Home / Archivi etichette: complotto

Archivi etichette: complotto

Uno studio mostra che il 60% dei britannici crede alle teorie del complotto

DI ESTHER ADDLEY theguardian.com Il 60% dei britannici crede ad almeno una teoria del complotto su come viene gestito il paese o sulla veridicità delle informazioni che vengono diffuse. Nel Regno Unito, chi ha sostenuto la Brexit è più propenso a dare credito alle teorie del complotto rispetto a chi si è opposto, 71% contro 49%. Quasi la metà (47%) di chi ha votato “leave” ritiene che il governo abbia deliberatamente nascosto la verità su quanti immigrati vivono nel Regno …

Leggi tutto »

Fusaro, poco rosso molto bruno ?

DI NELLO GRADIRA’ senzasoste.it Il filosofo più cercato dalle Tv. Il suo criterio interpretativo della realtà è principalmente basato sull’esistenza di un complotto “plutocratico” contro le identità nazionali Una nuova star Tra i personaggi televisivi più in vista negli ultimi tempi c’è senz’altro il giovane filosofo torinese Diego Fusaro, ospite fisso in alcuni talk show (soprattutto su La7) e titolare di rubriche su giornali molto diffusi, come Il Fatto Quotidiano. Deve la sua popolarità ad alcuni blog di cui è …

Leggi tutto »

Soros: l’ebreo che odia Israele

DI GIAMPAOLO ROSSI L’Anarca COMPLOTTISMO CARICATURALE Per la pubblicistica complottista George Soros è l’espressione di una sovrastruttura mistica identificata con un presunto progetto di conquista del mondo; la versione moderna del famoso complotto “pluto-giudaico” con cui il ‘900 giustificò l’antisemitismo. Lui, ebreo ungherese fuggito alla persecuzione nazista e uomo della grande finanza, rappresenta l’archetipo perfetto del cospiratore al soldo di Sion. Di questa pubblicistica caricaturale si serve il sistema di potere mediatico, che Soros finanzia abbondantemente, per delegittimare chiunque provi …

Leggi tutto »

PRAVDA ALL’AMERICANA OVVERO, IL GENERALE PATTON FU ASSASSINATO ?

DI RON UNZ unz.com Nella lunga Guerra Fredda molti Russi si sono abbastanza disincantati delle menzogne e omissioni dei loro notiziari e si sono rivolti alle Radio occidentali per una diversa versione della verità. La crescita di Internet ha ora fornito agli Americani una simile opportunità di cliccare su un sito straniero e scoprire le storie importanti che sono in qualche modo sfuggite all’attenzione dei propri giornalisti di primo piano. Ironia della sorte, gran parte di tale copertura da”media alternativi” …

Leggi tutto »