Vaccini Covid e riduzione degli spermatozoi: lo studio

I vaccini Covid-19 Pfizer alterano temporaneamente la concentrazione di sperma e la conta mobile totale tra i donatori di seme.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Un confronto multicentrico longitudinale retrospettivo rivela una riduzione temporanea della concentrazione di spermatozoi 3 mesi dopo la vaccinazione con BNT162b2 (Pfizer) e un successivo recupero. Il volume e la motilità dello sperma rimangono stabili.

Lo sviluppo delle vaccinazioni contro il Covid-19 rappresenta un notevole risultato scientifico. Tuttavia, sono state sollevate preoccupazioni riguardo al loro possibile impatto negativo sulla fertilità maschile. Una equipe di ricercatori guidata da Itai Gat ha preso in esame 37 donatori di sperma (SD) provenienti da tre banche del seme che hanno fornito 220 campioni, includendo questi ultimi in uno studio di coorte multicentrico longitudinale retrospettivo. La vaccinazione Pfizer includeva due dosi e il completamento della vaccinazione era programmato 7 giorni dopo la seconda dose.

Lo studio comprendeva quattro fasi: T0 – controllo basale pre-vaccinazione, che comprendeva 1–2 campioni iniziali per SD; T1, T2 e T3: valutazioni rispettivamente a breve, medio e lungo termine. Ciascuno includeva 1–3 campioni di sperma per donatore forniti rispettivamente 15–45, 75-120 e oltre 150 giorni dopo il completamento della vaccinazione. Gli endpoint primari erano i parametri dello sperma. Sono state condotte tre analisi statistiche: 1) modello generalizzato di equazioni stimate; 2) il primo campione e 3) la media dei campioni di ciascun donatore per periodo sono stati confrontati con T0.

Le misurazioni ripetitive hanno rivelato una diminuzione della concentrazione spermatica del -15,4% su T2 (CI -25,5%–3,9%, p = 0,01) portando a una riduzione della conta mobile totale del 22,1% (CI -35% – -6,6%, p = 0,007) rispetto a T0. Allo stesso modo, l’analisi del solo primo campione di sperma e la media dei campioni per donatore ha portato a una riduzione della concentrazione e del TMC su T2 rispetto a T0 – declino mediano rispettivamente di 12 milioni/ml e 31 milioni di spermatozoi mobili, rispettivamente (p = 0,02 e 0,002) al primo valutazione del campione e declino mediano di 9,5 × 10 6 e 27,3 milioni di spermatozoi mobili (p = 0,004 e 0,003, rispettivamente) sull’esame medio dei campioni. La valutazione T3 ha dimostrato un recupero generale. Il volume e la motilità degli spermatozoi non sono stati alterati.

Questo studio longitudinale incentrato sulla SD dimostra la concentrazione temporanea selettiva degli spermatozoi e il deterioramento della TMC tre mesi dopo la vaccinazione, seguiti da un successivo recupero verificato da diverse analisi statistiche.

La risposta immunitaria sistemica dopo il vaccino Pfizer è una causa ragionevole per la concentrazione spermatica transitoria e il declino del TMC. La prognosi a lungo termine rimane buona.

Fonte articolo: https://www.meteoweb.eu/2022/06/vaccini-covid-spermatozoi/1807163/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix