Home / ComeDonChisciotte / CERCARE DI SPIEGARE IL MONDO

CERCARE DI SPIEGARE IL MONDO

COME I PR DELLA GLOBALIZZAZIONE USANO IL PROGRAMMA DI MANOVRE PSICOLOGICHE DI WIKILEAKS

DI CREIGHTON SCOTT
American Everyman

AGGIORNAMENTO: Assange al party del Dipartimento di Stato presso l’ambasciata in Islanda con Sam Watson, vice capo missione diplomatica dell’ambasciata.

C’è un piccolo Parsons in tutti noi

Michel Chossudovsky oltre a Global Research ha messo su un interessante sito di trascrizione di NPR (National Public Radio) con alcune affermazioni piuttosto rivelatrici su Wikileaks che sono state fatte dal capo corrispondente del New York Times a Washington, David Sanger. Sanger è uno dei giornalisti del New York Times che hanno letto e scritto sui diversi memo del Dipartimento di Stato “rivelati” da WikiLeaks. E ‘stato anche coinvolto nelle riunioni con l’amministrazione Obama e altri che hanno selezionato e redatto i cablogrammi da pubblicare.Andate qui per ascoltare il file audio dell’8 dicembre 2010 intervista nel talk show “Fresh Air”. Andate qui per leggere tutta la trascrizione su Global Research.

E ‘importante per primo capire brevemente chi è David Sanger. Sanger è uno ben introdotto a Washington, con una grande accessibilità alla Casa Bianca sia sotto Bush che Obama. Egli parla nel suo libro di essere stato anche nella Situation Room della Casa Bianca. Ha scritto un libro intitolato: “The Inheritance: The World Obama Confronts and the Challenges to American Power” (“L’eredità: Obama affronta il mondo e le sfide al potere americano”), in cui sostanzialmente sostiene la necessità di attaccare l’Iraq, Afghanistan, il Pakistan e persino l’Iran. Praticamente tutta la Guerra Globale al Terrore è una cosa buona per David Sanger e lui passa la maggior parte della sua vita a fare del suo meglio per convincere la sinistra ad appoggiarla.
Quella che segue è una parte della descrizione su Amazon del libro di Sanger:

“Sanger porta i lettori nella Situation Room della Casa Bianca per rivelare come Washington è penetrato nei segreti nucleari di Teheran, sotto il presidente Bush nell’ultimo anno del suo mandato, intensificando segretamente azioni sotto copertura in un disperato tentativo di ritardare la bomba iraniana. Nel frattempo, i suoi capi dell’intelligence hanno fatto ripetutamente missioni segrete in Pakistan, nel tentativo di arginare una crescente ribellione e far fronte a un alleato che sta anche aiutando il nemico– mentre riceve miliardi di dollari in aiuti militari americani. Ora il nuovo presidente affronta scelte critiche: È meglio imparare a convivere con un Iran nucleare, rischio palese o scontro occulto? Vale la pena di inviare forze americane in territorio pakistano con il rischio di indebolire un instabile governo pakistano seduto su un arsenale nucleare? E ‘una corsa contro il tempo e contro un nuovo sforzo da parte di estremisti islamici– mai divulgato prima – per infiltrarsi silenziosamente nel programma di armi nucleari del Pakistan….

… Esso esamina l’agghiacciante calcolo della Corea del Nord di Kim Jong-II, che ha costruito realmente le armi di distruzione di massa negli stessi mesi in cui l’amministrazione Bush perseguiva fantasmi in Iraq, poi ha venduto la sua tecnologia nucleare in Medio Oriente in un’operazione sfuggita all’apparato dell’intelligence americana”. La descrizione su Amazon per “L’eredità”

Ogni e qualsiasi agenda globalista viene ripetuta a pappagallo e sostenuta da Sanger nel suo libro. A tutto è data una patina “liberale” e un sigillo “bipartisan” di approvazione. Questo è il ruolo che ricopre Sanger. E viene pagato bene per questo. Ciò non dovrebbe scioccare nessuno lettore qui. Che cosa è Sanger è chiaro a chiunque si preoccupi di guardare.

