Home / Attualità / Bergson e il messianismo di Jacques Attali

Bergson e il messianismo di Jacques Attali

DI NICOLAS BONNAL

dedefensa.org

Dal giugno del 1981 avevo capito che a trionfare insieme a Mitterrand non erano stati né la sinistra né il socialismo. Quanto piuttosto un messianismo umanitario dall’odore sgradevole. Dopo un paio di inchini, Mitterrand si è impegnato a rafforzare il capitale liberale e a sottomettere questo paese alle agende occulte del mondialismo, il tutto ovviamente in nome di Jaurès e del resto; leggete la rivelazione di Sion a tal proposito. Le cerimonie di Versailles e del Louvre non annunciano niente di buono. Ritorniamo alla massoneria da quattro soldi che è il marchio di fabbrica di questa repubblica apolide. Liquidare il re-taumaturgo, le competenze statali, e festeggiare il clone robotico, questo è l’obiettivo prometeico a cui aspira l’Attila Attali. Mefistofele se ne rallegra!

Veniamo al «pedante del pretendente», come veniva chiamato nel mio Humanité-dimanche, che negli ultimi anni, ha intensificato gli sforzi per raccontare il nostro avvenire. Per accattivare gli uni e spaventare gli altri, lui pronostica la nostra sostituzione con l’intelligenza artificiale, gli uteri in affitto, la rovina per tutti, l’elezione di una cosa o di un transessuale; il mercato che regola la prostituzione e tutte le relazioni umane. Non ci sarà più un paese, nè un sesso, niente tranne una dittatura lunatica e totalitaria che negherà l’umanità e la farà sottomettere dai suoi agenti totalitari e globalisti. Noi ci troveremo in uno stato d’urgenza permanente grazie alla dea Isis e ai suoi attentati, bisognerà sottomettersi, perché siamo in democrazia. Il suo neoliberalismo è un anarco-totalitarismo dal retrogusto satanico.

Ora questo consigliere keiseniano di Mitterand, banchiere ridicolo alla Berd [Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo ndt], saggista d’operetta, con il suo nocciolo duro di iniziati e di affaristi del transumanesimo pretende ancora di imporre il trionfo della post-umanità! Il fallimento finanziario che si prepara su ordinazione, e che non sarà quello del sistema ma il nostro, completerà la grande sostituzione che non è etnica bensì antropologica, e che è auspicata ai piani più alti – o più bassi. Il mitterandismo che ho spiegato nel mio libro su Mitterrand è ritornato di moda, con la sua processione di iniziati, con la sua accozzaglia élite-occultista e la tiritera messianica. Questo passaggio dalle tenebre alla luce avverrà senza uomini.

Proviamo a essere ottimisti e a rimettere questo clown, o per meglio dire questo Trissotin, al suo posto. Nel suo fondamentale libro sulla risata, Bergson (che mi ha spiegato Kubrick come nessuno) così scrive a proposito dei medici folli di Molière:

«Potremmo continuare con gli esempi; non avremmo che da far sfilare dinanzi a noi, uno dopo l’altro, tutti i medici di Molière. Del resto, per quanto lontana sembri spingersi la fantasia comica, la realtà a volte si assume il compito di superarla. Un filosofo contemporaneo, argomentatore a oltranza, a cui venne fatto notare che i suoi ragionamenti dedotti in maniera irreprensibile avevano l’esperienza contro di loro, mise fine alla discussione con queste parole: «L’esperienza ha torto». Il fatto è che l’idea di regolare amministrativamente la vita è più diffusa di quanto si pensi; è un’idea naturale a suo modo, anche se noi l’abbiamo ottenuta con un procedimento artificiale di ricomposizione».

Attali si è sbagliato in tutti i suoi libri. Rileggete le sciocchezze citate in Lessico per il futuro, e la previsione del Giappone come superpotenza mondiale del ventunesimo secolo. O il suo TGV Parigi-Mosca in cinque ore. È il pedante di turno, pari a quello studiato a suo tempo da Molière.

Bergson:

«Possiamo affermare che lei ci manifesta la quintessenza stessa della pedanteria, la quale in fondo non è nient’altro che l’arte che pretende di saperne di più della natura».

