“Un traditore in meno”: Zelensky dirige una campagna di omicidi, rapimenti e torture nei confronti dell’opposizione politica

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Di Max Blumenthal ed Esha Krishaswami, thegrayzone.com

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha definito la guerra del suo paese contro la Russia una battaglia per la democrazia stessa. In un discorso attentamente orchestrato al Congresso degli Stati Uniti il 16 marzo, Zelensky ha dichiarato: «Ora il destino del nostro paese è stato deciso. Il destino del nostro popolo, se gli ucraini saranno liberi, saranno in grado di preservare la loro democrazia».

I media aziendali statunitensi hanno risposto inondando Zelensky di pubblicazioni lusinghiere, lanciando una campagna per farlo nominare per il Premio Nobel per la pace e ispirando gli organizzatori a ostentare il supporto musicale per lui e l’esercito ucraino durante i Grammy Awards 2022 il 3 aprile.

I media occidentali stanno guardando dall’altra parte, tuttavia, poiché Zelensky e alti funzionari della sua amministrazione hanno sanzionato una campagna di rapimento, tortura e uccisione di parlamentari ucraini locali accusati di collaborare con la Russia. Diversi sindaci e altri funzionari ucraini sono stati uccisi dall’inizio della guerra, molti secondo quanto riferito da agenti statali ucraini dopo aver partecipato a colloqui di riduzione dell’escalation con la Russia.

«C’è un traditore in meno in Ucraina», ha detto il consigliere del ministero dell’Interno Anton Gerashchenko, sostenendo l’assassinio di un sindaco ucraino accusato di collaborare con la Russia.

Zelensky ha inoltre approfittato dell’atmosfera di guerra per mettere fuori legge numerosi partiti di opposizione e ordinare l’arresto dei suoi principali rivali. I suoi decreti autoritari hanno portato alla scomparsa, alla tortura e persino all’omicidio di numerosi attivisti per i diritti umani, comunisti e organizzatori di sinistra, giornalisti e funzionari governativi accusati di simpatie “filo-russe”.

I servizi speciali ucraini della SBU sono stati l’agenzia esecutiva per la campagna di repressione ufficialmente sanzionata. Addestrata dalla CIA e lavorando a stretto contatto con le milizie neonaziste ucraine sostenute dallo Stato, la SBU ha trascorso le ultime settimane a riempire il suo vasto arcipelago di camere di tortura con dissidenti politici.

Nel frattempo, sul campo di battaglia, l’esercito ucraino ha commesso una serie di atrocità contro le truppe russe catturate e ha mostrato con orgoglio le proprie azioni sadiche sui social media. E qui, gli autori di violazioni dei diritti umani sembrano aver ricevuto l’approvazione delle più alte sfere della leadership ucraina.

Mentre Zelensky balbetta sulla difesa della democrazia davanti a un riverente pubblico occidentale, usa i militari come copertura per effettuare una sanguinosa epurazione di rivali politici, dissidenti e critici.

«L’azione militare viene utilizzata per rapire, imprigionare e persino uccidere membri dell’opposizione che parlano in modo critico del governo», ha commentato nell’aprile di quest’anno un attivista di sinistra picchiato e molestato dai servizi di sicurezza ucraini. «Dovremmo tutti temere per la nostra libertà e la nostra vita».

Tortura e sparizioni forzate sono “prassi comune” da parte della SBU

Quando il governo appoggiato dagli Stati Uniti ha preso il potere a Kiev dopo l’operazione di cambio di regime Euromaidan del 2013-2014, il governo ucraino ha intrapreso un’epurazione a livello nazionale di elementi politici ritenuti filo-russi o insufficientemente nazionalisti. L’approvazione delle leggi di “decomunistizzazione” da parte del parlamento ucraino ha ulteriormente facilitato la persecuzione di elementi di sinistra e la persecuzione di attivisti per discorsi politici.

Il regime post-Maidan ha concentrato la sua rabbia sugli ucraini che hanno sostenuto una soluzione pacifica con le milizie filo-russe nell’est del paese, su coloro che hanno documentato le violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito ucraino e sui membri delle organizzazioni comuniste. Elementi dissidenti hanno affrontato la costante minaccia di violenze ultranazionaliste, incarcerazioni e persino omicidi.