Sanger è membro del Council on Foreign Relations (CFR) e dell’Aspen Strategy Group insieme a Madeleine K. Albright, Richard Hass, R Talbott, Robert.B. Zoellick (presidente della Banca Mondiale), e Philip Zelikow (ex direttore esecutivo della Commissione 9 / 11). Chossudovsky

L’agenda globalista promossa da istituzioni come il Council on Foreign Relations e l’Aspen Strategic Group a questo punto è chiara, o dovrebbe esserlo visto che è quasi completa. Per quelli di voi che non la capiscono ancora, vorrei offrire questa piccola primizia da David Rockefeller …

Siamo grati al Washington Post, al New York Times, Time
Magazine e ad altre grandi pubblicazioni i cui direttori hanno partecipato ai nostri incontri e hanno rispettato le loro promesse di discrezione per quasi quaranta anni.

“Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il nostro progetto per il mondo
se fossimo stati sottoposti alle luci della pubblicità durante questi anni.
Ma, il mondo adesso è più sofisticato e preparato a marciare verso un
Governo Mondiale. La sovranità sovranazionale di una élite intellettuale
e di banchieri mondiali è sicuramente preferibile all’autodeterminazione nazionale praticata nei secoli passati.
Rockefeller, 1991

L’agenda di David Sanger è abbastanza evidente ed è stata ben definita nel corso degli anni. Certamente questo è il motivo per cui è stato accuratamente selezionato per guidare la parte del New York Times di questo programma di PR.

Ora diamo uno sguardo ad alcune delle importanti rivelazioni che sono state fatte nell’intervista di NPR.

A David Sanger piace Joe Lieberman e rispetta il suo lavoro sulla “sicurezza nazionale”.

Ho pubblicato articoli sul senatore Lieberman per lungo tempo, e ho imparato molto da lui circa la sicurezza nazionale. ” Sanger

Tale dichiarazione più o meno si commenta da se. Io non credo che ci sia al Congresso uno più fascista autoritario di Joe Lieberman, ora che Hillary Clinton ha una nuova sede di lavoro.

Un’altra affermazione è interessante perché dimostra che quelli del New York Times non hanno ottenuto le loro “soffiate” da WikiLeaks, ma invece le hanno ricevute dal The Guardian, un’altra pubblicazione controllata dai globalisti. Si potrebbe pensare che su qualcosa di grande come WikiLeaks, al The Guardian potrebbero voler mantenere l’esclusiva per loro stessi. Immaginate tutti i soldi a cui hanno rinunciato consegnando queste “fughe di notizie” al New York Times. Fa pensare che ci fosse un ordine del giorno più grande in azione. Ora ricordate, WikiLeaks veramente non ha in effetti pubblicato questi documenti, invece, per qualche ragione, li ha consegnati (presumibilmente) a The Guardian e ha lasciato che li modificassero e selezionassero come gli conveniva. Se Assange non ha capito quello che sarebbe successo, se non SAPEVA prima di consegnarli che le istituzioni globaliste si sarebbero servite di questi documenti in quel modo, è un idiota.

“Non abbiamo avuto la prima rivelazione direttamente. È arrivata a noi attraverso qualsiasi persona l’abbia data a WikiLeaks. WikiLeaks l’ha data a The Guardian di Londra. The Guardian l’ha data a noi. Era là fuori, e la questione non era se il mondo ne avrebbe ricavato un insegnamento”. Sanger

La seguente serie di citazioni dice tutto quello che bisogna sapere su come è istituzionalizzata la mentalità globalista di David Sanger …

“La domanda era se sarebbe stata pubblicata in un modalità responsabile e se sarebbe stata interpretata nel modo con cui i lettori di tutto il mondo si aspettano che The New York Times tratti le notizie più importanti, ovvero metterla in prospettiva e chiarirla e spiegare cosa significa agli Stati Uniti e ai cittadini di tutto il mondo. “Sanger

Se pensate che lui alluda al fatto che in realtà pensa che fare il giornalista al Times non è altro che servire un agenda più grande, non avete sentito ancora niente. Gli è stato chiesto se pensava se Assange fosse un giornalista … questa è la sua risposta …

