Tumori cerebrali in remissione con la terapia Di Bella, importante pubblicazione

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

È stato pubblicato su Pubmed uno STUDIO OSSERVAZIONALE RETROSPETTIVO su 7 casi di tumori cerebrali di altissima aggressività curati con il Metodo Di Bella.
I risultati mostrano un incremento della sopravvivenza e della qualità di vita, senza evidente tossicità, in confronto con quanto riportato in letteratura per tumori cerebrali analoghi con stesse caratteristiche immunoistochimiche, istologiche e cliniche.

La letteratura mondiale ufficiale, infatti, considera questi tumori ad elevata aggressività e prognosi infausta con aspettativa di vita limitata (15-18 mesi nella maggioranza dei casi); tuttavia, attraverso le casistiche riportate in questa recente pubblicazione, i dottori Giuseppe Di Bella, Vittoria Borghetto ed Elena Costanzo riaccendono le speranze poiché tutti i pazienti seguiti con il MDB, a parte uno che ha interrotto la cura di propria iniziativa precocemente, hanno superato i 7 anni in assenza di tumore.

Il Dottor Di Bella, raggiunto telefonicamente, ha spiegato che sono le cellule staminali tumorali le vere responsabili della refrattarietà di queste neoplasie ai trattamenti oncologici classici e che intervenendo su tali cellule è possibile ottenere, non in tutti, ma in un certo numero di casi rilevanti, risultati che consentono l’incremento della sopravvivenza con ottima qualità di vita.

Lo studio mostra nei dettagli che è possibile e necessario spostare l’asse terapeutico sul concetto della riprogrammazione delle cellule staminali tumorali.
Visto l’esito delle casistiche riportate, è di fondamentale importanza, per l’intera comunità scientifica e per tutti, poterne venire a conoscenza.

In attesa di approfondire quanto prima con un’intervista questo delicato e complesso argomento, intanto si può consultare l’abstract del lavoro scientifico di cui sopra cliccando su questo link.

__

VB

 

blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x