Home / ComeDonChisciotte / BRUCE LEE E L'IMAM DEL TERRORE

BRUCE LEE E L'IMAM DEL TERRORE

DA KELEBEK

Leggo che un gongolante poliziotto ha fatto una conferenza stampa, annunciando di aver “smantellato” una “scuola del terrore” (mi auguro che le espressioni non siano sue, ma dei giornalisti) a Ponte Felcino a Perugia.

“Sostanze tossiche”, “materie esplodenti” e persino (sì, avete indovinato), “cellula vicina ad Al Qaeda”.

In pratica, a quanto riesco a capire dalla lettura dell’articolo sul sito di Repubblica, l’accusa è la seguente.

L’imam della moschea, avrebbe tenuto delle “vere e proprie lezioni” a due immigrati clandestini e a un quarto uomo, di cui non viene specificato lo status.

Dove?

“All’interno del luogo di culto, fuori dall’orario delle cerimonie religiose”.

Siccome ogni indagine sul presunto “terrorismo islamico” in Italia, prima di sgonfiarsi miseramente, si è basata su “intercettazioni ambientali” all’interno di moschee, e siccome “scoprire una cellula di al Qaeda” è il modo più sicuro di far carriera all’interno delle forze dell’ordine, possiamo ragionevolmente dedurre che la moschea fosse il luogo più microspiato della città.

E se lo stesso imam non lo teneva in conto, doveva essere il musulmano più sprovveduto d’Italia.

Non è chiaro in che cosa consistessero le lezioni.

“si svolgeva un’approfondita opera di istruzione e addestramento all’uso delle armi e alle tecniche di combattimento proprie delle azioni terroristiche, oltre a lezioni di lotta corpo a corpo.”

Ora, immagino che il gongolante poliziotto avrebbe esibito teatralmente anche un coltellino da scout, se lo avessero trovato nella moschea.

Presumo quindi che la frase di cui sopra la possiamo tranquillamente riscrivere così:

“gli imputati avrebbero parlato dell’uso di armi, ma in concreto avrebbero fatto lezioni di lotta corpo a corpo”.

Come in qualunque palestra d’Italia.

“Il tutto veniva corredato dalla visione, e dal commento in comune, di messaggi, proclami, filmati e documenti scaricati da siti internet “protetti”, mostrati tra l’altro anche ad alcuni bambini frequentatori della moschea.”

E qui arriviamo al punto fondamentale. Gli imputati avrebbero guardato filmati, liberamente disponibili su Internet (cosa significhi il termine “protetti” lo lasciamo agli esperti). Compreso un filmato che spiegava come “guidare un Boeing 747”, che deve aver molto divertito i due clandestini.

Perché “fondamentale”? Perché non basta fare lezioni di lotta corpo a corpo per essere colpevoli di terrorismo internazionale. Bisogna che ci sia qualche documento che comprovi un progetto di qualche tipo.

Qui sembra che tale progetto manchi del tutto, altrimento lo avrebbero menzionato: volevano assassinare nel letto il Papa, avvelenare Berlusconi, uccidere i bambini dell’asilo nido di Rignano Flaminio?

In mancanza di tutto ciò, ci sono almeno cose scaricate in rete, che potranno essere presentate in un processo come prove dell’intenzione di “fare terrorismo”.

Si sa invece che uno “straniero che frequentava la moschea” avrebbe avuto dei “collegamenti” con due marocchini in Belgio, i quali a loro volta sono sospettati di aver “fornito supporto” agli attentatori di Madrid (io, invece, le Mostruose Maestre di Rignano Flaminio le ho conosciute di persona).

I miei commenti si basano esclusivamente su quanto dice a caldo Repubblica. Però l’esperienza ci insegna che i gongolanti sgominatori di “cellule terroristiche” tendono a sparare tutte le loro cartucce al momento della conferenza stampa.

E che nove volte su dieci, i casi si ridimensionano dopo.

Per cui possiamo ragionevolmente supporre che il giornalista di Repubblica abbia peccato per eccesso e non per difetto, nella descrizione dei pericolosi barbuti d’Umbria.

Fonte:http://kelebek.splinder.com/
Link
21.07.2007

Pubblicato da Das schloss

  • cocis18

    e ovviamente non manca mai il cellulare .. sempre utile per chiamare la bomba a distanza .. non si sa mai che si perda e non scoppi +

  • Bazu

    Il giornalista de La Repubblica, per completare l’opera, scopre anche i bambini islamici addestrati alle armi. “Reclutati i bambini – Nell’opera di addestramento dell’imam della moschea di Ponte Felcino erano compresi anche bambini e bambine. Dalle indagini sarebbe emerso che a ragazzi e ragazze, minorenni, veniva insegnato l’uso di tecniche corpo a corpo ma anche di bastoni e armi. Nell’addestramento era coinvolta anche la figlia minorenne dell’imam”. Orrore, orrore! Forse il giornalista non ha letto il libro Cuore, non conosce la nostra propaganda di guerra 1915-18, e nemmeno il balillino fascista con il moschetto. Forse nemmeno conosce l’inno nazionale che si canta nelle nostre scuole.

  • Alexis

    No comment.

  • myone

    ….la prova del nove della faccenda, e’ e sono le piu’ di 70 sostanze chimiche esplosive trovate in quell’ ambiente. O sono veramente professionisti bombaroli, o le 70 sostanze, sono una “raccatta un po’ ditutto dai laboratori della polizia o dai servizi segrreti” mah._____________ Gli stranieri, non solo prendono i nostri posti di lavoro, che per una politica barbara e araba, che non ha portato alla cultura minuziosa dell’ educazione : professione e inserimento Italiani, ma dopo 5 anni di cittadinanza italiana, prendono pure 550 euro di aiuto sociale, alla faccia di pensionati a 500-600-700 euro al mese, con affitto da pagare, e magari persone a carico._____ Gia’ la cultura italiana, che non si confronta, ma che e’ ormai tutta nel succo politico e sociale dei giochi del mangiamoci i soldi e vediamo chi piu’ e’ figlio di puttana, gia’ dicevo, non si capisce, e meglio cosi, perche, se si dovesse chiarire, rischiamo il collasso e la guerra civile, pensare, che, dobbiamo pure prenderci e sorbirci culture varie, che sono piu’ furbe delle nostre, nel senso opportunistico, e ciecamente volute, mi sembra senz’altro un malaffare, e un’ inutile sobbarco di pesi, incontrollati, inutili, e senza senso. Una piaga, alla fine, che cresce, e che non si curera’ mai.

  • Alexis

    Ah…un’ultima cosa…chi ha scritto questo articolo è un complottista pezzente che non ha altro da fare che contestare il lavoro d’altri…ma vai a cagare! E trovati un lavoro di giorno!!!