Home / ComeDonChisciotte / CASO STRAUSS-KAHN: STATA UNA COSPIRAZIONE POLITICA ?

CASO STRAUSS-KAHN: STATA UNA COSPIRAZIONE POLITICA ?

I procuratori arretrano dalle sicurezze sul caso Strauss Kahn

DI PAUL CRAIG ROBERTS
Global Research

Il procuratore di The New York ha dovuto dire al giudice che la polizia e il pubblico ministero avevano perso la piena fiducia sul caso di violenza sessuale contro l’ex direttore del FMI Dominique Strauss-Kahn. Il giudice ha rilasciato DSK dagli arresti domiciliari e gli ha restituito il denaro della cauzione.

I procuratori hanno riferito che la cameriera dell’albergo immigrata aveva mentito alla polizia sull’incidente e anche su altre cose e la polizia ha rivelato che la “vittima” ha discusso con un uomo imprigionato sulla possibilità di estorcere del denaro. Secondo il New York Times, il confidente in carcere della cameriera era tra le persone che hanno che hanno effettuato depositi in contante per un totale di 100.000 dollari nel conto corrente della cameriera. La polizia ora sospetta che lei possa avere collegamenti con lo spaccio di stupefacenti e il lavaggio del denaro sporco.Il procuratore ha detto che continuerà a indagare sul caso. Questo significa che il procuratore, il politicamente ambizioso Cy Vance, sta cercando un’accusa per un reato inferiore per salvarsi la faccia dopo essersi fatto trascinare avventatamente in un complotto per un’estorsione e per la distruzione della reputazione dell’uomo che i sondaggi francesi indicavano come il favorito nelle prossime elezioni presidenziali francesi, dove il Presidente uscente Sarkozy, il pupazzo di Washington, stava cercando il rinnovo del mandato. Il procuratore sta mandando al team di legali di DSK il messaggio che il caso rimarrà aperto e che potrebbe essere riavviato senza che gli avvocati di DSK ottengano il permesso di DSK per negoziare una trattativa per un reato minore, che essenzialmente non avrebbe rilevanza penale, ma che salverebbe la faccia del prosecutore e della polizia di New York.

Probabilmente non sapremo mai se la cameriera ha elaborato il piano da sola o se è arrivato dalle persone di Sarkozy o dagli alleati USA. Una cosa che indica che i nemici politici di DSK sono implicati nella faccenda, resa pubblica dalla stampa francese, è data dal fatto che la squadra politica di Sarkozy in Francia sapesse dell’arresto di DSK prima che la polizia di New York l’avesse annunciato. Questo fatto non ha fermato il procuratore di NY e la polizia dal considerare DSK già colpevole nel corso di numerose dichiarazioni pubbliche e, in forma immorale se non illegale, nelle fughe di notizie inoltrate ai giornalisti.

Quando la polizia e i procuratori condannano un sospettato sui media prima ancora che venga accusato, significa generalmente che non ci sono prove contro di lui e che la demonizzazione ne fa le veci. La condanna pubblica è la cosa importante per il sistema, non tanto la determinazione di innocenza o colpevolezza.

In numerosi siti Internet, ho sottolineato le questioni del caso contro DSK. Per aver informato la gente dell’ovvio, sono stato denunciato dalla destra e dalla sinistra.

La sinistra mi ha stigmatizzato per aver dubitato della parola e dell’integrità della polizia e del procuratore. Non ero a conoscenza del fatto che si tratta dei rispettati guardiani che proteggono la gente dal crimine? Come potevo osare mettere in discussione quello che la polizia o il procuratore avevano fatto? Non ero una sorta di sinistrorso liberal-femminista?

La sinistra mi ha messo all’indice e ha detto che io dimostrato di essere nient’altro che un apologo dei ricchi e dei potenti, e degli uomini che seducono le donne. Quanto sarei stato pagato per il mio servizio a favore dei ricchi e dei potenti e dei seduttori di donne innocenti?

La sinistra femminista mi ha etichettato

come un misogino. Solo uno che odia le donne potrebbe prendere la parte

del violentatore della vittima.

È così stancante far fronte alla

stupidità delle persone. In pochi si chiedono se stanno perdendo la

propria libertà, i propri lavori e gli introiti, il proprio paese e

il rispetto in sé stessi.