L’ossessione del pedante, scrive Bergson, è di fabbricare meccanismi che danneggino la vita animale e umana:

«Così, per riassumere, è sempre lo stesso effetto che diventa via via più sottile, dall’idea di una meccanizzazione artificiale del corpo umano, se ci si può esprimere in questo modo, sino a quella di una sostituzione qualunque del naturale coll’artificiale. Una logica sempre meno ferrea, che rassomiglia sempre più alla logica dei sogni, spinge la stessa relazione verso le sfere più alte, tra termini sempre più immateriali, cosicché, alla fine, un regolamento amministrativo sta a una legge naturale o morale, per esempio, come l’abito confezionato sta al corpo che vive».

Sostituire il corpo con il vestito. Sono passato per la Francia per dieci minuti nel 2015, e sui canali mediatici promuovevano abiti da spiaggia per bambini. Ecco un paese ben tenuto al guinzaglio. Nonostante due secoli di tentativi per farli uscire dall’ombra e condurli verso luce, i francesi proseguono il loro declino intellettuale e spirituale. Questo paese-guida, oggi ai margini della civilizzazione, pretenderebbe di più.

 

Nicolas Bonnal

Fonte: www.dedefensa.org

Link: http://www.dedefensa.org/article/bergson-et-le-messianisme-de-jacques-attali

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di VOLLMOND

Pubblicato da Davide

  • oriundo2006

    Notate che il messianismo Jewish oggi è trans-personale: non si attende più la presenza di un Inviato, uomo in mezzo ad altri uomini, ma Israele ha da diventare messia di sè stesso, secondo saggi rescritti di rav di benedetta memoria ( la chiusa è un ‘topos’ della letteratura rabbinica: si può applicare anche a quelli viventi come beneaugurato rapido transito in quella categoria ). Attali come altri è solo una persona che ha interiorizzato il verbo neomessianico dei cabalisti gerosolimitani alle prese con la conquista del mondo, da chiudere opportunamente dentro le loro categorie pseudobibliche e non farlo uscire mai più. Parecchi sono felici di questo interessamento ‘politico’ sulle sorti del nostro mondo, agìto a nostra insaputa beninteso: tra gli altri Renzi, qui da noi, non si perita di indicare da tempo che 1) costoro hanno le chiavi del futuro dell’umanità e 2) lui ed altri ( modestamente ) non sono alle prese del compito, già peraltro immane, di riscrivere la Storia ma quello più interessante e redditizio di scrivere al più presto il futuro di noi tutti ( suo ultimo vaticinio a Milano ): che lo si voglia noi o meno, è irrilevante il nostro consenso, come irrilevanti siamo noi tutti in questo piano, oramai in attesa di essere definitivamente superati dagli avvenimenti sapientemente ‘orientati’ in via cabalistica. Un tempo, questi jewish come A. o cattolici come R. avrebbero indicato che il futuro dell’umanità stava nelle mani del Signore, ma avendo esautorato il Messia non sanno più cosa farsene di D-o, aspetto teologico oramai irrilevante nella loro insana volontà di potenza elevata al sommo grado. Appare chiaro come costoro in fondo della loro anima sono solo dei nichilisti atei, avendo ridotto il nostro mondo a meccanismo manipolabile a volontà: l’abito che vestono di credenti non è loro proprio.

    • PietroGE

      Attali ha visto troppi telefilm della serie Star Trek con i Borg (Resistance is futile!)
      secondo me il giocattolo gli scoppierà in mano.

      • milly

        siamo noi che abbiamo visto troppi film sulla madonna di fatima e simili che non sono altro che fumo negli occhi per non farci capire come ci vogliono ridurre

    • Sepp

      Attali e’ il frutto di secoli di incroci sbagliati all’interno degli
      shetl europei, e’ brutto come la fame e si e’ inventato un
      alter-ego nel pupo di plastica che e’ macron.
      Madre natura ha volte e’ proprio cattiva, toglie a chi ne ha
      bisogno e da chi ha troppo.

