Home / ComeDonChisciotte / SUV SU GIOVE?

SUV SU GIOVE?

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

Sono gli esseri umani o è piuttosto il Sole ad essere responsabile del cambiamento climatico nelle regioni più esterne del Sistema Solare?

Nella giornata di oggi Kofi Annan ha criticato con forza gli scettici del riscaldamento globale defindendoli “fuori passo” e “fuori tempo”, ma come sarà capace la alterazione delle attività umane di frenare il cambiamento climatico quando esistono le prove che non sono i SUV ma il Sole che sta riscaldando l’intero sistema solare?

“Il capo delle Nazioni Unite ha lamentato “una spaventosa mancanza di leadership” nel tracciare i passi successivi che sono necessari per ridurre le emissioni a livello globale. “Cominciamo con l’essere più coraggiosi politicamente”, è la maniera in cui ha sollecitato le centinaia di delegati provenienti dalle 180 nazioni che sono membre del “trattato sul clima” delle Nazioni Unite del 1992″, è quanto riporta Forbes.

Ma come possiamo far quadrare il cerchio quando praticamente ogni pianeta del nostro sistema solare sta simultanemente andando incontro ad un cambiamento della propria temperatura e a modelli meteorologici volatili? Non ci mette in dubbio il fatto che il riscaldamento globale è un ciclo naturale che deriva dalla natura in continua evoluzione del Sole? Al Gore sarebbe capace di darmi una spiegazione su tutto questo?

– Space.com: Il riscaldamento globale su Plutone sconcerta gli scienziati
In quella che in gran parte pare una completa retromarcia rispetto all’annuncio fatto ad Agosto, oggi gli astronomi hanno dichiarato che la sottile atmosfera di Plutone si sta riscaldando a livello globale anche se il pianeta si trova nella zona più distante dal Sole sulla sua lunga orbita dalla forma eccentrica.

– Space.com: Una nuova tempesta su Giove suggerisce un cambiamento climatico
Le ultime immagini potrebbero fornire le prove che Giove si trova nel mezzo di un cambiamento globale che potrebbe causare l’innalzamento delle temperature anche fino a 10 gradi Fahrenheit su diverse zone del pianeta.

– Current Science & Technology Center: Il riscaldamento globale su Marte?
Uno studio condotto sulle calotte di ghiaccio di Marte pare indicare che il pianeta rosso è attualmente coinvolto in un fenomeno di riscaldamento. Se il riscaldamento globale sta verificandosi sia su Marte che sulla Terra, allora forse esiste un fenomeno di più ampia portata che sta avendo luogo nel Sistema Solare e che sta causando il cambiamento climatico a livello globale dei due pianeti.

– United Press International: La NASA ha scoperto una mostruosa tempesta che sta colpendo Saturno
La NASA ha dichiarato che la sua navicella spaziale Cassini ha scoperto una tempesta del tutto simile ad un uragano nel Polo Sud di Saturno che si estende per 5000 miglia – o anche i 2 / 3 del diametro della Terra.

– Science Agogo: Scoperto un processo di riscaldamento globale su Tritone
E’ assai probabile che non ci sia un grande inquinamento industriale sulla più grande Luna di Nettuno, ma nonostante ciò su quel pianeta tutto sta diventando più caldo. “E’ perlomeno dal 1989 che Tritone sta attraversando un periodo di riscaldamento globale”, conferma l’astronomo James Elliot, professore di Terra, Fenomeni Atmosferici e Scienze Planetarie al Massachusetts Institute of Technology. “In termini di percentuale, l’aumento di temperatura è molto grande”.

– Associated Press: Uno studio afferma che la temperatura del Sole sta aumentando
Le radiazioni del Sole che raggiungono la Terra sono più calde dello 0.036 per cento di quelle del 1986, quando l’attuale ciclo solare stava cominciando, è quanto riporta un ricercatore in uno studio che verrà pubblicato venerdì sulla rivista Science. La scoperta è stata fatta sulla base delle analisi da parte di quei satelliti che misurano la temperatura della luce solare.

