Home / ComeDonChisciotte / BARACK OBAMA: IL PRIMO PRESIDENTE EBREO DEGLI STATI UNITI

BARACK OBAMA: IL PRIMO PRESIDENTE EBREO DEGLI STATI UNITI

DI JAMES PETRAS
Information Clearinghouse

Obama chiede a Shimon Peres : “che cosa posso fare per Israele?”

Haaretz, 17 Novembre 2008

 
L’incaricato speciale per i diritti umani delle Nazioni Unite (Richard Falk) ha affermato che la condotta di Israele nei territori palestinesi risulta essere un crimine contro l’umanità.
Afferma inoltre che le Nazioni Unite hanno il dovere di attivarsi per proteggere la popolazione Palestinese, che sta subendo ciò che lui definisce una punizione di massa.
Falk afferma che il Tribunale Criminale Internazionale dovrebbe anche indagare sia i leader civili che i vertici militari israeliani per l’assedio di Gaza perseguendoli per violazione delle leggi sui crimini internazionali.

BBC News, 10 Dicembre 2008

 
Dobbiamo stabilire una dura ma diretta diplomazia con l’Iran, chiarendo che lo sviluppo di armi nucleari da parte loro è del tutto inaccettabile, che il loro finanziamento di organizzazioni terroristiche come Hamas ed Hizbollah e che le loro minacce contro Israele sono contrarie a tutto ciò in cui noi crediamo. Forse dovremmo stringere a fondo queste sanzioni… e dar loro una chiara alternativa… tra una strada semplice ed una strada difficile.

Il Presidente eletto Obama su NBC Meet the Press, 7 Dicembre 2008

Secondo un eminente portavoce Sionista a livello nazionale, ex membro del Congresso, Giudice Federale, Consigliere alla Casa Bianca di Bill Clinton e primo sostenitore di Obama, Abner Mikvner, “ Barack Obama è il primo presidente ebreo”.
L’affermazione di Mikvner riflette da un lato la longeva fedeltà americana allo Stato di Israele e allo ZPC (Zionist Power Configuration, configurazione di potere sionista), dall’altro il successo del lungo sforzo dei poteri politici ed economici Ebreo-Sionisti per inglobare Obama nel loro apparato politico che mette Israele avanti a tutto. Ciò che colpisce è l’insensato e arrogante rivendicare da parte di alcuni leader sionisti la loro centralità nell’affermazione politica e professionale di Obama, negando di fatto al Presidente Eletto ogni credito per i propri successi professionali e accademici.
(Storicamente questo si riflette nelle continue rivendicazioni di alcuni ebrei Americani di aver combattuto e vinto la battaglia dei Diritti Civili a favore degli Afro-Americani negli anni 60, impedendo essenzialmente agli americani neri di assumere un ruolo politico indipendente nelle loro battaglie).
Anche le loro lusinghe riguardo al suo buon senso, la sua brillantezza ed acume intellettuale sarebbero sempre da ricollegare all’incondizionato supporto dello Stato di Israele.

Si può prevedere quanto velocemente i plausi dei colleghi Sionisti diventerebbero feroci insulti alla sua intelligenza se mai Obama dovesse suggerire a Israele di metter fine all’inutile blocco dei viveri a Gaza, tanto i Sionisti conoscono il loro uomo, come proclamano confidenzialmente, lui è un cauto e prudente politico, che misura la forza prima di parlare, e che specialmente ha riempito la Casa Bianca , il consiglio economico e l’apparato della sicurezza nazionale di fanatici Sionisti.

 

La cotruzione e ricostruzione di Obama

 
Il Chicago Jewish News, un eminente organo di propaganda filo Israeliana, ha pubblicato un lungo articolo su “ Obama e gli Ebrei” di Pauline Dubkin (24 Ottobre 2008) , che cita favorevolmente un longevo osservatore ebreo della scena politica il quale ha dichiarato “ Gli ebrei lo hanno creato “ riferendosi ad Obama “ ovunque guardiate c’è presenza ebraica”.

Questo non è il solito arrogante e autocelebrante vanto di un fanatico Sionista, da cui siamo costantemente bombardati in svariati ambienti della politica, questo riflette un tassello importante di ciò che Obama è diventato, specialmente nell’anticipare le proprie ambizioni politiche di questi ultimi giorni.
Gli autopromotori Sionisti (ZSP), sempre pronti ad accreditarsi ogni successo ( non importa quanto malfamato e immorale) dagli speculatori di Wall Street, dai professori di Ivy League, dai militari del Pentagono, dai guru culturali e, di più, dai personaggi chiave dell’arte quali il jazz, sempre pronti a riscrivere la storia (o la biografia come nel caso di Obama) per enfatizzare la loro importanza in ogni aspetto della vita americana. La ZSP ha convenientemente omesso di ricordare che la nonna bianca di Obama ha spinto e ottenuto per il nipote una formazione intellettuale e scolastica elitaria per promuovere le sue capacità di lettura, scrittura e comportamenti da uomo educato. La ZSP omette dalla loro “ rivista e giudaizzata” biografia di Obama, la fondamentale importanza del Reverendo Jeremiah Wright che ha trasformato Obama da laureato dell’elitaria Ivy University in un attivista sociale.

Obama è stato capace di partecipare ed essere coinvolto in prima linea in movimenti attivisti nei quartieri afro americani di Chicago aderendo ampiamente alle idee del Reverendo Wright. Non fosse stato per lui, Obama non avrebbe mai acquisito quelle basi sociali o quelle esperienze organizzative che lo hanno inserito nella vita politica di Chicago. Solo dopo che Obama acquisì certe qualità e appeal politico i politici Sionisti lo notarono e lavorarono sul suo ego e sulle sue ambizioni, reclutandolo per la loro agenda Pro Israele e finanziandone la sua carriera politica.
Il Sionista che ha riscritto la sua biografia, è rimasto curiosamente incontestato da Obama. Per seguire i suoi nuovi mentori, gli ideologi filo Israeliani e i sostenitori economici,   ha bellamente scaricato i suoi primi maestri, cosi come ogni consigliere e collega politico che non aderisse alla linea Sionista del supporto incondizionato ad Israele.

Due eventi balzano immediatamente alla mente. Quando i leader Sionisti obiettarono sulla presenza di Zbigniew Brzezinski e Robert Malley tra i consulenti di politica estera di Obama, i Sionisti del ristretto circolo di Obama li emarginarono con la sua stessa approvazione.
Quando il Sionista-fascista professore di legge di Harvard, notoriamente favorevole ai sistemi di tortura, Alan Dershowitz, alzò un grido contro il fatto che l’ex presidente americano Jimmy Carter (il principale critico delle regole israeliane di apartheid) parlasse alla Convention del Democratic Party (secondo una secolare tradizione di omaggi agli ex presidenti) gli operativi sionisti umiliarono l’anziano ex presidente impedendogli anche soli 5 minuti di discorso, con la tacita approvazione di Obama. Il ‘Professor’ Dershowitz ha cosi pubblicamente esaltato il suo potere sul candidato Democratico Obama censurando di fatto l’ex presidente.

La conversione pubblicizzata di Obama a filo-Israeliano è una ottima opportunità per studiare i metodi che la ZPC ha utilizzato per costruire una potente e quasi invincibile base all’interno del sistema politico americano.

L’opera della ZPC non è il risultato di un complotto preparato e controllato in anticipo. La conversione di Obama passa attraverso uno sforzo, verso una direzione ideologica opposta, basato sull’individuo, la famiglia e la comunità.