  • Denisio

    Il sistema è intriso di vigliaccheria, non siamo più ai tempi dei duelli e delle sfide a misura di uomo o al più a misura di esercito dove si confrontavano la forza la tattica, il coraggio e la lungimiranza umana sempre tenendo conto del fattore C.
    Ora siamo nel tempo della vigliaccheria e del connubio tra odio e paura di esporsi personalmente e fisicamente, le macchine ci abituano fin da piccoli che non ha senso fare una cosa fisicamente quando si può fare velocemente grazie ad una macchina e dunque tutte le qualità che per secoli sono state coltivate se ne vanno in disuso su ampia scala creando di fatto un essere umano diverso, debole fisicamente perchè iper assistito come un handiccappato, decaduti infatti gli ideali di bellezza classica dell’umanesimo e del rinascimento ora abbiamo a che fare con feticismi di ogni sorta che sembrano voler alimentare uno sterile bisogno di distizione e di esclusività.
    Non c’è dunque da stupirsi che salendo questa china si trovino personaggi di una certa influenza sociale con manie di ogni tipo, dal satanismo alla pedofilia che si divertono quasi per gioco a tirarare le fila del destino dell’umanità e dall’altra parte un’umanita sempre meno indipendente da un punto di vista del pensiero critico (raggiunta l’immunità di gregge) che si limita a seguire e imitare qualsiasi cosa percoli da queste menti deviate.

  • milly

    Questo potere a questi individui glielo danno coloro che credono alla menzogna chiamata dio, si fanno trattare come bambini, la chiesa dice tante belle parole e loro se le bevono senza chiedersi perché bisogna credere a qualcosa solo perché tutti si son messi d’accordo di dire che dio esiste, e quali sono i veri motivi di questo volercelo far credere, senza tutti quei creduloni questi manipolatori sarebbero sono delinquenti da perseguire e condannare,

  • Annibale Mantovan

    Secondo me attali & friends un pò preoccupati lo sono…hanno il 15% dei consensi!

    • oriundo2006

      I voti non si contano: si pesano…e si sa che la bilancia è tarata a loro favore…

      • Annibale Mantovan

        mi sa che hai ragione, però sempre il 15% sono.

  • Limitless Maxmode

    Questo indefinbile scrofo sionista della peggiore specie… Di quelli che appartengono alla testa del serpente… Al B’NAI BRIT…IL GRAN’SINEDRIO… Stupratore e criminale seriale se non al pari di Soros o Lloyd Blankfein(MISTER CRISI ECONOMICA CAUSATA GOLDMAN SACHS)è il peggio di quanto rappresentato da lorpapponi ebrei… Questo viscido personaggio,ma ormai non ci stupiamo più di quello che dicono,solo i main stream tacciono come le prostitute che sono…,disse anni fa testuale”E COSA PENSAVA LA PLEBAGLIA EUROPEA CHE AVESSIMO CREATO L’EURO PER LA LORO FELICITÀ??”
    No scrofo sionista….VI conosciamo bene….

    • WM

      @limitlessmaxmode:disqus si può commentare anche senza insultare gratuitamente e scrivere in maiuscolo, se non è strettamente necessario, è vietato, datti una regolata per i prossimi commenti, se ce ne saranno.
      Grazie

  • Ric Dellago

    Contesto la visione del Trasumanesimo espressa nell’articolo. Che Attali sia quel che sia, un ciarlatano, forse bravo in un solo settore, fregare il prossimo mi sembra corretta. Per il Transumanesimo si da una visione univoca che non corrisponde alla realtà o almeno non a tutto, ma solo alla sua parte più deteriore. Ed è per questo che bisogna assolutamente riappropriarsi della politica come strumento di indirizzo della società ed evitre che siano le forze attuali a dettare i ritmi e gli obiettivi del cambiamento. Non credo che si possa pensare di contrastare il cambiamento in se.

  • Adriano Pilotto

    Non amo le altezze da dove si vedono francesi, italiani, inglesi, tedeschi, ecc.perchè le immagini sono così sfocate che scambiare fischi per fiaschi è non un rischio, ma la condizione di base.

    Se per una volta acconsento a guardare la Francia da questo punto di vista, è per concordare in pieno con questa affermazione: “Nonostante due secoli di tentativi per farli uscire dall’ombra e
    condurli verso luce, i francesi proseguono il loro declino intellettuale
    e spirituale. Questo paese-guida, oggi ai margini della civilizzazione,
    pretenderebbe di più”.

  • milly

    E bravo come don chisciotte, hai eliminato alcuni dei miei commenti,
    e t’ho capito pure a te.

    • WM

      Esiste solo un altro tuo commento su CDC, ed è pubblicato, né nessuno l’ha cancellati, neanche in coda di moderazione, niente.
      Non so dove pensi di avere scritto, ma sicuramente non qui.
      Inoltre, qui non si cancellano commenti in base al contenuto ma solo quelli che non rispettano le regole che bisognerebbe leggere prima di commentare, le trovi nei menu in alto, Regole, Netiquette e FAQ e ti consiglio caldamente di farlo, prima di scrivere ancora.
      Grazie.