“No, e il motivo è che credo che ciò che i giornalisti fanno non è solo scovare un informazione ma filtrarla, spiegarla, metterla in un contesto, fare quelle cose che ci si aspetta dal New York Times e da altri grandi giornali americani e di altre organizzazioni di media da molti decenni. “Sanger

Vi rimandiamo alla citazione di David Rockefeller … “Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il nostro progetto per il mondo se fossimo stati sottoposti alle luci della pubblicità durante questi anni.”Come dice Sanger ” filtrare … mettere in un contesto … “?

Sanger continua con la sua spiegazione (che ci fa non solo sbirciare nella contorta mente orwelliana di un eminente corrispondente globalista di Washington, ma ci dà anche una migliore comprensione di tutto il progetto WikiLeaks nel suo insieme …) …

“Lui(Assange) è arrivato a questo con una motivazione politica. Come giornalisti al Times e altrove, noi non lo facciamo. Noi veniamo per spiegare il mondo. Lui cercava, tanto per usare le sue stesse parole, di mettere in imbarazzo gli Stati Uniti e mettere in chiaro che l’operato degli Stati Uniti è diverso rispetto alla sua retorica.

Beh, in effetti quando si guarda attraverso questi documenti, il comportamento americano è abbastanza coerente con la propria retorica. “Sanger

L’agenda globalista non esiste nelle educate conversazioni pubbliche. Non certo per i principali corrispondenti di Washington come David Sanger. Ma se si guarda il suo curriculum, se si guarda al suo libro, non c’è una sola panzana globalista che quest’uomo non ripeterebbe a pappagallo fino al momento stesso in cui venisse rivelata come bugia. Allora lui semplicemente aspetta un anno o due e tranquillamente prova a consolidare un supporto fraudolento per quelle menzogne dappertutto di nuovo … lasciando che la “storia decida” la giustezza della nostra causa. Se questo vi sembra come il Ministero della Verità che riscrive la storia al servizio della loro agenda inesistente, non siete soli. Menzogne per andare in guerra, menzogne per imporre sanzioni crudeli che uccidono mezzo milione di bambini, bugie per giustificare squadroni della morte della CIA in nazioni con cui non abbiamo affari, tutto per la guerra globale al terrorismo, e per quello che Rockefeller ha chiamato …

La sovranità sovranazionale di una élite intellettuale
e banchieri mondiali…

Decenni fa Daniel Ellsberg scelse Howard Zinn e Noam Chomsky per pubblicare le sue rivelazioni, le Pentagon Papers, e ora Jullian Assange, a tavolino, seleziona uno del calibro di David Sanger? Ma lui ha davvero scelto qualcuno o è stato un progetto così importante che Jullian Assange ha avuto poco o niente a che fare con esso?
Date un’occhiata a questa contraddizione evidente di Sanger …

“Se non avessimo fatto nulla, se lo avessimo ignorato, penso che sarebbe sembrato strano. Io penso che sarebbe stato anche irresponsabile. È ‘responsabilità del giornalismo americano, fino dalla fondazione di questo Paese, tirar fuori i più difficili temi del giorno provando a cimentarvisi e facendolo indipendentemente dal governo.” Sanger

br>
E poi, pochi minuti dopo …

“… Stiamo spiegando cosa che è importante qui e che cosa non lo è. E lo stiamo filtrando per cercare di evitare il maggior danno alle persone (Come Israele, India?), alle operazioni in corso e così via.

… Sai, se avessimo aspettato fino a che tutto questo non fosse proprio apparso su Internet per poi cercare di raggiungerlo … ma non avremmo avuto alcun tempo reale per digerirlo o giusto pensare faticosamente, come poi abbiamo fatto, a ciò che doveva e non doveva essere redatto.