  Quando Obama passò da un impegno politico locale ad uno nazionale, la promozione sionista evolvette in uno sforzo concertato a livello nazionale includendo campagne di finanziamento, assegnazioni di carriere, propagande pagate e feste di indottrinamento ad Israele. La ZPC offre incentivi ai “recrutabili” e minacce di ritorsioni e intimidazioni attraverso diffamazioni e pubbliche gogne sistematiche tramite le più note organizzazioni ebraiche di critica politica Israeliana, a tutti coloro che si dimostrano recalcitranti nei confronti della linea filo israeliana.

La conversione di Obama in filo israeliano, stando all’articolo del Chiacago Jewish News, è cominciata durante i suoi studi di legge all’ università di Harvard dove fu etichettato da una professoressa sionista, Martha Mirrow, come educato, promettente e politicamente ambizioso, quindi un ottimo “reclutabile”.

 La professoressa ricorda con fierezza come contattò tutti i propri familiari, incluso il padre, un accanito sostenitore Democratico e un collega sionista che guidava uno studio legale a Chicago, raccomandando loro di assumere Obama.

In sostanza, il primo passo del reclutamento sionista di Obama fu quello di utilizzare un prestigioso impiego post universitario con tanto di promessa di futura carriera attraverso l’inserimento in una forte rete professionale. Il passo successivo fu quello di introdurre Obama nell’associazione degli amici e vicini in una comunità ebraica che includeva eminenti finanziatori sionisti. I primi promotori di Obama, giocarono un ruolo chiave nel convincerlo che il suo futuro politico sarebbe dipeso dall’alleanza con i sionisti e che il loro supporto dipendeva dal totale appoggio ad una politica filo israeliana.

 Mentre i legami di Obama con i sostenitori liberal sionisti nel partito democratico si infittivano, i suoi legami con la comunità nera e il suo pastore ed ex mentore, il pastore progressista Afro Americano, reverendo Jeremiah Wrigh, si indebolirono. Dalla fine degli anni novanta Obama fu sempre più coinvolto nella rete del partito democratico sionista liberale e attraverso questo canale formò un team con due figure chiave del sionismo che sarebbero state cruciali nella sua campagna presidenziale: David Axelrod, principale stratega politico di Obama dal 2002 e maggiore tattico e architetto della campagna presidenziale del 2008, e Bettylu Salzman, figlia di Phillip Klutznick, un multimilionario imprenditore edile e fanatico filo israeliano.

Salzman/Klutznick ha ammesso che non avrebbe mai finanziato Obama per la sua “ abilità” o per la sua politica liberale se non avesse preso un impegno nel sostenere gli interessi di Israele. Testualmente ha detto “ Ovviamente non avrei mai supportato nessuno che sia contro Israele. Lui è ok su tutto quanto riguarda Israele, è esattamente alla stregua della Clinton, forse più forte ancora. E’ un pensatore più illuminato” (Chicago Jewish News, 24 Ottobre 2008) .

Durante il suo servizio al Senato dell’Illinois, Obama ha condiviso il suo ufficio con un ebreo ortodosso e fanatico filo israeliano, Ira Silverstein, che si vantava del suo ruolo di educatore di Obama a riguardo dell’ortodossia ebraica e, ancor più importante, condividendo il “feeling filo israeliano” al punto che “quando Silverstein sponsorizzava numerose risoluzioni condannando gli attentati della PLO (Organizzazione di liberazione della Palestina), Obama si allineò ardentemente con lui come co-sponsor” (ibid) .

Totalmente coinvolto nella configurazione del potere sionista a Chicago, Obama, durante la sua campagna per il Senato, fu suggerito da Axelrods, Klutznicks e altri strateghi chiave al fine di adempiere al rituale obbligatorio del pellegrinaggio in terra israeliana rendendo omaggio ai suoi leader. Durante il suo viaggio in Israele, due anni più tardi, nel 2006, Obama fu accompagnato e guidato dal vice presidente della federazione ebraica della città di Chicago. Sotto la guida sionista, Obama si connesse cosi allo stato israeliano, ignorando completamente la piaga della repressione dei Palestinesi, ogni giorno selvaggiamente repressi e assaltati dall’esercito israeliano sionista-fascista.   Obama ritornò completamente impegnato come politico sionista afroamericano.

Con il certificato di approvazioone dalla ZPC, la base finanziaria di Obama si allargò includendo alcuni  dei più facoltosi ebrei americani filo israeliani del midwest come Lester Crown, il cui figlio, James Crown aveva guidato economicamente la campagna di Obama in Illinois.
Secondo Crown padre, “ per il tempo che ho speso con lui e per i discorsi fatti riguardo ad Israele, e ne abbiamo fatti davvero tanti, lui è stato un ardente sostenitore delle posizioni di difesa di Israele (sic), delle posizioni di Israele sulla sicurezza”. (Ibid)

 
A quei fasci-sionisti che richiedono l’annessione totale della Palestina sotto lo stato di Israele cacciando tutti gli arabi dai territori, e ai quali la soluzione di Obama del concetto dei due stati non è piaciuta molto, Crown rassicura che si è trattata di una richiesta talmente oltraggiosamente inaccettabile per i palestinesi, da potere essere considerata come una proposta nata morta.

Comunque non tutti gli ebrei accettano questa visione di un Obama acceso sostenitore sionista: alcuni razzisti infatti lo rifiutano classificandolo come falso e incapace ‘Schvartze’ a causa della sua stretta relazione con il reverendo Jeremiah Wright.  
Molti mass media sionisti hanno organizzato vere e proprie campagne di informazione contro il reverendo Wright ed i suoi legami con Obama prendendo spunto dall’estrema destra.
I ’Sionisti Liberal’, che hanno organizzato e gestito strategicamente la campagna di Obama, hanno facilmente convinto Obama a dissociarsi pubblicamente dal suo ex mentore degli anni ottanta. E Obama l’ha fatto. In ogni caso, l’alleanza della destra repubblicana con i sionisti fascisti ha richiesto ad Obama di denunciare pubblicamente il reverendo. I ‘Sionisti Liberal’ hanno scritto il discorso, Obama l’ha recitato rilasciando una pubblica condanna del reverendo Wright , citando espressamente come crimini le sue difese nei confronti dell’autodeterminazione palestinese.
Obama ha attraversato il fiume Giordano. La sua discesa nel Fasci-Sionismo è stata l’inevitabile conseguenza dei suoi stretti e duraturi legami con questi sostenitori liberal sionisti. L’attacco pubblico ad un noto teologo cristiano e afroamericano degli oppressi è stato solo il punto di inizio del progetto sionista di un Obama che rappresenta il primo ebreo (o meglio sionista) Presidente degli Stati Uniti d’America.

I fascisionisti hanno presto spinto la loro campagna per indurre Obama ad allontanare   Zbigniew Brzezinski, il consigliere della Sicurezza Nazionale dell’ex presidente Carter durante la guerra fredda, Samantha Power, autrice e conferenziere alla Kennedy School of Government presso l’ università di Harvard, e Robert Malley, un ex consigliere di Clinton, per i loro presunti crimini antisionisti. Brzezinski è stato accusato di chiedere ciò che chiama “una equa politica mediorientale”, qualcosa di chiaramente ‘anti semita’ agli occhi degli incondizionati supporter di Israele che guidano il PMAJO ( Presidents of the Major American Jewish Organizations). Ancora peggio la sua approvazione al libro critico sulla lobby israeliana di Walt-Mearsheimer, una vera e propria offesa capitale agli occhi di tutto lo spettro politico ebraico. Anche Power e Malley hanno trasgredito la linea filo israeliana.
Sebbene Brzezinskiabbia poi ritrattato la sua lode dello studio dei Professori Walt e Mearsheimers’ egli e gli altri membri del gruppo dei ‘tre censurabili’ specialisti di politica estera sono stati allontanati non avendo alcuna possibilità ulteriore di metter bocca su qualsivoglia questione Medio Orientale.