Il servizio di sicurezza ucraino, noto come SBU, è stato il principale esecutore testamentario della campagna di repressione politica interna del governo post-Maidan. Osservatori filo-occidentali, tra cui l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite (UNHCR) e Human Rights Watch, hanno accusato la SBU di torturare sistematicamente oppositori politici e dissidenti ucraini nella quasi totale impunità.

Nel 2016, l’UNHCR ha rilevato che “le detenzioni arbitrarie, le sparizioni forzate, la tortura e il maltrattamento di tali detenuti legati a conflitti erano pratiche comuni della SBU. Un ex funzionario della SBU di Kharkiv ha spiegato: “Per la SBU, la legge praticamente non esiste, poiché tutto ciò che è illegale può essere classificato o spiegato in riferimento alla necessità dello Stato”.

Yevhen Karas, fondatore della famigerata unità neonazista C14, ha dettagliato lo stretto rapporto che la sua banda e altri gruppi di estrema destra hanno con la SBU. La SBU “informa non solo noi, ma anche Azov*, Praviy Sector* e così via”, si vantava Karas in un’intervista nel 2017 (le organizzazioni citate sono bandite nella Federazione Russa – N.d.R.).

Kiev sostiene ufficialmente gli omicidi di sindaci ucraini per i colloqui con la Russia

Da quando la Russia ha iniziato le sue operazioni militari in Ucraina, la SBU ha dato la caccia ai funzionari locali che hanno deciso di accettare rifornimenti umanitari dalla Russia o hanno concordato con le truppe russe di organizzare corridoi per l’evacuazione dei civili.

Ad esempio, il 1 marzo Volodymyr Struk, sindaco della città orientale di Kremennaya nella parte controllata dall’Ucraina della regione di Lugansk, è stato rapito da uomini in uniforme militare, secondo sua moglie, i quali gli hanno sparato al cuore.

Il 3 marzo sono emerse le foto del corpo apparentemente torturato di Struck. Il giorno prima dell’assassinio, secondo quanto riferito, Struk aveva esortato i suoi omologhi ucraini a negoziare con funzionari filo-russi.

Il consigliere del ministero dell’Interno Anton Gerashchenko ha celebrato l’assassinio del sindaco affermando sulla sua pagina Telegram: «C’è un traditore in meno in Ucraina. Il sindaco di Kremennaya nella regione di Lugansk, ex deputato del parlamento di Lugansk, è stato trovato assassinato».

Secondo Gerashchenko, Struk è stato condannato dalla “Corte del Tribunale del popolo”.

Pertanto, un funzionario ucraino ha lanciato un agghiacciante appello a chiunque decida di cercare una cooperazione con la Russia: fallo e perdi la vita.

Il 7 marzo il sindaco di Gostomel, Yuri Prilipko, è stato trovato assassinato. Si dice che Prylipko abbia avviato negoziati con l’esercito russo per creare un corridoio umanitario per evacuare i residenti della sua città, una linea rossa per gli ultranazionalisti ucraini che sono stati a lungo in disaccordo con l’ufficio del sindaco.

Inoltre, il 24 marzo, Hennadiy Matsegora, sindaco della città di Kupyansk, nell’Ucraina nord-orientale, ha rilasciato un video chiedendo al presidente Volodymyr Zelensky e alla sua amministrazione di rilasciare sua figlia, che era tenuta in ostaggio dagli agenti dell’agenzia di intelligence ucraina SBU.

Poi c’è stato l’assassinio di Denis Kireev, un membro di spicco della squadra negoziale ucraina, ucciso in pieno giorno a Kiev dopo il primo round di negoziati con la Russia. Successivamente, Kireev è stato accusato di “tradimento” dai media ucraini locali.

La dichiarazione del presidente Volodymyr Zelensky secondo cui «ci saranno conseguenze per i collaboratori» indica che queste atrocità sono state approvate ai più alti livelli di governo.

