale intenzione). Segua, insomma, l’esempio di Ray Mc Govern e Robert Baer (nemmeno su di loro ho ancora sciolto completamente le mie riserve, figuriamoci su uno che si nasconde dietro l’anonimato). Questa storia che “è stato consigliato di mantenere un profilo basso” vada a raccontarla a qualcun altro. Qualsiasi accusa o novità egli riveli, fintanto che proviene da una fonte anonima, rimane priva di qualsiasi rilevanza giuridica.

    3. Come qualcuno prima di me ha già fatto notare, è difficile credere che un “agente segreto” creda realmente che c’erano dirottatori sauditi a bordo degli aerei, quando ormai i servizi segreti e le diplomazie di tutto il mondo sanno da anni che si è trattato di un auto-attentato. Qui i casi sono due: o non è mai stato un agente segreto (e quindi ci racconta queste balle solo per fare soldi con un libro), oppure lo è ancora e ci sta manipolando. Ci dice alcune verità (se ci fate caso, parla solo di cose che sono ormai da tempo di pubblico dominio) per occultarne meglio altre che invece comporterebbero conseguenze ben più dolorose per il governo americano.

    4. Infine, anche volendo credere alla buona fede di questo anonimo individuo, è facile lavarsi le mani e stendere un decalogo di cose che la massa, da un giorno all’altro, dovrebbe recepire e realizzare. Per sua stessa ammissione, per decenni ha contribuito a disinformare e manipolare la massa attraverso i media. Oggi, non solo pretende che la massa sia capace di fare esattamente l’opposto di ciò che lui e altri come lui hanno insegnato a non fare (ossia ragionare e prendere l’iniziativa). Ma nemmeno ha il coraggio di porsi a capo di questa ipotetica iniziativa della massa. Dice: “Hanno solo bisogno di leader che indichino la strada. La massa ha solo bisogno di una scintilla. Fate ciò che potete per farla sprigionare.” Già, bravo. Perché non si propone lui stesso, con la sua faccia e il suo vero nome? Perché non comincia lui stesso a pubblicare documenti e prove inconfutabili delle aberrazioni compiute da questa amministrazione (se è vero che è uno che conosce la realtà “dal di dentro”)? No. Dopo aver manipolato, distorto, disinformato la massa, oggi pretenderebbe anche che la massa facesse il lavoro sporco al suo posto. Nella migliore delle ipotesi, il suo messaggio può essere sintetizzato in questo modo: armiamoci e partite.

  5. mickey says

    Credo che l’autore dovrebbe avere il coraggio di essere più “pittoresco” e puntuale. Sappiamo che i servizi segreti e non solo quelli americani, operano quasi indipendementemente da altri organi quali il parlamento e soprattutto operano in segreto – con il potenziale per fare il male e farla franca.
    Sappiamo che esistono sistemi di sorveglianza intrusiva al punto tale da spaventare anche gli stessi ricercatori, che a volte si suicidano.
    Chi decide di fare questo lavoro deve prendersi la responsabilità di tutelare il bene comune a tutti i costi, riportando le irregolarità e gli abusi ogni qual volta ci si imbatte attraverso i canali e i modi appropriati. Sono gli unici che possono farlo: il cittadino comune non può far altro che leggere questo genere di articoli, e nel peggiore dei casi subire le atrocità senza neanche essere creduto.
    Credo che le possibilità tecnologiche siano cresciute in modo esponenziale e proprio perché tenute segrete (alcuni “patent” vengono tenuti classificati anche per 50 anni) e per motivi economici più che di sicurezza (vogliamo pensare che i Cinesi o i Russi abbiano qualcosa in meno di noi?) abbiamo perso completamente il controllo di quello che viene scoperto e di come venga utilizzato.
    Chi entra in contatto con queste sfere ha la scelta di rinunciare ai privilegi, ai soldi, alla sicurezza di appartenere a questi gruppi e di subirne le conseguenze. Si troverà sempre qualcuno pronto a fare il lavoro sporco? Forse sì, ma non io e non tu.

Comments are closed.