Azione antitumorale della vitamina C

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

C’è un’ampia bibliografia sull’azione antitumorale della vitamina C. Pionieri in questo campo sono stati il premio nobel per la chimica Pauling e i nostri connazionali Pantellini e Di Bella (quest’ultimo l’ha infatti inserita tra i componenti del suo metodo).
La dose per terapia antineoplastica consigliata in letteratura è di almeno 3-10 grammi al giorno o più, ma bisogna considerare che, a dosi alte, questa vitamina è lassativa. Inoltre, in caso di patologia e di necessità di dosaggio elevato, è da evitare il fai da te ed è bene farsi seguire da un medico di fiducia.

Il fabbisogno medio giornaliero di un adulto sano si aggira in media in 200-300 mg ma, in caso di febbre, influenza, malattie infettive e convalescenza, se ne possono somministrare anche più grammi al giorno senza inconvenienti, anzi con effetti positivi sull’attivazione dell’immunità.
In generale sarebbe preferibile assumere la vitamina C attraverso la frutta e la verdura fresche, anche se è difficile in tal modo raggiungere dosaggi cospicui.
Fonti naturali sono tutti i vegetali ricchi di clorofilla, gli agrumi, i kiwi, le carote crude, i pomodori, la rosa canina, l’acerola e un frutto esotico di piccole dimensioni che si chiama camu-camu.

La vitamina C naturale è più efficace perché naturalmente associata a bioflavonoidi (citrina, esperidina, galangina, rutina, quercetina, picnogenolo ecc) e ad altre molecole che lavorano in sinergia.
È priva degli spiacevoli effetti gastrici e renali propri delle elevate somministrazioni di vitamina C sintetica, inoltre è caratterizzata da un più agevole assorbimento intestinale ed è maggiormente bio-disponibile.
Questo aspetto è importante per la difesa immunitaria perché è dimostrato che i globuli bianchi tendono ad assorbire la vitamina C naturale in quantità circa 4 volte superiore a quella sintetica.

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x