– London Telegraph: la verità sul riscaldamento globale – la colpa è del Sole
Si è finalmente giunti ad una spiegazione sul riscaldamento globale: la Terra sta diventando più calda perchè il Sole sta adesso bruciando più luminosamente che in qualunque altro momento durante gli ultimi 1000 anni, questo secondo una nuova ricerca.

Il fatto puro e semplice è che nel corso delle diverse epoche della storia la terra è oscillata in maniera violenta da un clima caldo, bagnato e stabile, ad uno freddo, asciutto e ventoso – e questo molto prima che venissero inventati i combustibili fossili. I cambiamenti che stiamo adesso testimoniando sono come una passeggiata nel parco se li paragoniamo ai ripetuti colpi ricevuti in passato dal nostro pianeta.

Questo non vuole rappresentare un atto di difesa dei cartelli petroliferi o dei saccheggiatori neo-con, che avrebbero ogni ragione a voler ignorare il riscaldamento globale sia che sia opera dell’uomo sia che non lo sia.

E neppure vuole essere un diniego indiscriminato del fatto che la terra stia gradualmente diventando più calda, ma come riconciliare il riscaldamento globale che sta avendo luogo nelle regioni più remote del Sistema Solare con l’affermazione secondo la quale l’innalzamento della temperatura è causato dalle attività dell’uomo? Non è che per caso i nostri fumi di scarico hanno abbandonato l’atmosfera della Terra e sono scivolati attraverso un buco nero fino a raggiungere Tritone?

La convinzione che il riscaldamento globale è causato dall’uomo è stata inculcata in maniera tanto oppressiva nell’opinione pubblica, specialmente in Europa, che esprimere una sola scintilla di dubbio al riguardo è analoga in alcuni casi alla negazione dell’olocausto. Tale è l’insipido lavaggio del cervello che si è avuto attraverso la televisione, i giornali ed alcune esaltate teste parlanti – che gli scettici del riscaldamento globale vengono obbligati ad indossare una metaforica medaglia gialla e a discutere dei loro dubbi solamente con toni alquanto contenuti e facendo ricorso a strutture conciliative, per non essere derisi e scherniti o per non dover subire le arringhe di un esercito di buonisti che sono convinti di essere nel giusto e di essere impegnati a salvare la madre terra quando riciclano una bottiglia di vino o quando buttano il giornale in un cestino della spazzatura separato.

La campagna per diffondere la paura su di un imminente giorno del Giudizio Universale climatico controlla anche la copertura giornalistica e così importanti questioni ambientali come il cibo geneticamente modificato, la folle chimera scientifica della clonazione e l’usurpazione e gli abusi da parte di multinazionali come la Monsanto vengono ignorate.

Il riscaldamento globale viene usato come una scusa per diffondere ulteriori forme di controllo e di sorveglianza sulle nostre vite quotidiane, per permettere l’inserimento di chip RFID [RadioFrequencyID] nei nostri bidoni della spazzatura, la raccolta dati da parte di satelliti GPS e la introduzione di una tassazione per miglio, come pure una tassa globale alla pompa di benzina.

L’ala estremista del movimento ambientalista, caratterizzata da persone come il dottor Erik Pianka, sostiene un processo di selezione di massa dell’umanità attraverso lo scatenamento di piaghe e di varie forme di bio terrorismo approvate dallo stato, e questo allo scopo di “salvare” la Terra da quella malattia chiamata umanità. Le misure di controllo genocide sulla popolazione di stampo nazista e l’establishment del movimento ambientalista sono sempre stati legati da una stretta alleanza.

La religione ortodossa & organizzata del riscaldamento globale con le sue disastrose conseguenze per la nostra libertà di espressione, libertà di movimento e il nostro diritto di rimanere al di fuori del sistema, deve essere messa in discussione sulla base fondazionale che il fenomeno sta coinvolgendo tutto il Sistema Solare e che è prevalentemente causato dalla evoluzione naturale del Sole e non dalle attività dell’uomo.