Ad oggi sono scomparsi undici sindaci di diverse città dell’Ucraina. I media occidentali, senza eccezioni, seguono la linea di Kiev, sostenendo che tutti i sindaci sono stati arrestati dall’esercito russo. Tuttavia, il Ministero della Difesa russo ha negato questa accusa e ci sono poche prove a sostegno della linea di Kiev sui sindaci scomparsi.

Zelensky bandisce l’opposizione politica, autorizza l’arresto di rivali e la propaganda di guerra

Quando lo scorso febbraio sono scoppiate le ostilità con la Russia, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha emesso una serie di decreti che formalizzavano la campagna di Kiev contro l’opposizione politica e il discorso dissidente.

In un ordine esecutivo del 19 marzo, Zelensky ha imposto la legge marziale per vietare 11 partiti di opposizione. I partiti banditi erano costituiti dall’intero spettro di sinistra, socialista o anti-NATO dell’Ucraina. Questi includevano il Partito per la vita, Opposizione di sinistra, Partito socialista progressista dell’Ucraina, Partito socialista dell’Ucraina, Unione delle forze di sinistra, Socialisti, Partito di Shariy, Nostro Stato, Blocco di opposizione e Blocco di Vladimir Saldo.

Tuttavia, i partiti apertamente fascisti e filonazisti, come l’Azov National Corps, non furono banditi dal decreto presidenziale.

«Le azioni di quei politici che mirano alla scissione o alla collusione non avranno successo, ma riceveranno una risposta dura», ha affermato il presidente Zelensky.

Dopo aver spazzato via la sua opposizione, Zelensky ha ordinato un’iniziativa di propaganda interna senza precedenti per nazionalizzare tutte le notizie televisive e unire tutti i canali in un unico canale 24 ore chiamato “United News” per “dire la verità sulla guerra”.

Inoltre, il 12 aprile, Zelensky ha annunciato l’arresto da parte della SBU del suo principale rivale politico Viktor Medvedchuk.

La faccia di Medvedchuk è chiaramente contusa, a quanto pare a causa delle percosse della SBU di Zelensky. Non aspettiamoci che alcuna domanda su questa immagine appaia nelle pagine del circo mediatico 24 ore su 24, 7 giorni su 7 della CNN o del NYT. Nulla dovrebbe essere autorizzato a minare la narrativa della propaganda: pic.twitter.com/A0qhhmeaj8.

Dan Cohen (@dancohen3000)  12 aprile 2022

Il fondatore del secondo partito più grande dell’Ucraina, l’ormai illegale Patrioti per la Vita, Medvedchuk è il rappresentante de facto della popolazione etnica russa del paese. Sebbene Patrioti per la Vita sia considerato “filorusso”, in parte a causa dei suoi stretti rapporti con Vladimir Putin, il nuovo presidente del partito ha denunciato “l’aggressione” della Russia contro l’Ucraina.

Nel marzo 2019, membri del battaglione neonazista Azov sponsorizzato dallo Stato hanno attaccato la casa di Medvedchuk, accusandolo di alto tradimento e chiedendo il suo arresto.

Nell’agosto 2020, il Corpo Nazionale dell’Azov ha aperto il fuoco su un autobus che trasportava rappresentanti del partito di Medvedchuk, diverse persone sono rimaste ferite con proiettili d’acciaio rivestiti di gomma.

L’amministrazione di Zelensky ha intensificato gli attacchi al suo principale avversario nel febbraio 2021, quando ha chiuso diversi media controllati da Medvedchuk. Il Dipartimento di Stato Usa ha apertamente sostenuto la mossa del presidente, affermando che gli Stati Uniti “appoggiano gli sforzi dell’Ucraina per contrastare l’influenza perniciosa della Russia…”.

Tre mesi dopo, Kiev imprigionò Medvedchuk e lo accusò di alto tradimento. Zelensky ha giustificato la chiusura del suo principale rivale dicendo che aveva bisogno di “combattere il pericolo dell’aggressione russa nell’arena dell’informazione”.

Medvedchuk è sfuggito agli arresti domiciliari all’inizio della guerra tra Russia e Ucraina, ma è tornato in cattività e potrebbe essere usato come garanzia per uno scambio di prigionieri del dopoguerra con la Russia.