 
Il controllo della politica mediorientale di Obama è stato assunto da Dennis Ross, un ardente sostenitore di una politica ultra militare di Israele, compreso un attacco armato preventivo contro le installazioni militari e nucleari iraniane. Ross è un irriducibile sostenitore del blocco alimentare da parte di Israele verso il milione e mezzo di abitanti della striscia di Gaza e, perdipiù, sostenitore della strategia di attacchi aerei contro obiettivi civili in Libano. L’incarico di Ross da parte di Obama è il più chiaro segnale di garanzia per tutti i sionisti, fascisti, ortodossi, liberali , che la politica statunitense nel medio oriente sarà subordinata agli interessi dello stato di Israele e del suo esercito. La ripulita da parte di Obama di tutte le voci moderate nella politica mediorientale, il suo piazzare tutti fanatici filo israeliani nelle posizioni chiave della nuova amministrazione riflettono la sua immersione a lungo termine in una configurazione di potere sionista. Il risultato è una “presidenza ebraica” nel senso che tutti i ruoli cardine alla Casa Bianca, ruoli economici e di sicurezza, riflettono il potere sionista espresso durante l’indottrinamento e la formazione della candidatura di Obama.

 


[Obama a Sderot]

  La configurazione del ‘President ebreo’

Uno dei sostenitori storici di Obama, Rabbi Arnold Jacob Wolf, fornisce un indizio sull’affinità di Obama verso il sionismo. Secondo Rabbi Wolf, “ Obama è coinvolto nel mondo ebraico”. Mentre il Rabbi risulta presuntuoso nel dire che tutti gli ebrei sottoscrivono la sua visione filo israeliana, ha comunque ragione se si riferisce al mondo ebreo-sionista.
Niente spiega meglio la selezione di Obama di economisti e ufficiali di sicurezza visibilmente falliti, che il suo legame di lunga data e di larga scala con la ZPC.

Obama è partito selezionando alla Casa Bianca un duetto di cittadini americano-israeliani, l’uomo del Congresso dell’Illinois Rahm Emmanuel e il sionista David Axelrod, cosi come Lawrence Summers (alleato di lunga data del giudeo-fascista di Harvard, il difensore delle torture Alan Dershowitz) come consigliere economico della Casa Bianca.

Summers è un filo israeliano da sempre, che ha utilizzato la sua presidenza dell’Università di Harvard come un prepotente pulpito da dove attaccare un gruppo studentesco critico verso la politica israeliana nei territori occupati. Lo stesso Summer è stato l’ex segretario del tesoro dell’era Clinton, l’architetto chiave del sistema finanziario speculativo creato in quegli anni, lo stesso che sta collassando in questi mesi. Seguendo la sua linea di ‘Presidenza Ebraica’, Obama ha anche nominato uno dei principali filo israeliani come curatore e creatore della politica Medio orientale degli Stati Uniti, Dennis Ross, ideologo sionista e coautore di un articolo di presa di posizione presidenziale a favore di una guerra preventiva contro l’Iran. Ross è una figura sionista cardine dell’entourage di Obama e la sua nomina è una garanzia, per i 52 ‘Presidents of the Major American Jewish Organizations(PMAJO)’, del fatto che Obama seguirà e appoggerà con armi americane e con i soldi delle tasse degli americani ogni crimine di guerra israeliano, ogni assalto o invasione nei vicini paesi arabi e di lingua Parsi.

 
Ross, Axelrod, Summers, Emmanuel e i loro codardi sostenitori all’interno del Congresso, insieme con l’AIPAC e tutta la rete sionista, assicureranno che Obama sia inestricabilmente coinvolto nei loro programmi. Non permetteranno nessuna pubblicazione, nessuna indagine o rapporto delle Nazioni Unite, che possa arrestare l’occupazione israeliana della Palestina; promovueranno inoltre un intervento preventivo in Iran basandolo su prove inesistenti di rischi nucleari. Ogni sionista nominato nel recente governo di Obama ha condannato i rapporti delle Nazioni Unite e dell’agenzia Atomica Internazionale che respingevano gli allarmi israeliani riguardo ad un programma di armamento nucleare iraniano. Questi assicureranno inoltre che il nuovo consigliere incaricato della Sicurezza Nazionale, il Generale James Jones, non renderà mai pubblico il suo rapporto molto critico riguardo ai comportamenti criminali da parte di Israele nei confronti dei civili palestinesi nei territori occupati.  

Il Segretario di Stato, Hillary Clinton, il Presidente Obama ed il segretario della Difesa Gates sono così fortemente coinvolti nella rete sionista e cosi profondamente intrisi dalla ideologia filo israeliana che la pressione della ZPC non sarà neache necessaria . I tre sono in effetti degli zombi sionisti, ansiosi di adulare e sottomettersi, fino ai più grotteschi eccessi, ad ogni ammiccamento e gesto, di sventolare aiuti militari, veti alle Nazioni Unite e ripetute provocazioni di guerra contro l’Iran. Hanno sempre sopravanzato anche il Presidente Bush nella loro bramosia di compiacere i mentori sionisti riconoscendo Gerusalemme come l’indivisibile capitale dell’ebraismo, affossando i diritti dei residenti Palestinesi.
Niente dimostra di più il dominio della ZPC sulla vita politica statunitense (interna ed estera) dell’elezione del meticolosamente curato primo ‘presidente ebreo’ e delle conseguenti   strategie economiche e di sicurezza della sua amministrazione

Conclusioni

 
L’ascesa di una minoranza di ambiziosi prepotenti politici che agiscono anzitutto per una potenza coloniale e militarista in una regione economicamente strategica del mondo, rappresenta la più grande minaccia ad un mondo di pace e ai valori democratici degli Stati Uniti.
Si pensi a questo: non solo i sionisti ed i loro cloni complici  guidano la Casa Bianca, ma hanno anche la capacità di azzittire l’apparato politico (di destra, centro, sinistra e liberale), e di ricacciare ed isolare ogni critica ai loro piani, le loro organizzazioni, lo stato di Israele.

Quando si avanzano delle critiche, l’intero apparato parla all’unisono di ‘anti semitismo’ e fa seguire severe sanzioni civili. Come dimostra la carriera di Obama (gestita dai sionisti), loro sono capaci di altisonanti e repulsive denunce contro il suo ex mentore afro americano nonché consigliere spirituale, Reverendo Wright; capaci inoltre di umiliare pubblicamente un ex presidente, sostenitore di Obama peraltro, Jimmy Carter; capaci di isolare ed ‘epurare’ il creatore della politica estera di una precedente amministrazione, Brzezinski, semplicemente per aver tirato fuori i crimini di Israele contro l’ umanità, sebbene tali osservazioni siano fatte ogni giorno nella stampa e nei circoli politici europei. Questo apparato combina la carota (coinvolgendo e promuovendo Obama) al bastone (stigmatizzando Carter): dipende da quanto un individuo, un politico, un accademico, uno scrittore o un giornalista sia utile (cioè un incondizionato supporter) o dannoso (cioè critico) allo stato di Israele.

L’esperienza di Obama dimostra come una piccola, salda, ben organizzata e ben finanziata minoranza che operi attraverso prestigiosi ruoli professionali e potenti imprese economiche, possa penetrare le principali istituzioni politiche, catturare le ideologie di altolocati politici indirizzando le loro scelte verso un appoggio incondizionato alle guerre per conto di una potenza coloniale e militarista straniera.

 
Se in passato abbiamo vissuto la violenza sionista che rapinava la nostra libertà di parola in una società civile, pensate a cosa dobbiamo aspettarci quando questi criminali avranno completato la conquista della Casa Bianca. Il primo Presidente ebreo americano! Cosa ne sarà del popolo americano, dei suoi diritti, interessi e della sua politica estera di paese indipendente?
 

Epilogo

 
Agli inizi del Decembre 2008, il gruppo Likud, partito di destra di Israele, sotto la guida di ‘Bibi’ Netanyahu, incontrò e nominò la sua lista di candidati per le vicine elezioni (12 Febbraio 2009). La maggior parte dei candidati nominati rappresentava quello che i giornalisti israeliani definiscono ‘la destra dura’ o , come si può anche definire, ‘sionfascismo’. Il Likud è in maggioranza a favore della totale espulsione dei palestinesi (non ebrei) dalla Grande Israele, della conquista militare di Gaza, della fine di ogni pretesa di negoziazione di pace e dell’immediato bombardamento dell’Iran.
Attualmente il Likud e i fascisti alleati, hanno il supporto della pluralità degli ebrei israeliani. Se vincessero, ci sarebbe la virtuale certezza di un appoggio totale dalla principali organizzazioni filo israeliane negli Stati Uniti, le quali seguono la linea del : “non spetta a noi questionare chi Israele voti. E’ nostro compito coprire lo Stato di Israele”.

L’elezione di un regime israelo-fascista  alzerà la posta a Washington. Il coinvolgimento di Obama nll’apparato sionista include il supporto al fascismo ebraico, alla pulizia etnica della Palestina e all’attacco preventivo contro l’Iran?
Tre settimane nel suo ruolo e Obama dovrà affrontare la sua maggiore sfida Mediorientale, che chiarirà la politica statunitense in quella ragione.
Obama ha recentemente rivelato che Washington vorrebbe attaccare l’Iran per proteggere Israele, che non ha ancora firmato alcun patto con gli Stati Uniti, e a ciò l’amministrazione Bush ha replicato in modo sprezzante che sarebbe difficile convincere un genitore del Kansas che i suoi figli potrebbero rischiare di finire inceneriti per volontà di uno sperduto paesino nel Medio Oriente
Obama è chiaramenteun maggiore guerrafondaio dello stesso Bush, per le questioni che riguardano Israele. fa parte dell’essereun “presidente ebreo”. 

 
James Petras, ex professore di sociologia alla Binghamton University, New York, ha 50 anni di esperienza in lotte di classe, è consigliere dei senza terra e senza lavoro in Argentina e Brasile, ed è coautore di “Globalization Unmasked” (Zed Books). Il prossimo libro di Petras, “Zionism, Militarism and the Decline of US Power”, sarà pubblicato da Clarity Press, Atlanta, ad Agosto 2009. I suoi contatti: [email protected]
http://petras.lahaine.org

Titolo originale: “Barack Obama: “America’s First Jewish President””

Fonte: http://www.informationclearinghouse.info
Link
12.12.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ANONIMO

Pubblicato da Das schloss

  • virgo_sine_macula

    Anche Obama e’ una marionetta in mano ai sionisti insomma,nulla di cui stupirsi.Del resto si sa che la longa manus ebrea arriva ovunque:persino Hitler era probabilmente una pedina sionista incaricata di provocare l’Olocausto da presentare poi al mondo come enorme cambiale in bianco per far nascere illegalmente lo stato di israele.Un piano perfettamente riuscito.

  • Die_fahne_hoch

    Se Obama e’ un filo sionista allora le sinistre mondiali,compresa quella italiana,che hanno grandemente esultato alla sua elezione gridando alla svolta epocale,sono composte da imbecilli o da persone in malafede.

  • myone

    Ci sono sionisti su sionisti che si sionizzano ad escludersi, e ogni parola di traverso, etichetta sionista quancuno. Ma dico io, possibile che ci siano dei satana addosso a dei veri e propi santificati?

    Mi sa’ che la classe islamica sara’ l’ unica erede del nuovo mondo.

    Io penso che a sclerarsi sempre da una parte, sia la prima forma di sionismo al mondo, e che continuarla, sia un’ auto-nazzismo-sionista deviante.

    Ora nel mondo non c’e’ piu’ nulla. Ci sono sionisti-islamici-cattolici che fanno di tutto per l’ armaghedon che cancelli tutti gli ismi di cataclismi.
    Ma e’ cosi alla fine. Certo che con certe teste gli ismi sono di rigore.

  • nessuno

    La summa del pensiero unico…
    fra cloni troll e diventato un vero spasso leggere questi post meglio del miglior zeling

  • nessuno

    Obama obama obama…
    Sembra che sia arrivato il messia per i politici europei e non.L’uomo dei miracoli.
    La stampa ci marcia alla grande osannandolo sono pagati per farlo.
    Obama è stato eletto con il supporto delle lobby ebraiche e si sà i giudei sono molto oculati nel cacciare il danaro,deve avere un ritorno.
    Nel suo staff annovera personaggi con trascorsi politici che sono in netto contrasto con i suoi comizi.
    Obama è la continuazione della politica americana di sempre chi crede il contrario è un illuso.
    Hanno eletto un nero per far digerire alle masse di afro( non dimenticatevi che la popolazione afro ha raggiunto la rispettabile somma di 75 milioni di unità) le lacrime e sangue che dovranno versare per far uscire il paese dalla bancarotta semmai questo sia possibile con mezzi normali.
    Sempre che non facciano scoppiare un’altra guerra magari con un’altro clamoroso auto attentato.L’america con le guerre ha sempre guadagnato la storia ce lo insegna.

  • virgo_sine_macula

    Cloni,troll e frequentatori di centri sociali che sono anch’essi altrettanto buffi

  • nessuno

    Che arguzia come hai fatto a capire che era riferito a te?

  • virgo_sine_macula

    ah ah ah c’era un commento solo e poi al mossad ci insegnano ad essere arguti

  • virgo_sine_macula

    James Petreas “ha 50 anni di esperienza di lotta di classe”si dice nel fondo dell’articolo,giusto per capire da che parte e’ politicamente schierato,come se dal resto del faziosissimo pezzo non si riuscisse a dedurre:l’ennesimo brontosauro vetero marxista

  • reza

    Tutto ciò che dice Petras sul sionismo e la sua influenza sull’America è pura verità tanto che l’America da anni è ormai la continuazione di Israele e non viceversa, come alcuni sostengogno.

    Certo, la questione ovvero,l’ostacolo, ai progetti sionisti per il medioriente, e da lì per il mondo,è l’Iran.

    Ieri l’Iran ha mandato in orbita il suo primo satellite “made in home” , sia per il satellite stesso che per la vettura, che per i comdani sulla terra.

    Ttutto ciò, insieme ai Shahab-3 puntati su Israelee su tutte la basi americane nella regaione euroasiatico per un ragggio di 3000 km, dimostra che l’Iran sta avanzando verso un livello tecnologico civile/militare, allarmante per i sionisti, che con la creazione di Israele nell’1948, avevano intenzione di colonizzare l’intero medioriente, mantenedo i popoli che vi vivono indietro su tutto; democrazia, libertà sociali, scienza, tencologia, economia, politica, finanza, arte, cultura, etc,etc. pere dominare la regione che detiene il 90% delle riserve gas e petrolio e poi da lì dominare il mondo.