Ma noi eravamo interessati al Times, ed è uno dei motivi per cui siamo passati attraverso così attentamente per cercare di redigere il materiale che abbiamo pensato che potrebbe essere dannoso per persone o infliggere un colpo basso a operazioni in corso. E abbiamo anche preso l’iniziativa molto singolare di mostrare i 100 cablogrammi o il modo in cui ne stavamo scrivendo al governo degli Stati Uniti chiedendo loro se avevano redazioni supplementari da suggerire.“Sanger

Ora, come è che uno “indipendente dal governo”, come Sanger ha già rivendicato la responsabilità e la tradizione del giornalismo americano?

E continua …

Come ho detto prima, non c’è una singola agenda globalista americana/britannica/israeliana che non sia fortemente sostenuta dalle “rivelazioni” di WikiLeaks. Sanger continua a parlare dei presunti 19 missili che si suppose fossero stati inviati dalla Corea del Nord (Asse del Male) in Iran (Asse del Male). Dal momento della sua comparsa, a mia conoscenza, il cablogramma non è ancora stato pubblicato e continuerà a ricevere l’attenzione della stampa e a essere citato più e più volte finchè i fatti di questa affermazione non si perdono in una miriade di rimandi da una pubblicazione globalista all’altra. Un esempio di questo processo risale alla preparazione della guerra in Iraq, quando Cheney raccontò le bugie sulle armi di distruzione di massa ai giornalisti del New York Times, che poi scrissero su di esse in modo che Cheney potesse andare alla conferenza stampa e convalidare le sue bugie, affermando che The New York Times ne aveva scritto. Ecco come funziona. Questo fa parte dello scopo di WikiLeaks …

Il New York Times ha scelto di scrivere su questi 19 missili (che non sono mai stati testati né in Corea del Nord né in Iran) in modo tale da essere una seria condanna per entrambi i Paesi, ma senza fornire assolutamente alcuna prova, come se qualche memo interno del Dipartimento di Stato potesse servire comunque come prova. Ma qui è chiaro che l’ordine del giorno è stato creato dal Dipartimento di Stato.

“GROSS: Quindi eri a tali riunioni con membri dell’amministrazione Obama, esaminando i documenti, a decidere cosa pubblicare e cosa no?

Mr. SANGER: Ci sono stato …

GROSS: Hai ascoltato le ragioni dell’amministrazione Obama su quello da non pubblicare?

Mr. SANGER: Ero in alcune delle riunioni in cui l’amministrazione Obama ha fatto alcune richieste. Non ci sono state decisioni prese lì. Il Times ha recepito le richieste e le ha prese in considerazione e Bill Keller, il nostro executive editor, e una serie di altri editor, hanno deciso dove si sarebbero fermati. Ho udito alcune delle preoccupazioni dell’amministrazione insieme a molti dei miei colleghi e con Dean Baquet, che è il nostro capo ufficio qui a Washington, e abbiamo posto una serie di domande in modo da capire la natura delle preoccupazioni del Dipartimento di Stato, ma le conclusioni non furono nostre”.

E poi …

Mr. SANGER: … Ma noi sapevamo da anni che l’Arabia Saudita, il Bahrain, il Kuwait e molti altri Paesi temevano profondamente che un Iran con armi nucleari – anche se l’Iran non utilizza l’arma – sarebbe diventato lo stato più potente all’interno della regione. E ciò che fu chiaro dai documenti WikiLeaks e che realmente è saltato fuori davanti a noi è stato come essi fossero espliciti su queste preoccupazioni parlando confidenzialmente ai funzionari americani. E in alcuni casi, come fossero espliciti sul fatto che gli Stati Uniti dovrebbero intervenire con un’azione militare se non lo fa Israele, ciò era implicito in molte delle citazioni che si leggono”.

GROSS: Oh, è interessante. E così questo è un esempio di cosa si intende a proposito di come potrebbe realmente essere utile in qualche modo agli interessi americani aver rivelato questi documenti?

Mr. SANGER: Si potrebbe esporre in quel modo…

Quindi qui abbiamo un PR, agente del globalismo che lavora per il New York Times, che ammette che l’agenda del Times è chiaramente quella di contribuire a promuovere l’agenda globalista del nostro leader in tutto il mondo e che afferma senza riserve che tramite loro l’amministrazione Obama sta usando WikiLeaks per realizzare questo ordine del giorno.