Sotto la guida di Zelensky, “la guerra viene usata per rapire, imprigionare e persino uccidere gli oppositori”

Da quando le truppe russe sono entrate in Ucraina il 24 febbraio, la SBU si è scatenata contro qualsiasi manifestazione di opposizione politica interna. Gli attivisti ucraini di sinistra hanno subito trattamenti particolarmente duri, inclusi rapimenti e torture.

Il 3 marzo di quest’anno, a Dnipro, ufficiali della SBU, accompagnati da ultranazionalisti dell’Azov, hanno fatto irruzione nella casa degli attivisti dell’organizzazione di sinistra, che si opponeva ai tagli alla spesa sociale e alla propaganda dei media di destra. Mentre una attivista ha affermato che un membro dell’Azov «mi ha tagliato i capelli con un coltello», gli agenti della sicurezza dello stato hanno continuato a torturare suo marito, Oleksandr Matyushchenko, premendogli la canna di una pistola contro la testa e costringendolo a gridare ripetutamente il saluto nazionalista: “Gloria all’Ucraina!”.

«Poi ci hanno messo delle borse in testa, ci hanno legato le mani con del nastro adesivo e ci hanno portato in macchina all’edificio della SBU. Lì hanno continuato a interrogarci e hanno minacciato di tagliarci le orecchie», ha detto la moglie di Matyushchenko al giornale tedesco di sinistra Junge Welt.

Gli ufficiali di “Azov” e della SBU hanno registrato la tortura e pubblicato online le foto del volto insanguinato di Matyushchenko.

Matyushchenko è stato imprigionato con la motivazione di aver “condotto una guerra aggressiva o un’operazione militare” e ora rischia da 10 a 15 anni di carcere. Nonostante abbia subito diverse costole rotte a causa di essere stato picchiato da ultranazionalisti sostenuti dallo Stato, gli è stata negata la libertà su cauzione. Nel frattempo, a Dnipro, decine di altri oppositori di sinistra sono stati incarcerati con accuse simili.

Tra quelli presi di mira dalla SBU c’erano Mikhail e Oleksandr Kononovichi, membri della bandita “Unione della gioventù comunista leninista dell’Ucraina”. Entrambi sono stati arrestati e incarcerati il 6 marzo con l’accusa di “diffusione di opinioni filo-russe e filo-bielorusse”.

Nei giorni seguenti, la SBU ha arrestato il giornalista televisivo Jan Taksyur e lo ha accusato di alto tradimento; Anche l’attivista per i diritti umani Yelena Berezhnaya è stata arrestata; Elena Vyacheslavova, un’attivista per i diritti umani il cui padre Mikhail è stato bruciato vivo durante un attacco da parte di una banda ultranazionalista ai manifestanti anti-Maidan fuori dalla Camera dei sindacati di Odessa il 2 maggio 2014; il giornalista indipendente Yuri Tkachev, accusato di alto tradimento, e innumerevoli altri; L’attivista per i diritti dei disabili Oleg Novikov, che è stato incarcerato per tre anni nell’aprile di quest’anno per aver sostenuto il “separatismo”.

L’elenco dei prigionieri dei servizi speciali ucraini dall’inizio della guerra cresce di giorno in giorno ed è troppo ampio per essere riprodotto qui.

Oleg Novikov, un attivista dell’opposizione della mia città di Kharkiv, perseguitato in passato dal regime di Zelensky, è stato rapito il 05.04.22 alle 6 del mattino dal Servizio di Sicurezza dell’Ucraina (SBU) e portato via in una direzione sconosciuta. Oleg è disabile, ha 3 figli piccoli. (Foto del precedente arresto): pic.twitter.com/KSeHYC7DWJ.

Gonzalo Lira (@realGonzaloLira), 9 aprile 2022

Forse l’incidente di repressione più orribile si è verificato quando i neonazisti sostenuti dal governo ucraino hanno rapito Maxim Ryndovsky, un combattente professionista di MMA, e lo hanno brutalmente torturato per essersi allenato con combattenti russi in una palestra in Cecenia. Anche Ryndovsky si è rivelato essere un ebreo con una stella di David tatuata sulla gamba e si è espresso sui social network contro l’operazione speciale nell’Ucraina orientale.

