Home / Attualità / Washington è in guerra da 16 anni: perché?

Washington è in guerra da 16 anni: perché?

DI PAUL CRAIG ROBERTS

paulcraigroberts.org

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale.

Considerando le enormi esigenze che non possono essere soddisfatte a causa del massiccio costo di queste guerre, si potrebbe pensare che il popolo americano si chieda lo scopo di queste. Cosa si sta realizzando a questi enormi costi? Le esigenze domestiche sono trascurate in modo che il complesso militare/sicurezza possa ingrassare sui guadagni di guerra.

La mancanza di curiosità da parte del popolo americano, dei media e del Congresso sullo scopo di queste guerre, fondate interamente su menzogne, è straordinaria. Qual è il motivo di tale incredibile disinteresse per lo spreco di soldi e vite?

I cittadini sembrano accettare queste guerre in quanto risposta del governo all’11 settembre. Il che è anche peggio, dato che Iraq, Libia, Siria, Yemen, Afghanistan ed Iran (non ancora attaccato ma minacciato e sanzionato) non hanno nulla a che fare col 9/11. Ma questi paesi sono musulmani, e il regime Bush e i media presstitute sono riusciti ad associare l’11 settembre con gli islamici in generale.

Forse se gli americani e i loro “rappresentanti” al Congresso capissero per cosa si fanno le guerre, forse si opporrebbero. Perciò dirò il motivo della guerra in Siria e della futura in Iran. Pronti?

Ci sono tre ragioni per cui Washington (non l’America ma Washington, che non riflette l’America) fa guerra in Siria. La prima ha a che fare con i profitti del complesso militare.

Quest’ultimo è una combinazione di potenti interessi privati e governativi che necessitano di una minaccia per giustificare un budget che supera il PIL di molti paesi. La guerra svolge questo compito, e per essa si stanziano enormi somme pagate dai contribuenti, che sono vent’anni che vedono salire i propri debiti.

La seconda ragione ha a che fare con l’ideologia neocon dell’egemonia mondiale americana. Secondo i neoconservatori, che sono tutto tranne che conservatori, il crollo del comunismo e del socialismo significa che la Storia ha scelto il “capitalismo democratico”, che non è né democratico né capitalistico, come il sistema socioeconomico-politico mondiale: è dunque responsabilità di Washington imporre l’americanismo in tutto il mondo. Paesi come la Russia, la Cina, la Siria e l’Iran, che respingono l’egemonia americana, devono essere destabilizzati in quanto ostacoli all’unilateralismo yankee.

La terza ragione ha a che fare col fatto che Israele ha bisogno delle risorse idriche del Libano meridionale. Due volte Israele ha inviato l’esercito ad occupare quella regione e per due volte è stato cacciato dagli Hezbollah, milizia sostenuta da Siria e Iran.

Per dirla tutta, Gerusalemme sta usando l’America per eliminare i governi siriano e iraniano, che forniscono sostegno militare ed economico agli Hezbollah. Se i fornitori di Hezbollah venissero eliminati dagli americani, gli israeliani potrebbero occupare il sud del Libano, proprio come hanno fatto con la Palestina e parti della Siria.

Ecco i fatti: per 16 anni l’insopportabile popolo americano ha consentito al governo corrotto di Washington di buttare trilioni di dollari necessari a livello nazionale, ma assegnati ai profitti del complesso militare, al servizio dei neocon e di Israele.

La democrazia americana è chiaramente una farsa. Serve tutti, tranne gli americani.

Quali saranno le probabili conseguenze?

Il best case scenario è povertà per tutti, il peggiore è l’armageddon nucleare.

Washington ignora totalmente alcuni fatti incontrovertibili.

L’interesse di Israele a rovesciare Siria ed Iran è totalmente incompatibile con l’interesse russo di impedire l’invasione del jihadismo nel proprio paese ed in Asia centrale. Di conseguenza, Israele ha messo gli U.S.A. in diretto conflitto militare con Putin.

Gli interessi finanziari del military/security complex americano di circondare la Russia con siti missilistici sono incompatibili con la sovranità di quel paese, così come lo è l’enfasi neocon sull’egemonia mondiale statunitense.

Trump non controlla Washington. Il complesso citato (vedasi il discorso di Eisenhower), la lobby israeliana ed i neocon sì. Questi tre gruppi sovrastano il popolo americano, privo di voce in capitolo.

Tutti i parlamentari che hanno parlato male di Israele sono stati sconfitti nella loro campagna di rielezione. Questo è il motivo per cui se Israele vuole qualcosa, questa passa all’unanimità al Congresso. Come pubblicamente dichiarato dall’ammiraglio Tom Moorer, capo delle operazioni navali e chairman dei Joint Chiefs of Staff: “Nessun presidente americano può andar contro Israele”. Israele ottiene ciò che vuole, a prescindere dalle conseguenze per l’America.

L’ammiraglio Moorer aveva ragione. Gli Stati Uniti ogni anno danno ad Israele abbastanza soldi per acquistarne il governo. E quelli lo fanno. Il governo americano risponde molto più ad Israele che al proprio popolo. I voti di Camera e Senato lo dimostrano.

Incapace di resistere ad un paese minuscolo, Washington pensa di poter travolgere Russia e Cina. Continuare a provocarle è evidente segno di demenza. Invece di intelligenza vediamo hybris e arroganza, segni distintivi degli stupidi.

Il pianeta ha invece bisogno di leader occidentali intelligenti, con coscienza morale, che rispettino la verità e che comprendano i limiti del proprio potere.

Paul Craig Roberts

Fonte: http://www.paulcraigroberts.org

Link: http://www.paulcraigroberts.org/2017/06/29/washington-war-16-years/

29.06.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Pubblicato da Davide

  • televisione falsa

    forza yellowstone esplodi e liberaci dal male USA

    • VanderZande

      A ‘sto povero supervulcano ormai gli fischiano le orecchie. Ma non si decide proprio a farsi una bella ruttata. Propongo una bella gita, e poi ci metiamo tutti a saltare come matti, Hi hi hi hi hi…..

  • L’ultima frase dell’articolo originale è “But the Western World has no such people”, cioè “Ma nel Mondo Occidentale non cè alcun leader del genere”.

  • Annibale Mantovan

    Azzz…Israele sta diventando la cartina di tornasole della cultura ebraica, fossi un rabbino qualche pensiero negativo mi verrebbe!

  • Zerco

    per la verità Washington è in guerra da 78 anni

    • Hito

      Prima avevano da fare col genocidio dei nativi e con lo schiavismo (nella distinzione tra nativi = selvaggi da educare e neri = animali da soggiogare fu decisiva la chiesa) -.-

    • VanderZande

      Gli Ulcerosi Stati dell’ Amerdica sono in guerra da quando sono nati e lo saranno fino al momento in cui non verranno finalmente annientati.

      • milly

        se i coreani non scherzano avranno la prima vera guerra in casa loro, saggeranno il sapore di quello che vanno a seminare in casa d’altri

        • VanderZande

          La Corea non e’ assolutamente in grado di far arrivare missili sul territorio americano. Non so da dove ti viene quest’idea. Cerca di non prendere la propaganda americana troppo su serio.

  • PietroGE

    PCR si è risposto dal solo. Dov’è, infatti, l’interesse americano in tutte le guerre condotte negli ultimi 16 anni? Non esiste. Non c’è interesse economico, strategico o commerciale, è semplicemente la servitù alla lobby giudaica che fa gli interessi di Israele negli USA.
    Sarebbe interessante approfondire la questione e vedere in dettaglio come questa lobby è riuscita a conquistare una posizione di predominio nella vita pubblica americana e a gestire la sua politica estera. Oddio, a ben guardare, anche in Francia la guerra alla Libia la ha decisa la lobby giudaica, la stessa che ha poi imposto il portavoce dei Rotschild come presidente.
    Da notare come la posizione della lobby è cambiata dai tempi della guerra in Vietnam, dove non c’erano interessi israeliani in gioco. Al tempo erano tutti pacifisti, oggi spingono tutti per la guerra contro l’Iran.

    • Pfefferminz

      Secondo lo storico svizzero Daniele Ganser, autore del libro “Illegale Kriege” (“Guerre Illegali”), il motivo delle guerre nel Medio Oriente sarebbe il petrolio, materia prima della quale l’Occidente non puo’ assolutamente fare a meno.

    • milly

      hai confermato alcune mie conclusioni

      • PietroGE

        I giudei hanno provato a farlo in prima persona nel Libano del Sud, Hanno preso tante di quelle legnate che scappavano come conigli di fronte alla Hisbollah. Ora ci sono i soldati italiani a fare da cuscinetto tra i due. Il problema giudaico è che siccome loro si sentono “eletti ” da Dio non possono accettare perdite, e quindi mandano sempre qualcun altro a fare la guerra per loro.

  • Hito

    Se c’è un corrotto da qualche parte ci deve essere anche un corruttore… questa logica non appartiene certo alla popolazione USA visto l’amore per Obama ed il dubbio non li sfiora nonostante guadagni per un solo discorso pubblico più che in un anno da presidente.

  • Tizio8020

    “Il pianeta ha invece bisogno di leader occidentali intelligenti, con
    coscienza morale, che rispettino la verità e che comprendano i limiti
    del proprio potere.”
    Due come Hitler e Stalin, tanto per far due nomi.
    Sarebbero certamente migliori di questa gentaglia!!!!
    Io ho il dubbio che gli “americani” nemmeno se lo pongano, il problema.

    • Lizzie

      Hai scelto proprio due giganti della saggezza! 🙂

  • Riccardo

    Ciò che ritengo più grave è che i popoli dei Paesi che appartengono al blocco occidentale non sono riusciti ad opporsi a tutto questo, abbiamo accettato, proni, tutto ciò che i media ci hanno propinato considerandolo realistico e conforme verità . e di fatto patrocinato queste guerre sanguinarie. Durante la prima guerra mondiale nacquero movimenti antimilitaristi, ci fu una presa di coscienza estesa, vero che la chiamata alle armi era rivolta a tutti ma almeno era presente una consapevolezza di base, che fosse ideologica o opportunistica poco importa, oggi invece con tutti i mezzi di informazione alternativa che esistono, che potrebbero aprire una breccia in questo muro di bugie il potere non paventa nulla e continua, odiosamente, a mistificarci

    • Lizzie

      Noi siamo legati da una moneta, che per alcuni versi funziona meglio delle catene. 🙂

  • Flavio Bosio

    Se non ci fossero gli americani, bisognerebbe inventarseli….

    http://www.analisidifesa.it/2015/11/export-militare-russo-da-record-nel-2015/

    • milly

      ci hanno già pensato gli ebrei, per loro uso e consumo

  • enzo

    Ancora prima degli USA l’impero Britannico era in continua guerra in ogni parte del globo e che forse l’Impero Romano ebbe qualche anno senza guerre ? Qualunque Impero esiste proprio perchè combatte senza sosta e vince, questo giammai per scusare gli USA ma per non deviare dalla ricerca delle cause e responsabilità. Attualmente gli USA sono ostaggio di israele per ovvi motivi che nulla hanno a che fare con la difesa della democrazia o la comune fratellanza ma sono esclusivamente motivi di dipendenza monetaria. E’ mai possibili che i presidenti della FED siano sempre ebrei ? Gli ebrei hanno inventato la moneta a debito e l’usura e ne detengono il monopolio mondiale comprando e corrompendo chiunque, se si vuole rompere questa dipendenza l’unica soluzione è eliminare la moneta a debito e l’usura.

    • Truman

      Le cose mi risultano un poco più complesse. L’impero romano ebbe discreti periodi senza guerre, ad esempio l’imperatore Adriano si limitò a rinforzare i confini dell’impero, spesso con la tecnica dello stato-cuscinetto, altre volte con strutture fisiche (es. il Vallo adriano). L’unico intervento militare di rilievo fu in Palestina, dove c’era stata una violenta ribellione.

    • milly

      un altro modo è concludere che il dio che gli ebrei si sono inventati era per uno scopo, imprimere paura e sottomissione, la conclusione è niente dio, niente popolo eletto e nessun diritto a questo popolo “autoelettosi” a sottomettere il mondo con la loro usura, sta anche a noi svegliarci

    • Lupis Tana

      o gli ebbri.

  • virgilio

    PCR aggiornati gli USA hanno 241 di vita e sono 242 che sono in guerra!!!

    • Lupis Tana

      han fatto più guerre gli u-s-e-i che tutto il mondo messo assieme…
      basterebbe un bombone per farli smettere per sempre. t l

  • AlbertoConti

    Se è tutto vero, un paese artificiale con metà degli ebrei di tutto il mondo, cioè con un millesimo circa della popolazione mondiale, riesce nel ruolo di guerrafondaio globale mettendo l’umanità intera a serio rischio di olocausto nucleare. Il tutto sfruttando la gran cassa degli USA, la più finta democrazia e la più grande potenza distruttrice del pianeta.
    In tal caso, secondo la logica vulcaniana, per il bene della stragrande maggioranza degli umani lo stato d’israele dovrebbe essere sciolto, con una bella diaspora 2.0.
    Ma forse all’epoca di Star Treak non ci arriveremo mai.

    • fastidioso

      nell’acido ?