Egli ha subìto un tale lavaggio del cervello che neanche coglie questo come propaganda, ma invece semplicemente lo vede come il suo lavoro, la sua missione, per “spiegare il mondo” agli americani e agli altri. Almeno per quanto lui si aspetta sia indottrinato a questo punto il popolo americano.

WikiLeaks è sempre stato un programma di operazioni psicologiche fin dal primo giorno. John Young sapeva quello che stavano creando, per questo è uscito e pubblicato le e-mail, in modo che la gente non ne venisse fregata.

WikiLeaks sta procurando il massimo beneficio agli interessi dell’impero mondialista. Fatevi un favore … non scaricate questo schifo, non lo diffondete. Volete vere rivelazioni? Andate su Cryptome andate su What Really Happened andate su Information Clearinghouse andate su Global Research o andate su qualsiasi altro siti legittimo di notizie di dissenso e lasciate sola questa creazione Rockefeller/NSA.

Questo è il loro sforzo per cercare di legittimare il loro comportamento criminale attraverso una fonte di cui i dissidenti liberali si fidano. Questo è il loro sforzo di spiegare il mondo attraverso il loro pervertito punto di vista in modo tale che quelli di noi che respingono i loro complici portavoce crederanno nei precetti basilari della loro Guerra Globale al Terrore e li accettaranno con tutte le sofferenze che stanno creando in nostro nome. Evidente e imperfetto. Dovete essere più intelligente di ciò, gente. Siate più intelligenti di questa goffa e supponente propaganda.

Mi viene in mente un paragrafo di “1984” di Orwell (che non viene insegnato nelle scuole pubbliche qui in Florida, tra l’altro) in cui Winston Smith incontra il suo vicino di casa, Parsons, mentre aspetta l’ascensore rotto nel loro condominio. Parsons dice a Winston quanto è felice che le razioni di cioccolato sona appena aumentate e, naturalmente, Winston si ricorda che ha appena ri-scritto la storia delle razioni di cioccolato impostandole più basse di quanto non fossero in modo che la “notizia” di un aumento delle razioni avrebbe in realtà mascherato un ribasso.

“Razione cioccolato. La razione di cioccolato nel 1983 era di 30 grammi a settimana (Per un confronto, una tavoletta standard di Hershey’s Chocolate è di 43 grammi). Nell’anno 1984 la razione di cioccolato è andata su a 25 grammi a settimana. Lo stesso Winston ha il compito di riscrivere la storia per rendere possibile questa piccola prodezza. ” Newspeak Dictionary

Quel momento è interessante perché, anche se il vicino di casa di Smith è apparentemente entusiasta di questo nuovo aggiornamento della razione, dietro i suoi occhi si poteva vedere della tristezza. Era come se Parsons fosse in lutto per l’affievolimento della propria ragione. I suoi occhi tradivano le bugie alle quali voleva così disperatamente credere.

Assange non è un eroe, WikiLeaks non è dissenso. E nella vostra mente lo sapete, proprio non volete accettarlo. Se non mi credete, basta guardarsi allo specchio. C’è un po’ di Parsons in tutti noi.

 Parsons, l’ingenuo vicino di casa di Winston e membro ideale del Partito Esterno: un uomo incolto e suggestionabile. Egli è assolutamente fedele al Partito e crede pienamente nella sua immagine di perfezione. Egli è in un certo modo come i proletari, incapaci di vedere gli aspetti più grandi del mondo. È attivo e partecipa alle escursioni e guida un gruppo della comunità e le raccolte di fondi. Nonostante sia uno sciocco, Parsons è in possesso di alcuni buoni tratti. È un uomo molto amichevole e sembra credere in una forma fondamentale di decenza, nonostante le sue idee politiche. Punisce il figlio per aver tirato con una fionda a Winston e mostra affetto per i suoi bambini, nonostante la sua convinzione che la fine della vita familiare sia una buona idea. Egli viene arrestato quando i figli sostengono che egli ripetutamente e inconsapevolmente ha parlato contro il Partito nel sonno e viene visto l’ultima volta presso il Ministero dell’Amore, orgoglioso di essere stato tradito dai suoi bambini ortodossi.

