Home / Attualità / Una svolta nel caso dell’incidente del MH17: in Occidente si confida nella versione di Putin

Una svolta nel caso dell’incidente del MH17: in Occidente si confida nella versione di Putin

 

FONTE: INFOREACTOR.RU

Mentre i Paesi Bassi continuano a rimanere in silenzio riguardo alle indagini relative al disastro del Boeing malese 777 del volo MH17, su internet in lingua tedesca si è acceso un dibattito sulle cause della tragedia. Questo è quanto viene riportato da una pubblicazione su “Russkaya vesna” (Primavera Russa).

La discussione ha avuto inizio da un certo Florian Rötzer, pubblicista con una laurea nel campo della “teoria ed etica dei media”. Egli ha espresso sconcerto per il riserbo della procura olandese e di varie agenzie d’intelligence, compresa quella degli Stati Uniti, che continuano a tener segrete le informazioni in loro possesso sulla catastrofe del volo di linea nel cielo del Donbass.

Rötzer ha ricordato che il regista americano Oliver Stone nel suo libro “Intervista con Vladimir Putin” ha riportato le parole del leader russo, secondo il quale, per la catastrofe del “Boeing” in Ucraina, si doveva valutare il controllore di volo di “origine spagnola”, che nelle vicinanze (del Boeing 777 n.d.r.) vide un aereo da combattimento.

I dubbi dei blogger tedeschi hanno richiamato le attività del Joint Investigative Team (JIT), il cui personale ha studiato 126 campioni di residui esplosivi. Uno dei blogger, citando il testo dell’indagine, ha scritto che esplosivi come il TNT e PETN rilevati sul relitto dell’aereo non sono caratteristici dei missili “Buk”.

In effetti, durante la costruzione del razzo, viene utilizzata un’altra sostanza: il RDX. Ancora più sconcerto, tra gli utenti del sito tedesco, per il fatto che nella cabina di pilotaggio dell’aereo e sui corpi dei piloti, in particolare, sono state rinvenute sostanze (esplosive n.d.r.) non pertinenti al “Buk”.

Di conseguenza, nonostante tutte le dichiarazioni ufficiali dei paesi occidentali, Rötzer è giunto a un’altra conclusione; la presenza di sostanze esplosive estranee inducono all’ipotesi secondo la quale il volo MH17 sarebbe stato abbattuto da un aereo militare ucraino. In sostanza, quanto espresso da Vladimir Putin nell’intervista a Oliver Stone. In tal modo, per il pubblico occidentale, la versione del presidente russo appare molto più convincente da ciò che viene sostenuto dalla commissione d’inchiesta internazionale.

 

Fonte: https://inforeactor.ru/

Link:  https://inforeactor.ru/102140-razvorot-v-dele-o-krushenii-mh17-na-zapade-poverili-v-teoriyu-putina

15.09,2017

 

Scelto e tradotto per comedonchisciotte.org  da Eliseo Bertolasi

 

 

 

 

Pubblicato da Davide

4 Commenti

  1. Il silenzio su questa triste vicenda è calato proprio per questo motivo.
    I responsabili di quella tragedia – ma sarebbe più corretto chiamarla “omicidio di massa”/”carneficina” – siedono a Kiev, tra la giunta golpista filonazista tanto amata dagli Usa (che l’ha installata tramite un Colpo di Stato che ha abbattuto un governo DEMOCRATICAMENTE eletto) e ossequiata dai servi scodinzolanti europei, Paesi Bassi inclusi che da quell’abbattimento hanno avuto il più alto numero di morti.

  2. Viviamo in un enorme teatro, da quando David Copperfield ha dimostrato che si può ingannare la gente facendo sparire la statua della libertà, la coreografia del terrorismo internazionale ha fatto passi da gigante.

    Riguardo al MH17, l’attenzione dei mainstream si è subito concentrata sul “chi” e, come diceva Silvan (oggi sono in vena di citazioni prestidigitadotte 🙂 ) “quando ti mostro una mano, con l’altra ti sto imbrogliando” o giù di lì, il concetto comunque è quello.

    E infatti, quando il mainstream si concentra all’unisono su un punto, è per sviare l’attenzione da altro.

    Nella fattispecie, noi diamo per scontato che l’aereo sia caduto (tralasciamo il come), che era pieno di malcapitati viaggiatori che, purtroppo, sono tutti morti, pace all’anima loro.

    Ma sarà vero?

    Voglio dire, è vero che l’aereo si è schiantato (guarda caso non è sprofondato interamente nel terreno come il volo UA 93 del 9/11, neanche si è disintegrato interamente nella caduta, come il Germanwings 9525 e, guarda caso, non si sono polverizzati neanche i motori, come purtroppo accadde all’aereo che colpì il Pentagono) ma pensiamo di sapere veramente chi c’era in quell’aereo?

    Ci sono dei filmati estremamente chiari di testimoni che sono accorsi sul posto subito dopo lo schianto e che hanno ripreso e fotografato la scena, compresi i corpi delle povere vittime, si trovano sul tubo, ma non è facilissimo scovarli.

    Uno di questi, realizzato da una tv tedesca, intervista una donna ucraina che si è recata sul posto circa 20 minuti dopo lo schianto ed ha fatto una marea di fotografie, durante l’intervista ne vengono mostrate alcune e commentate dalla testimone.

    L’intervista è in russo, nel filmato che mostro ci sono i sottotitoli in tedesco, ma dal filmato originale sono stati edulcorate le scene più “cruente”, con la solita sfocatura, io lo vidi appena uscito ed era ancora “nature”, comunque riporta l’intervista completa, se qualcuno conosce una di queste due lingue potrà capire di cosa si parla, non affidatevi ai sottotioli perché sono orribili https://www.youtube.com/watch?v=GsaTbESZ15g&t=11s

    In quest’altro (lo stesso filmato, ripreso da una emittente russa) si vedono, invece, ancora gli spezzoni non schermati, dal minuto 5.00 in poi https://www.youtube.com/watch?v=AfDpyAAMyQQ .

    Cercando bene, si trova altro materiale ma, se la cosa vi interessa, vi consiglio di scaricarveli quando li trovate, perché hanno la pessima abitudine a scomparire, i filmati scomodi.

    Non notate niente di strano in quei corpi?
    La domanda principe, anche se non certo l’unica, è: dov’è il sangue?
    Ad ognuno, la risposta

  3. A parte le analisi degli esplosivi, ci sono anche foto del relitto che mostrano segni di mitragliamento (cosa possibile solo da parte di un caccia militare, come qurllo ucraino che seguiva il volo di linea)

  4. Se mi dicessero: “per il bene del blocco NATO nel quale viviamo dobbiamo tradire, uccidere, bombardare, invadere, così continueremo ad avere l’egemonia”, per assurdo, potrei anche essere d’accordo. Ma questo continuo voler ingannare, ipnotizzare, approfittarsi del nostro buon cuore per portarci ad appoggiare meschinità criminali, mi fa diventare pazzo.