Versione originale

Paul Joseph Watson
Fonte: http://www.prisonplanet.com
Link: http://www.prisonplanet.com/articles/november2006/161106suvjupiter.htm
30.11.2006

Versione italiana

Fonte: http://www.radiokcentrale.it
Link: http://www.radiokcentrale.it/articolinuovaera/itapiece208.htm

Traduzione a cura di Melektro per www.radioforpeace.info

Pubblicato da God

  • bardi

    Pessimo articolo. Male informato, di basso livello, insomma, una presa di giro. Perché pubblicate queste cose?

  • Truman
    Effettivamente l’articolo non appare molto profondo. Ho cercato di verificare un po’ e l’unico articolo un po’ significativo è un trafiletto del 1997 dell’Associated Press. Non trovo l’articolo di Science, che sarebbe più interessante.
    Le altre segnalazioni appaiono ancora meno rilevanti. Il tutto sembra basato su un modello abbastanza infantile del tipo "la Terra si scalda perchè il Sole è più caldo", senza una continuità di dati nè un modello evolutivo del Sole.
    Resta il fatto che non si deve prendere come un dogma il riscaldamento della Terra provocato solo dall’uomo.

  • bardi

    Scusate, stavo sperimentando come mandare commenti su questo sito (è la prima volta che lo faccio) e mi è sfuggito un commeno forse un po’ troppo perentorio. Bisognerebbe decisamente che mi spiegassi meglio.

    Allora, questo articolo è un buon esempio di come si crea grande confusione nella testa della gente affastellando informazione senza criterio per provare una tesi politica prestabilita.

    L’effetto del sole sul clima è ben noto, i climatologi lo chiamano la "forzante solare"; è uno degli elementi che spingono il riscaldamento globale. Lo si può misurare, e  secondo alcuni studi risulta effettivamente in leggero aumento, ma è comunque un fattore di scarsa importanza rispetto a quello che è l’elemento principale, ovvero la "forzante" dovuta all’immissione di gas serra nell’atmosfera come risultato della combustione di idrocarburi

    Non è escluso che a una revisione dei dati si possa trovare che l’effetto del sole sia più importante delle stime attualmente disponibili, non è decisamente possibile che improvvisamente venga fuori che tutto quello che era stato fatto e detto sul clima fino ad oggi fosse tutto sbagliato.

    Quindi, non ha senso affastellare notizie che parlano di Marte e di Plutone, includendo tempeste su Saturno e cose del genere, senza riportare dati quantitativi, studi seri e ragionamenti fatti da gente che sa di cosa parla.

    Questo signor Watson parte da Giove per venirci a raccontare che il riscaldamento globale è tutto un complotto per nascondere dei chip RFID nei nostri bidoni della spazzatura? A ognuno le sue opinioni, ma non ci prenda per fessi.

    Il problema, tuttavia, è che nel gran calderone generale di quello che si dice sulla faccenda, bene o male i media sono riusciti a far passare l’idea che la questione del riscaldamento globale è "controversa" mentre invece è un fatto scientificamente ben provato, altrettanto ben provato di tante altre cose che accettiamo senza farci troppi onanismi cerebrali. Purtroppo la questione è effettivamente complessa e si presta a questo tipo di manipolazioni per dimostrare una tesi politica controversa. E’ una cosa perversa perché così si crea confusione e si ritardano misure che sarebbero necessarie – anzi vitali – in proposito

    Saluti

    Ugo Bardi
    http://www.aspoitalia.net

  • remo

    Si certo bardi come no….sono le bombolette spray il problema!

    Un vulcano che erutta emette più gas di una o più nazione intere contemporaneamente (dipende dalla dimensione dell’eruzione).
    Negli ultimi 20 anni le eruzioni son o aumentate.
    Gli allevamenti ovini neozelandesi emettono più metano (scureggiano le pecore lo sapevi?) della Nuova Zelanda intera.
    E poi vogliamo mettere quel fior fiore di scienziati che da tempo va sostenendo prove alla mano la natura elettrica dell’universo e delle interazione elettromagnetiche fra sole e pianeti? Non sarà forse un influsso più grande delle bombolette spray terrestri?
    Perchè quando si tratta di energia rinnovabile gli pseudo ecologisti ci ricordano l’immane potenza solare scarsamente sfruttata e quando si parla di clima non  si vuol tenere in considerazione l’azione diretta del sole?
    Perchè negli anni ’70 si vaticinava una nuova glaciazione e oggi il riscaldamento globale?
    Perchè come al solito la scienza o pseudo-scienza si è messa al servizio dell’ideologia con l’assistenza di quei tanti scimuniti che sono pronti a dargli retta.
    Tutto quello che l’uomo può fare al massimo con i suoi gas è massacrare se stesso, non certo sconvolgere il clima.

  • bardi

    Caro Remo,

    invidio la tua certezza, ma permettimi di farti notare che forse hai fatto un po’ di confusione. Le bombolette spray sono una preoccupazione principalmente per lo strato di ozono, non del riscaldamento globale (anche se contribuiscono). La causa principale del riscaldamento globale sono le emissioni di biossido di carbonio da combustione di idrocarburi fossili; le pecore contribuiscono, ma il metano che emettono viene riassorbito in pochi anni, mentre il biossido di carbonio resta nell’atmosfera per centinaia di migliaia di anni. Poi, negli anni ’70 nessuno pensava a una nuova era glaciale, questa storia è una delle tante leggende che girano su internet. E tante altre cosette….

    Ti inviterei a considerare che, oltre agli slogan politici, esiste anche una realtà e che, di solito, la realtà la vince sulla politica.

    Saluti

    Ugo

  • dav

    Rimane il fatto che nelle nostre citta l’aria e irrespirabile.
    In quanto al fatto che si un "pessimo" articolo non sarei cosi assoluto…
    Don Chisciotte fa bene a pubblicare anche questo articolo cheche ne dica il catone di turno.

  • pgianpy

    Non ci posso credere!
    Ancora alla fine del 2006 esiste qualcuno che nega il fatto che l’aumento di CO2 nell’atmosfera stia surriscaldando il pianeta?

    Miiii.. Ma quando lo salviamo il futuro del ns pianeta (non per noi, ma per i ns figli) se non ce ne rendiamo conto?

    Non credete a ciò che è scritto su questo articolo, sono balle.

    Anzi fateVi un regalo di Natale, svaricateVi da Internet il film An Inconvenienth Truth di Al Gore. Su Emule per esempio esiste anche una versione con sottotitoli in Italiano.

    Gianpiero da Zurigo (dove non abbiamo neanche visto un fiocco di neve quest’anno).

  • Toufic

    E’ un pessimo articolo, scritto con leggerezza e senza criterio. Confonde l’acqua con l’olio e mette il Pianeta Terra alla stregua degli altri Pianeti dimenticandosi la particolarità dell’atmosfera della Terra, la sua distanza dal sole, la sua vitalità (non per niente è stata chiamata Gaya), e la via che vi è in essa.

    Non sono un climatologo ma ho acquisito con il tempo, l’esperienza professionale, il
    buon senso, l’osservazione e l’acquisizione tramite lo studio dei
    fenomeni in atto o già avvenuti, una certa conoscenza di molti fenomeni
    climatici, meteorologici e agrometeorologici. Ho imparato a distinguere
    3 grossi fenomeni:
    – Global Changes (Cambiamenti Globali)
    – Global Warming (Riscaldamento Globale)
    e
    – Climate Changes (Cambiamenti Climatici)
    Si
    tratta di fenomeni molto complessi e che dipendono da tante variabili e
    fattori per cui sarebbe necessario scrivere 4 tomi per spiegarli.

