Venti e più stati repubblicani si oppongono duramente a Biden

Decine di governatori repubblicani e procuratori generali hanno criticato duramente le nuove regole sui vaccini Covid annunciate da Joe Biden, che hanno definito “oltraggiose” e che costringerebbero le aziende statunitensi a richiedere la vaccinazione o il test per milioni di dipendenti.

 

Raymond Wolfe – LifeSiteNews – 10 settembre 2021

 

Oltre 20 stati a guida repubblicana hanno annunciato che potrebbero intraprendere azioni legali per bloccare gli obblighi vaccinali contro la Covid-19 decisi dall’amministrazione Biden per decine di milioni di lavoratori americani del settore privato.

Decine di governatori repubblicani e procuratori generali degli stati hanno subito attaccato le nuove regole Covid-19 annunciate da Joe Biden in un discorso di ieri, che includono un decreto per costringere le imprese americane con più di 100 dipendenti a richiedere ai lavoratori la vaccinazione contro il coronavirus o a sottoporsi a test settimanali.

Tale norma, che deve ancora essere formalizzata, passerà attraverso l’Office of Safety and Health Administration (OSHA) del Dipartimento del Lavoro, ha detto Biden, e per ogni violazione comporta una multa di 14.000 dollari. Biden ha anche annunciato che renderà obbligatoria la vaccinazione, senza possibilità di test, per tutti i dipendenti federali, gli appaltatori federali, gli operatori sanitari delle strutture che accettano finanziamenti Medicare o Medicaid, e 300.000 educatori del programma federale Head Start.

La decisione è stata quasi unanimemente criticata dai leader conservatori di tutto il paese.

Quando si ha un presidente come Biden che emette editti incostituzionali contro il popolo americano, abbiamo la responsabilità di difendere la Costituzione e di combattere ed è quello che stiamo facendo qui in Florida“, ha detto venerdì il governatore della Florida Ron DeSantis. “Questo è un presidente che ha riconosciuto in passato di non avere l’autorità di imporre ciò a chicchessia, e questo provvedimento comporterebbe potenzialmente la perdita del lavoro per milioni di americani“.

Anche il Texas ha minacciato di agire; il governatore Greg Abbott ha twittato ieri che “il Texas sta già lavorando per fermare questa usurpazione di potere“. Il procuratore generale dello stato, Ken Paxton, ha affermato che il Texas ha intenzione di citare in giudizio l’amministrazione Biden “molto presto“.

Porterò presto in tribunale questa disastrosa amministrazione.

I governatori e i procuratori generali di quasi tutti gli stati a guida repubblicana hanno fatto commenti simili; il governatore del Montana Greg Gianforte ha definito i nuovi mandati dell’amministrazione Biden “grossolana invasione federale” e “illegale in Montana“.

L’OSHA non può dettare le decisioni personali di assistenza sanitaria per gli abitanti del Missouri“, si legge in una dichiarazione dell’ufficio del governatore del Missouri Mike Parson venerdì. “Il Missouri non è sotto un piano statale OSHA, e Parson non permetterà che i dipendenti statali siano usati per far rispettare questa azione incostituzionale“.

Joe Biden non ha l’autorità legale per imporre i vaccini Covid a milioni di americani. La sua proposta è illegale e di portata storica. Stiamo avviando le azioni legali“, ha promesso oggi anche il procuratore generale del Missouri Eric Schmitt, facendo eco ai commenti dei procuratori generali di Arizona, Kansas, Louisiana, Arkansas, Oklahoma e Utah.

Quando Biden ha iniziato le sue osservazioni ieri sera, il governatore della Carolina del Sud Henry McMaster ha persino giurato di combattere il presidente e i suoi colleghi “democratici radicali” “fino alle porte dell’inferno“. Il governatore dell’Alaska Mike Dunleavy ha descritto le “inapplicabili” regole dell’amministrazione sui vaccini  come “un caso per il 25° emendamento“.

Sotto il presidente Biden il Sogno americano è diventato un incubo.

I governatori repubblicani hanno preso di mira soprattutto la dichiarazione di Biden di giovedì scorso che avrebbe usato il suo “potere di presidente” per mandare “fuori dai piedi” i governatori che si oppongono agli obblighi Covid-19.

Bisogna rammentare alla Casa Bianca che gli stati hanno creato il governo federale, non il contrario“, ha detto Doug Burgum, il governatore del Nord Dakota, che ha proposto di “intraprendere una battaglia legale contro questi obblighi“.

I governatori non rispondono a Joe Biden. I governatori non riferiscono al governo federale, gli stati hanno creato il governo federale, e Joe Biden è andato oltre le sue competenze“, ha detto allo stesso modo il governatore dell’Arizona Doug Ducey. “Questi obblighi sono oltraggiosi. Non reggeranno mai in tribunale. Dobbiamo opporci e lo faremo“.

Quante imprese perderanno dipendenti?“, ha chiesto.

Gli altri governatori che hanno esplicitamente annunciato possibili azioni legali contro il regime di Biden sono: il governatore della Georgia Brian Kemp, il governatore dell’Idaho Brad Little, il governatore del Mississippi Tate Reeves, il governatore dell’Ohio Ron DeWine, il governatore del Nebraska Pete Ricketts, il governatore del Sud Dakota Kristi Noem e il governatore del Wyoming Mark Gordon.

I principali leader statali repubblicani hanno riferito di aver iniziato a lavorare insieme anche contro l’ultimo piano Covid-19 di Biden. “Una conferenza telefonica con i governatori repubblicani si è appena conclusa“, ha dichiarato oggi il governatore Kay Ivey dell’Alabama. “Il presidente Biden ha esagerato con questi nuovi obblighi e noi siamo uniti nel combattere. Sto collaborando con i miei colleghi conservatori in tutto il paese in questa lotta“.

I procuratori generali degli stati pare stiano sviluppando una coalizione simile, ha detto giovedì il procuratore generale dell’Indiana Todd Rokita. “Il mio team e io, insieme ad altri procuratori generali che la pensano come me, stiamo esaminando tutte le iniziative legali su come opporsi a queste azioni autoritarie dell’amministrazione Biden“, ha dichiarato Rokita.

Anche il Comitato Nazionale Repubblicano farà causaper proteggere gli americani e le loro libertà” se i decreti proposti dall’amministrazione entreranno in vigore, secondo la presidente Ronna McDaniel.

Joe Biden ha risposto alle minacce di azioni legali venerdì, dicendo che è “deluso” dai governatori sfiduciati e dicendo loro di “provarci”.

Questi obblighi federali senza precedenti di Biden sui vaccini contraddicono sfacciatamente numerose affermazioni passate della Casa Bianca in base alle quali non avrebbe tentato di rendere obbligatoria la vaccinazione contro il coronavirus. “Non penso che dovrebbe essere obbligatoria, non pretenderei che fosse obbligatoria“, aveva dichiarato Biden l’anno scorso.

Ha mentito“, ha twittato il leader della minoranza della Camera Rep. Kevin McCarthy (R-CA).

L’inversione di tendenza arriva anche nel bel mezzo di un’efficacia dei vaccini in forte calo, scarsità di lavoratori a causa degli obblighi vaccinali per la Covid, e diverse crisi estere e interne per l’amministrazione Biden, come l’inflazione a livelli record e il disastroso ritiro dall’Afghanistan.

 

Fonte: https://www.lifesitenews.com/news/over-20-republican-states-exploring-lawsuits-against-bidens-illegal-vaccine-mandates/?utm_source=featured&utm_campaign=usa

Traduzione di Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
42 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
42
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x