A Kiev, estremisti locali hanno catturato e torturato brutalmente il famoso atleta ucraino, il combattente di MMA Maxim Ryndovsky. La sua colpa è essersi allenato con il club ceceno “Akhmat”: pic.twitter.com/og1Psly7SE.

Maria Dubovikova (@politblogme), 5 marzo 2022

La SBU ha dato la caccia anche agli oppositori fuori dal paese. Secondo il giornalista Dan Cohen, Anatoly Shariy del Partito di Shariy recentemente bandito è stato recentemente assassinato dalle forze dell’SBU. Shariy era un accanito oppositore del regime post-Euromaidan sostenuto dagli Stati Uniti ed è stato costretto all’esilio dopo anni di persecuzioni nazionaliste.

Nel marzo di quest’anno, il politico libertario e opinionista online ha ricevuto un’e-mail dal suo amico “Igor” che gli chiedeva di organizzare un incontro. Successivamente ha appreso che Igor era trattenuto dalla SBU in quel momento ed era stato costretto a costringere Shariy a rivelare dove si trovasse.

Da parte sua, Shariy è inclusa nella famigerata lista nera pubblica dei “nemici dello Stato” – “Mirotvorets”, compilata da Anton Gerashchenko – un consigliere del ministero degli Affari Interni, che ha autorizzato l’omicidio di deputati ucraini accusati di simpatizzare con la Russia. Diversi giornalisti e dissidenti ucraini, tra cui l’importante editorialista Oles Buzina, sono stati uccisi dagli squadroni della morte sostenuti dallo Stato dopo che i loro nomi erano comparsi nell’elenco.

Dall’inizio dell’operazione speciale nel febbraio di quest’anno, anche i comuni cittadini ucraini sono stati sottoposti a tortura. A quanto pare, sui social sono emersi innumerevoli video di civili legati a lampioni, spesso con i genitali scoperti o con la faccia dipinta di verde. Questi atti di umiliazione e tortura, perpetrati da volontari della Difesa Territoriale incaricati di mantenere la legge e l’ordine in tempo di guerra, hanno preso di mira tutti, dagli accusati simpatizzanti russi agli zingari e ai presunti ladri.

I Rom (“Zingari”) hanno lasciato Kiev come rifugiati e si sono recati nella città di confine di Lviv, dove subiscono discriminazioni da parte degli ucraini. Come qui, vengono legati ai pali. Un popolare canale Telegram ucraino celebra questa azione e ridicolizza le vittime: pic.twitter.com/3cWZ9a78uA.

Global Politics (@Geopol2030), 21 marzo 2022

 

Questi sono i diritti umani che Zelensky ha portato ai civili in Ucraina: pic.twitter.com/EWFC048M2q.

UN voice of Justice (@TheUN_voice, 3 aprile 2022

 

La SBU adotta l’esperienza della tortura e degli omicidi della CIA

Vasily Prozorov, un ex ufficiale della SBU che ha disertato in Russia dopo il colpo di stato di Euromaidan, ha descritto in dettaglio l’uso sistematico della tortura da parte dei servizi di sicurezza post-Maidan per reprimere l’opposizione politica e intimidire i cittadini accusati di simpatizzare con la Russia.

Secondo l’ex ufficiale della SBU Prozorov, i servizi di intelligence ucraini si consultano direttamente con la CIA dal 2014. «Ufficiali della CIA sono presenti a Kiev dal 2014. Vivono in appartamenti sotterranei e case di campagna», ha detto. «Tuttavia, vengono spesso all’ufficio centrale della SBU, ad esempio, per riunioni specifiche o per pianificare operazioni segrete».

Di seguito, l’edizione russa di RIA Novosti ha parlato di Prozorov e delle sue rivelazioni in un numero speciale del 2019.