    I progetti sionisti sono lunghi, lunghissimi, e partono da molte lontano, e lontano vorrebreò arrivave, come dimostra il fatto che abbiano compreso la prima e la seconda guerra mondiale con milioni di morti, come dimostra il fatto che è obbligatorie per l’intero mondo pinagere solo i morti ebrei, i famosi 6 milioni, e non tutti gli altri!

    per quanto riguarda l’Iran e la regione mediorientale e centroasiatico, già nell’1953 , la CIA, l’Intelligence service e il mussad, hanno organizzato un golpe militare contro il leggittimo governo , democraticamente eletto dal Popolo iraniano e presieduto da Mohammad Mosadq, che nazionalizzò il petrolio iraniano tirando fuori dalla gola dei sionistanglosassoni i diritti del Popolo iraniano sulle proprie risorse nazionali, Mosadeq iniziò la sua carriera politica nelle file di liberalnazionali del “fronte nazionale” che sono stati , per molti versi, gli eredi dei rivoluzionari, che dalla fine del 19° all’inizio del 20° secolo, diederò luogo alla “Rivoluzione Costituzionale”.

    Secondo la propaganda sionista , “Israele è il baluardo delle democrazie occidentali nel medioriente” e per questo “va difeso senza condizioni” ma la storia vera e non scritta dai sionisti dimostra che già ai tempi in cui il sionismo entrava appieno nella vita politica occidentale, in un paese come Iran si lottava per la democrzaia e chi agica contro la democrzaia era proprio il sionismo internazionale che poi creò Israele in Palestina.

    Questi Rivoluzionari (Mirza Kochak Khan Jangali, Baqer Khan e Sattar Khan)con la loro Rivoluzione hanno causato la trasformazione dell’Iran, dalla “Monarchia Assoluta” in “Monarchia Costituzionale” , portando i poteri del monarco a livelli simbolici e non rappresentativi della volontà politica del Popolo che per la nuova costituzione, poteva scegliere le rappresentanze politiche; sia a livelli comunali, che quelli nazionali, con libere elezioni politiche ed amministrative democratiche.

    Il padre dello Scià Mohammad Reza Pahlevi, Reza il grande ,aveva espresso la sua opinione politica circa una ulteriore trasformazione dell’Iran ; dalla Monarchia in Repubblica, ma gli alleati(sionistanglosassoni) non hanno dato il tempo né a lui, né alla classe politica iraniana, né tantomeno al Popolo iraniano, di realizzare i propri progetti, perché non hanno voluto prendere il considerazione la Neutralità dichiarato dell’Iran nella II° guera mondiale e con un vile atto unilaterale, hanno invaso l’Iran, destituendo Scià Reza Grande, confinandolo nelle Isole Moriz, sospendendo la Democrazia Iraniana appieno.

    Era in atto una guerra ?
    Ma chi aveva causato quella guerra ?
    Che ruolo hanno avuto i sionisti nella II° guerra mondiale ?

    La storia scritta dai sionisti vuole che risulti che gli aleati sionistanglosassoni hanno vinto la II° guerra grazie al ponte di vittoria quale fu l’Iran, attraverso il quale hanno potuto passare i rifornimenti ai russi per resistere davanti alla armata di Hitler.

    In tutto questo solo l’Iran ponte della vittoria è corretto.

    Il risultato però fu che un intero popolo e nazione; L’Iran, divenne la primissima vittima sacrifcale dei vincitori; al nord dominavano i russi, al sud gli angliamericani, e ad un certo punto l’Iran stava per fare la fine di molte nazioni divisi tra i due blocchi che poi si formarono tra USA e USSR.

    La situazione obbligò gli angloamericani ad affrontare la realtà per cui, un Iran diviso, avrebbe solo dato più potere all’USSR, che con il suo dominio scendeva al di sotto del 34° parrallelo, i Russi precedentemente , nell’1878, avevano derubato l’Iran dell’intero Caucaso(Trattato di Turkmanchai)che fino a questa data apparteneva all’Iran(tutti i 9 paesi del Caucaso e dell’Asia centrale erano dell’Iran), come avevano fatto gli inglesi, potrando via Bahrain e le isole minori del Golfo Persico(anche questi parte del territorio iraniano), dichiarando per loro”‘ indipendenza!”, ma che in realtà diventarono colonnie inglesi come lo sono stati da allora, come né sono diventati per l’USSR gli stati del Caucaso e dell’Asia centrale.

    La figura di Scia Mohammaa Reza Pahlevi per poter evitare la divisione dell’Iran diventò decisivo e gli sionistanglosassoni optarono per la sua ascesa al potere e ci fu subito la guerra contro “i ribelli” comunisti del nord che vennerò massacrati e poi fini anche la storia del dominio Russo sul nord, al quale gli sionistanglosassoni hanno acconsentito la presa dell’Ungheria.

    Scia Mohammad Reza Pahlevi però non fu scelto per essere lasciato regnare indipendentemente, gli sionistanglisasoni non lo lasciarono mai libero nelle sue scelte e quando la società iraniana chiedeva la democrazia ed il rispetto per la costituzione, egli scappò,semplicemente scappò , aspettando che i sionistangloamericani aggiustarono per lui la situzione intera dell’Iran con un golpe militare.

    Molti iraniani furono uccisi, i partiti politici aboliti, democrazia cancellata, petrolio di nuovo sotto il dominio angloamericano………………, e a voi risulta che l’Inghilterra e l’America siano delle democrazia , come lo sarrebeb il regime terrorista e aparthaid di Israele!!!

    Certo la storia scritta dai sionisti ha un personaggio fisso; pinocchio.

    L’Iran diventò cosi una piattaforma militare sionistangloamericano e lo scià il gendarma del Golfo Persico e per 38 anni e visserò tutti felici e contenti, mano che il Poplo iraniano e fino a che il Popolo non si è rotto i cognlioni dal dominio di “mille famiglie” per gran parte giudeobahai=sionisti, che avevano messo su una bella dittatura in Iran.

    Nell’1979 scoppiò la Rivoluzione Khomeinista.

    La Rivoluzione fu, in un certo senso, facilitato dalla “Dottrina Kissinger”
    sulla “cintura Verde” da creare intorno all’USSR in base ai governi islamici, per impedire a questo ogni avanzamento ulteriore, perché l’Afghanistan fu invasò proprio in quei tempi dall’USSR, dal blocco comunista.

    Gli americani credevano di essersi assicurati l’ascesa al potere dei soliti “moderati”(leggi: sottomessi all’occidente, questo è il significato di questo termine quando si parla dei musulmani moderati; esempi sono quasi tutti i paesi arabi), avevano messo su già una rete internazionale intorno ai “mujahedin” di Bin Laden &Co con l’aiuto degli Sciechi arabi, ma il paese chiave; l’Iran non ha corrisposto al progetto a lungo e già nell’1981 Khomeini aveva sistemato i cosiddetti “moderati” nel campo santo di Tehran e delle altre città iraniane ed aveva preso il potere, mentre era in atto una vera e propria guerra di posizione in Afghanistan tra USA e USSR…………………………..

    L’Iran poteva risolvere la situazione afghana ma i wahabiti, i sionisti e gli angloamericani avevano investito troppo sulla presa dell’Afghanistan cosa che si realizzò(ma davvero?) solamente dopo l’11 settembre 2001!

    Cosi iniziò la lotta contro tempo tra il Risveglio Islamico vero basato sulla Rivoluzione Khomeinista, e l’alleanza giudaicoangloamericanowahabita, spinse Saddam ad attaccare l’Iran nell’1982 : vita mia, morte tua e oltre 20 miliardi di petrodollari di finanziamenti, appoggio logistico ed informativa(i famosi Awacs americani che tarsmetevano agli iracheni i movimenti delle truppe iraniane)nonché appoggio politico internazionale che diede la possibilità a Saddam di fare largo uso delle armi chimiche contro gli iraniani………………………., insomma; 8 anni di guerra per cui l’Iran sarebbe dovuto soccombere, o essere “neutralizzato” ,completamente a favore della aleanza sionistanglosassonewahabita!

    Già nell’1985 ai questi banditi internazionali risultò che l’Iran era una realtà geolpolitica molto più complessa per poter far semplicemente parte della “Dottrtina Kissinger” e che di fronte alla dottrina sionista di “Cintura Verde” , l’Iran ha una sua dottrina; “Dotrrina della Rivoluzione Islamica Permanente in base all’Islam Pura.”

    Sono passati tanti anni e la storia di questi anni comprende anche la I° e la II° guerra del Golfo Persico contro l’Iraq come la guerra contro l’Afghanistan, diverse guerra israeliane contro il Libano , per finire con vile attacco sionista contro Gaza.

    Obama oggi sta(dietro al consiglio del gatto e della volpe sionistaanglosassone)prendendo una “decisione importante!”; sta cercando di avvicinarsi all’Iran per dire che cosa ?

    Non so quali saranno i termini e i limiti delle sue offerte, perché di questa si tratta, l’America deve offrire qualcosa all’Iran e non viceversa, per convincere l’Iranm di mantenere(almeno per qualche anno)l’equilibrio che esiste (in apparenza) nel medioriente tra l’alleanza israeloangloamericanowahabitaqaedista ed il Risveglio Islamico e non cercare di avanzare, non so davvero cosa possono offrire o cosa possono fare che fino ad ora non abbiano fatto !

    Natanyahu sta già parlando della guerra all’Iran ma esso è un altro ciarlatano sionista e basta anzi, è peggio di questi che ora governano lo stato terrorista di Israele, che hanno almeno preso visione della realtà che l’attacco israeliano all’Iran= cancellazione di Israele quindi, non so davvero tutto quell’esercito dei sionisti accumulati in Casa Bianca cosa potrà fare per Israele, che in due guerre; quella di 33 giorni contro Libano(Hezbollah) e quest’ultima di 22 giorni contro la Palestina(Hamas)ha scoperto che i suoi sospetti sulla realtà del Risveglio Islamico nella regione come un fortmidabile protagonista, antagonista dei israeloanagloamericanowahabiti, è ormai una grande realtà.

    Non so se voi altri qui siete informati almeno sulle “proposte” delle due parti !?!

    L’America di Obama non pone precondizioni ma ha già dichiarato i capitoli che faranno parte della probaili trattative, ma l’Iran NO!

    L’Iran non tratta con l’America se questo non accetta un serie di condizioni:

    – Cambio totale di atteggiamento e linguaggio e politica con la dichiarazione pubblica che “sul tavolo di Casa Bianca non ci sono più tutte le opzioni di Bush” ovvero; dichiarazione pubblica di fine di stato bellico contro l’Islam vero fedele alla Rivoluzione Khomeinista in tutti i fronti; Iran,Siria,Libano e Palestina.

    – Il ritiro totale dalle terre islamiche del forze occupanti, a partire dall’Iraq, l’Afghannistan, il Libano e la Palestina.

    – Fine dell’appoggio a Israele e alle sue guerre criminali contro le popolazioni civili dei paesi vicini e sostengo a portare gli attuali governanti israeliani davanti al Tribunale Penale Internazionale e la Corte dell’Aja per i crimini commessi dalle autorità politico e militari di Israele a Gaza.

    – Sblocco dei beni iraniani sequestrati da 30 in America e in tutti i paesi occidentali(si tratta di svariati miliardi di dollari).

    – Impegno sollenne del’America e di tutto l’occidente al disarmo nucleare del medioriente e del mondo.

    A quali di suddetti condizioni potrà cedere Obama con tutta la ciurma sionista infilata nella vita politica,economica,finanziaria americana ed occidentale ?

  • mirko1313

    Non puoi proprio fare a meno di risparmiarci i tuoi commenti del cazzo? Dai…

  • GianniC

    Ragioni come la pensi… e la pensi come un seguace.

    Le persone politicamente schierate come te, sono facilmente individuabili.
    Non hanno bisogno d’intelligenza perchè si rifanno a principi, ideali e teorie del movimento in cui si identificano.
    Queste persone non criticano mai un pensiero perchè hanno maturato un’idea differente (perchè non hanno idee proprie), ma lo fanno perchè queste critiche escono fuori dagli schemi preconfezionati in cui sono stati intrappolati dai loro guru strizzacervelli.

  • mirko1313

    ………ma va’?!?

  • pietro200

    sicuramente molto lucido e obiettivo. non come sinemaculacheee?

  • pietro200

    nazistello da strapazzo, ma di cosa parli?
    dove le vedi queste sinistre?
    gia’, forse soffri di debunkite anche tu.

  • pietro200

    ogni tanto ti scappa qualcosa di sensato, eh?

  • myone

    sembra che calchi spesso su fatti chiave la stessa logica del…. pensa un numero, moltiplicalo per 2, togli 7, raddoppia x 3, togli il numero pensato , ti rimane 3. Se poi gli chiedi, ma che numero ho pensato? ……

    Io nella mia marchingegnata mente Usa-il-mossad, ho provato a farmi una congettura mentale sui modi di certe persone e relazionarle fra loro. Gli stessi schemi di critica o analisi, erano ripetuti continuamente, con gli stessi fini o modi.

    Quando sono uscito dallo schema, e sono addentrato nei loro risvolti che non erano analizzati o analizzabili, non essendoci lo schema, vedevo che le analisi dello schema erano fisse, mentre quelle nuove, scombinavano contninuamente gli stessi atti, dando valori e dimensioni diverse.

    Praticamente le cose no sono mai cosi, e anche se lo fossero, si mutano continuamente sotto impulsi che fanno vedere intenti e sfumature diverse, quanto basta per farti cambiare oppinione e vedere che una cosa e’ in un modo e anche in un altro come in tanti altri modi. Il viverla ti fa sapere cosa sia veramente. E acnhe questo e’ soggettivo. Devi stare nel soggettivo oggettivo delle cose dal di dentro, allora capisci veramente le cose che stanno pure fuori. E se fosse cosi, avremmo tutto un altro modo di pensare, non solo il cosi detto bene, ma pure il vero male.

  • virgo_sine_macula

    Hai fatto caso che questa tua critica sugli schemi preconfezionati si attaglia perfettamente anche ad un comunista?Sono le stesse parole che io avrei usato per i comunisti italiani,tu invece le usi per un elettore di destra.Magari abbianmo ragione entrambi

  • virgo_sine_macula

    Ve ne sono a iosa sul sito di commenti assurdi,non so se lo hai notato.

