Stroncata da un malore l’infermiera Serena Serafin

Serena Serafin, infermiera di Mansuè, aveva 54 anni e lavorava presso l'ospedale di Pordenone. Sabato si è svolto il funerale in una chiesa parrocchiale gremitissima. Presente anche il sindaco Leonio Milan.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

«Una donna conosciuta e ben voluta, la sua morte ci lascia profondamente rattristati»: poche parole, quelle espresse dal sindaco di Mansuè, Leonio Milan, che descrivono appieno il grande cordoglio della sua comunità per l’improvvisa scomparsa, ad appena 54 anni, di Serena Serafin, infermiera dell’ospedale di Pordenone, scomparsa qualche giorno fa, alla vigilia del suo compleanno, a causa di un malore.

Ieri pomeriggio, sabato 16 luglio, si sono svolti, presso la chiesa parrocchiale di San Mansueto, i funerali, molto partecipati e sentiti. Serena lascia il marito, Giuseppe Gerotto, i figli Anna (che ha seguito le orme delle madre divenendo a sua volta infermiera) e Giovanni, la madre Ivana e il padre Enrico che l’ha trovata esanime (anche lui infermiere prima della pensione), qualche giorno fa, oltre ad un fratello, Luca.

NDR – Non viene in alcun modo menzionato lo stato di vaccinazione della donna, tuttavia è lecito supporre che avesse ricevuto i vaccini anti Covid-19 visto il lavoro che svolgeva come infermiera presso l’ospedale di Pordenone.

Fonte articolo: https://www.trevisotoday.it/cronaca/mansue-serena-serafin-pordenone-17-luglio-2022.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix