SI METTA IL COTONE NELLE ORECCHIE, SIGNORA

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

blank
DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

Questo orrore mi era sfuggito, anche se sicuramente la maggioranza dei lettori ne sarà al corrente.

A Villafranca Padovana, il sindaco, la signora Beatrice Piovan dell’Udc, ha chiesto alle scuole di saltare un giorno di lezione per festeggiare la pugnalata alle spalle che il governo italiano – senza consultare il proprio parlamento – commise ai danni dell’impero austroungarico; l’uccisione di seicentomila italiani per ordine dello stesso governo, nonché di un numero imprecisato di austriaci, ungheresi, croati e sloveni; le decimazioni dei militari che si rifiutavano di uccidere e di farsi uccidere; la prigionia di 600.000 italiani in condizioni tremende, considerati in blocco “disertori”, con tanto di sequestro dei beni dei loro familiari e processi di massa; il furto di terre non italiane, o che comunque non avevano alcun desiderio di finire sotto l’Italia. E una battaglia, quella di Vittorio Veneto, vinta con tonnellate di gas iprite francese, contro un nemico il cui stesso stato si era dissolto alcuni giorni prima.[1]A questa apologia di crimini contro l’umanità, il sindaco affiancava un alzabandiera (ricordiamo che il Veneto fu regalato dalla Prussia nel 1866 a un’Italia sconfitta), una messa (sì, c’era anche un prete per celebrare quella che Benedetto XV definì “l’inutile strage”) e – a dispetto di ogni cronologia – pure una cerimonia in onore degli occupanti italiani uccisi in un’azione di resistenza in Iraq. Quelli che avevano come motto, “Luca annichiliscilo!” [2]

Il consiglio dell’istituto comprensivo di Villafranca Padovana

non ha deliberato l’interruzione delle attività didattiche per far partecipare tutta la scuola alle celebrazioni (non ritenendo neppure opportuno imporre un rito religioso cattolico agli studenti non cattolici della scuola), ma è stata lasciata libertà di scelta, tanto che sette – quattro terze medie e tre quinte elementari – hanno comunque deciso di prendere parte alle iniziative.”

Conseguenze di questa mitissima presa di non posizione?

Prima di tutto, sono arrivati alla scuola i carabinieri.

Poi il sottosegretario all’ambiente (?) ha chiesto la rimozione della direttrice scolastica.

I giovani di Alleanza Nazionale hanno tappezzato la scuola di bandiere tricolore.

Il Ministero della Pubblica Istruzione ha mandato un ispettore; e se interpreto le parole poco chiare del Mattino di Padova, persino la Cgil, la Cisl e la Uil hanno chiesto le dimissioni della direttrice scolastica.

Poi, come probabilmente sapete, è intervenuto anche il ministro della difesa Ignazio La Russa. Un signore che conosciamo per prodezze poco militari, ad esempio alla discoteca Twiga dove il Vieux Fasciste fa il cretino tra le Jeune-Fille:

Difficile fare una lista dei personaggi famosi che fanno tappa al Twiga. Facendo una violenta sintesi possiamo ricordare Aida Yespica, Alba Parietti, Elena Santarelli, Eleonora Pedron, Emilio Fede, Eros Ramazzotti, Ignazio la Russa, Marco Balestri, Marco Predolin, Stefano Masciarelli, Susanna Messaggio ed infiniti altri.

La discoteca Twiga rappresenta un must nelle calde estati della Versilia ed è meta assolutamente imperdibile per chi ama giornate all’insegna del lusso in mezzo alla clientela più “in” che si possa trovare in Italia.”

Ignazio La Russa non ha combattuto né a Vittorio Veneto né a Nassiriya; ma in compenso ha condotto una dura lotta contro la polizia di Milano, in difesa del diritto dei proprietari di discoteche a turbare l’ordine pubblico.

Scrive una lettrice di Repubblica:

“Sono stata ai Navigli, c’ erano anche gli onorevoli Ignazio La Russa e De Corato. Ho cortesemente chiesto al dottor La Russa cosa intendesse fare contro il disturbo alla quiete pubblica causato dalle discoteche. La risposta è stata: «Si metta il cotone nelle orecchie signora”.

Ma, come dice De Andrè,

Spesso gli sbirri e i Carabinieri

al proprio dovere vengono meno

ma non quando sono in alta uniforme

A Villafranca, per affermare tutta la potenza del governo contro la scuola timidamente insubordinata, Ignazio La Russa è andato di persona.

Estorcendo, peraltro, il pubblica pentimento della direttrice didattica peccaminosa, che pare abbia acconsentito a celebrare il massacro.

Note:

[1] L’uso dei gas tossici in guerra fu introdotto dai tedeschi, ma imitato con entusiasmo dagli italiani. Segnaliamo tra le imprese che hanno mostrato più patriottismo in questo campo la Società Elettrochimica Italiana, lo stabilimento di Rumianca dell’ingegner Vitale, la Società Italiana Prodotti Azotati, la Società Elettrochimica Pomilio, gli stabilimenti Caffaro di Brescia, la Società del Cloruro di Calce di Collestatte, la ditta Candia e Solona di Milano, nonché l’Istituto di chimica farmaceutica e tossicologica dell’università di Napoli del professor Arnaldo Piutti che, a differenze del suo collega tedesco, il dottor Mengele, si è guadagnato anche l’onore di una strada a Udine.

Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento: Filippo Cappellano, Basilio Di Martino, La guerra dei gas. Le armi chimiche sui fronti italiano e occidentale nella Grande Guerra, Gino Rossato Editore, Novale, 2006.

[2] Preciso che non considero delinquenti i ragazzi che a vent’anni decidono di arruolarsi tra i parà o altrove e che in situazioni di stress usano le armi che altri hanno messo loro in mano. Delinquente è chi ce li manda.

Miguel Martinez
Fonte: http://kelebek.splinder.com
Link: http://kelebek.splinder.com/post/19171285/%C2%ABSi+metta+il+cotone+nelle+ore
27.11.2008

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
14 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
14
0
È il momento di condividere le tue opinionix