AGGIORNAMENTO:

Solo meno di un anno fa, Il fondatore di Wikileaks è stato ufficialmente ricevuto a un cocktal party all’ambasciata degli Stati Uniti da uno dei tanti diplomatici i cui segreti si sarebbero ben presto sparsi per il mondo”.

“Al ricevimento, tenutosi presso la residenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti a Reykjavik, Islanda, il signor Assange ha chiacchierato con Sam Watson, vice capo della missione d’Ambasciata”.

All’epoca del party WikiLeaks aveva già preso in consegna circa 600.000 diari classificati dell’US Army delle guerre in Afghanistan e Iraq, pubblicati nel corso di quest’anno, oltre i 250.000 cablogrammi segreti dell’ambasciata degli Stati Uniti che sta pubblicando ora.

“Ho pensato che sarebbe stato un po’ noioso andarci da sola”, ha detto la sig.ra Jonsdottir. “Ma l’ironia è che sono andato a prenderlo presso il suo alloggio e non sono riuscita a trovarlo, così me ne tornai al lavoro e nemmeno ci andai. Ho scoperto poi che aveva appena deciso di andare da solo e entrò dicendo che era mio ospite. Disse che avea passato molto tempo a parlare con l’onorevole Watson.” Il Telegraph

Titolo originale: ““Trying to Explain the World” – How the Globalist’s PR Agents Use the Wikileaks Psyops Program

Fonte: http://willyloman.wordpress.com
Link
13.12.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ETTORE MARIO BERNI

Pubblicato da Das schloss

  • Tonguessy

    non c’è una singola agenda globalista americana/britannica/israeliana che non sia fortemente sostenuta dalle “rivelazioni” di WikiLeaks. Sanger continua a parlare dei presunti 19 missili che si suppose fossero stati inviati dalla Corea del Nord (Asse del Male) in Iran (Asse del Male). Dal momento della sua comparsa, a mia conoscenza, il cablogramma non è ancora stato pubblicato e continuerà a ricevere l’attenzione della stampa e a essere citato più e più volte … Ecco come funziona. Questo fa parte dello scopo di WikiLeaks …

    Ma santiddio si rende conto di quello che scrive sto giornalista “illuminato”?
    I neocon amano scrivere di cosa inesistenti (WMD in Iran per garantirsi il diritto di invaderlo)! In questo passaggio sta insistendo sulle colpe di Saddam-Assange di possedere ciò che i neocon hanno deciso esista. Bah……

  • terzaposizione

    ” Un potere sovranazionale retto da Intellettuali e Banchieri” solo le stesse conclusioni contenute nei Protocolli.

  • Eurasia

    “Ma in questo momento il pericolo principale per la libertà di pensiero e di parola non è l’interferenza diretta del Ministero dell’informazione o di un corpo ufficiale qualsiasi. Se gli editori e i direttori di giornali fanno di tutto per sottrarre alla stampa alcuni argomenti, non è per paura di essere perseguiti, ma per timore dell’opinione pubblica (…) Il fatto sinistro per quanto riguarda la censura letteraria in Inghilterra è che essa è in larga misura volontaria. Le idee impopolari si possono mettere a tacere, e i fatti inopportuni si possono tenere all’oscuro, senza bisogno di nessun bando ufficiale.” (George Orwell, Introduzione alla prima edizione di Animal Farm, 1945). Ho l’impressione che ci sia in atto una crociata da parte degli informatori convenzionali per “uccidere” il messaggero Assange… I governi ci possono spiare, legalmente o illegalmente, mentre noi, cittadini, non abbiamo nessun diritto di avere informazioni su chi ci governa… Non è un caso che “Man of the Year” sia Mark Zuckerberg (“What are the differences between Mark Zuckerberg and me? I give private information on corporations to you for free, and I’m a villain. Zuckerberg gives your private information to corporations for money and he’s Man of the Year.” Assange)

  • Tonguessy

    Toh, una voce fuori dal coro!