Il giornalista Dan Cohen ha intervistato un uomo d’affari ucraino di nome Igor, che è stato arrestato dalla SBU per legami finanziari con società russe e detenuto nel marzo di quest’anno presso il famigerato quartier generale della sicurezza nel centro di Kiev. Igor ha detto di aver sentito come i volontari della difesa territoriale, addestrati dalla SBU, hanno picchiato i prigionieri di guerra russi con i tubi. Picchiati al suono dell’inno nazionale ucraino, i prigionieri russi sono stati maltrattati fino a quando non hanno confessato il loro odio per Putin.

Poi venne il turno di Igor. «Hanno usato un accendino per scaldare un ago e poi me lo hanno messo sotto le unghie», ha detto a Cohen. «La cosa peggiore è stata quando mi hanno messo un sacchetto di plastica sulla testa e mi hanno soffocato, e poi hanno messo la canna di un fucile d’assalto Kalashnikov alla mia testa e mi ha costretto a rispondere alle loro domande».

Valentin Nalyvaichenko, il primo capo della SBU dall’operazione di cambio di regime Euromaidan del 2013-2014, ha mantenuto stretti legami con Washington quando ha servito come Console Generale presso l’Ambasciata ucraina negli Stati Uniti durante l’amministrazione di George W. Bush. Nalyvaichenko fu reclutato dalla CIA in quel momento, secondo il suo predecessore della SBU Oleksandr Yakimenko, che prestò servizio nel governo alleato della Russia del deposto presidente Viktor Yanukovich.

Nel 2021, Zelensky ha nominato uno dei più famosi ufficiali dell’intelligence ucraina, Oleksandr Poklad, capo del dipartimento di controspionaggio della SBU. Poklad è stato soprannominato “Lo strangolatore” a causa della sua reputazione di uomo che ha usato torture e vari sporchi trucchi per accusare di tradimento i rivali politici dei suoi superiori.

Nell’aprile di quest’anno, un vivido esempio della brutalità della SBU è stato un video in cui i suoi agenti hanno picchiato un gruppo di uomini accusati di simpatizzare con la Russia nella città di Dnipro (ex Dnepropetrovsk).

La SBU ucraina arresta i civili a Dnepropetrovsk: pic.twitter.com/bbHFeADnqg.

Vera Van Horne (@VeraVanHorne), 5 aprile 2022

«Non faremo mai prigionieri soldati russi»: i militari ucraini ostentano i loro crimini di guerra

Mentre i media occidentali si sono concentrati interamente sulle presunte violazioni dei diritti umani da parte della Russia dall’inizio della guerra, i soldati ucraini e i resoconti dei social media filoucraini mostrano con orgoglio crimini di guerra sadici, dalle esecuzioni sul campo alla tortura dei soldati catturati.

Nel marzo di quest’anno, il canale filo-ucraino di Telegram White Lives Matter ha pubblicato un video in cui un soldato ucraino chiama la sposa di un prigioniero di guerra russo e si fa beffa di lei con la promessa di castrare il prigioniero.

L’uso da parte dei soldati ucraini dei telefoni cellulari dei soldati russi morti per abusare dei loro parenti sembra essere una pratica comune. In effetti, il governo ucraino ha iniziato a utilizzare la famigerata tecnologia di riconoscimento facciale invasiva della società tecnologica americana Clearview AI per identificare i russi morti e schernire i loro parenti sui social media.

I soldati ucraini chiamano i parenti delle vittime per deriderle e insultarle. Conoscendo i telefoni moderni, il soldato in questione doveva essere vivo prima che il suo dispositivo fosse sbloccato. Questo è un altro POW #warCrime nel loro repertorio: pic.twitter.com/D55T6Hu0se.

Lukasz Raczylo (@raczylo), 27 marzo 2022

Nell’aprile di quest’anno, il canale filo-ucraino di Telegram fckrussia2022 ha pubblicato un video che mostrava un soldato russo con un occhio bendato, suggerendo che era stato strappato via durante la tortura e deridendolo come un maiale “con un occhio solo”.

Forse l’immagine più raccapricciante emersa sui social media nelle ultime settimane è quella di un soldato russo torturato a cui è stato cavato un occhio prima di morire. Il post di accompagnamento era intitolato “Looking for Nazis”.