  • paolapisi

    “Obama ha recentemente rivelato che Washington vorrebbe attaccare l’Iran per proteggere Israele”… Lo deve aver rivelato a Petras personalmente in una telefonata priavata, perchè certo in dichiarazioni pubbliche Obama non l’ha mai detto, anzi ha detto proprio l’opposto. Dopo che ci ha ammorbato per 5 annni urlando che Bush stava per attaccare l’Iran, e facendo lodi sperticate ai criminali di guerra del Pentagon che a suo dire si sarebbero opposti ai piani bellicosi di Bush contro gli amati mullah, mo’ Petras ricomincia la solfa con Obama, con il solito nobile disprezzo dei fatti. Obama ha detto un miliardo di volte che bisigna intensificare la guerra in Afghanistan e allargarla al Pakistan, e ha immediatamente fatto seguire alle parole i fatti. Ogni giorno ci sono massacri di civili in bombardamenti in Afghanistan e Pakistan ( ma si sa i bambini afghani non meritiano di vivere e per quelli non protesta nessuno). La Nato ha appena detto apertamente ( http://www.google.com/hostednews/ap/article/ALeqM5i3_ihUM6goqNrPsOOMoTQVRwnTWwD963JNNO5: non che ci fossero dubbi) che bisogna ricorrere all’aiuto dell’Iran per sconfiggere la resistenza afghana, esattamente come hanno fatto in Iraq, e Petras cosa fa di bello? Si inventa non solo intenzioni, ma addirittura inesistenti dichiarazioni di Obama a favore di una guerra contro l’Iran “per proteggere israele”. Non che sia la prima o la seconda volta che Petras dà libero sfogo alla sua fervida fantasia: penso che tutti ci ricordiamo il recente infortunio su HRW, quando Petras si è inventato, con ampi dettagli, che José Miguel Vivanco, il direttore di HRW America espulso dal Venezuela per le critiche mosse a Chavez, era stato un funzionario, propagandista e apologeta del regime di Pinchet. Che HRW sia un’organizzazione filo-imperialista è assodato da tempo, ma il passato filo-Pinochet di Vivanco era una totale menzogna dal vecchio Petras, e anche i siti governativi venenzuelani, che avevano pubblicato i falsi diffamatori di Petras, sono poi stati costretti a pubblicare la smentita di HRW: http://www.venezuelanalysis.com/letter/3868 Quella è stata l’ultima volta che mi sono fidata di qualcosa detto da Petras: anch’io avevo creduto alla fanfaluca di Vivanca funzionario di Pinochet (quando invece ne era stato un oppositore e ne aveva ripetutamente denunciato i crimini), perchè ritenevo che neppure Petras potesse arrivare a inventarsi del tutto una storia simile. Invece ci arriva, eccome se ci arriva… .

    In quanti allo specifico di questo pezzo, è ovvio che Obama, come qualsiasi politico USA che abbia fatto carriera, figuriamci che sia diventato presidente, è filo-israeliano, ma tutta la storia di Obama “catturato” dagli “ebrei” (termime che secondo Petras è equivalente a “sionisti”) è, come minimo, non provata. L’articolo che Petras cita come prova (e che opportunamente non linka) non dice affatto questo: http://www.chicagojewishnews.com/story.htm?sid=212226&id=252218 , ma si limita a riportare testimonianze di ebrei americani favorevoli e cotnrari a Obama. Acuni ebrei sono entusiasticamente favorevoli e altri violentemente contrari. E soprattutto il Chicago Jewish News NON è “un eminente organo di propaganda filo Israeliana”, bensì un oscuro sitino ebraico filo-sionista, poco più di un blog con pochi lettori (alexa traffic rank: 608.280: qualche centinaio di lettori al giorno).

    Non è affatto vero che l’eroe di Petras, il pluricriminale di guerra e fondatore della Trilateral Zbigniew Brzezinski, sia stato marginalizzato da Obama perchè inviso alla lobby ebraica: purtroppo Brzezinski è più che mai sulla breccia. Quello che fa inorridire è che Petras, come al solito, non si faccia alcun problema a lodare uno dei più lerci figuri della storia americana del dopo guerra come Brzezinski, solo perchè questo assassino di massa ha criticato l’influenza della lobby ebraica e vuole buoni rapporti con l’Iran. Che poi questo sia in funzione di un’allargamento del conflitto afgano e di un’estensione della guerra in Pakistan, a Petras non gliene può fottere di meno. Tanto le quotidiane marmellate che gli USA fanno dei bambini afgnai mica servono agli interessi di Israele o degli “ebrei”, e dunque gli USA possono tranquillamente sterminare anche l’ultimo afghano e coinvolgere il pakistan nella guerra: che problema c’è? E del resto sono anni che Petras tesse peana ai massacratori del Pentagono, resposnabili dei milioni di morti iracheni e afghani, perchè si opporrebbero al bombardamento dei siti nucleari iraniani. I morti veri per Petras sono fuffa, a meno che non siano direttamente uccisi da Israele; gli unici che contano sono quelli potenziali iraniani.

    Qualcuno ha scrtto nei commenti che Petras è vetero-marxista. PETRAS MARXISTA???? Il povero Marx si starà rivoltando nella tomba come una trottola. Qualunque sia stato il suo passato, ora Petras non è neppure anti-imperialista, anzi. Petras è solo antiebraico e più volte ha scritto che bisogna combattere la “lobby” in nome degli “interessi nazionali americani”, e cioè in nome di un imperialismo funzionale agli interessi USA e non a quelli di un paese straniero. Petras ha ripetutamente scritto che le guerre mediorientali USA hanno in realtà pregiudicato gli interessi “vitali” delle compagnie petrolifere USA, difendendo così la peggiore plutocrazia capitalista. Non so se Petras ci è o ci fa: probabilmente l’età avanzata e l’ossessione della lobby lo hanno portato a diventare un’apologeta del peggior imperialismo “tradizionale”. Ma, ripetp, qualsiasi sia stato il suo passato e qualsiasi cosa egli pensi di essere, ora Petras non solo non è marxista, ma è diventato soltanto un vecchio reazionario sopravvissuto a se stesso e a un degno passato..

  • reza

    La lettera del giorno |Mercoledi’ 4 Febbraio 2009
    PERCHÉ AHMADINEJAD VUOLE LE SCUSE DELL’AMERICA

    Leggo sul Corriere che il presidente iraniano ha chiesto che Obama domandi scusa per i «crimini Usa degli ultimi sessant’anni», fra i quali la compartecipazione al golpe che rovesciò il primo ministro Mossadeq, «colpevole» di aver nazionalizzato l’industria petrolifera da sempre in mano agli inglesi. Qual è la sua opinione? È vero quello che dice il presidente iraniano? Se è vero, potrà/saprà/dovrà il presidente Obama chiedere scusa?

