Bassano del Grappa stoppa il Green Pass

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

La ferrea volontà del consigliere del Comune di Bassano del Grappa Ilaria Brunelli ha dimostrato che partire dal basso per opporsi al Green Pass è possibile se ogni cittadino si riappropria del suo essere “zòon politikòn“, cioè animale politico.

Sono infatti le istituzioni più vicine ai territori il luogo in cui si deve far rivivere la democrazia e l’attenzione necessaria per la politica, unico modo per riappropriaci di scelte che oramai vengono prese altrimenti all’interno di un Parlamento completamente svuotato dei suoi oneri e onori, poichè servo di poteri finanziari transnazionali.

Conscia che ognuno deve fare la propria parte in questa battaglia, non importa quanto piccola sia la realtà in cui agisci, la consigliera Brunelli ha presentato al consiglio comunale una mozione titolata “Abolizione delle certificazioni verdi Covid-19 a decorrere dalla cessazione dello Stato di Emergenza“, chiedendo ai suoi colleghi di compiere un atto di coraggio ed esprimersi favorevolmente.

Ecco il suo discorso, prima della votazione:

Gentili colleghi,
innanzitutto vi ringrazio per l’attenzione che darete al tema che stiamo per affrontare in aula. Per due motivi:

  • Perché le sensibilità sono diverse. Io stessa sono consapevole di essermi esposta in maniera forte su questo strumento ma difendo strenuamente il diritto di chiunque, specialmente in questa aula, di esprimere una posizione opposta alla mia. È quel tipo di dialogo che dà senso all’esistenza del parlamento, sia esso statale o cittadino. Con questo testo nessuno di noi è chiamato a giudicare lo strumento, ma a chiedere che esso termini con la fine dello stato di emergenza. Vi ringrazio quindi per leggerlo e affrontarlo concentrandoci sul punto in questione.
  • Perché siamo tutti estremamente stanchi, come cittadini in primis, dopo due anni di tensioni continue e ora sollecitati dalla minaccia di una guerra di proporzioni mondiali. Discutere questa mozione, stasera, richiede molta fatica.

Chi mi conosce sa il valore che, come voi colleghi, do all’aula consiliare non solo di questa città, ma in generale di tutti i Comuni. Ritengo che le amministrazioni comunali, rispetto alla struttura su cui si sorregge la nostra democrazia, siano la voce più vicina alla vita dei cittadini. Siamo insostituibili nel meccanismo democratico in quanto enti che più di tutti possono rilevare gli effetti delle scelte compiute a livello di superiore, come regione o governo. È nostro dovere quindi, oltre alle tematiche prettamente amministrative, fornire un segnale agli enti superiori, qualora necessario.

Quale segnale si vuole quindi dare con questa mozione?
Stiamo per esprimerci sulla richiesta al Governo di abrogare le certificazioni verdi COVID-19 a decorrere dalla cessazione dello stato di emergenza.

Lo facciamo anche alla luce delle recenti dichiarazioni del Consiglio dei Ministri, in cui il Premier ha anticipato una serie di tappe che riguardano l’utilizzo del Green Pass oltre il 31 marzo.

Il Decreto Legge, che è stato votato e presentato dal Consiglio dei Ministri, entro 60 giorni dovrà essere votato in Parlamento per la ratifica, pena l’annullamento.

è quindi il momento esatto e più appropriato per dare un segnale alle istituzioni superiori. Un segnale che, indipendentemente dalle nostre opinioni personali sul Green Pass e sulla validità che può avere avuto nella gestione dell’epidemia, credo ci veda concordi nel ritenere che UNO STRUMENTO STRAORDINARIO, introdotto e sostenuto da una motivazione di emergenza, uno strumento dall’innegabile impatto sulla società, NON POSSA TRASFORMARSI IN UNO STRUMENTO ORDINARIO.

Consapevole che questo può essere un gesto politicamente impegnativo per le minoranze, ringrazio per ciò che vorranno fare affinché questa votazione possa avvenire all’unanimità.

La votazione, fortunatamente, ha visto prevalere coloro che questo coraggio lo hanno trovato e hanno deciso di opporsi all’utilizzo del Green Pass dal 1° aprile.

Con 15 voti favorevoli e 9 contrari infatti, il comune di Bassano del Grappa ha chiesto formalmente al Governo di abrogare le certificazioni Covid-19 con la cessazione dello Stato di Emergenza e di intervenire legislativamente affinché l’utilizzo di tale strumento straordinario non sia ammesso in via ordinaria.

Qui il PDF della Mozione Stop Green Pass – Modello

Massimo A. Cascone, 31.03.2022

Fonte: https://ilariabrunelli.wordpress.com/2022/03/26/bassano-dice-stop-greenpass/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x