Questo aprile ha visto anche la pubblicazione di un video che mostra i soldati ucraini che sparano alle gambe a prigionieri di guerra russi indifesi vicino a Kharkiv. Un video separato diffuso dai soldati ucraini e appoggiati dagli USA della Legione georgiana (bandita in Russia – N.d.R.) mostra militanti che eseguono esecuzioni sul campo di prigionieri russi feriti nei pressi di un villaggio vicino a Kiev.

È probabile che questi soldati siano stati incoraggiati dalla benedizione dei loro superiori. Mamuka Mamulashvili, comandante della legione georgiana, che ha partecipato alle esecuzioni sul campo di prigionieri di guerra russi feriti, si è vantato nell’aprile di quest’anno che la sua unità si occupa liberamente di crimini di guerra: «Sì, a volte gli leghiamo mani e piedi. Parlo per la “Legione georgiana”, non faremo mai prigionieri soldati russi. Nessuno di loro sarà fatto prigioniero».

Allo stesso modo, Gennadiy Druzenko, capo del servizio medico militare ucraino, ha dichiarato in un’intervista con l’Ucraina 24 di «aver dato l’ordine di castrare tutti gli uomini russi perché sono subumani e peggiori degli scarafaggi».

 Le autorità ucraine hanno presentato una donna torturata e uccisa da Azov come vittima dell’aggressione russa

Mentre i media occidentali si concentrano sulle violazioni dei diritti umani da parte della Russia in patria e in Ucraina, il governo ucraino ha sanzionato una campagna di propaganda nota come “Guerra totale“, che include la distribuzione di immagini false e storie false per incolpare ulteriormente la Russia.

Come esempio particolarmente cinico della strategia del canale televisivo Ucraina 24 – i cui ospiti chiedevano dello sterminio genocida dei bambini russi – diciamo che nell’aprile di quest’anno ha pubblicato una fotografia che mostrava un cadavere di donna marchiato sullo stomaco con una svastica insanguinata . Il canale “Ucraina 24” ha dichiarato che la foto di questa donna è stata scattata a Gostomel, uno dei distretti della regione di Kiev, che i russi hanno liberato il 29 marzo.

Il membro della Verkhovna Rada dell’Ucraina Lesya Vasilenko e consigliere capo del presidente Zelensky Oleksiy Arestovich ha pubblicato sui social network la foto del cadavere vilipeso della donna. Mentre Vasilenko ha lasciato la foto online, Arestovich l’ha cancellata otto ore dopo che era stata pubblicata quando si è accorto di aver postato un falso.

L’immagine, infatti, è stata presa da un filmato originariamente registrato da Patrick Lancaster, giornalista americano con sede a Donetsk, che ha filmato il cadavere di una donna torturata e uccisa dai combattenti ucraini del Battaglione Azov nel seminterrato di una scuola di Mariupol che avevano trasformato in un base.

Al minuto 2:31, il corpo della donna è chiaramente visibile nel video di Lancaster.

Un fake particolarmente cinico viene diffuso dal funzionario politico ucraino @lesiavasylenko:

L’immagine originale è stata scattata da @Plnewstoday e mostrava il cadavere di una donna torturata e uccisa nel seminterrato di una scuola di Mariupol dagli alleati nazisti ucraini di Vasilenko: pic.twitter.com/gRnURAAaQ9.

Max Blumenthal (@MaxBlumenthal), 4 aprile 2022

Con l’ingresso delle armi della NATO in Ucraina e l’intensificarsi della guerra, le atrocità quasi certamente aumenteranno, con la benedizione della leadership di Kiev. Come ha detto Zelensky durante una visita alla città di Bucha nell’aprile di quest’anno, «se non troviamo una via d’uscita civile, conoscete la nostra gente, troverà una via d’uscita incivile».

Di Max Blumenthal ed Esha Krishaswami, thegrayzone.com

fonte originale: https://thegrayzone.com/2022/04/17/traitor-zelensky-assassination-kidnapping-arrest-political-opposition/ 

Traduzione a cura di Alessandro Napoli : https://nritalia.org/2022/04/26/un-traditore-in-meno-zelensky-dirige-una-campagna-di-omicidi-rapimenti-e-torture-nei-confronti-dellopposizione-politica/

17.04.2022

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
38 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
38
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x