    • Tipheus

      Basterebbe che quello che fanno le banche private cominciassero a farlo gli stati: battere moneta. Il potere usuraio si liquefarebbe dall’oggi al domani. A quel punto Israele avrebbe la forza della Campania. E in 10 anni sarebbe travolta dalla marea araba. Il punto è che poi tornano da noi e ricominciano. O ci riprovano. Ma, se togliamo loro l’emissione della moneta, diventano una simpatica comunità di “diasporati”, come gli armeni o i rom. Nulla di più. Il punto è che queste cose le possiamo dire solo sotto pseudonimo su CdC. Se le diciamo in Italia liberamente, come minimo perdiamo il posto di lavoro.

      • milly

        se abbiamo la forza di smascherare la loro menzogna chiamata dio che hanno usato per riempirci di terrore per sottometterci ,potremmo anche mandarli al diavolo e condannarli per usura e plagio, chiunque abbia messo i bastoni tra le ruote agli ebrei che stampavano moneta è sempre finito ucciso, l’unica strada è smascherarli nella loro menzogna. nessun dio, nessun popolo “auto eletto” nessuno che ha il diritto di sottometterci con l’usura, ma solo crimini di plagio e sfruttamento.

        • Tipheus

          Lo vedi? Esageri. Che c’entra Dio? Vuoi vedere che la buonanima di Plotino che parlava dell’Uno apparteneva al complotto ebraico? E pure Cicerone? E Confucio dove lo metti? Perdonami, io sono più terra terra. Non ci arrivo a queste finezze. Qualunque sia il tuo problema con le religioni, lascia perdere. E’ più semplice. Ci sono 4 famiglie ebraiche che battono moneta per tutto il mondo la prestano a usura e con questa controllano il mondo. Tutto il resto è conseguenza.

        • Tipheus

          Per inciso, loro hanno perso da secoli la fede in Dio. Hanno una specie di fede atea. Se proprio adorano qualcosa di trascendente, secondo me adorano il Male, il Demonio. Ai massimi livelli l’ebraismo è questo. Poi c’è la signora tal dei tali, che conosco, beghina che va dal rabbino in sinagoga come le nostre vecchiette vanno in chiesa, poveretta. Ma lei è pura, non c’entra. E poi non sono nemmeno veri Ebrei. Gli Israeliti moderni teologicamente non hanno nulla a che vedere o quasi con gli antichi Ebrei. Hanno persino un nuovo testamento ebraico, il Talmud, che non c’era nel vecchio testamento (che pure hanno potato qua e là, la Torah è meno della metà del nostro antico testamento, ed è stata pure riscritta in tutti i passaggi in cui si accennava a Cristo).. E che bel libro, il Talmud, ve ne raccomando la lettura… La storia dei “fratelli maggiori” è una bufala sionista, alla quale si piegò Giovanni Paolo II, accelerando la deriva protestante ed ebraizzante della Chiesa cattolica, già iniziata con il Concilio Ecumenico Vaticano II.

          • alexfaro

            NO loro adorano un solo Dio,questo:$!
            un saluto
            Alexfaro

    • milly

      la diaspora è come la gramigna più la estirpi e più cresce, il segreto è smettere di credere all’esistenza del dio che loro si sono inventati, gli serviva un pretesto per essere al di sopra delle cose e sottomettere e schiavizzare tutti esercitando l’usura, loro i nababbi e noi gli schiavi, nessun dio, nessun popolo “auto eletto”, e nessuno al quale permettere di schiavizzarci, ma solo criminali altrimenti faranno sempre le vittime, bisogna smascherare il loro imbroglio.

  • milly

    Beh tutto in linea con il programma, la massoneria che è la maschera degli ebrei (giusto?) ha creato l’america la quale sta facendo gli interessi degli ebrei e di Israele, l’america non è altro che un paese marionetta che deve sporcarsi di sangue al posto di Israele.

  • alexfaro

    A mio parere Paoletto non sa nemmeno contare,perchè gli USA,sono in guerra NON da soli 16 anni,ma da molto di più,infatti,propenderei x l’anno 1983,l’inizio della guerra infinita,degli USA contro il mondo intero,quando presidente Ronald Reagan,gli USA invasero l’isoletta di Grenada(bello sforzo!)difesa da ben 700 operai e non militari Cubani,con il tiepido appoggio della striminzita polizia Grenadese.
    Quindi ricapitolando:
    1983/2017 = anni quasi 34 del cd dopo Vietnam ovviamente!
    un saluto
    Alexfaro