Home / ComeDonChisciotte / CI SARA' UN CROLLO DEI FONDI PENSIONE?

CI SARA' UN CROLLO DEI FONDI PENSIONE?


A CURA DEL LABORATOIRE EUROPEEN D’ANTICIPATION POLITIQUE

Cinque paesi occidentali saranno colpiti dal crollo del sistema pensionistico privato. Un estratto dal Global Economic Anticipation Bulletin GEAB N°23 (marzo 2008).

Nel caso dei fondi speculativi almeno si parlava solamente degli investimenti più rischiosi! Ma i fondi pensione non si sarebbero affatto aspettati che i beni immobiliari e azionari sarebbero crollati come è avvenuto nei mesi scorsi in tutto il mondo. Queste categorie di beni stanno per perdere tra il 30 al 70% del loro valore tra il 2007 e il 2009, sapendo che non c’è alternativa ai mercati finanziari per cifre così elevate. Ad esempio, i 300 maggiori fondi pensione hanno raggiunto un valore complessivo di $ 10 mila miliardi nel settembre 2007 [1]. Se è certo che i prezzi di beni, energia, oro… stanno salendo proprio perché questi fondi pensione stanno ora disperatamente cercando beni da cui trarre profitto, nondimeno, nell’insieme questa ricerca è vana. La verità è semplice: questi fondi stanno perdendo un sacco di denaro ($ 1.500 miliardi persi nel gennaio 2008 [2]), e ne perderanno ancora di più nei mesi e negli anni prossimi. Noi stimiamo che, nonostante le misure di protezione intraprese per questi fondi pensione, quando, ad esempio, si sbarazzeranno degli investimenti più a rischio, perderanno collettivamente almeno altri $ 3 mila miliardi nel 2008 e i loro profitti cadranno del 5% (tolta l’inflazione) nel migliore dei casi. Nel frattempo decine di milioni di baby-boomers neopensionati stanno iniziando a richiedere pagamenti da questi fondi. Secondo il nostro gruppo, è probabile che, entro la fine del 2008, questa crisi sarà l’aspetto dominante dell’attuale crisi finanziaria globale. Provocherà anche una crisi sociale che colpirà i pensionati, in particolare negli USA (il 45% dei beni totali di fondi pensione nel mondo), in Giappone (18 percento) e in vari paesi europei che dipendono pesantemente da sistemi pensionistici basati sul capitale, cioè Gran Bretagna (7 percento), Svezia (1 percento), Danimarca (1 percento), e, soprattutto, nell’eurozona, l’Olanda (6% dei beni totali di fondi pensione nel mondo). Anche il Canada, che rappresenta il 5% di questi beni, sarà colpito [3]. Nel resto del mondo, che equivale all’11% di questi beni, i pensionati non saranno colpiti eccessivamente.

In base a questa lista, i pensionati negli Usa, in Giappone, Gran Bretagna, Olanda e Canada, che contano su regolari rendite pensionistiche private, si troveranno in una situazione difficile. Il LEAP/E2020 [Laboratoire Européen d’Anticipation Politique n.d.t.] stima che, alla fine del 2008, mentre la crisi sistemica globale si evolverà nella sfera economica e finanziaria, metà di questi fondi pensione affronterà una drastica diminuzione delle rendite e una contrazione in valore del capitale. I regolatori nei vari paesi colpiti dovrebbero rapidamente affrontare questa questione che potrà avere drammatiche conseguenze per milioni di pensionati americani, giapponesi, olandesi e canadesi.

Note

[1] Source: Pension&Investments, 09/03/2007

[2] Source: Reuters, 01/30/2008

[3] Distribution of pension fund shares of global assets, provided by Watson&Wyatt.

Titolo originale: “Collapse of Pension Funds?”

Fonte: http://www.leap2020.eu
Link
11.12.2008

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Pubblicato da Das schloss

  • myone

    Io seguo fino a un certo punto. Capisco qualcosa ma poi mi perdo nel valore delle cose, e non mi tornano mai come sensi.

    Fate una pagina a parte o una serie di articoli a parte, e spiegate che cos’e’ questa economia dei titoli e delle borse, come arrivano a prendersi valore (ipotetico), su cosa si fondono, che legami hanno nella radice dei valori considerati, come si distribuiscono, a chi appartengono, quando e come si titolano senza esserci materia vera e propia, ecc ecc ecc.

    Avete presente il cubo magico? e avete presente i pezzi del tetris? Bhe’, una lezione visiva come si faceva una volta a disegni nelle chiese per spiegare cose che leggendole non le si capiscono, sopratutto perche’ hanno linguaggi sconosciuti. Il debito pubblico, i soldi dello stato dove vanno e come. I prestiti, i soldi dei disavanzi pubblici, perche’ come….. ecc ecc

    I soldi che si perdoo in borsa, qualcuno li avra’ guadagnati o presi. O no? E dove vengono e come vengono reingluiti? Si possono capire movimenti politici o di lobbi, nei soldi o titoli che cadono, e vi ci si puo’ leggere un’ intenzione di fondo, al di la’ del reale valore dell’ economia che vende e compra?

    Cosi, dico come mi viene. Mi piacerebbe che una persona che non sa nulla, tramite grafici e spiegazioni semplici, possano capire e vedere come funziona la cosa.

  • rosacroce

    è molto semplice:
    i fondi pensione comprano con il denaro della gente i titoli in borsa,
    hanno comprato con l’indice a esempio a 2000 negli scorsi anni.
    ora l’indice è a1000 .quindi il capitale dei sottoscrittori si è ridotto a metà.
    siccome si prevede che gli indici di borsa negli anni a venire caleranno
    parecchio,data la crisi sistemica.si può’ragionevolmente pensare che in futuro il denaro dei sottoscrittori scenderà ancora parecchio.
    i fondi con un crollo degli indici, e di fronte a riscatti crescenti di quote sottoscritte dalla gente,possono non avere il denaro richiesto. e quindi dichiarare FALLIMENTO.
    il patrimonio dei fondi è proporzionale agli indici azionari.
    nel1929 l’indice DJ perse in 3 anni il 90% del valore.
    quindi uomo AVVISATO mezzo SALVATO.
    non tutti i fondi replicano l’indice alla pari .qualcuno fa pure peggio,
    o molto peggio,può cioè trivarsi già adesso con patrimonio quasi annnientato.