Home / Attualità / Siamo tutti Trump

Siamo tutti Trump

DI MIGUEL MARTINEZ

kelebeklerblog.com

Circa una settimana fa, scrivevo di come Trump non fa altro che cercare di mantenere la grande promessa elettorale: non far pagare all’americano medio la crisi del sistema mondiale.

L’altro giorno, la Merkel ha espresso bene il concetto, ma dal punto di vista europeo:

“I tempi in cui potevamo fare pienamente affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, questo ho capito negli ultimi giorni.

Noi europei dobbiamo davvero prendere il nostro destino nelle nostre mani.

“Tuttavia dobbiamo sapere che dobbiamo lottare noi stessi per il nostro futuro e il nostro destino di europei”.

E qualche giorno dopo, Trump è comparso, accompagnato da una banda jazz, per annunciare l’uscita degli Stati Uniti dagli accordi di Parigi, con una frase ineccepibile:

“I was elected by the citizens of Pittsburgh, not Paris.”

E quelli di Pittsburgh, se permettete, vogliono affondare cinque minuti dopo di noi.

D’altronde, faremo quasi tutti così al dunque. Siamo umani, no?

 

Miguel Martinez

Fonte: http://kelebeklerblog.com

Link: http://kelebeklerblog.com/2017/06/03/il-trionfo-di-trump/

3.06.2017

Pubblicato da Davide

  • Holodoc

    I nostri politici invece che a Roma sembrano eletti a Berlino dato che fanno di tutto per difendere gli interessi della Germania (anche se la chiamano UE per decenza).

    • Annibale Mantovan

      Io direi eletti a Berlino e in Israele.

      • Holodoc

        I diktat eseguono di direttive angloamericanosausitesioniste, ma l’entità che li promulga è la UE con l’assenso esecutivo della Germania.

      • gianni

        Ah beh certo, Israele comanda tutto l’Occidente

        • Tipheus

          Perché non è così?

          • gianni

            Sì è così ,nel commento non sono ironico , le note famiglie sioniste ebraiche comandano tutto l’Occidente

          • Saimir Bushi

            Ma siete seri?! Ci cascate di nuovo?! Senza parole…

  • PietroGE

    L’ipocrisia e l’idiozia dei leader europei ha ormai raggiunto il punto massimo. La Merkel che dichiara : “..dobbiamo lottare noi stessi per il nostro futuro e il nostro destino di europei”. Ma se è stata lei a mettere a repentaglio il futuro dell’Europa aprendo le porte alle masse ,islamiche e non, del terzo mondo! Quale destino dovremmo prendere nelle nostre mani? Un altro che spara idiozie a tutto spiano è il maggiordomo dei Rothschild :” “Rendiamo il nostro pianeta grande di nuovo” quando non è neanche capace di gestire le banlieu della regione di Parigi. Trump fa benissimo a pensare ai suoi e basta.

  • Gino2

    Gli USA sono storicamente famosi per non aver aderito nè a Kyoto nè a tanti altri trattati internazionali di ogni tipo. Ben prima di Trump.

  • Hito

    Vorrei sapere che punto di vista difende Alexander Dobrindt, il ministro dei trasporti tedesco (e ad interim per la truffa): quello tedesco, quello europeo o quello mondiale?
    http://www.ansa.it/canale_motori/notizie/attualita/2017/06/01/dieselgate-ministro-tedesco-24.000-richiami-per-audi_5451d593-ab98-4a55-9f95-b10be1938942.html

  • Cincinnato

    Si puo’ rinunciare con spensieratezza a un pannicello caldo quando arriva una tormenta distruttiva? Gli accordi sul clima sono stati elaborati dai responsabili del disastro climatico con l’unico scopo di rassicurare l’opinione pubblica mondiale ma nella realta’ non toccando niente del meccanismo infernale che sta portando al rapido superamento dell’antropocene. Il pianeta sta seguendo il percorso dell’isola di Pasqua, non e’ l’isola che e’ scomparsa, sono gli abitanti che si sono estinti dopo aver sfruttato in modo spensierato tutte le risorse non rinnovabili o rinnovabili in tempi troppo lunghi rispetto al ritmo del loro prelievo. Trump permette agli ipocriti distruttori dell’ambiente di passare come quelli impegnati a difenderlo. Sono come gli esportatori della democrazia, con le bombe. Sic!

  • DesEsseintes

    Vedi che nel momento in cui si profila la possibilità di liberarsi dalla tutela di una autorità oppressiva subentra improvvisamente la paura.
    Sia in Fini che in Martinez.

    • Adriano Pilotto

      Stando alla situazione attuale, il caso si presenta non come liberazione da una tutela, ma come il passaggio ad un’altra tutela. Dovendo scegliere tra le due non avrei dubbi: i film americani fanno schifo, ma hai visto quelli tedeschi?

  • gilberto6666

    Gli Stati Uniti non hanno mai sostanzialmente aderito a nessun accordo internazionale “sul clima”, senza che si sollevasse la canea di questi giorni su Trump. Il presidente americano ha il potere di mettere tutti in sintonia nel coro di ipocrisia e falsità scientifiche. Intanto si legge che anche la Tesla protesta, insieme ai protagonisti della “green economy”,la nuova grande suggestione che pagheremo esosamente.

  • Trump contro accordo di Parigi senza alcuna logica economica ? Solo per dispetto ad Obama ? Accordo di Parigi velocizza la rivoluzione energetica da fonti fossili a fonti rinnovabili e gli Stati Uniti nell’ era fossile hanno un ruolo privilegiato. Ricordiamo per esempio cosa sono i petrodollari. http://lecorvettedellelba.blogspot.it/2017/06/trump-contro-accordo-di-parigi-senza.html

  • Adriano Pilotto

    Che Martinez scambi la spinta egemonica della Merkel sull’Europa, vecchia pulsione della Germania che già produsse due guerre mondiali, per disinteressata leadership dei destini europei, mi lascia stupito. Non tanto su di lui, ma sulla potenza ideologica della questione climatica.

  • furibondius

    schettinologia politica……