Con la reputazione di DSK a pezzi e

lo stesso DSK escluso dalle elezioni presidenziali francesi e rimosso

dal FMI, dove aveva iniziato a sollevare domande sull’uso del FMI

IMF per salvare i ricchi banchieri alle spalle dei poveri villici, il

“sistema di giustizia” ha fatto il suo lavoro. Per le autorità sarebbe

più sicuro rilasciarlo adesso che rischiare un processo. Il piagnucolio

stridulo del team di avvocati della cameriera comporta la loro

agonia per aver perso la loro fetta dei tanto auspicati milioni da estorcere,

visto che adesso una compensazione monetaria indicherebbe chiaramente

un’ostruzione alla giustizia e alla prigione per tutti loro.

Quei pochi che ancora hanno a cuore

la giustizia, non solo DSK ma per tutti, e anche per il popolo greco,

quello spagnolo, irlandese e portoghese, possono trovare conforto nel

fatto che DSK sarebbero dovuto venire a New York per parlare col premio

Nobel per l’economia Joe Stiglitz su un modo più umano e democratico

per risolvere la crisi del debito in Europa rispetto a quella imposta

dalle banche creditrici private.

Ovviamente, chiunque si avvicini a

Stiglitz è considerato dai ricchi e potenti una minaccia ai propri

interessi.

Comunque, questa ovvietà non

ha fatto alcuna impressione sulla sinistra, che ha riecheggiato le sue

grida striduli denunciano che, ancora una volta, i soldi dei ricchi

e dei potenti hanno prevalso sulla legge e sulla giustizia.

***********************************************

Fonte: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=25473

01.07.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • maremosso

    Noooo assolutamente. La cameriare ghanese ha fatto tutto da sola senza la regia del F.B.I. o della C.I.A., così per sfizio. Tanto ormai Strauss-Kahn-Delostia è segato sia per il Fondo Monetario che per le elezioni Francesi e si può rilasciare tranquillamente. Danni agli USA e a Sarkozy non è più in grado di procurarne.

  • Tonguessy

    Me ne potesse fregare qualcosa di Dominique…..Sono disponibile ad offrirgli GRATIS gatti a nove code e mazze ferrate con cui si potrà divertire in un futuro prossimo a massaggiare i suoi avversari. Idem per i suoi avversari, of course. The show must go on. E a me mi piace (?!) questo sciò di poveri miliardari che si azzannano alla giugulare. Molto meglio dei reality zeppi di poveri “vorrei ma non posso”, dove al massimo si insultano ma mica vanno in galera. Poracci, imparate!

  • lanzo

    Trovo esilarante il “contrordine compagni !” di tutti i giornali che prima lo avevano messo alla berlina, ora si limitano a riportare la nuova versione, sorvolando sull’unico fatto incontrovertibile della storia: tracce di sperma sulla donna, graffi col DNA di DSK e lesioni vaginali.
    Inizialmente DSK aveva dichiarato di non aver avuto nessun rapporto con la donna (quindi menti’) , poi gli avvocati hanno presentato la nuova versione (rapporto consensuale, la classica difesa di ogni stupratore), gli avvocati della presunta vittima si sono defilati (probabilmene convinti con buoni argomenti tipo $$$…) e l’hanno lasciata in pasto ai lupi.
    Hanno poi iniziato il lavoro di demolizione per dimostrare che la donna non era credibile (fra le altre cose – anni o mesi prima – avrebbe dichiarato un reddito piu’ basso del reale per ottenere una casa popolare !).
    Finalmente potra’ avere la conferma che: “Io so’ io e voi nun siete un…” e’ sempre una conclusione valida.

  • Tao

    Il finale della vicenda Strauss-Kahn mi lascia molto perplesso. In queste ore la stampa parla di tutto fuorchè del merito della questione; così come i giudici americani che, improvvisamente, hanno ribaltato il loro approccio. prima hanno esagerato con metodi da inquisizione: l’arresto sull’aereo, le manette in pubblico… Ora danno prova di uno strabiliante garantismo.