    Massimo Serventi
    ———————————————————————-

    Caro Serventi,
    Il colpo di Stato di cui parla Ahmadinejad è quello con cui la Cia e i servizi britannici, nel 1953, dettero un contributo decisivo al rovesciamento del governo del primo ministro Mohammed Mossadeq. Per comprendere quegli avvenimenti occorre tornare agli anni della Seconda guerra mondiale, quando l’Iran divenne pedina di un gioco politico ed economico di cui furono protagonisti la Germania hitleriana, l’Unione Sovietica e la Gran Bretagna. Dopo l’invasione tedesca dell’Urss, nella fase in cui era possibile temere che la Wehrmacht giungesse rapidamente al Caucaso e al Caspio, gli inglesi e i sovietici si affrettarono a occupare l’Iran e costrinsero lo Scià Reza Khan ad abdicare in favore del figlio Mohammed Reza Pahlevi. Terminata la guerra, l’Iran divenne di fatto, grazie alla posizione privilegiata dell’Anglo-Iranian Oil Company nell’economia nazionale, un satellite britannico. E la Gran Bretagna fu di conseguenza il nemico contro cui crebbe e si irrobustì da allora il nazionalismo iraniano.
    L’uomo che prese la guida di questi sentimenti nazionali fu un vecchio politico (era nato nel 1881), Mohammed Mossadeq, emotivo, lacrimoso e demagogico, ma capace di trascinare i suoi connazionali nella lotta contro il «colonialismo britannico» e la società petrolifera che ne era l’espressione. Se vorrà avere una buona idea di ciò che accadde in quella fase della politica iraniana, caro Serventi, potrà leggere una buona «Storia dell’Iran 1890-2008» di Farian Sabahi, apparsa ora in una nuova edizione aggiornata presso l’editore Bruno Mondadori. Sabahi ricostruisce bene il clima politico della società iraniana nella fase che precedette la nazionalizzazione dell’Anglo- Iranian, la formazione del governo Mossadeq e la partenza dello Scià Reza Pahlevi per Roma dove trascorse il suo primo, breve esilio.
    Mossadeq aveva molti nemici in patria, e ancora di più riuscì a crearne con lo stile imprevedibile, isterico e sussultorio del suo governo. Ma gli avversari non sarebbero riusciti a sbarazzarsi di lui se il colpo di Stato non fosse stato organizzato e finanziato dall’esterno. Il disegno fu prevalentemente britannico, ma l’operazione fu condotta dalla Cia. Mossadeq venne arrestato e condannato a tre anni di isolamento. Il suo ministro degli Esteri fu giustiziato. Lo Scià tornò in patria e divenne da quel momento il migliore alleato degli Stati Uniti nella regione. È probabile che Mossadeq, come ricorda Farian Sabahi, non avesse le doti necessarie per governare il Paese in quella difficile transizione dalla sudditanza all’indipendenza. Ma la brutale interferenza britannica e americana aprì una ferita nella coscienza nazionale e una forte ostilità, soprattutto negli ambienti religiosi, contro uno Scià che doveva il suo trono agli stranieri. A queste considerazioni occorre aggiungere che nella guerra fra l’Iraq e l’Iran (1980-1988), l’Iraq di Saddam Hussein fu assistito militarmente e finanziariamente dagli Stati Uniti. Quando pretende le scuse dell’America, Ahmadinejad sa di toccare un tasto a cui la maggioranza degli iraniani, anche se contrari al regime degli Ayatollah, sono sensibili.
    Sergio Romano

  • reza

    notizia di pochi minuti fa

    Dopo tutte le anticipazioni dei media americani e quelli occidentali (dietro alle quali c’era di sicuro la pressione dei sionisti) sul nome del “responsabile delle trattative con l’Iran” per conto dell’amministrazione Obama che vedevano il nome di Denis Ross, esponente sionista dello stablishment americano, in testa ad una lista con un solo nome (il suo), finalmente è stato deciso di sciogliere le riserve su questo nome di grande rilevanza politica per il neopresidente americano; è stato scelto Susan Rice, la delegata americana all’ONU.

    Gli Stati Uniti “intendono impegnarsi con Teheran in una diplomazia vigorosa che includa colloqui diretti”. Lo aveva confermato già il neo inviato speciale Susan Rice al termine di un incontro al Palazzo di Vetro con il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon.

    Barack Obama durante campagna elettorale aveva preannunciato un totale cambio di rotta rispetto all’intransigenza dimostrata da George W. Bush: il neopresidente aveva aperto a contatti diretti “senza precondizioni” mentre la precedente amministrazione pretendeva che prima di negoziare l’Iran congelasse le attivita’ di arricchimento dell’uranio.

    Susan Rice ha confermato che “all’inizio i contatti saranno qui a New york con il delegato iraniano presso l’ONU, ma entro breve tempo si sposteranno nel medioriente”.

    L’ex dirigente della CIA Robert Baer, in un’intervista rilasciata a “Inter Press Service” il 26 gennaio 2009, su Denis Ross aveva detto:

    “Dennis Ross ! beh , gli israeliani sono a loro agio con lui. Se un dialogo con l’Iran si verifica, sanno che Ross non li tradirà. I media americani hanno avuto anni e anni di esperienza con Ross lo ebreo, che è stato sempre onesto con gli israeliani, che ha sempre recato benefici ai loro progetti, anche a quelli più folli. Se il dialogo ci sarà, gli israeliani sanno che non avranno sorprese. Se Obama portava invece con se in questa avventura qualcuno nuovo, ad esempio qualche professore di Harvard, che gli israeliani non conoscevano,lo avrebbero immediatamente congelato all’inizio della sua avventura e per lui non ci sarebbero stati grandi possibilità politiche, dall”altra parte, Obama ha bisogno del sostegno del Partito democratico per ottenere queste cose a cui ci tiene attraverso la politica, questo è il motivo per cui egli ha portato con sé gente come Dennis Ross e Denny Blair(il direttore della National Intelligence), per il semplice fatto che ha bisogno di sostegno politico del partito. Obama non può portare le persone non ancora sperimentato ed agire contro il Partito democratico, perché se vi sarà l’apertura con l’Iran per l’America, ci sarà solo grazie ad una consenso di Israele o un suo tacito consenso, o semplicemente perché gli israeliani hanno progetti a lungo termine. Ma dev’essere chiaro che nella politica estera americana, non si può fare nulla in Medio Oriente senza l’approvazione di Tel Aviv, almeno su un certo livello,lo so è quasi impossibile crederci anche per me. Voglio dire, non posso pensare a un paese come il mio che è una superpotenza, che è poi così legato a un piccolo paese come Israele in tutta la sua storia.”

    Domanda!

    Quale è stato il motivo per cui Denis Ross è stato trombato insieme alla lobby sionista e messo fuori dal “dialogo diretto con l’Iran” voluto da Barack obama ?

    Nel mio commento qui in cima alla lista dei commenti, vi avevo anticipato le condizioni poste dall’Iran all’America per dare inizio a qualsiasi contatto.

    Questo è la prima accettata, vedremo come andrà avanti il processo di “dialogo diretto con l’Iran” voluto da Obama “il presidente ebreo”!

  • Tao

    Israeliani e palestinesi seguono, scettici, l’avvicendamento alla Casa Bianca: quale delle due parti sarà avvantaggiata dal cambiamento?

    La Terra Santa osserva da lontano il sogno americano. Israeliani e palestinesi condividono il medesimo scetticismo verso il futuro: i primi temono un cambio di rotta nella tradizionale amicizia di Washington, gli altri restano convinti che neppure un presidente di nome Hussein possa modificare davvero la politica “filosionista” degli Stati Uniti.
    Quale delle due parti sarà favorita dal cambiamento? Un po’ come chiedere a un figlio unico se vuole più bene a mamma o a papà. A nessuno, pare, viene in mente che magari ad essere avvantaggiato dalla rivoluzione a stelle e strisce potrebbe essere il dialogo. Assai meglio accapigliarsi sulle radici musulmane di Barak Hussein Obama o sul “primo presidente ebreo degli Stati Uniti d’America”, come lo definisce il suo ex mentor Abner Mikva, che ricordando i primi anni ’90 in Illinois afferma “lo so da allora, Obama ha un karma yiddish”.
    Oggi però, da ambo le parti, gli entusiasti hanno la meglio: a Rehavia, nella parte ebraica di Gerusalemme, almeno 4 chioschetti dei giornali hanno appeso l’adesivo “jalla Obama”, vai Obama, mentre a Gaza designer creativi si sono prodotti in una tazza benaugurante (nella foto), con il nuovo inquilino della Casa Bianca tra le bandiere americana e palestinese.

    Francesca Paci
    Fonte: http://www.lastampa.it
    Link: http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=18&ID_articolo=171&ID_sezione=10&sezione=
    5.11.2008

  • Egon

    E’ inerente e non all’argomento ma consiglio a tutti due libri: I SIMULACRI e LA PENULTIMA VERITA’ di PHILIP K. DICK

    barack obama è (spero metaforicamente) un simulacro