    Posso
    dire soltanto a chi guarda alle scuregge delle pecore come fonte di
    guai per eccessiva emissione di metano in atmosfera alcune cosette piuttosto serie:
    1- Pascoli e Prati assorbono CO2 e Metano … ooops non lo sapevate???
    2- Non solo caprini, bovini, suini e ovini scureggiano
    3- anche 6,5 Miliardi di persone scureggiano ed emettono una quantità di Metano notevolmente superiore …..

    Un saluto globale

    Toufic

  • marko

    Non distingui effetto serra dal buco nell’ozono, non sai cosa sia un
    clorofluorocarburo, però vaticini su "scienza o pseudo-scienza al
    servizio dell’ideologia". Complimenti.

  • marko

    La respirabilità dell’aria nelle nostre città c’entra con l’effetto serra assolutamente ZERO.

    L’anidride carbonica NON è velenosa, tanto è che la mettono nell’acqua
    minerale PERO’ provoca un aumento delle temperature del pianeta (dati
    alla mano, non ipotesi, ma certezze scientifiche), insieme con altri
    gas come il metano (INCOMBUSTO, si intende) e i sostituti
    ozone-firendly dei CFC.

    I veleni che appestano le città sono invece, a grandi linee,
    particolato, idrocarburi, ossidi di azoto e monossido di carbonio.
    Questi sono cancerogeni, creano difficoltà respiratorie, ecc ecc ma a
    livello GLOBALE, al pianeta, gli fanno un baffo. Il problema nasce
    quando LOCALMENTE superano certe concentrazioni.

    Per capirci, quando guardi il tubo di scarico di un’auto, quello che
    esce è per metà azoto atmosferico passato indenne nel motore, per un
    quarto vapor acqueo, un altro quarto anidride carbonica. I gas che
    appestano le città rappresentano parti infinitesime in questi scarichi.
    I limiti di legge sono, per le euro4, sull’ordine del grammo al
    chilometro per monossido di carbonio e un decimo di grammo per ossidi
    di azoto e idrocarburi incombusti, mentre per le emissioni di CO2 *NON*
    esiste nessun limite di legge, e un’auto media emette 150-200 grammi di
    CO2 per km.

    In altre parole: comprare una euro4 non implica nulla nei confronti del
    riscaldamento globale. Viceversa, Kyoto non aiuta niente lo stato delle
    nostre città. Sono due cose molto importanti entrambe, ma diverse.
    Inoltre, a volte, hanno eseigenze contrastanti. Ad esempio, con
    l’adozione dei catalizzatori, i consumi sono aumentati, danneggiando
    così maggiormente l’effetto serra.

  • marko

    E’ la filosofia di questo sito. Trovi delle perle di saggezza in mezzo
    a montagne di cagate a-scientifiche. Ci vuole molto spirito critico.

  • marko

    Classico esempio di articolo "da cospirazionista". Si comincia con un
    po’ di affermazioni condite da link per dare l’impressione di essere
    "con le spalle coperte". Poi, magari, vai a cliccare sui link e scopri
    che tre quarti sono notizie che non c’entrano una virgola con la tesi
    esposta e il restatne sono solo ipotesi di studio, ma intanto, il 95%
    dei lettori non si preoccupa di verificare.

    Poi parte il "fotti e chiagne", ovvero una bella dose di vittimismo
    preventivo. I media starebbero facendo un’opera di indottrinamento
    generalizzato per convincere la gente dell’effetto serra (MAGARI!) e
    chi sostiene tesi diverse viene marginalizzato (vedete Bush com’è
    marginalizzato, poverino).

    Poi, scatta la chiave cospirazionista: il tutto serve solo per un big
    brother che controlli in che cespuglio ci infrattiamo con l’amante.

    Se poi si aggiunge anche una frasetta che distolga da ogni responsabilità individuale, come la seguente:

    "
    un esercito di buonisti che sono convinti di
    essere nel giusto e di essere impegnati a salvare la madre terra quando
    riciclano una bottiglia di vino o quando buttano il giornale in un
    cestino della spazzatura separato"

    si trovano subito schiere di creduloni disposti a credere ai complotti
    più improbabili piuttosto di muovere il CULO e mettersi a FARE.