    E’ normale che un uomo, un rappresentante di un’istituzione come il Fmi, salti addosso, nudo, a una cameriera in un hotel? Il rapporto c’è stato. E non è la prima volta che Strauss-Kahn aggredisce delle donne con violenza, se non fisica, morale, e dimostrando una mancanza di rispetto semplicemente inaccettabile. bborda le donne per strada, fa proposte indecenti a sconosciute, le palpa. Voi accettereste che qualcuno si comportasse così con vostra moglie o vostra figlia? Non so se sia un maniaco sessuale, di certo è un uomo malato. Ma è l’intelligente Strauss-Kahn, brillante, ricco, potente e di sinistra. E allora il peccatone diventa un peccatucci

    Qualcosa di strano, qualcosa di eticamente inaccettabile è successo in quella stanza. Però bisognava salvare Strauss-Kahn. E così è stato.
    Ora lo fanno passare per una vittima, un santo e il fatto che sia di sinistra lo aiuta moltissimo. Di sinistra solo nominalmente: è miliardario, liberista, presidente del Fmi, ammanicato con le banche di Wall Street. Secondo voi è un progressista? Secondo me, no. Però è da sempre iscritto al partito socialista e questo gli garantisce il plauso e la solidarietà di una fetta importante dell’opinione pubblica, che, se fosse davvero di sinistra, dovrebbe denunciarne il machismo e la palese incorerenza politica e personale. Invece in queste ore esulta per la sua ormai scontata assoluzione, denunciando la campagne mediatiche e giudiziarie basate sul fango e sui sospetti. In Francia, altrove invece certe campagne vanno benissimo….

    I giudici hanno messo in dubbio il passato della donna e una sola incongruenza del suo racconto. Hanno demolito la sua credibilità non nel merito, ma sulla reputazione. E questo basta per cancellare tutto il resto, per far scordare l’episodio in sè (provato dalle macchie di sperma) e il passato che più conta per un uomo pubblico, quello sessuale, di Strauss-Kahn.

    Sì dovevano salvarlo. E ci stanno riuscendo trasformandolo in un moderno Dreyfuss. Ma io questa proprio non me la bevo.

    Marcello Foa
    Fonte: http://blog.ilgiornale.it
    Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2011/07/02/strauss-kahn-santo-non-me-la-bevo/
    2.07.2011

  • Stopgun

    Un piccolo errore:

    Il procuratore ha detto che continuerà a indagare sul caso. Questo significa che il procuratore, il politicamente ambizioso Cy Vance,

    il nome esatto è “Cyrus Vance jr.”: un nome una garanzia!

  • AlbertoConti

    La cosa veramente atroce di tutta questa vicenda è che quell’uomo rappresenta il “candidato delle sinistre” in Francia, una specie di Bersani transalpino. Ci rendiamo conto di quanto siamo conciati male, politicamente parlando? Contiamoci, oggi quanti siamo disposti a cacciare a calci in culo il sedicente “centrosinistra” assieme al sedicente “centrodestra”? Io alzo la mano, ma intorno vedo un desolante deserto, proprio mentre i tempi sono maturi per un alternativa VERA!

  • Eli

    Nello squallore politico attuale, anche transalpino, probabilmente un
    candidato premier che durante una trasferta a New York paga una
    prostituta è preferibile ad uno stupratore. Ma come siamo ridotti? A me fa schifo lo stesso, e neanche poco.

  • volin

    Sembra che gli equivoci sul tema della prostituzione e degli stupri sono importanti per la fantasinistra glocale, al di là di ogni moraleggiamento.
    Riporto il mio commento all’altro articolo dedicato all’ “affaire” DreyfussSK.

    “Se scoprissero che si trattava effettivamente di una prostituta, usata allo stesso prezzo di un asciugamano da bidé, gli investigatori che ne setacciano la vita e la credibiltà si informeranno certamente anche su come abbia iniziato la sua carriera. Nel caso, anche con questo campione della sinistra globale, si delineera il tema dell'”utilizzatore ultimo” come stupratore per interposta persona. In particolae se il “consenso” dell'”utilizzata” è evidentemente fondato su una stratosferica differenza di potere fra “utilizzatore” ed “utilizzata”, o su trascorsi di forte difficoltà dell'”utilizzata”, oppure, più direttamente, su un “addestramento” alla prostituzione fatto come spesso accade tramite ripetuti stupri.”

    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8544&mode=thread&order=1&thold=0

  • terzaposizione

    Due discendenti dei Khazari a disputarsi il trono di Francia.